Sampeyre (Colle di) da Confine

osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Nessun problema
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
La gita in se vale anche per quella di domenica che non si e' potuta fare per colpa del maltempo. 1300m il dsl. 8 i km, sei le ore di battitura dal ponte sul Varaita fino in cima al Cugn. Neve costantemente sfondosa dal bosco in su, fin oltre la dorsale, da dove una volta abbordata la strada in breve siamo giunti al colle. Il calvario continua, ulteriormente inasprito dai gelidi venti che la gunfia ci inviava da appena li dietro, con ritmo costante, e alquanto persanti da reggere, specie quando portano a far scendere la temperatura a -15°, e non mollano di soffiare nemmeno per un attimo. Questo per tutto il tempo, il meno possibile, quello di stare sulle dorsali, comunque necessario per portare la gita a compimento. Fatta cosi e' da ritenere una gita per puri amatori dove la neve mai bella (gelata in basso, sfondosa e pesante nel tratto mediano, un bosco senza fine, ventata nella parte alta con le creste che il vento ha di nuovo spazzaolato ben bene) la si sconsiglia vivamente, essendo non rispondente ai canoni a cui i puri discesisti sono soliti attenersi.
Con gli impareggiabili ciaspolatori Rodolfo e Andrea

attraversando il Pian della Sagna..
.si rimonta la piatta dorsale..
..che con bel scorcio sul Nebin..
..dopo uno sguardo a ritroso sulla nostra traccia faticosamente battuta..
..ci porta al Col Sampeyre..
..sulla dorsale verso il Cugn di Goria..col vento che non da tregua..
Il Nebin dal Cugn di Goria..
dietro il Chersogno r il Pelvo d'Elva..si vede chiaramente la gunfia..

[visualizza gita completa con 8 foto]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: Ok al ponte di Confine
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Bellissima gita, traccia assai diretta sotto la linea oltre il Tenou, vento in cresta ma, finalmente, sole generoso e panorama di prim'ordine. Anzichè ridiscendere sotto i pali siamo saliti verso il Cugn d'Goria scendendo di qui i pendii, a tratti ripidi, alla dx. orografica del colle, completamente intonsi e su splendida farina. Bellissimo (con attenzione) il canalone che adduce al pianoro da cui, volgendo a sx., ci siamo ricollegati alla strada che sbuca al Tenou. Da qui in giù ovviamente sentiero obbligato con neve compatta alternata a croste infide ma, personalmente, la parte alta mi ha regalato una delle più belle discese degli ultimi anni.
Con Silvia, Mattia, Massimo, Piero e Sergio.


[visualizza gita completa con 9 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
ottima traccia di salita che nella parte alta si sposta sulla sx rimanendo nel bosco fino alla cima. fino alla borgata del tenou neve fresca leggera mentre sotto abbastanza bagnata. con il local Pierrot

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: delicato
attrezzatura :: scialpinistica
io ieri sono tornato a casa....
quando nevica e non si vede cosa hai sulla testa è meglio fermarsi.....
tra parentesi in questa zona nel '75 è scesa una valanga fino giu sulla strada
ed un altra giù dal Melle....



[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Questo inverno mite ma nevoso è l'inverno dei boschi: bellissimo questo del Tenou, che alterna tratti ripidi e selvaggi alla dolcezza delle radure da cui ogni tanto spunta una borgata diroccata con i piloni votivi che sfidano il tempo con i loro eterni colori. Una gita diretta ma non breve ed una discesa elettrizzante sotto i pali per terminare con un pò di ravanamento nel bosco in basso, ma quattro risate ci stanno tutte, come le stelle di oggi...
Con Silvia, Gianluca e Giorgio.


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti sotto nevicata coreografica su bella traccia di chi ci ha preceduto ieri che ringraziamo. Al colle è spuntato un pallido sole che ci ha accompagnato nella prima parte della discesa,poi di nuovo nelle nuvole ma dato il tipo di terreno nessun problema di visibilità. Da Tenou non abbiamo seguito la traccia di salita che fa un ampio giro lungo il sentiero estivo, ma siamo scesi direttamente alle Meire Gioanotta tra belle radure e tratti di bosco fitto che però non danno particolari problemi visto l'abbondante innevamento. Da qui bisogna seguire la strada comunque comoda e veloce. Neve da urlo fino a Tenou,poi in appesantimento ma sempre ben sciabile. Gita che va particolarmente di moda quest'anno, a mio parere interessante e sicura se ben tracciata, ma va fatta con le giuste condizioni,in pieno inverno,di sicuro dato il terreno per divertirsi occorre innevamento abbondante.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: nulla da segnalare
attrezzatura :: scialpinistica
Si trovano circa 50 cm di pura farina su fondo ben consolidato. Ottima la traccia di salita e il percorso che si sviluppa nel bosco di conifere. Giunti al colle, visto il meteo favorevole, per raggiungere una "vetta" siamo saliti ancora 100 m. Discesa veramente divertente.
Grande giornata anche oggi.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: ..
attrezzatura :: scialpinistica
Gita bellissima e bucolica tra boschi e radure; dal colle proseguito fino al Cugn di Goria. Ottima traccia di salita. Meteo favorevole con temperature miti, niente vento e visibilità perfetta. Gran bella discesa con splendida sciata fino a Tenou (neve abbondante, polverosa e quasi del tutto immacolata su fondo portante) seguita da bosco veloce e divertente.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: libero
attrezzatura :: scialpinistica
salita su bella traccia (di chi ci ha preceduto..),lunga ma appagante fra pini cembri,larici,borgate ed amenità con clima sorprendentemente mite.
con il brutto tempo la compagnia si fa sempre più numerosa..sara' il richiamo della powder.scissionismo sulla vetta ma pennellare pallido e assorto per tutti.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Strada pulita
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Calchesio e Torrette secondo me non c'entrano molto : il ponte di legno ( e ferro !!)sul Varaita, punto di partenza, e' qualche curva e poche centinaia di metri dopo fraz. Villar .
Di qui si sale lungo un'interpoderale fino alla prima borgata tristemente diroccata e ormai in sfascio totale. Dopo un breve tratto di bosco misto un po' piu' fitto si entra nel regno dei larici, che accompagnano il viandante praticamente fino al colle, con uno splendido percorso che alterna ampie radure (su una di queste si trova Tenou con la sua bella chiesetta x fortuna non sfasciata)a tratti un po' piu' " densi" ma mai troppo da pregiudicarne la sciabilita'.
Dal colle anziche' andare come tutti oggi verso il Cugn che tanto avevo gia' salito, ho piegato a dx lungo la dorsale fino a raggiungere la Cima delle Serre.
Quantita' neve : 2/5 alla partenza , in rapido aumento fino a 4/5.
Qualita' neve : 4/5 dal colle a Tenou ,a tratti un po' arata ma ancora con numerose linee intonse e comunque sempre bellissima farina. Da Tenou fino alla stradina 3/5, qualche sottile crosta dovuta alla neve umida caduta dai rami ma mai fastidiosa, una pista battuta invece nei passaggi obbligati.
Poi stradina battuta ma non sconnessa fino al ponte.
Dopo aver patito un po' di freddo in salita alle mani e un po' di mal di schiena nelle "gucce", per fortuna una volta in cima un bel sole tiepido e taumaturgico x i malanni ha allietato la sosta mangereccia.
Incrociati una decina di sky-alp tra salita e discesa dal colle.



[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1100
attrezzatura :: scialpinistica
oggi con la mia fame di avventura esplorativa ho esagerato! Partito con Piero per una gita tranquilla senza fretta visto anche il meteo non eccellente al mattino presto. Subito un problema tecnico/logistico a Cavour ci ha fatto perdere mezz'ora ma poi si è risolto bene e alle 10 eravamo in v.Varaita. Colpa mia che non avevo scaricato la traccia siamo partiti da Torrette. Tracce presenti ma la strada è stata lunga e logorante. A quota 1500 in un bel pianoro le tracce fanno dietro front e io mi rendo conto che oltre che dover battere eravamo spostati verso ovest di almeno 2 km. Con pazienza siamo giunti alla borgata Tenou e di lì seguito la traccia diretta al colle quasi sotto i tralicci. Il mio socio purtroppo un po' demotivato mi ha abbandonato tornando alla macchina e dicendomi che sarei potuto scendere dove volevo e che con i potenti mezzi telefonici mi avrebbe recuperato. In 40 min al colle e poi al Cugn. Sceso dopo essere tornato al colle su pendio sostenuto in bella polvere x 200 mt. poi viste le troppe tracce mi son portato tutto a dx e mi sono infilato in un pendio ampio ma non proprio sicuro seguendo le tracce vecchie di un unico skialper. Dopo poco il pendio si è addolcito (neve sempre ottima).Quindi mi sono infilato sulla dx orografica del m. Grespolin con bella discesa nel bosco fino a finire in uno stretto vallone impervio (trovato esemplare di camoscio morto).Raggiunta la mulattiera tracciata, in pochi minuti alla borgata Tenou poi pratoni con neve umida e infine x sentiero battuto (veloce,occhio!).Sulla statale al ponte di legno c'era già il mio amico Piero che aveva intuito dove sarei sbucato :-)
1320 disl e 15,5 km

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: Posteggiare in uno slargo dopo il ponte
quota neve m :: 800
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi scelta gita sicura tracciata domenica da Jaculus con una variante nel bosco ripido passante tra i tralicci. Parte finale su dorsale molto panoramica. Come ha già detto l'amico Ettore noi ci siamo fermati al Cugn di Goria mentre Roberto e Jacopo hanno proseguito fino al Nebin trovando neve super sulla dorsale. Giornata con cielo blu ma fredda in vetta (-6°C) dove siamo rimasti ad aspettare i nostri amici saliti sul Nebin. I primi 400 m con neve da favola, poi fino alle baite neve ottima ma molto arata. Dalle baite in poi neve crostosa mista a neve dura dove bisognava scendere con mestiere. Gita comunque bella. In 11 del CAI-ULE di GE-Sestri

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: Posteggio 100 mt dopo ponte
quota neve m :: 800
attrezzatura :: scialpinistica
In 9 abbiamo fatto il Cugn de goria i due giovani anche il Nebin . Percorso molto affollato con traccia molto bella sulle orme di Jaculus , grazie per il bell 'itinerario tracciato . In effetti nessuno di noi conosceva la variante che da quota 1500 porta direttamente oltre il colle di Sampeyre , per pendii sostenuti superabili costeggiando il bosco con buona sicurezza ( via dei tralicci ). La neve dai 1400 in poi era bella anche se in alcuni tratti ravanata . Le 5 stelle forse sono tante considerando gli ultimi 300 mt in basso e le numerose tracce nella parte mediana . Ma i primi 400 mt scendendo dal colle valevano da soli la gita che si svolge tutta in ambiente molto bello .
In undici del cai di Genova : Gruppi Larice/Sanet


[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Stamene non nevica più, squarci di sereno si fan sempre più ampli. Lasciamo Chiesa di Bellino su strada ancora bianca e visto la quantità di neve e il grado di pericolo, preferiamo andare al Colle di Sampeyre. Fortunatamente la neve la troviamo subito oltre il ponte. Facciamo la traccia dall'inizio sino in cima. L'ambiente è magico, coi rami carichi di neve. Sino a Tenou la quantità di neve è discreta, oltre decisamente abbondante. Il Monviso appare e scompare. Senza problemi giungiamo al Colle. Sosta e poi giù per i bei pendii. Discesa spettacolare fino a Tenou, poi seguiamo in prevalenza le tracce di salita e piuttosto agevolmente si ritorna alla partenza.
Ultimo dei 3 giorni in Val Varaita in compagnia di 6 friulani e 7 veneti, che ogni anno vengono dall' Est per conoscere le vallate del cuneese. Si sono imbattuti in un tempo ingrato, ma si sono fatte comunque 3 gite in 3 giorni: alla Tre Chiosis (neve orribile in discesa), al Colle della Bicocca (farina da Canada spettacolare) e oggidì. Ottima la sistemazione alla Trattoria il Pelvo a Chiesa di Bellino, sia per dormire che per il mangiare.
Un saluto alla folta compagine, ancora sulla strada del ritorno: Barbara, Annalisa, Michela, Silvia, Martina, Piero, Luciano-Cima, Marco, Sergio, Ubaldo, Ivan e RobertoZ ed Eugenio, i due tramiti col Piemonte.



[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: tutto ok
Bellissima gita, panorama bellissimo, molto lungo l' arrivo in cima del colle circa 8 km., poi lo sforzo ripagato dalla bellissima discesa.
Marco cugi, Marcone, Ale, Flavio, Gosso


[visualizza gita completa con 2 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: bosco fitto
difficoltà: MS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 1100
quota vetta/quota massima (m): 2284
dislivello totale (m): 1200

Ultime gite di sci alpinismo

21/03/19 - Rutor (Testa del) da Bonne - Fede94
Ci siamo fermati al pendio finale sotto la madonnina, troppo carico di neve riportata dal vento... Sopra i 3000 si trovano accumuli ovunque, bisogna aspettare ancora un pò, ma la sciabilità è buona [...]
21/03/19 - Kaserspitze e Regeispitze (anticima scialpinistica) - giovil
Salito per la breve cresta all'anticima del monte Regola indossando i ramponi per neve ghiacciata. Sceso dalla cima diretto con gli sci dall'altro versante, ripido ma senza problemi. Neve eccellente. [...]
21/03/19 - Corno Grande - Vetta Occidentale Canale Bissolati - Alberto Cucatto
Saliti per la Direttissima, molto tracciata, e scesi dal Bissolati con neve che aveva gia mollato al punto giusto. Qualche strettoia e qualche pietra affiorante ma ottima discesa, impegnativa il gius [...]
21/03/19 - Galehorn da Engiloch - robyberg
Oggi la giornata era troppo invitante e la scelta è andata a una meta conosciuta e frequentata. Partenza da Engiloch con circa 1 grado, aria frizzante in salita con differenza tra il sole e i pochi [...]
21/03/19 - Nona (Becca di) da Pila - mortalekke
Una giornata bellissima non troppo calda, dal col fenetre a comboe’ assenza di neve ma un po’ di ghiaccio poi neve fino in vetta. Purtroppo al mattino non ho messo abbastanza benzina e quindi dopo [...]
21/03/19 - Blanchen (Gran Becca) da Chamen - ilcoppione
Ottime condizioni di innevamento nel vallone della Sassa; gli sci si mettono dopo una quindicina di minuti, poi li abbiamo tolti su al colle dove inizia la cresta; quest'ultima attualmente e' in ottim [...]
21/03/19 - Roccia Nera, Breithorn Orientale da Testa Grigia - gattosilvestro
salito solo al breitherorn orientale per il pendio a sn del colle che lo separa dal gemello, verso la costola rocciosa. un breve tratto ma con pendenze di circa 55 gradi. arrivato sotto le rocce ho la [...]