Monticchio da piazzale Erica

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: No problem
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: snowboard
A vedere il Monticchio da casa avrei detto che sarei riuscito a posteggiare l’auto e a partire split ai piedi. Falso....si va sull’erba fino all’ultima palina, alla fine della parte meno ripida. Forse meglio salendo dalla cascina. Da qui la neve è continua fino in cima. In salita (tra le 10 e le 11)neve un po’ dura per i miei gusti e per i miei mezzi. In cima vento notevole. In discesa fiocca trasformata davvero divertente, tutta sciabilissima...fino all’erba ovviamente. In ogni caso direi che la stagione parte bene!
Buongiorno a tutti, prima uscita con la mia split nuova e mia prima recensione .Sono certo che perdonerete eventuali imprecisioni...Grazie


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: PULITA
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Un aumento delle temperature con annessa pioggerellina ha abbassato ed umidificato la neve (sul nivometro di Marca -20 cm in mezza giornata!). Ce n'è abbastanza da sciare in tranquillità, ma è stato abbastanza faticoso batterla e ad inizio stagione non ho certo le gambe per scendere in neve umida.
Niente croste o placche, per oggi sciabile con un po' di fatica...

[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: gomme termiche, strade spazzate.
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Appena terminata la nevicata finalmente riusciamo a farci un Monticchio in neve fresca e verginello. 30 cm di fresca asciutta su fondo portante, ma già oggi il vento ha iniziato a scoprire placche e fare accumuli! Indispensabile conoscere bene il posto, siamo saliti 'a memoria' nella solita nuvola aficionada dei dintorni di Bielmonte. Anche in discesa non si vedeva molto, ma c'era una neve che si poteva scendere ad occhi chiusi. La ripellata oggi abbiamo deciso di farla dal piazzale 2 al rifugio Monte Marca visto il vento e la scarsa visibilità...
Se molla il vento domani dovrebbe ancora andare bene

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m :: 800
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti nel pomeriggio con la Pina in attesa che le pupe facessero la loro lezione di sci a bielmonte. Pina con le ciaspole in salita, sci da discesa per scendere. Poca neve, tanti sassi. Servono altre nevicate.

[visualizza gita completa con 1 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Più o meno, troppe pietre per godersi la discesa, attualmente non è consigliabile andare se non si vuole rischiare di rovinare gli sci.
Comunque primo pendio prendendolo sulla sinistra verso biel monte non male, l'unico bello della gita.
Buone gite a tutti.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: spartineve passato su neve già schiacciata lasciando 2 cm di neve pressata sull'asfalto
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
40 cm di neve fresca (di ieri) direttamente sul prato.
Prima discesa verso la Sella del Cucco su neve farinosa. Quasi 5 stelle. Ripellamento con neve collosa fino a riprendere la prima traccia che era abbastanza battuta da non fare più taccone. Seconda discesa dal canale dritto verso la baita diroccata con diverse pietrate su neve inumidita e visibilità scarsa. Serve una seconda nevicata dopo che la prima si è assestata!

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: neve sul manto stradale prima della salatura, pulita al ritorno
quota neve m :: 800
attrezzatura :: scialpinistica
Crosta portante coperta da 1-2 cm di farina.
Dopo 5 giorni passati tentando di annegare un convitato di pietra che mi rodeva di dentro ieri sera finalmente si è deciso a lasciarmi in pace e stamattina ho potuto farmi un giretto di rodaggio. Ma ci voleva così tanta fatica per sbattere fuori una pietruzza di neanche mezzo centimetro? Tentiamo la partenza dal basso, ma il parcheggio del Mosin è impraticabile, così pure quello della Sella del Cucco, e con la nebbia e gli spartineve che girano non ci siamo fidati a lasciare la macchina a bordo strada. Torniamo su al Piazzale Erica, e saliamo cercando le poche strisce libere dai buchi lasciati ovunque dai pedoni senza vedere oltre pochi metri. A 3 metri dalla croce mi sono reso conto che eravamo arrivati, si trattava di ridiscendere in mezzo alla nuvola! In questi casi portarsi dietro un maestro di sci che abbia fatto l'infanzia a Bielmonte, vi garantisco che scende anche ad occhi chiusi. Sa solo lui come ha fatto, noi 3 senza problemi seguivamo la sua silhouette colorata e la neve non era affatto malvagia, ha pure trovato una striscia non tritata, cosa che penso impossibile ai comuni mortali anche in pieno sole. Visto che lui era reduce da una settimana di influenza e io da 5 giorni di coliche ci siamo accontentati di una sola discesa, per consolarci abbiamo ripellato al piazzale 2 di Bielmonte e siamo finiti con le gambe sotto il tavolo al rifugio Monte Marca recentemente riaperto. Fanno una polenta veramente eccezionale: farina del biellese artigianale macinata appena prima della vendita con mulino tradizionale ad acqua da mais rosso coltivato nelle vicinanze, cucinata 'a la moda veggia', in combinazioni varie, per amor di linea abbiamo chiuso gli occhi al resto... Anche nelle piste non si vedeva niente, ma lì era facilissimo, ci sono le paline!


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: buono
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Buona sera a tutti.
Oggi vento forte sulle montagne Biellesi.
Saliti al Monticchio su buona traccia.
Scesi sul versante nord su neve polverosa, ripellato e scesi a sud su neve crostosa e ventata.
Buone gite.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: Pulita la panoramica lato Trivero, neve pestata sotto il Bocchetto Ses
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Le stelle dipendono tutto dall'ora di discesa, prima delle 11 c'era una crosta non tanto simpatica, modello 2-3 stelle, alle 11,30 era smollata da 3-4 stelle, dopo non so.
Pietre non ne ho prese, ci sono dai 30 ai 50 cm di neve (oggi!).
Oggi facevano tutti il bis ma di pezzi da tritare ne sono rimasti tanti, dalla punta ho fatto una curva di prova verso nord ed era farinosa.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: Aperta solo da Trivero, ma viste macchine in arrivo da Biella.
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal Bocchetto Sessera con 30-40 cm di fresca umida sopra il metro antecedente. Neve pesante o crostosa fino in cima. Scesi fino al bosco sotto l'alpe Mosin prima su crosta brutta, poi crosta quasi sciabile (dipende tutto dallo sciatore). Risaliti in punta siamo tornati dal versante nord su neve decisamente più soddisfacente fino alla pista da fondo, nel frattempo battuta alla belle meglio. Nevischio ma visibilità accettabile. Solo noi (Biancaneve e i 7 nani). Valanga di superficie per tutto il pendio a destra della traccia di salita dal piazzale Erica sotto la punta e cornice su tutta l'uscita.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: strada pulita.
quota neve m :: 1100
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi gita tranquilla affrontata di pomeriggio tanto per smaltire il cenone di ieri sera, la neve ha tenuto abbastanza bene anche se abbiamo incontrato condizioni molto variabili,
farinosa a tratti, crosta portante e non, quantita' di neve piu' che sufficiente.

Con Enrica, Giorgio e Massimo.
Auguri di buon anno a tutti.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: telemark
dopo una dozzina di giorni di superlavoro, anche i sabati e le domeniche, adesso ho qualche giorno libero e ne sto approfittando per delle belle gite sulle montagne biellesi. Ieri la Muanda e oggi il Monticchio. Prima di tutto volevo segnalare che la partenza a quota 1305, per il versante sud, in realta' non e' a piazzale Erica ma a piazzale Monticchio. Normalmente questa gita viene fatta da scialpinisti biellesi che non ci fanno caso perche' gia' la conoscono come le loro tasche pero' chi e' forestiero, come lo sono io, seguendo la descrizione si trova un attimo in difficolta' perche' esiste un piazzale Erica ma e' un cento metri di quota piu' in basso, sotto la Sella del cucco, mentre tutta la descrizione di questa gita lascia pensare che si parte dal piazzale Monticchio dal quale sono partito io.
Ho messo gli sci dopo un'ottantina di metri di dislivello e salendo nella conchetta la neve non era granche', un po' crostosa. Si tenga comunque presente che sono partito dalla macchina alle 11,45. Il percorso e' evidente, su belli e facili pendii tutti a sud. Oggi era una giornata bellissima, calda, con poco vento. Ho fatto la gita in maglietta, mettendo la giacca a vento e lo zuccotto solo in cima. Bei panorami dalla cima; in particolare ho guardato l'Asnas dove penso di andare domani. Ho portato con me il cane, che si e' comportato come al solito. Per la descrizione del suo comportamento si puo' vedere la mia relazione di ieri sulla Muanda. In discesa neve BELLISSIMA, un velluto primaverile nel quale i miei due sci (Romolo e Remo) andavano da soli, con belle, larghe, curve telemark su pendenze ideali. Per avere un'idea di come a volte Romolo e Remo possono comportarsi ben diversamente basta dare un'occhiata alla mia relazione sulla Leretta da sud ovest, nella val di Gressoney. L'unica nota dolente, per questo solo 3 stelle, e' la brevita' della gita. In discesa siccome la neve della conca della cascina era brutta (crostosetta) sono andato sul costone che rimane a destra scendendo rispetto alla conca pero' qui anche se era un po' meglio (solo un po' perche' dai 1450-1500 in giu' tendeva ad appesantirsi, alle 13,30) finiva addirittura a 1420, rispetto ai 1390 della conca. Quindi un tratto di un centinaio di metri di dislivello a piedi nei prati. La gita e' facile e a parte la brevita' e il tratto a piedi, merita. Si sale in piu' o meno un'ora, andando piano come faccio io, e la discesa e' veramente un attimo, del resto si sa che le cose molto belle durano poco. In cima ho incontrato 3 ciaspolari.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
quota neve m :: 1200
Gita tranquilla quando non si ha tanto tempo a disposizione.
In tre ore si fa tutto, si parte da Biella, si sale in punta, si scende e si torna a casa.
Oggi le condizioni della neve non erano delle migliori, sia come innevamento che come tipo di neve, ho visto quasi tutti in difficolta', compreso il sottoscritto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: buono
quota neve m :: 1200
Buona sera a tutti. L'innevamento è scarso, ma si parte e si arriva sci ai piedi. Meglio usare sci da roccia. Neve trasformata su tutto il percorso. Siamo scesi intorno al mezzogiorno. Consigliabile. Buone gite.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
note su accesso stradale :: ottimo
quota neve m :: 1000
Prima gita dell'anno. I primi 50 metri di dislivello con non molta neve pestando ed intrappando nelle felci, superato il dislivello le condizioni cambiano notevolmente; affiorano solo le pietre più grosse. La neve caduta la notte precedente non ha consistenza, quindi battendo la traccia in risalita, nei pendii più ripidi lo sci a valle scappa spesso.
La discesa è stata bellissima, con neve asciutta che sempra (ma non lo è) polverosa, gli ultimi 50 metri di dislivello bisogna stare attenti a non distruggere gli sci. Tutto sommato è stata così appagante che una volta arrivato in fondo sono tornato in vetta una seconda volta. Incrociamo le dita per altre perturbazioni più copiose e con neve più bassa
Con me oltre al solito Aceto è venuta per la prima volta sulla neve Olivia.


[visualizza gita completa con 5 foto]