Carra Saettiva Settore Roc du Vei Cataclisma

La traccia di accesso non è poi così male, con il diminuire della vegetazione i bolli gialli si vedono abbastanza bene, il problema è stato trovare il punto definito come "cima del pilastrino" che in realtà è solo un intaglio a sinistra del sentiero principale che continua a salire e dove ora abbiamo fatto un grosso ometto. Dopo essere saliti troppo fino al torrione successivo e ispezionato su e giù varie pietraie, trovato finalmente il passaggio giusto sulla pietraia più in basso che è perfettamente sistemato quasi come una mulattiera. Altro punto in cui i bolli sono poco evidenti è quando si arriva quasi vicino alla parete e sembrano finire, allora bisogna cercarli decisamente in basso. La via è bella ma un po' corta, non sarebbe male se fosse sistemata anche la via a fianco, il lichene abbonda, per fortuna più su grosse prese. La chiodatura è ottima, supervicina nel tiro più duro, con la corda singola da 70 m si sale e si scende bene. Doveroso un ringraziamento a chi ha aperto e a chi ha richiodato.

[visualizza gita completa]
Ritornare su questa via dopo 27 anni è stato per me uno straordinario "viaggio nel tempo" di emozioni e sensazioni. Senza dubbio Roc du Vei è la parete più bella del comprensorio della Saettiva sia per la sua verticalità che per la sua compattezza e spero che questa via recentemente ri-attrezzata dal Cai di Coazze/(soccorso alpino) per opera di Franco Carbonero , possa essere di massimo gradimento per i futuri ripetitori.

Protezioni:
la via è stata ri-attrezzata con materiale inox della miglior qualità, le soste di calata/progressione sono state realizzate con 2 spit-fix, catena di giunzione e doppi anelli di calata integrati per garantire il massimo scorrimento delle corde durante il recupero delle doppie, riducendone al minimo lo sfregamento sulla roccia.
Si può tranquillamente scendere a piedi dal canale erboso/boschivo posto a sx della parete (guardando dalla cima verso valle) ma, vista la verticalità della parete e la predisposizione delle soste se ne consiglia anche la discesa in doppia (salendo quindi leggeri senza scarponcini) impiegando RIGOROSAMENTE S4, S2 con 2 mezze corde da 60 mt. oppure S4, S2, S1 con corda da 60-70mt (probabilmente è possibile scendere anche con corda da 50 mt. ma bisogna prestare molta attenzione perché in questo caso ogni doppia è al limite dei 25 mt..) .

Chiodatura a spit-fix 10mm secondo un criterio di massima sicurezza ma, a parte il 2° tiro che può essere in parte azzerabile, generalmente i passaggi devono essere arrampicati in libera in particolare sul 1° e 4° tiro dove le difficoltà dichiarate sono obbligatorie. E' quindi necessario che il primo di cordata passi agevolmente sul 5c/6a.

Difficoltà:
per quanto riguarda le valutazioni, parlandone con Franco e Antonio Migheli, trattandosi di una parete con caratteristiche più vicine a quelle di una falesia (verticalità) piuttosto che di una via di montagna (sviluppo verticale limitato) , il metro più consono da utilizzare è quello della falesia, pertanto, il 2° tiro, anziché 6b è un buon 6a+ costante. Le valutazioni sono comunque tutte da rivedere poiché in quel periodo (la via fu aperta nel 1990) il numero di falesie e pareti attrezzate per arrampicare era di gran lunga inferiore a quello attuale e conseguentemente anche i termini di paragone erano pochi, risultava quindi più difficile di oggi dare una gradazione dei singoli tiri in base ad una media valutativa riscontrabile su più vie di analoghe difficoltà. In base a quanto sopra, dopo averla ripetuta, ci pare che le difficoltà possano essere così riassunte: L1 5c costante, L2 6a+ costante, L3 4° (3c/4a), L4 5c/6a nel tratto finale strapiombante decisamente esposto.

Consigli:
la via a torto mai ripetuta fino ad ora se non da Franco Carbonero & C. dopo la richiodatura, presenta molti licheni "rinsecchiti" nel primo e nel secondo tiro pertanto, nelle prime ripetizioni, consiglio di portarsi una spazzola di acciaio che, in alcuni passi chiave, potrebbe tornare utile..
Con la frequentazione che, date le caratteristiche della via si spera possa essere alta, la presenza dei licheni potrà venire meno.

Pericoli oggettivi:
il gneiss di ottima qualità che caratterizza questa parete e l'estrema compattezza della stessa (durante l'apertura della linea di salita non fu necessario effettuare alcuna 'opera di disgaggio) fanno si che non ci siano cadute di pietre di alcun genere.. La grande cengia da cui parte la via è completamente sgombra da pietrisco.

Sentiero di accesso:
necessita di una maggior frequentazione e di una segnalazione/tracciatura migliore, fare attenzione a dove si mettono i piedi poiché il percorso di avvicinamento, specialmente dopo aver superato il "Pilastrino" e la successiva pietraia, passa vicino a salti rocciosi di altezza considerevole, sparsi in mezzo al bosco, che sarebbe meglio evitare..
Fare molta attenzione nel tratto finale di avvicinamento poco prima dell'attacco della via (sulla cengia dopo la grotta), dato che la traccia di sentiero, al momento non profonda, passa un tratto erboso scosceso dove se si è distratti si rischia di scivolare..
Si tenga presente che proprio sotto la cengia, qualche metro prima di giungere all'attuale punto di attacco della via caratterizzato da due spit (come fosse una sosta più un vecchio cavo d'acciaio che porta all'attacco di "Via Roma") c'è un potenziale primo tiro ancora da realizzare che porterà la via a 5 lunghezze sfruttando la parete nella sua interezza..


Un grosso ringraziamento per la qualità e l'ottimo lavoro di richiodatura realizzato da Franco Carbonero ed un abbraccio a Framil e PopeAntonio, i miei compagni di "viaggio" (mentale e fisico) che mi hanno accompagnato in questa magnifica avventura verticale alla ri-scoperta di una via che si era perduta nel tempo.. ma non nella mia memoria..

Buon divertimento a tutti.



[visualizza gita completa con 3 foto]
Bella via su una parete verticale di ottimo gneiss che offre molte potenzialità di sviluppo. Sempre emozionante ripetere le vie con i primi apritori!
Il sentiero di accesso purtroppo è complicato da seguire, sarebbe utile una sua migliore segnalazione dalla pietraia all'attacco.
Con Framil e Maurizio.


[visualizza gita completa]
Via molto carina, bella roccia, purtroppo corta e parecchio sporca di licheni, salvo l'ultimo tiro. Necessiterebbe di una bella spazzolata! A L3 ci pare giusto dare almeno un 4° grado e per L2 forse basta un 6a+. Consigliata. Discesa con 2 doppie. Non saltare S2!!
Attenzione per l'avvicinamento: non perdere mai i bolli gialli (purtroppo pochi) e la traccia di sentiero, neanche in discesa.
Seguire bene le indicazioni riportate nella descrizione.
Oggi con Antonio e Maurizio Dalla Chiesa, niente meno che l'apritore della via negli anni '90! Un ritorno per lui carico di emozioni e di ricordi!
Ora bisognerebbe risistemare la via accanto, Via Roma, il che darebbe ancora più senso a raggiungere questa parete e percorrere così entrambe le vie in giornata. Ora si può abbinare una via del settore Neire Coulur e/o addirittura della Carra Saettiva. Noi abbiamo fatto poi due tiri alla falesia del Sangonetto; i tiri sono belli, ma purtroppo l'ombra delle piante troppo vicine mantiene un'umidità che rende la roccia muschiata specie nella parte bassa.


[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: 6b :: 5b obbl ::
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 1500
sviluppo arrampicata (m): 75

Ultime gite di arrampicata

23/05/19 - Falchi (Parete dei) Easy Rider - oomaxster
molto bella e logica il terzo tiro e' un gioiello ,nel quarto tirerai 4 / 5 spit a meno di non avere un bel grado , di sicuro continueremo sulla parte alta ,il luogo e' particolarmente tranquillo e suggestivo!
23/05/19 - Visch (Parete del) via dei 7 ponti - monviso71
avvicinamento: dopo il temporale di ieri sera molto umido, nei tratti pietrosi viscido. targhetta alla base materiale in posto: mix di nuovo e vecchio apparentemente solido. sostituito i cordoni (u [...]
23/05/19 - Mondrone (Uja di) - Contrafforti Sud Via Adriana - silviotos
4* per l'ambiente e la roccia, discesa un po gabolosa nel canale (1 doppia lunga per evitare l'inizio esposto). Non abbiamo visto le altre calate, probabilmente visibili dalla via Torrione Nanni, anch [...]
22/05/19 - Schiappa delle Grise neire Sleg Spa - maigol
Miracolosamente asciutta nonostante parecchie colature dall'alto della parete. Ho trovato la via ben spittata su tutta la linea, non solo nei primi 5 tiri. Si allunga un po' solo in alcuni tratti faci [...]
20/05/19 - Bobbio Pellice (Falesia di) - michele motta
Tipica "palestra di roccia" dei tempi in cui l'arrampicata era la preparazione alle vie in montagna. In questo senso è un ottimo posto per principianti e non, mentre come posto per imparare ad andare [...]
17/05/19 - Pianarella (Bric) INPS - Cassi1946
La via è veramente bella: tranne L1 e L9 (corti, brutti e sporchi) tutti i tiri meritano. Passaggi tecnici su placca, fisici in strapiombo, esposizione e traversi... veramente molto varia, nel comple [...]
17/05/19 - Ceraino (Chiusa di) Ceraino ambience + variante pikachu - faregiro
Impossibile rimanere delusi dalla roccia di Ceraino! Bella via che non si ungera mai viste anche le valutazioni talmente stretta da essere fuorvianti. Ma tant è, paese che vai usanze che trovi!!!