Faudo (Monte) da Imperia, giro

tipo bici :: full-suspended
Fatta da Imperia salendo dalla strada che va a Poggi...fino in cima stando sempre in sella...durissime le ultime rampe finali, gran vento in cima e non solo...sceso dal sentiero sopra al casone dei partigiani, si riesce a fare tutto in sella.. scegliendo sempre però la traccia più a destra (anche nei brevi tratti) , con discese su lastroni di roccia veramente mozza fiato! Dal bivio preso sentiero a dx subito dopo fontanella, come da descrizione, semplicemente fantastico divertente mai impossibile, scorrevole e in alcuni tratti anche veloce, sicuramente non da fare con bagnato, perchè pieno di lastre inclinate a volte con difficile aderenza. Arrivato all'asfalto proseguito verso Poggi, con qualche deviazione su sentieri con passaggi , a questo punto , difficili anche perchè discontinui e di non semplice interpretazione....non ho dato 5 stelle per le troppe antenne su cima Monte Faudo, mancanza di tratti tecnici in salita e perchè non si arriva con la bici su sentieri fino al mare se no nè avrebbe meritate 6 di stelle!!

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Giro piuttosto lungo ma molto vario ed interessante, giornata meteo perfetta.
Partenza direttamente dal casello di Imperia Ovest, salita blanda fino a Dolcedo che vale la pena visitare perdendo qualche minuto tra i suoi vicoli, poi ancora molto gradevole fino a Bellissimi e quindi allo spiazzo di Santa Brigida, dove termina l'asfalto ed inizia un ottimo sterrato, con pendenze sempre contenute tra 7-8 % praticamente fino al bivio sotto il Casone dei Partigiani al Passo Bastia (poco prima si trova una fontanella, unico punto d'acqua sicura del percorso). Qui mi sono fatto ingannare e sono proseguito in salita, su cemento, con rampe fino al 20% al casone dei Partigiani, capito l'errore sono tornato al bivio sottostante Passo Bastia e continuato per la dolce sterrata nel fitto bosco. Qui è iniziato a farsi sentire il terreno umido e a tratti un po' fangoso a causa delle recenti piogge, ma si sale senza particolari problemi. Quando si arriva ad un casolare abbandonato, si incontra l'asfalto e le pendenze raddoppiano all'istante, punte fino al 18%, dapprima per arrivare al Passo della Vena, quindi il terreno torna dolce in falsopiano, in direzione dell'ormai vicino Monte Faudo, quindi si riprende a salire su pendenze sempre al limite dell'impossibile, rese ancora più insidiose dal manto stradale ormai deteriorato. Io sono dovuto scendere in un paio di tratti impossibili da pedalare. La cima beh non è uno splendore a causa della quantità di tralicci presenti, oggi ad allietare il panorama già di per se grandioso sul golfo dell'imperiese, un gran numero di cavalli allo stato brado con parecchi puledri appena nati.
Discesa: io ho continuato per la dorsale erbosa toccando il Monte Follia, tratti a piedi ed altri in sella (più a piedi che in sella). Dal Monte Follia ho guadagnato la strada sterrata sottostante, che ho seguito poi fedelmente tralasciando i bivi secondari (per San Salvatore). Tanto tantissimo fango su terreno rossastro poco drenante, pozzanghere senza fondo... Di colpo la discesa termina e inizia un lunghissimo falsopiano con varie brevi risalite, finchè si arriva ad una sella erbosa sopra PietraBruna, nei pressi del Monte Croce. Qui ho proseguito seguendo indicazioni percorso 707, molto fangoso specialmente nella parte più boscosa, che con una discesa eterna ma piacevole, mi ha portato al piccolo borgo di Boscomare (fontana nella piazzetta). Ora finalmente un po' di asfalto per togliersi dal fango, discesa fino a San Lorenzo al Mare e poi rientro ad Imperia per l'Aurelia.

[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
giornata stupenda ed ottimo giro, divertente anche la discesa anche se un pò tecnica e da fare con molta attenzione nel single trek che scende a Cipressa.

un saluto alla cagnetta randagia che ho battezzato Nuvola incontrata alla chiesetta di san Sebastiano e che mi ha letteralmente chiesto da mangiare ... si è fatta fuori persino i tuc poverina dalla fame che aveva.


[visualizza gita completa con 19 foto]
tipo bici :: full-suspended
Partito da San Lorenzo passando da Civezza, bel panorama dalla vetta, purtroppo non altrettanto bella la punta gremita di ripetitori di ogni tipo. In discesa sulla destra, tra S.ta Brigida e Civezza parte un bel sentiero con indicazione Civezza Cup che porta nel paese e prosegue poco oltre.

[visualizza gita completa con 2 foto]
tipo bici :: no suspensions
da dolcedo salendo verso bellissimi, seguire le indicazioni COSTA in modo da evitare l'asfalto e salire lungo bellissime mulattiere! giunti sul tratto asfaltato di fronte a un gruppo di case di cui una con stella cometa e con scala sulla destra che sale verso il paese, seguire quella salita/scalinata verso le case superiori e da li tra una casa a sx e un garage a dx salire dritti verso una mulattiera che interseca Strada Civezza. Proseguire a destra in salita verso altre case e imboccare una strada interpoderale prima sterrata e poi cementata che molto ripida arriva a una strada asfaltata dalla quale svoltando a destra si è a santa brigida. da santa brigida proseguire come al solito e raggiungere la vetta del Faudo.
Variante in discesa. dalla chiesa di santa brigida imboccare subito la mulattiera per dolcedo/bellissimi (cartello esplicativo sulla storia della mulattiera ristrutturata dagli alpini). seguirla per tratti successivi attraversando di tanto in tanto la strada asfaltata. poi seguire strada boeri fino al fondo dove si trasforma nella mulattiera per borgata mascagni/lecchiore. giunti a lecchiore voltarsi indietro per dolcedo.
giornata di caldo estivo...peccato per la perturbazione giunta non appena giunto in vetta! cmq bella gita divertente e con molte possibili varianti.


[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
Bravo a Mella che ha descritto l'itinerario in modo preciso e chiaro. Confermo la bella ma dura salita nella parte finale e la discesa entusiasmante : tecnica ma non troppo con tratti da fare a tutta velocità. Un giro da non perdere!

[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
Salita tosta, su pendenze che tolgono il respiro, ripagata da una superba discesa, abbastanza tecnica soprattutto la prima parte.
Unico neo il meteo... non siamo neanche riusciti a vedere il mare!
Oggi con Al, come sempre scatenato sia in salita quanto in discesa.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: BC :: OC :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 5
quota vetta/quota massima (m): 1149
dislivello salita totale (m): 1350
lunghezza (km): 26

Ultime gite di mountain bike

03/06/20 - Geat - Valgravio (Rifugio) da Villarfocchiardo, giro per la Certosa di Montebenedetto - giorgiobi
Fatto il giro in senso orario. Salita un po anonima - tra la folta vegetazione che però garantisce anche ombra e fresco - fino alla Certosa di Monte Benedetto. Poi sentiero 506 - ciclabile solo nel t [...]
02/06/20 - Mulattiera (Punta della) da Beaulard, giro per Punta Colomion, Col des Acles, Bardonecchia - mbourcet213
Avendo letto la precedente relazione siccome ero in zona ho pensato di provare questo percorso, di cui avevo sentito tanto parlare! Scelta azzeccatissima, i nevai in salita sono completamente spariti [...]
02/06/20 - Malaura (Passo di) da Rore, anello per Becetto e colle del Prete - lupo alberto
Bel giro, non eccessivamente lungo e con ottimi punti panoramici. Discesa in buona parte su sentiero pulito, anche se in alcuni tratti della metà inferiore il fondo smosso si fa sentire... Divertent [...]
01/06/20 - Belmonte da Valperga, giro - alfonsom
Da Cuorgnè per Santa Lucia e Pemonte; essendo la prima volta ho girato un pò per i boschi circostanti con vari saliscendi sui percorsi segnati 4, 5, 8. Così facendo il dislivello sale a piacimento. [...]
01/06/20 - Gran Miol (Bergerie) e Rifugio Alpe Plane per la Valle Argentera - giob
Partendo presto non si incontrano molte auto/moto che alzano polvere. Tutto molto scorrevole e piacevole, come descritto dai commenti precedenti, gran bel giro quasi completamente in sterrato eccetto [...]
01/06/20 - Morefreddo (Monte) da Pragelato per il Clot de la Soma e il Colle del Pis - mbourcet213
Percorso pulito e strada ottima fino al Clot, sono salito sulla "cima" vera e propria così da proseguire poi in cresta arrivando sostanzialmente all'arrivo del Belotte. Qualche lingua di neve da qui [...]
31/05/20 - Besso (Colle del) da Porte per i colli Pra Martino e Crò - discesa sentiero 7 ponti - thebrd
Condizioni praticamente perfette lungo l'itinerario percorso (evitato la discesa sul sentiero dei Fornetti, su cui pare ci siano alcuni alberi crollati , ed il sentiero sotto Tagliaretto). Rampe sopr [...]