Udine (Punta) - Venezia (Punta) da Pian della Regina

Salita solamente la Udine.
La poca neve presente sia nel Couloir sia nel tratto per arrivare alla vetta dopo il colle non creano problemi.
Segnalo solo nel couloir quanto segue:
- il 5° o 6° spezzone di corda è danneggiato in cima e l'anima fuoriesce vistosamente dalla camicia per cui utilizzarla con le dovute cautele
- Nel canale una frana (pare molto recente) ha danneggiato un gradino, smosso molte pietre rendendo molto instabile il muretto che precede l'attraversamneto del canale stesso. Prestare le dovute attenzioni.
Temperatura e clima ok.
Velocissima salita con Edoardo


[visualizza gita completa]
due belle punte a fianco del RE di pietra, nulla da segnalare
in ottima compagnia di Vittorio


[visualizza gita completa]
partiti da pian del re,saliti passando per il lago superiore e il rifugio giacoletti,poi sul couloir del porco,attrezzato con catene,corde e gradini,abbiamo salito la punta udine e successivamente la punta venezia
in discesa pranzo presso il giacoletti,poi breve salita alle rocce alte
discesa prima lungo l'itinerario di salita,poi per il lago chiaretto e lago fiorenza.con Giovanni,Gianni,Ines
cielo variabile-nuvoloso al mattino,al pomeriggio nuvoloso o molto nuvoloso

[visualizza gita completa con 6 foto]
La salita al Couloir del Porco ,facilitata da corde ,catene e scalini,ha perso un po' di quel fascino selvaggio e impervio che aveva prima .il tratto più impegnativo rimane il passaggio di II + alla Punta Venezia.
Siamo partiti da Pian del Re,raggiunto il Rif.Giacoletti per il sentiero più corto e risalito il Couloir senza diffilcoltà .Dopo la punta Udine abbiamo salito la Venezia .e al ritorno anche la vicina cima Rocce Alte a pochi minuti dal rifugio.Ritorno con anello per il Lago Chiaretto.Un'altra gita appagante ,in una giornata con sole a tratti velato da nuvole, con Ines,Gianni e Egidio.Intorno a mezzogiorno abbiamo visto un elicottero volteggiare sul Monviso,spero che non sia successo nulla di grave.Oggi poca gente in zona ,rispetto all' affollamento domenicale,incontrati per lo piu' escursionisti impegnati nel giro del Viso .Saluti alla compagnia e a Roby di Torino incontrato al ritorno da Punta Roma


[visualizza gita completa con 4 foto]
partito alle 6 e 30 da pian del re con tempo incerto, salito per il vallone delle treversette e tagliato nella gola per il giacoletti , in punta alla udine alle 8 e mezza e alle 9 sulla venezia. couloir molto attrezzato ( anche troppo) , salito anche il vicino losas con panorama a 360 gradi sul gruppo del viso. alla prox!!

[visualizza gita completa]
Oggi gita alpinistica a due belle vette nel gruppo del Monviso - Partiti dal Pian del Rè e seguito il sentiero verso il rifugio Giacoletti, come da intinerario non abbiamo seguito il sentiero che fa il giro più lungo passando dai laghi, ma giunti al pianoro superiore al bivio siamo andati a destra seguendo il sentiero che ripido risale le balze del canalone couloir derl porco, nella parte superiore superato il torrente si trovano ancora ampi nevai, questo intinerario per il Giacoletti accorcia di molto i tempi ma è ripido ed essendo parzialmente in ombra risulta umido - Dal rifugio Giacoletti con un traverso su nevaio e ripidissimo sentiero abbiamo raggiunto il tratto attrezzato (ferrata) con corde e catene che sulla destra superando canalini rocciosi e cenge raggiunge il colle del Porco - Di qui a destra abbiamo la punta Venezia ed a sinistra la punta Udine ed il panorama si apre sulle vette francesi - Siamo prima risaliti su pietraie e tracce di sentiero sino al colletto dove sorge il bivacco Venezia e di qui in breve alla punta Venezia (fissata una corda per l'ultimo risalto roccioso dove è posta la croce) - Rientrati al colle siamo poi risaliti per pietraie e blocchi con passaggi di 1°/2° sino alla aerea vetta sormontata anche essa da una croce riempita di pietre - Panorami dalle vette grandiosi sulle cime francesi, mentre sul versante italiano incombevano nuvole e nebbie di calore, purtroppo il Rè di pietra, il Monviso l'abbiamo visto solo lungo la salita - Rientro al colle percorrendo a ritroso la ferrata più ostica in discesa, pausa al rifugio Giacoletti e rientro nuovamente lungo il sentiero del couloir
Un saluto ai compagni di gita ed un ringraziamento al Cai di Rivarolo per la bella gita in compagnia


[visualizza gita completa]
Bella combinazione, salito al Rif. Giacoletti dal Coulour del Porco quindi alla Udine (canale ottimamente attrezzato, banale il breve tratto di neve da attraversare in quanto molto scavato), visto che il tempo teneva e le nuvolaglie erano basse salito sulla Venezia (presenti 2 spit gli ultimi 4 mt. per eventuale assicurazione). Solo tre altre persone sulla Udine da solo sulla Venezia, parecchi invece al Coulour del Porco in traversata verso il Ref. Du Viso. In discesa dopo una breve sosta all’accogliente Rif. Giacoletti, sono entrato nel le nebbie e passando dal Lago Superiore sono arrivato al Pian del Re da dove sono partito.

[visualizza gita completa con 3 foto]
Saliti dal Lago Superiore, Colour del Porco in ottime condizioni ben attrezzato! Prima sulla Venezia bellissima(ultimi metri da fare attenzione, noi abbiamo fatto una sorta di "doppia" per sicurezza che in sostanza non è quasi servita), poi sulla Udine in pochi minuti. Ridiscesi dal Colour del Porco e successivamente diretti al Pian del Re senza passare dai laghi! Ottime condizioni su tutto il percorso anche ottimamente segnalato!
Con Sara, Paolo, Aldo e Valeria splendida giornata!


[visualizza gita completa con 3 foto]
Gita sociale dell'Associazione "Le ciaspole" di Pinerolo, 23 partecipanti.
Belle vette, varie e divertenti.
Giacoletti aperto, possibile farsi prestare il casco.
Facile la salita al colle, superflua la longe nelle attuali condizioni se si ha un minimo di dimestichezza ad arrampicare.
Molto nuvoloso, poco panorama.
Roccia abbastanza solida alla Venezia, piu' sfasciumosa la Udine.
Merenda nell'accogliente rifugio.
Saliti in auto ha iniziato a piovere, c'e' andata bene!
La mia 3' volta alla Venezia, 5' alla udine, di cui 2 volte dalla cresta est, ma a distanza di molto tempo, come fossero una gita nuova.
Incontrata famiglia Truffo.
Alla partenza anche il Cai Santena diretto alle Traversette e l'Uet del Cai Torino alla Meidassa (con la Rigotti).
Un saluto a Graziano ed al conviviale gruppo, che ha attrezzato e ci ha assicurato in modo impeccabile gli ultimi 10m sotto la punta;
grazie ai miei giovani compagni di viaggio: Stefano, Luca e Alessandro, il quale alla sua prima F se l'e' cavata egregiamente!


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: macchina al pian del re
Bella gita anche se il tempo prometteva pioggia. Saliti dal lago superiore (piu lunga) verso Giacoletti. daqui ci siamo imbragati e siamo ripartiti per le punte. Prima la Venezia e poi la Udine. Per il COlour del porco attrazzata in modo spettacolare con gradini, corde e catene (sembrava una ferrata). per la venezia ometti visibili e sentiero facile fino al bivacco. Parte finale molto divertente per 10 m. Discesa scesi in sicurezza con mezzo barcaiolo. A ritroso dal passo del porco siamo saliti in 15 m alla udine, molto facile. Paesaggi nuvolosi e nebbiosi solo in Francia visibilità. In cima in 23 con l'assocciazione delle ciaspole di pinerolo. bel gruppo. Al ritorno fermata al rifugio per pranzo e discesa dalla via del postino. Alle auto alle 17. Visto camosci.Pecato per paesagio nuvoloso, ma molto fortunati per meteo.
Ringrazio Luca, Laura, Alessandro e l ass. ciaspole di Pinerolo


[visualizza gita completa]
Tempo ideale, saliti da Pian del Re passando per il lago Superiore e Colour del porco alla Punta Udine e successivamente alla Venezia (con "aiutino" di Marco al meno sicuro). Mia festa di compleanno al Giacoletti.
Con Giovanni, Marco, Sergio


[visualizza gita completa con 10 foto]
Bellissima gita, molto panoramica. All'andata è consigliabile salire dai laghi (Superiore per la cascata / Fiorenza -Superiore / Fiorenza - Chiaretto - Superiore: tra variante in ordine crescente di lunghezza), per chiudere poi l'anello sbucando nel vallone delle Traversette. Il Coulour del Porco è un'arrampicata divertente e senza rischi, una via minuziosamente attrezzata (e il passaggio per roccia fa evitare la neve e le scariche del coulour vero e proprio). Punta Udine è tra l'EE e l'F, le mani non si mettono quasi mai sulla roccia. Punta Venezia ha poco senso classificarla F: è un EE generoso (meglio marcato e meno ripido del Viso Mozzo, classificato E), con gli ultimissimi metri di II (M. Bruno, "In cima, 90 normali nelle Cozie meridionali") o II+ (A. Parodi, "Intorno al Monviso"). La corda è una sicurezza, anche se noi l'abbiamo fatta senza. Da Pian del re, in 2 h 15 fatte entrambe le punte, con mio padre.
Stambecchi e camosci sul Coulour.


[visualizza gita completa con 5 foto]
Saliti dal Coulour Blanc, che da accesso alla cresta della punta Venezia, con le prime luci dell’alba.
Ascesa veloce su neve anche fin troppo dura, quasi impossibile sostare per predere fiato vista la ripidita’… sembrava quasi di fare una cascata di ghiaccio, e io di cascate non ne ho mai fatte !!!
In ogni caso, canalone lungo ma veramente bello, e, una volta sbucati nella parte terminale subito d’impatto l’attacco della cresta.
Esposta ma facile tutta la cresta, divertente e soddisfacente.
Raggiunta la vetta foto di rito, panorama bellissimo nonostante i primi tentetivi della nebbia di risalire dal pian del Re, mentre, dalla parte opposta, cielo nitido.
Allestita doppia per la discesa e fatta la comoda cresta fino all’arrivo del Coulour del Porco.
Da qui risalita alla Punta Udine, veloce ma con dovute attenzioni vista la presenza di ghiaccio in parecchi punti.
Ridiscesi dalla punta fino alla sella e affrontato il Coulour del Porco faccia a monte.
Neve, vista l’esposizione, marcia…canale a tratti molto ripido e ormai lavorato dalla discesa di skialp che hanno contribuito a renderlo ancora piu’ ostico.
Nella parte terminale neve che faceva zoccolo e cedeva e in un attimo di distrazione, cercando un punto piu’ comodo dove passare, la neve ha deciso di cedere sotto il mio peso piuma (e peso davvero poco), così mi sono fatta almeno un bel 200 mt e passa lineari di scivolata….e la picca???, figuriamoci in quelle condizioni cosa avrebbe mai potuto tenere !!!
nella scivolata di sicuro la mia esclamazione non e’ stata ‘’GERONIMO’’…
e questa mi e’ servita da lezione !!!!
raggiunto poi il Rif Giacoletti abbiamo preso sentiero ancora ben innevato e quindi chiuso l’anello.
Gran bella gita con un’accoppiata che da tempo avrei desiderato fare.
Un grazie come sempre a Mauro


[visualizza gita completa con 16 foto]
Volevamo fare due giorni in rifugio sul Monte Rosa ma viste le brutte previsioni per la giornata di sabato abbiamo optato per questa escursione di una giornata, già effettuata nel 2006 durante il corso di arrampicata della scuola Carlo Giorda (Via dei Torrioni della Venezia e Cresta Est della Udine) - salendo questa volta per le vie normali. Dal Pian del Re siamo saliti su un sentiero poco marcato (a destra della scritta sul masso “Qui nasce il Po’”) che sale subito dritto per poi girare a sinistra ed attraversare la cascata che si vede dal parcheggio (corda fissa). Superata la cascata si seguono i cartelli che indicano il rifugio Giacoletti (belle vedute sul Monviso e sul Visolotto). Dal Giacoletti saliti per il Coulor del Porco, esageratamente attrezzato con corde fisse e scalini in ferro, dove abbiamo incontrato stambecchi madre e figlio che scendevano il canale - abbiamo dovuto dare per forza precedenza a loro. Saliti prima sulla Venezia utilizzando la corda negli ultimi 5 metri per raggiungere la croce di vetta (sono presenti addirittura degli spit…). Bel panorama e stupenda giornata anche se il Monviso era già coperto da qualche nuvola. In discesa è possibile sfruttare la sosta con anelli presente in vetta per superare il primo tratto. Discesi nuovamente al colle del Porco e saliti senza difficoltà sulla Punta Udine. Dal Giacoletti abbiamo optato per il sentiero più ripido e diretto verso il Pian del Re (anch’esso molto marcato con tacche bianche e rosse e con frecce di grandi dimensioni), scelta che ci ha permesso di compiere un giro ad anello.
Con Davide e papà. Un saluto ai due arrampicatori conosciuti in cima alla Udine che ringraziamo per la foto di gruppo scattataci.


[visualizza gita completa con 7 foto]
oramai ho perso il conto di quante volte sono venuto fin quassù ,sempre 2 belle vette ,una cosa bella ma anche triste
e vedere come cambia nel passare del tempo la salita .prima nulla ,poi corde,poi catene,ora anche spit. purtroppo il tempo passa.


[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 08/10/17 - Samu83
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: F :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Varie
    quota partenza (m): 1714
    quota vetta (m): 3095
    dislivello complessivo (m): 1500

    Ultime gite di alpinismo

    19/09/18 - Gelé (Mont) Via Normale da Ruz per il Rifugio Crête Sèche - dinodino66
    Ho effettuato l'escursione in giornata, cielo terso e temperatura gradevole. Vorrei solo segnalare che viste le temperature dell'estate, il ghiacciaio ne ha risentito parecchio. La copertura di neve [...]
    19/09/18 - Lera (Monte) Via Normale da Malciaussia - starmountain
    Un paio di nevai da attraversare un po' gelati al mattino. Solita ravanata per le pietraie finali.
    19/09/18 - Carbonè (Monte) Via Normale da San Giacomo - annagarelli
    Il sentiero ha avuto un "restailing" fino al lago del vej; sopra è un po' meno tracciato ma sempre visibile; è molto lungo con i suoi tornanti e sale (fin troppo) dolcemente; bella gita con vista su [...]
    18/09/18 - Palavas (Monte) o Tete du Pelvas Cresta SE - Traversata dei Torrioni - abo
    Gran bella salita, di cui l'avvicinamento lunghetto ne ha compromesso la frequentazione (informarsi sulle condizioni di apertura della strada per accorciare fino alla Conca del Prà). Avvicinamento s [...]
    17/09/18 - Pietralunga (Punta) Cresta Ovest - Via Whymper - LuCiastrek
    Cresta messa in nota da parecchio tempo, oggi ho cercato la via di salita che non è molto agevole perché bisogna ravanare un poco prima di posizionarsi, poi i tratti di roccia sono puliti se si escl [...]
    17/09/18 - Martin (Punta) Cresta Federici - Contrafforte Sud - LuCiastrek
    Via di roccia pulita un poco meno i camminamenti sul percorso, non essendo una via molto frequentata l'erba nella stagione estiva cresce rendendo un poco più faticoso il cammino. L'avvicinamento l'ho [...]
    17/09/18 - Tornone (Monte) dalla cresta nord - la-Nata
    Stupenda, questa cresta nord che porta in cima al Tornone! Salita prima sul Tornello, quindi tornata alla sella che divide le due cime. Impatto visivo di questa cresta rocciosa notevole, esteticamente [...]