Mud (Corno) da Pedemonte

note su accesso stradale :: diversi parcheggi poco prima di Pedemonte
Percorso molto diretto, salita che non molla un attimo, ho contato forse 50 m in tutto pianeggianti. La prima parte di mulattiera nel bosco è una specie di lunga gradinata, un po' rovinata dal passaggio recente di mucche; oltre il limite del bosco, nei pressi dell'Alpe Mud Inferiore la traccia è buona, anche se per essere un gta ci si aspetterebbe di meglio. Sia in salita che in discesa ho seguito il sentiero di sinistra che tocca le Alpi Mud Superiori, diventate Rifugio Ferioli (locale invernale grazioso, 4 posti letto e possibilità di cucinare con la stufa a legna) e poco oltre raggiunge il Colle Mud. Suggerisco di continuare fino al colle per affacciarsi sul versante opposto, mentre il sentiero (traccia) di salita al Corno Mud inizia 50 m prima dove il terreno spiana. Da qui in su sarà una tirata dritto per dritto, inizialmente sembra esserci un discreto sentiero, poi via via diviene una traccia tra erba olina e balze erbose. Ad un certo punto ci sono due tracce, a mio parere è meglio tenere quella di sinistra, un po' più confortevole.Il pendio non sembra finire mai, anche perchè la croce di vetta si vede solo negli ultimissimi metri, e con sè il panorama. In compenso la discesa è stata molto rapida, con sosta pranzo nei pressi del rifugio (chiuso).
Si incontrano sorgenti d'acqua sotto il rifugio. Tenere conto che nonostante l'esposizione sud del percorso, nel vallone il sole arriva molto tardi in questa stagione, nascosto dalla mole della parete del Tagliaferro. Copertura telefonica fino al colle.
Indeciso tra Corno Mud e Tagliaferro, ho scelto il Mud vista la forma non ottimale oggi. Se la salita non è proprio avvincente di contro il panorama sulla est del Monte Rosa è davvero stupendo.Altri 4 escursionisti in cima saliti da Rima, nel vallone di salita invece una manciata di escursionisti fino al colle. Giornata soleggiata fino a metà mattinata, poi velature a tratti spesse, ma temperatura non fredda.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Diversi piccoli parcheggi prima dell'abitato di Pedemonte.
Il sentiero parte alle prime case e scende a lato del torrente (paline). Si tralascia poco oltre il bivio per Ronco. Condizioni del tracciato molto buone, sempre segnalato fino al Colle Mud, nel primo tratto erba alta ai lati ma non invasiva. Un solo nevaio da aggirare prima del rifugio Ferioli. Il ramo del percorso che sale direttamente al colle è ancora innevato da poco dopo il bivio per il Ferioli: si può fare il giro largo passando dal rifugio oppure risalire in parte il residuo di valanga portandosi poi ai suoi lati e incrociare più in alto il sentiero proveniente dal Ferioli. Da qui ancora qualche lingua di neve da attraversare, non problematica. La traccia per il Corno parte in corrispondenza di una pietra piatta (freccia rossa molto sbiadita) qualche decina di metri prima del Colle. E' sempre abbastanza marcata e contrassegnata da ometti, tranne che intorno a q. 2600 dove tende a confondersi: spostarsi tendenzialmente a sinistra verso le rocce sotto la vetta. C'è un piccolo nevaio pochi metri sotto la cima e il sentiero ci finisce dentro ma lo si può aggirare agevolmente. Rifugio Ferioli aperto nei week-end.
Giornata tersa e fresca che ha concesso panorami d'eccezione sul Rosa e i 4000 del Vallese, solo qualche cumulo da metà pomeriggio. Itinerario relativamente breve (tra i 10 e gli 11 km) molto remunerativo.
Con Domenico (Lupi grigi) con cui da tempo si doveva combinare una gita e che ringrazio per aver proposto questa: la vista dell'incombente parete Nord del Tagliaferro al Colle Mud è sorprendente e i panorami sul Corno Bianco e su molte cime per me quasi sconosciute valgono la salita.
Molti escursionisti in vetta (tutti saliti da Rima San Giuseppe) e tra questi una gita CAI. Alcune persone anche al colle e al rifugio, dove abbiamo fatto una sosta mangereccia a base di polenta.


[visualizza gita completa con 4 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 29/07/96 - gianmario55
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud
    quota partenza (m): 1245
    quota vetta/quota massima (m): 2802
    dislivello salita totale (m): 1560

    Ultime gite di escursionismo

    19/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - rolly52
    Confermo l’ottima valutazione di questa gita, tutta su sentieri piacevoli e ben tracciati.Peccato per il momentaneo annuvolamento appena giunti in vetta. Lunghetta nel complesso ma poco faticosa.
    19/02/20 - Santa Cristina (Monte) da Bracchiello per el Senté dla Scalinà - parinott
    Diversi alberi caduti sul sentiero 261, il Cai di Lanzo ha previsto a Marzo l'intervento di pulizia, comunque ben segnalato da bolli B/R. e cartelli ai bivi. Molto meglio dai Monti di Voragno a S.Cristina.
    19/02/20 - Croce dell'Ubacco (Monte) da Moiola - klaus58
    Fatto il solito giretto mattutino salendo per la strada asfaltata, prima il monte Croce dell'Ubacco, poi punta Il Bric e il boscoso Saret Alto, scendendo dai tetti Masuè per il tracciato MBK con un s [...]
    18/02/20 - Frassati (Poggio), da Graglia per il Tracciolino e traversata a Oropa - brunello 56
    Gran gitona, all’arrivo ad Oropa erano 30 km con un 1500 m di dislivello, con 8h abbondanti di cammino. Ma ne valeva la pena. Non conoscevo il Tracciolino e volevo percorrerlo, anche sapendo che sa [...]
    18/02/20 - Artondù (Cima) da Tetti Gallina per il Bric della Ciarma, anello per Meschie - lonely_troll
    Una passeggiata alle pendici della Besimauda con salita per un percorso dimenticato e attualmente riportato solo da OpenStreetMap. Pochi brevi tratti di neve dura ma non scivolosa che non danno fastidio.
    16/02/20 - Corte Lorenzo (Cima) da Bracchio - chit.scarson
    Le poche chiazzette di neve residua dove non batte il sole i cresta non infastidiscono. Tutto il catename è in ordine.
    16/02/20 - Scopel (Bivacco) da San Liberale - lancillotto
    Sentiero dalla Croce dei Lebi e poi al bivacco con tratti ghiacciati, coperti da qualche cm di neve recente. Utili i ramponcini sopratutto la mattina. Salita in nebbia totale fino quasi al valico del [...]