Lana (Col di) da Palla, Anello

note su accesso stradale :: accesso da Pieve di Livinallongo e parcheggio a frazione Palla
Dopo ben 38 anni risalito al Col di Lana con Marzia, Elisabetta e zio Marziano classe 1933. Primo tratto di poderale e poi ripido sentiero che ci porta fino a Cappello di Napoleone e poi in cima. Giornata un po' velata, ma bella vista su Pralongià di Val Badia, su Setsass, su tofana di Rozes, Averau e Nuovolao, Lastroni di Formin, Monte Pore, e poi su tutta la Val Cordevole. Causa caduta abeti è nitida parte della via della vena, la frazione Colac, e più in su Larzonei e Colcuc.
In vetta, Elisabetta e zio Marziano
vista su Valle del Cordevole, fino a lago di Alleghe, Civetta nella nebbia
vista su setsass
sempervivum arachnoideum

[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: ok fino a palla
Bella gita e bel sentiero secondo quanto è ben descritto in relazione. Salita tagliando i numerosi tornanti e discesa sulla sterrata quando è stato possibile...peccato che in questi giorni spesso i nuvoloni coprono gli ampi panorami.
Con Tiziana, Marco, Giulio, Beppe, Paola, Lia e Anna.


[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: strada aslfalata ma stretta dal bivio al parcheggio
Mattinata nuvolosa ma con visibilità buona e tempo in peggioramento dal pomeriggio. Abbiamo scelto una delle montagne più importanti della Grande Guerra, facile per noi escursionisti, ma nei duri inverni del 15-18 è stato teatri di battaglie atroci, dove ancora oggi si vedono i segni. Il sentiero è sempre evidente e ben segnalato, a sul percorso i cippi commemorativi lasciano spazio alle meditazioni. In vetta si vede chiaramente in cratere fatto saltare dai soldati italiani: il prezzo della nostra libertà è stato pagato veramente caro. Toccante. Silenzioso. Dalla vetta si domina su ogni versante, ed anche se le nubi nascondono le cime più alte, ci si rende conto dell'importanza strategica di questo monte. Il cielo sempre più grigio ci accompagna sulla via del ritorno, percorsa come descritto, meno frequentata ma molto varia, che termina con facile discesa nel bosco. Si arriva ad Agai, ordinata e silenziona, poi a Palla: inizia a piovere....ma ormai siamo a 100 mt dall'auto. Bella gita.

[visualizza gita completa con 9 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1676
quota vetta/quota massima (m): 2462
dislivello salita totale (m): 790

Ultime gite di escursionismo

26/02/20 - Lera (Monte) da Givoletto per il Monte Castello e Madonna della Neve, possibile anello - madox
Vento impetuoso e aria fredda. Superbi panorami sulla pianura e su Torino. Pista forestale lunga e poco varia, molto allenante la ripida salita a Madonna della Neve. Sempre ottima traccia a parte ne [...]
26/02/20 - Grigna Settentrionale o Grignone da Colle di Balisio, anello per la Bocchetta del Nevaio - robyberg
Salita al Grignone quasi solitaria, effetto virus, solo 7 persone salite in cima. Neve da poco sotto i Comolli, da qui ramponi indispensabili, neve dura senza remollo. Sole poi velature, nuvole e poi [...]
26/02/20 - Martin (Punta) e Monte Penello da Acquasanta, anello - anna1092
Partita con il sole e arrivata in vetta con nubi nere, tuoni e granelli di neve e tanto vento, Punta Martin non delude mai! Completato il giro ad anello.
25/02/20 - Paglie (Bric), da Graglia per il Col S. Carlo e traversata a Borgofranco - brunello 56
Giornata peggiore non potevo scegliere. Le previste ed attese schiarite non ci sono state, tutta la gita all’insegna della scarsa (o nulla) visibilità. Di inquadramento neanche a parlarne, si saliv [...]
24/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - laura59
Caldo intenso.Sentieri puliti e ben segnati.Arietta fresca solo in vetta.
24/02/20 - Sapei (Monte) da Comba, anello per il Colle Arponetto e Rocca Sella - mario-mont
Sentieri ormai completamente sgombri da neve. Tutto il percorso ribollinato di recente, a parte il tratto Arponetto-Sapei, senza segnaletica.
23/02/20 - Pian Spigo (Punta) da Vonzo - andrea.paiola
Saliti più o meno fino alla cresta, c'è ancora un sacco di neve nelle zone in piano e il caldo l'ha resa liquida, quindi si sprofondava fino all'inguine dopo le 11... un calvario tornare al Santuari [...]