Alberon (Cima) Voie de l'Amitiè

note su accesso stradale :: Fino alla base dei tornanti si arriva con qualunque mezzo
Il tronco che indicava la partenza della via è stato tirato via dalla valanga, comunque l'attacco è abbastanza evidente. Primo tiro completamente invaso da una colata d'acqua, la variante a sx era (relativamente) più asciutta e quindi abbiamo optato per quella con uscita a dx. L2 è il tiro più carino, con un bel passaggio un po' strapiombante, S2 un po' scomoda. Unito L3+L4 in un unico tiro di 30m (se si rinvia la S4 conviene allungare il rinvio) e poi L5+L6 in un tiro da 35-40m. Attrezzatura affidabile e ravvicinata, roccia nel complesso sicura ma con grip non entusiasmante. Discesa a piedi comoda e veloce. A mio avviso i gradi della parte alta sono un po' gonfiati, secondo me in ordine potrebbero essere: 4c, 5b, 4a, 4c, II+, III+.
Come già scritto da altri, via dalle poche pretese, noi oggi non volevamo rischiare il temporale altrove ed è andata bene così.
Se si vuole scalicchiare ancora un po' a 5min dal park c'è la falesie di Griserie: tiri corti a tacche su muro verticale, attrezzatura a golfari stretti e soste alcune con moschettone (ferramenta) e altre da fare manovra (su golfari grossi ma arrugginiti). Ho salito solo il 6a sulla sx e poi ha iniziato a piovere.
Con Maurizio, a giudicare dalla sporcizia in via (aghi di pino ecc) una delle prime ripetizioni della via dell'anno.

primo tiro: una cascata
socio sul primo tiro... condizioni un po' umide
vista da S2
sul bombé di L2
bel panorama

[visualizza gita completa con 5 foto]
Di sicuro le vie belle sono un altra cosa ...la roccia non è male e l' ambiente e molto bello, primi due tiri belli poi un po' discontinua.

[visualizza gita completa con 1 foto]
Meteo ok temperatura gradevole.Park al fondo del pianoro prima che la stradina inizi a salire. Giunti ad un bivio ( bacheca in legno su albero stradina a destra verso il Giazzez) proseguire 100m circa sulla strada principale che prosegue poi con i tornanti, girare a sinistra nel senso di marcia e risalire il greto del torrente in secca sotto alla parete nera. La vietta parte all'estrema sinistra di questa, ho costruito grosso ometto con tronco secco prima di girare a destra e risalire x qualche decina di metri. Vietta carina con golfari, c'è anche un monotiro parallelo a sinistra del primo tiro, giunti al termine dell'ultimo tiro proseguire diritti fino alla cuspide, scendere qualche metro sul lato opposto alla via, si arriva ad un collettino erboso e andando a destra in semicerchio si raggiungono i tornanti della stradina e per essa all"auto. Oggi almeno 6 dopo di noi.

[visualizza gita completa]
la via presenta i primi 2 tiri piacevoli con grado congruente a quello indicato nella relazione : i 4 tiri successivi sono di puro trasferimento nel bosco... e secondo me non superano mai il 4a
per salire tutta la via considerate massimo 2 ore (noi eravamo pure cordata da 3) in ambiente piacevole e fresco..ma niente di piu
arrivati all'ultimo tiro salire nel bosco cercando i passaggi piu' facili tra saltini di roccie rotte...arrivati in cima alla collinetta scendere per prati puntando ad un muretto a secco..da li si vede la strada sterrata da seguire in discesa fino al punto di partenza
con Stefania e Beppe


[visualizza gita completa]
Pro: roccia insolitamente bella per la zona, ideale per chi inizia, frescura assicurata d'estate
Contro: golfari al posto delle placchette
Ci abbiamo messo più tempo a trovarla che a salirla... complice la relazione che faceva pensare che partisse all'estremità del settore di vie sportive!! Roccia bella e varia, conviene la discesa a piedi.


[visualizza gita completa]
I primi due tiri belli, il resto molto rotto e discontinuo. Come detto da altri, vale la pena per il panorama e nel mio caso per la compagnia :-) Discesa con tre doppie sulla via.

[visualizza gita completa]
A me è piaciuta..sarà anche perché sono affezionata al luogo. Tutta in ombra al fresco, a scarpette molto facile a parte qualche piccolo passo. Chiodatura vicinissima, perfetta per chi vuole imparare da primo. Sicuramente a scarponi può essere più utile. Se si è in zona per altri motivi vale la pena farci un giretto. Un giorno di relax senza ingaggio mentale ci stava. Panorama super su Chaberton, Gatto nero e Furgon. Con Cecco 81 (vedi sua relazione per avvicinamento)

[visualizza gita completa]
Per l attacco entrare nel letto del fiume oltrepassare la falesia e la prima costola erbosa,appena curva un po' guardando a dx si vedono i golfari della via.
A noi tutto sommato è piaciuta,sarà il dopofesta cartoon e addio al celibato,ma alla fine era l ideale per oggi.
Primi tiri ub po placcosi poi muretti rotti,bel panorama roccia solida anche se non dal grip eccezionale,co.unque asciutta.
Soste da collegare,via da prendere come detto in maniera didattica,fatta a scarponi,volendo aumentare l ingaggio si può anche proteggere la parte superiore.
Si possono a che unire i tiri 2 a 2 allungango un po le protezioni.
Via comunque piacevole.
Scesi dal sentiero dalla sommità scalare le prime roccette dove piu facile poi all ultumo salto si evita a sx e si arriva in boschi e prati,dopo 2 min a dx scendendo si vede un antico muretto,portarsi li ,vecchio sentiero,costeggiarlo e da li si vede la strada,si scende per prati a reperirla dove meglio si crede,stando alti a dx si taglia un po' e si arriva appena sopra i tornanti
Con puly 88


[visualizza gita completa con 1 foto]
E' una via essenzialmente (esclusivamente) didattica; che era il nostro scopo di oggi; chi cerca il grado non è questo il posto; sempre in ottica didattica, spit cortissimi, buona per le prime scalate con scarpe da avvicinamento o scarponi; in più punti la roccia è levigata e obbliga ad imparare l'aderenza senza scarpette
poco frequentata, quindi un pò ingombra di terriccio e aghi di pino anche perchè si sviluppa tutta all'interno di un bosco; soste e materiale comunque in ordine
dopo il caldo di ieri alle lunelle, scelta questa via apposta in quanto una giornata didattica, che prevedeva tempi lunghi sulle soste, aveva bisogno di una esposizione appropriata; quindi l'esposizione a N, sempre in ombra, e la neve ancora presente nel torrente sottostante ci ha permesso di stare al fresco, quasi da indossare un pile nonostante la partenza tarda alle 10,45
i gradi potrebbero essere abbassati di uno a meno del secondo tiro che prevede 2 passi (letterali) che potrebbero rientrare nella gradazione descritta anche se ben ammanigliati; un terrazzino di erba presente alla fine del primo tiro zuppo d'acqua che colava abbondante, ha reso la partenza "alpinistica" con fuori via e varianti da proteggere

[visualizza gita completa]
Via un po' sporca ma spittata veramente ravvicinata.
Sovragradata abbondantemente, eccetto il secondo tiro.
Tutto sommato il panorama dalla cima è soddisfacente!
Per l'avvicinamento seguire il letto del torrente che si prende svoltando a sinistra prima dei tornanti (roccia segno rosso-bianco), non salire subito alla parete (dove c'è la falesia) ma seguire il letto fino quasi allo spigolo sinistro della parete. Stando attenti si intravedono spit, nessun nome all'attacco.
Praticamente attaccato sulla sinistra della via c'è un monotiro di 4o
Dopo l'ultima sosta continuare per la cima, con difficoltà non tanto inferiori alla via spittata...ma senza problemi! Si scende per il pendio erboso fino a raggiungere la strada carrozzabile.
Via piacevole per rilassarsi ma niente di più.
Sul primo tiro possibile fare rafting se volete...veramente zuppo.
Per il resto asciutto ma si tira verdura a più non posso...sporchissima!
Panorama dalla cima non male...anzi!
In compagnia del vecchio Giò e Andrea, che ha intrattenuto un discorso molto impegnativo con un autoctono del luogo (se si pensa di essere in Calabria)...rischio bivacco se lo incontrate sul percorso del ritorno. Occhio


[visualizza gita completa con 2 foto]
Purtroppo il primo tiro era interamente bagnato rendendo quindi la salita un po' più precaria per la scivolosità della roccia (ma il grado è e rimane un 5). La via in generale presenta un livello molto basso, molti tiri sono prevalentemente di difficoltà 3 o 4 con al limite un movimento di 5!
La via inoltre è molto orizzontale con passaggi in cui quasi si cammina normalmente. Alcune soste sono molto ravvicinate (alcune forse anche meno di 15 metri).
In vetta il panorama è appagante e l'esposizione a nord rende piacevole arrampicare quando si cerca di scappare della calura della pianura. Ma come ingaggio della via il percorso è molto insoddisfacente, seppure possa essere un'ottima palestra per imparare.

note: consiglio di evitare la sosta dell'ultimo tiro (dove c'è un simpatico formicaio) e attrezzare la sosta su uno degli alberi poco più in alto, molto più sicuro e meno esposto.
Grazie a Dani, Giulio e Pam per la splendida giornata!


[visualizza gita completa con 2 foto]
Una stellina per il lavoro svolto, per il resto ???????????????? !

[visualizza gita completa]
Una via tranquilla per fare didattica, ben chiodata in un posto con panorama bellissimo e pace.
Era quello che cercavo per scalare con mio figlio Mattia (13 anni )a tiri alterni ed è stata una giornata ben spesa......
un saluto a Guido e ai suoi amici che ci hanno lasciato sulla Meije: ciao raga...


[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: 5b :: 5a obbl ::
esposizione arrampicata: Nord
quota base arrampicata (m): 1700
sviluppo arrampicata (m): 140
dislivello avvicinamento (m): 30

Ultime gite di arrampicata

19/01/38 - Ciavazes (Piz) Rossi Tomasi - manty57
Ripetizione della via fatta in gioventù
20/08/18 - Brevent La fin de babylon - fulviofly
Con Paolo Mascaretti il giorno di ferragosto festa delle guide e quindi con scarsa affluenza, abbiamo salito questo bell'itinerario di comodissimo accesso (sempre che non ci sia neve nel canale) e di [...]
19/08/18 - Udine (Punta) Tempi Moderni - ceceme
Ben chiodata, non servono integrazioni. Il sesto tiro ha un singolo passo più difficile ma ben protetto.
19/08/18 - Clarì (Punta) Super Calcaire - thebrd
Torno dopo 11 anni (una vita arrampicatoria) su questa via, una delle prime che ho percorso. Molto bella la sezione centrale (da L5 a L9 direi), il resto comunque gradevole. Soste in gran parte su p [...]
19/08/18 - Plampraz (Pentes de) Hotel California - fulviofly
Con Paolo Mascaretti ci abbiamo portato i suoi ragazzi (Jordi e Teo) ed una girl inglese (Poppy) in quanto l'idea era se si "rompono" al primo o secondo risalto rientriamo. Infatti dopo 4 tiri siamo s [...]
19/08/18 - Raty (Bec) Diamante - Damiano Ceresa
Ripetuta nuovamente dopo circa un anno e le impressioni sono le stesse della volta scorsa...una bella via su bella roccia! Temperatura ottima al sole con aria fresca. Manca ultimo spit sull'ultimo ti [...]
19/08/18 - Destrera (Monte) via Locatelli - subdir
Una signora via, in particolare dopo i primi tiri disturbati dall’erba - e ieri anche dall’acqua, a quanto pare la parete non si asciuga velocemente. Dal quinto tiro la bellezza e verticalità de [...]