Clapier (Mont) da Pont du Countet, giro del Peirabroc

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Départ de Castérino par la route de la Valmasque (crampons) nous sommes montés par le vallon de l'Agnel , après etre passé sur le lac nous sommes allés au pas de l'Agnel; petite descente sur le versant Italien pour remonter le versant nord crampons obligatoire dans le couloir nord Ouest, belles corniches en haut du couloir et neige très dure. Du sommet du clapier nous somme descendus (très bonne moquette)sur le refuge Nice (fermé) pour remonter la Baisse du Basto puis le Baisse de Fontanalba et pratiquement jusqu'à Castérino à ski. Neige encore assez skiable malgrès l'heure (15 h 30)et un peu de sable .
Dans le couloir Nord Ouest

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: OK
quota neve m :: 1900
La neve inizia a quota 1900 circa per cui si portano gli sci per circa un’ ora. Poi neve abbondantissima fino alla vetta. Siamo saliti per il vallone a sx del Rif.Nizza (custodito) con i rampant perché fortunatamente la neve aveva rigelato. In vetta anche il custode del Nizza senza zaino che ci confermava che il giorno prima in vetta si sprofondava fino al ginocchio. Discesa verso la base del colle Ovest su pendii ripidi (qualche punto a 45° secondo me, su neve molto buona), risalita al Colle Ovest e discesa sul ghiacciaio del Clapier su firn perfetto fino a quota 2430 m circa. Traverso verso sinistra e risalita al Rif.Pagari’ dove abbiamo pernottato nel bivacco invernale. In programma c’era la traversata Maledia-Gelas-Rif.Nizza, ma un malessere di un nostro sfortunato compagno ci ha fatto ripiegare su questa bellissima traversata che se si è veloci e con poco carico si può fare in giornata. Salita al Passo del Pagari’ dove per scendere conviene risalire ancora un po’ a destra del colle e scendere sul pendio a destra fattibile anche con gli sci. Arrivati a quota 1900 in 3 abbiamo sfruttato delle lingue di neve sulla destra e con vari metti e leva siamo scesi fino a quota 1780 m. Da qui per sentiero fino all’auto.
Un saluto ai 3 Piemontesi (di cui 2 medici) che hanno portato conforto e consigli al nostro amico.
In 5 del CAI ULE di Ge – Sestri.


[visualizza gita completa con 6 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BSA :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Tutte
quota partenza (m): 1690
quota vetta/quota massima (m): 3045
dislivello totale (m): 1800

Ultime gite di sci alpinismo

19/02/20 - Pianard (Monte) da Palanfrè - dados
Ancora zona Pianard e ancora bella neve e continua fino all'auto. Noi partiti con calma e giunti in vetta senza rampant essendo già tardi... Discesa alle 12.00 circa su bella neve trasformata. Ancor [...]
19/02/20 - Paschiet (Passo) da Fontane di Lemie - bagee
Saliti in auto sino a 50 m. sotto la cappella di S. Bartolomeo; sci ai piedi da subito ma la situazione è al limite, alcuni passi su erba che saranno sempre più ampi dopo che si abbandona la strada; [...]
19/02/20 - Ciriunda (Monte) da Tornetti - gio notav
Inizialmente ti chiedi che fine ha fatto l’innevamento….poi la situazione migliora decisamente, e si scopre anche che la salita al Monte Ciriunda è un itinerario che si sviluppa in un ambiente al [...]
19/02/20 - Pianard (Monte) da Palanfrè - lucianeve
Neve continua dall'auto. Salita e scesa dal versante destro orografico. Oggi non necessari i coltelli. Anche se sono scesa presto la neve era vellutino. Pure in fondo la sciabilita è ottima, sembra u [...]
18/02/20 - Ciriunda (Monte) da Tornetti - luca94
Colle pian Fium/Marmottere/Ciriunda/Ciarm del prete. Partito molto tardi dal parcheggio (ecomostro), non avevo idee molto chiare su cosa fare ho fatto i primi 100 metri a piedi non essendoci più ne [...]
18/02/20 - Ciarva (Rocca) da Balme e il Colle Battaglia - gianni-r
Partenza da Balme ore 11.30 circa . No coltelli. Discesa dopo ore 15 neve perfetta morbida al punto giusto. Neve in via di trasformazione , leggera crosta poco prima del piano. Poi dal rifugio in giù ottima e scorrevole pista.
18/02/20 - Gias (Pian) da Balme per il Canalone delle Capre - rifugio ciriè
PArtire come sempre presto per questo bel canale, il 18/2 in condizioni ottime! Prende sole dal mattino presto, noi in discesa l'abbiamo imboccato alle 11.00. Le condizioni attuali lo rendono salibile interamente con gli sci ai piedi.