Tablasses (Testa di) e Testa Sud di Bresses da Terme di Valdieri, anello per i passi di Tablasses e di Prefouns

Fatto il giro al contrario,salendo al Passo del Prefouns ,quindi saliti al Tablasses ,poi in diagonale senza perdere troppo dislivello al Passo del Tablasses.Da qui in pochi minuti alla Testa Sud Di Bresses e discesa nel vallone ,su mulattiera a tratti franata.Attenzione a non perdere la traccia dopo il nevaio ,ancora abbastanza consistente.Gita lunga con pietraie a non finire ,ma appagante.
Si doveva andare alla Rocca di Valmiana ,ma le nuvole consistenti sulla zona del M.Matto ci hanno fatto preferire questo itinerario.Al Passo Prefouns abbiamo incontrato anche il gruppo di Angelo ,che conosciamo da tempo,con cui abbiamo condiviso l'escursione.il tempo nonostante parecchie nuvole ,si è mantenuto bello e il sole ha prevalso.Solito affollamento al Valasco ,ma nessuno sul nostro itinerario tranne il nostro gruppo di 13 persone.

Il selvaggio vallone del prefouns
si arranca verso la Testa Tablasses
dalla cresta del Tablasses vista su testa Sud di Bresses
la Madonnina sulla Testa Sud di Bresses
laghi di Fremamorta
nevaio nel vallone del tablasses

[visualizza gita completa con 6 foto]
Salito dalla Valle Morta, ambiente solitario e appartato, il sentiero come detto è un po’ dimenticato, numerose frane fanno perdere un po’ la vecchia mulattiera. Parecchia neve ancora, indispensabili almeno i ramponcini, io avevo anche la picca che si è rivelata molto utile. Ero partito con l’intenzione di salire anche alla Testa di Tablasses e compiere l’anello dal passo di Prefouns, ma anche il versante a Sud era ancora discretamente innevato ed allora per evitare sorprese, sono sceso dalla via di salita. Passato poi dal Rif. Questa e sceso da lì al Valasco, in questo caso il D+ arriva a 1650m. Incontrato una famiglia di stambecchi alla casermetta.

[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: parcheggio a pagamento alle terme
Gran bel giro ad anello, piuttosto lungo, che comporta lo sconfinamento in Francia per la salita alle 2 punte.Salito come da itinerario prima alla testa sud di Bresses (bella vista su tutto il gruppo dell'Argentera)e tornato
al passo Tablasses, bisogna
perdere un centinaio abbondante
di metri, fino a reperire la traccia
che in 40'/45' porta al punto
culminante della Testa di
Tablasses.Sceso per il passo
Prefouns dove salivano tre escursionisti francesi. Discesa un po' scomoda la prima parte su terreno ripido e malfermo ma tutta ottimamente segnata da ometti fino al bivio per il rifugio Questa, da li' in poi sentierone con tacche bianche e rosse fino alla macchina.Il dislivello totale è circa 200 metri in più di quello calcolato nella stesura della relazione.

[visualizza gita completa con 8 foto]
note su accesso stradale :: ok fino alle terme (deserte...)
Oggi bella e lunga gita in posti poco frequentati in compagnia di Osvaldo e .....un vento incessante e piuttosto forte per tutta la giornata, per fortuna non molto freddo anche se in vetta c'erano solo 2° e raffiche che quasi ti spostavano. Noi abbiamo fatto in giro al contrario da quanto descritto qui: ossia prima siamo saliti al colletto di Valasco per poi scendere ai laghi di Fremamorta, risalita veloce al colletto di Bresses e da qui con il vento alle spalle siamo letteralmente trasportati in cima. Il tempo giusto per scattare 4 foto e poi giù per la facile crestina verso il passo di Tablasses e poi finalmente nella più riparata Valle Morta, la discesa fino a ricongiungerci al sentiero percorso in mattinata.

[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: Parcheggio alle Terme a pagamento solo nei festivi
Trovandomi in vacanza nel cuneese, decido di dedicare una giornata ad una cima che ancora mi mancava tra le più note delle Alpi Marittime.
Parto da solo alle 7:30 dalle Terme di Valdieri, e affronto rapidamente la salita fino al Pian del Valasco; la giornata è inizialmente nuvolosa, ma le previsioni danno bel tempo e così procedo fiducioso (la Testa di Tablasses si scopre solo verso le 9:00, e in seguito predomina il cielo azzurro).
Raggiungo il pianoro superiore, dove lascio la strada imboccando il sentiero per il Colletto del Valasco (cartello). In circa mezz'ora arrivo alla vecchia strada militare che proviene dal Rif. Questa, la percorro verso destra per 30 metri, e quindi giro a sinistra sul sentiero per il Passo di Tablasses (nessuna indicazione).
Il sentiero è ben segnalato e percorribile fino a circa 2450 metri, poi ci si deve arrangiare per evitare un primo tratto franato. Proseguo fino a 2580 metri, nuovamente sul sentiero (presenti ancora diversi nevai, tutti aggirabili); da qui al Passo di Tablasses ho trovato le difficoltà maggiori.
A un certo punto non riesco più a individuare degli ometti, e a sensazione direi che ci sono state altre frane oltre quelle indicate dai precedenti relatori, perché è praticamente impossibile localizzare una traccia (almeno dal basso).
Così decido di proseguire inventandomi una via, su rocce montonate e balze, per evitare gli sfasciumi indecenti del canale sottostante il passo. Le rocce comunque mi impegnano un po', visto che gli appigli scarseggiano e c'è una moderata esposizione (passaggi di II, F). Negli ultimi 40 metri, convergo verso il canale e riesco a sbucare finalmente al passo.
Dal valico scendo di una novantina di metri sul versante francese e traslo verso destra fin sotto il canalino da risalire per raggiungere la Testa di Tablasses. Anche in questo tratto assenza totale di tracce, mentre reperisco alcuni ometti alla base del canale; quest'ultimo, costituito di sfasciumi estremamente mobili, non posso proprio evitarlo, anche se rimanendo sulla sinistra (dir. di salita) si trovano delle roccette un po' più salde.
Sbucato alla selletta, in breve in vetta (ore 10:50) dove tira una brezza fredda.
Dopo una sosta ad ammirare il panorama, davvero incantevole, ricomincio a scendere, ma una volta uscito dal canale decido di raggiungere il Passo di Prefuns e scendere poi dall'omonimo vallone, sperando in un... sentiero.
In effetti il sentiero c'è, ma anche in questo vallone devono esserci state delle frane, visto che a circa 2400 metri la traccia scompare e bisogna fare una deviazione.
Una volta raggiunta la strada militare che proviene dal Rif. Questa, giro a destra e vado a chiudere l'anello.
La discesa alle Terme è senza storia, per quanto eterna.

Nella parte alta della gita non ho incontrato anima viva, infatti gli ultimi escursionisti li ho incrociati sulla strada militare (diretti verso i laghi di Fremamorta).
Avevo il sospetto che la Testa di Tablasses non fosse la meta più gettonata della Valle Gesso, e ora credo che ci siano delle valide ragioni... Devo dire che le complicazioni dell'ascesa al Passo di Tablasses non invogliano certamente a salire questa cima, ed è un peccato perché si attraversano dei valloni dai paesaggi incantevoli, e la vista offerta dalla vetta è eccezionale (in particolare sulla Serra dell'Argentera). Salire dal Prefuns è certamente più agevole, ma in questo caso lo spostamento aumenta (a fine gita ho percorso 24,5 km) e bisogna proprio desiderarla!
Nota: con le varie discese e risalite che si incontrano, il dislivello positivo sale a 1550 metri.

[visualizza gita completa con 1 foto]
fatto il percorso al contrario. salito per il passo prefouns e sceso x tablasses. breve deviazione x la sud di bresses.dalle cime gran panorama circolare..bella giornata.

[visualizza gita completa]
Solo 4 stelle perche' il cielo si e' velato,la gita merita di piu'; splendidi luoghi selvaggi della valle Gesso....soprattutto il vallone di Prefouns.
Percorso come da descrizione,nessuna difficolta'...
Incontrato solo 6 francesi all'inizio della valle Morta,,,poi solo camosci prima di arrivare al Pian del Valasco,dove c'era il mondo.


[visualizza gita completa con 3 foto]
Anello compiuto in mattinata con Massimo salendo dalla Val Morta al Passo di Tablasses e da li in cima. Prima del passo il sentiero e' stato per un buon tratto coperto da una frana, che ci ha portato a "sbagliare" percorso salendo direttamente il canalone sui malfermi pietroni anziche' tenerci sulla sinistra (destra idrografica) dove dall'alto il sentiero risultava di nuovo visibile. Discesa per il passo di Prefouns e l'omonimo vallone al termine del quale abbiamo risalito la mulattiera che porta al questa per scendere al Pian del Valasco dal sentiero che porta al Rifugio.
Grazie a Emi per la pazienza che dimostra nell'attendermi durante le gite e a Massimo, affidabile compagno di escursioni.


[visualizza gita completa con 12 foto]
Prestare attenzione alla salita al Passo di Tablasses (appena sopra l'ultimo nevaio): il sentiero militare è stato interamente ricoperto da lastroni di roccia molto instabili!
Salito in compagnia di Ila e Nora (al suo battesimo delle vette!) e Grufus. Nora è stata catapultata in questa avventura con un po' di inganno: le è stato detto che si arrivava in vetta in 3 orette (contro le 4-5 necessarie). A parte la distruzione dei piedi di Nora (potrà mai perdonarmi?!), siamo riusciti nell'impresa (partiti alle 8.30 dalle Terme, siamo ridiscesi esattamente 12 ore dopo): naturalmente ne abbiamo approfittato per goderci i panorami stupendi, che la bellissima giornata di sole ci ha regalato! La compagnia è stata determinante per godere di una giornata meravigliosa!!! Un saluto a Ila, alla "capretta alpina" Nora e al "crin di montagna"!


[visualizza gita completa con 2 foto]
Prima volta in Val Gesso. Compiuto in parte il percorso dell’anello, in realtà, ho visto la diramazione (un po’ nascosta) per il passo di Tablasses (ometto di pietra), ma non sicuro, che fosse quella giusta, ho piegato direttamente per il vallone del Prefouns e raggiunto il Passo, da lì, a sx, per traccia evidente si attraversano dei costoloni rocciosi. Occhio! Alla diramazione sulla sx, che si inerpica subito verso la cresta dell’antecima! tralasciarla…, e tenersi sempre in quota sulla traccia (ometti), fino a un canale,parecchio faticoso, di sfasciumi che punta alla sella; io mi sono fermato qua, ma il restante percorso guadagnata la sella, non mi è sembrato presentare particolari difficoltà, se non escursionistiche. Comunque complessivamente l’itinerario (vedi anche relazioni bibliografiche, varie; non ho scritto io la relazione qua soprastante…) è EE.
Molti francesi, al Passo del Prefouns (data la facilità di accesso). Ma l’ambiente del versante italiano è decisamente più bello, e merita assolutamente una visita. Molto “invitante” e interessante il canale nw della Testa di Tablasses. Bella giornata di sole, fresca e ventilata al punto giusto.

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 19/09/10 - riku73
  • 14/10/09 - clabo
  • 12/09/99 - grylluscampestris
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Varie
    quota partenza (m): 1400
    quota vetta/quota massima (m): 2851
    dislivello salita totale (m): 1451

    Ultime gite di escursionismo

    15/03/20 - Tapuae O Uenuku dall' Hodder River per la Via Normale - panerochecco
    Niente neve sul percorso, molto sfasciume e salita faticosa. Consiglio a turisti provenienti da lontano di dedicare 3 giorni al tutto e di portare due paia di scarponi oppure di salire ai rifugi con [...]
    15/03/20 - Chestnut Park Loop Da Dairy Farm Nature Park a Mandai Rd per il Zhengua Nature Park e la Central Catchment Reserve - vicente
    Itinerario di notevole sviluppo, da non sottovalutare a causa della calura e umidita' tropicale. Il lato positivo e' che la maggior parte dell'itinerario si svolge in una fitta giungla e quindi si e' [...]
    10/03/20 - Sbaron (Punta) da Prato del Rio - bus
    09/03/20 - Grammondo (Monte) da Olivetta San Michele, anello per Sospel, le Cuore e Col du Razet - roberto vallarino
    Con una mattinata ben soleggiata, abbiamo seguito l'ottimo sentiero che costeggia la Bevera portandoci dal Pont de Cai e dopo il breve tratto di strada, a riprendere la mula fino al primo ponte. Attra [...]
    09/03/20 - Peretti Griva (Rifugio) al Pian Frigerola da Saccona per la Punta Prarosso, la Rocca Turì e la Rocca Frigerola - parinott
    Dalla Rocca Turì agli Alpeggi Frigerola utilissime le ghette. Dagli Alpeggi al Rifugio anche i ramponcini, Il traverso stamani si presentava con neve ghiacciata.
    08/03/20 - Sungei Buloh Wetland Reserve Anello completo - vicente
    Splendida giornata di relax in tempi difficili. Ci voleva proprio! La natura di questa riserva naturale e' meravigliosa. Ho ammirato numerosi uccelli migratori, oltre a diverse libellule rosse, un coc [...]
    08/03/20 - Bernard (Monte) da La Cassa - bengia