Laghetto (Colle del) da Carcoforo

osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Gita difficile da commentare, oggi eravamo in 13 e alla fine i pareri erano discordanti con scarti di 3-4 stelle tra gli estimatori e i poco contenti. Mancanza di fondo e un pezzettino a piedi tra il paese e la cappelletta, poi la neve fresca è aumentata subito, ma sempre con fondo inconsistente. Da metà gita in su diversi piccoli assestamenti e condizioni non proprio tranquille, ma ci siamo sforzati di non cercare grane e tenere comportamenti difensivi. L'ultimo pendio ripido verso la punta a destra del colle l'abbiamo lasciato perdere. In alto farina in gran quantità, gran goduria sarebbe stata con visibilità migliore (siamo stati costretti a scendere sempre usando la traccia di salita per orientarsi) e qualcuno ha preso qualche pietrata di troppo per mancanza di fondo duro. Neve già umidificata nel lariceto richiedeva velocità adeguata per curvare con grandi patemi d'animo per le solette. Dalla cappella al paese consigliabile scendere a piedi...
A me è piaciuta molto, anche se poi ho lavorato mezz'ora di lima e candeletta dopo il ritorno...
Un minuto di raccoglimento per una lamina che ci ha lasciati...
Foto Bru e Luke

Carcoforo imbiancato
rio Passone attraversato con fatica tra pietroni coperti di neve inconsistente
Busacca del Passone ben coperta
gruppo molto allungato sopra i 2000, con tanta neve così meglio salire a rate...
La nostra gita finisce qua, con tutta la band al completo

[visualizza gita completa con 5 foto]
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
I pendii a sud iniziano velocemente a perdere copertura nevosa. Sci a spalla fino alla cappella, poi salita agevole nel ripido lariceto e nella balza verso l'Alpe Busacca (utili i coltelli in questo tratto). Prima di arrivare al colle siamo saliti direttamente alla quota 2546 su neve trasformata. Giornata molto calda, la neve ha smollato rapidamente anche dov'era molto dura in salita ma non era sfondosa e si scendeva abbastanza bene (abbiamo optato per la discesa dalla traccia di salita). Qualche pietra tra tutti l'abbiamo presa...
Gran folla verso Pianone e Piovatte d'Egua.
Foto Bru


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Strada pulita ma soggetta a chiusura dalle 13 alle 17 per rischio v.
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Pur avendo gelato nella notte e nonostante una partenza non a tarda ora (8,35) la neve è già molle nel bosco di larici e fino all'alpe Piana. Poi migliora nel pendio che porta all'alpe Busacca. Usciti sui pendii soprastanti, il caldo si fa sentire nuovamente. Optiamo per la cima quotata mt. 2.546 dove arriviamo verso le 11.40, intimoriti da cornici spropositate sul lato Nord. Scendiamo subito con una sciata dignitosa fino a all'alpe Piana, poi neve pesantissima fino al paese. I pendii sono molto carichi ma non notiamo valanghe se non una di fondo, di fronte all'alpe Passone.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Strada pulita ma soggetta a chiusura dalle 13 alle 17 per rischio v.
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Pur avendo gelato nella notte e nonostante una partenza non a tarda ora (8,35) la neve è già molle nel bosco di larici e fino all'alpe Piana. Poi migliora nel pendio che porta all'alpe Busacca. Usciti sui pendii soprastanti, il caldo si fa sentire nuovamente. Optiamo per la cima quotata mt. 2.546 dove arriviamo verso le 11.40, intimoriti da cornici spropositate sul lato Nord. Scendiamo subito con una sciata dignitosa fino a all'alpe Piana, poi neve pesantissima fino al paese. I pendii sono molto carichi ma non notiamo valanghe se non una di fondo, di fronte all'alpe Passone.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Strada pulita ma soggetta a chiusura dalle 13 alle 17 per rischio v.
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Pur avendo gelato nella notte e nonostante una partenza non a tarda ora (8,35) la neve è già molle nel bosco di larici e fino all'alpe Piana. Poi migliora nel pendio che porta all'alpe Busacca. Usciti sui pendii soprastanti, il caldo si fa sentire nuovamente. Optiamo per la cima quotata mt. 2.546 dove arriviamo verso le 11.40, intimoriti da cornici spropositate sul lato Nord. Scendiamo subito con una sciata dignitosa fino a all'alpe Piana, poi neve pesantissima fino al paese. I pendii sono molto carichi ma non notiamo valanghe se non una di fondo, di fronte all'alpe Passone.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1200
Abbiamo messo gli sci appena sopra Carcoforo tranne qualche piccolissima divagazione sull'erba solo nel primissimo tratto.
Salita molto bella anche se la neve poteva essere migliore. Il vento su tutto il percorso l'ha resa crostosa e in alcuni punti non portante. Arrivati in prossimità del colle, saliamo a destra la punta 2546 anche se il pendio è ancora carico e abbiamo sentito molti assestamenti (per questo abbiamo deciso di stare più a sx possibile e risalire la spalla).
Visto il panorama, e la giornata, merita sicuramente i 100 mt di dislivello aggiuntivi.
Discesa tra alti e bassi su neve a tratti crostosa, a tratti marcia, ma nel complesso divertente.
Gita consigliabile

[visualizza gita completa con 5 foto]
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
note su accesso stradale :: questa mattina necessarie gomme da neve
quota neve m :: 1000
Siamo arrivati e partiti da Carcoforo con una leggera nevicata ancora in corso e con 10 cm di neve fresca e soffice caduta nella notte. L'idea era quella di andare alla bocchetta degli Strienghi, ma poi -fuori dal paese- abbiamo trovato delle tracce che salivano in direzione del colle del Laghetto e li abbiamo seguite. Poco sotto le ultime baite abbiamo incontrato i tre sci-alpinisti che ci hanno preceduto e tracciato fino a quel punto l'itinerario che rientravano per la scarsa visibilità. Giunti al colletto che consente il percorso ad anello con la discesa nella vallecola a dx (est), ho individuato un punto di riferimento più alto che mi ha consentito di prosegure la salita e quando l'ho raggiunto una leggera schiarita ha migliorato leggermente la scarsa visibilità, e quindi -con il fuoriclasse Franco F.-, abbiamo proseguito e raggiunto il colle con qualche raggio di luce/sole che ci ha regalato uno spettacolo suggestivo e premiato la nostra determinazione. Al colle lo spessore della neve fresca (anzi farina!) è di 25-30 cm, su fondo portante e quindi condizioni di neve per una "discesa da sballo", come viene definita su questo sito in queste condizioni. La visibilità anche se migliorata nella parte alta non era però ottimale e solo per questo le stelle della mia valutazione sono solo tre. Gita e sciata comunque molto soddisfacente.

[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: accumuli o lastroni
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento morbida
quota neve m :: 1000
innevamento discreto, durante la notte ha soffiato parecchio, dunque la neve è dappertutto crostosa con accumuli; è richiesta molta attenzione su tutti i tratti ripidi, visto che uno strato di 40- 80 cm ha ormai una coesione elevata e potrebbe causare valanghe a lastroni.
gita effettuata con il club@avalcotravel.com


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: Sotto il paravalanghe non sostare, guardate cosa c'è sopra!
Neve in quantità industriale, nessuna valanga in vista. Purtroppo è tutta crosta (sottile-media).
Gita solo per sciatori bravi con gambe d'acciaio (io non sono di quelli)

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
quota neve m :: 900
Giornata ..."spaziale"... e ottimo innevamento su tutto il percorso. Finalmente anche la Valsesia ha ritrovato la sua immagine invernale vera e tradizionale... Neve fatinosa, un pò appesantita -a tratti- durante la discesa -effettuata lungo l'itinerario della salita- per la giornata non fredda e per l'esposizione a sud, che ha richiesto/consigliato curve un pò larghe, ma comunque sempre piacevoli. Abbiamo sentito solo un segnale di assestamento del manto nevoso, però è stato molto fragoroso. Eravamo in un punto sicuro, quasi al termine della salita, e quindi poca paura e soprattutto nessun inconveniente. In quel momento abbiamo capito che l'itinerario scelto era quello giusto, pendenze più sostenute attualmente (a mio avviso) sono sconsigliate in questa zona. Con Roberto C., partito un pò prima -con Ornella e Walter B. (molto forti anche con le ciaspole)- che ha tracciato tutta la prima metà del percorso e con il fuoriclasse Franco F. Con le attuali condizioni, salite solitarie da tracciare, sono molto faticose e quindi oggi -come altre volte- l'unione ha fatto la forza e anche una bella compagnia.

[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
quota neve m :: 1500
In salita si devono portare gli sci in spalla per circa 150 metri di dislivello, nel bosco sotto l'alpe Passone innevamento ormai scarso, poi più che abbondante. Le 2 stelle sono solo per il bellissimo panorama, per il resto il sole ha letteralmente cotto la neve rendendola insciabile In discesa abbiamo preso il canalino che sbuca poi nel vallone dell'Egua: abbiamo ravanato alla grande, se continua così caldo c'è ben poco da fare....

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
Gita effetuata in gran parte in mezzo alla nebbia seguendo traccie esistenti .Ma finalmente a quata 2200 circa il sole:Bellissimo il panorama con le vette fuori dalle nuvole che coprivano il fondovalle. Neve bella nella parte alta crosta nella parte centrale e in fine crosta portante nella parte finale.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1300
bella giornata, anche se sul colle tira troppa aria.
saliti sulla cimetta a destra del colle, in discesa crosta portante, crosta maledetta, più sotto bellissimo firn, le 3 stelle sono una media.
scesi fino al paese.
giovedì sono salito al colle Trasinera, non l'ho scritto perchè non c'è.
Neve bella ed abbondante, farina o pesante

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente umida/pesante
Gita molto bella in ambiente selvaggio e solitario. Buona la neve nella parte alte. Scesi facendo il giro dal'Alpe Ciletto ma qui la neve era decisamente pesante. Osservate valanghe di superficie soprattutto nel rado lariceto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2
neve (parte superiore gita) :: primaverile-marcia
La parte bassa dell'itinerario è praticamente senza neve,bisogna portarsi gli sci a spalle per 30 minuti circa.
In alto l'innevamento è sufficiente,discesa bella fino a 2000m al di sotto troppo marcia e niente fondo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: buone, gita attualmente sicura
neve (parte superiore gita) :: variabile
discreto innevamento con neve di consistenza variabile, nella parte alte 10 cm di farina fresca su crosta non sempre portante (..un pò troppo poco portante..). Anche il meteo variabile, con sole iniziale, poi -in alto- vento e scarsa visibilità.

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 17/02/08 - mariolone
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
    difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Sud
    quota partenza (m): 1304
    quota vetta/quota massima (m): 2472
    dislivello totale (m): 1168

    Ultime gite di sci alpinismo

    20/11/18 - Cugn di Goria da Goria - Rinagiò
    Due terzi della discesa su 7-8 cm di farina con fondo compatto, via via il fondo va a sparire...io ho optato per la stradina.
    20/11/18 - Sises (Monte) da Sestriere - MBourcet213
    Gita mattutina pre-lavoro, arrivato a Sestriere alle 7 quando era ancora quasi buio, temperatura fredda (-8) con vento e leggera nevicata in corso. Dopo 10 minuti di attesa sono partito sci ai piedi [...]
    19/11/18 - Agnello (Colle dell') da Chianale - everest
    Come ha detto Vik fuori dalla strada whiteout... Molto freddo e vento in alto che faceva nevicare poco. Faccio presente che con un 4x4 si arriva ancora a 2160....buone gite a tutti!
    19/11/18 - Agnello (Colle dell') da Chianale - vik
    I programmi erano altri, ma il sole è sparito quasi subito lasciando posto ad una leggera nevicata. Giornata decisamente fredda (-7 alla partenza) e al colle vento e temperature davvero rigide. Vis [...]
    18/11/18 - Asti (Sella d') da Chianale - f.gulliver
    Salito prima alla Cima delle Rossette, discesa (bella neve) e ripello alla Sella d'Asti. Ambiente e panorama, cielo blu e nebbie che andavano e venivano. Discesa molto divertente, neve polverosa su bu [...]
    18/11/18 - Grand Etret (Testa del) da Pont Valsavarenche - old bear
    Si parte e si rientra dal parcheggio sci ai piedi. Oggi temperatura fredda per tutta la salita, neve dura portante nella parte bassa e bella polvere a tratti un po ventata in alto con qualche breve tr [...]
    18/11/18 - Furggen (Cima del) o Tète de la Forclaz da Cervinia - vik
    Di nuovo qui a distanza di una settimana, questa volta però le condizioni hanno permesso di salire il pendio e arrivare in cima. Nonostante le temperature basse al sole si stava bene, pendio finale [...]