Grande Aiguille Rousse Parete NE

osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m. :: 2200
Si parte dal Serrù (strada bagnata, non ghiacciata causa rigelo assente). 0 portage.
Siam partiti pensando di avere 4 curve buone su tutta la gita, alla fine abbiam trovato ottima trasformata sulla parte alta (buon rigelo sopra i 3000 nonostante le temperature molto alte) e granatina bagnata sotto, cmq divertente anche se pesante e frenante.
Causa affluenza di questi giorni, la parete NE è scalinata a salire e segnata a scendere...
Si becca comunque 5 stelle perchè questi 5 mesi estivi vanno affrontati con un ottimo addio.
Chiusura di stagione con Rava


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Parcheggio alla Diga raggiungibile tranquillamente
quota neve m. :: 2000
Sci dall'auto.
Salita al Colle delle rocce in perfetto rigelo.
Discesa nel vallone del carro a sinistra della cima delle rocce e risalita al Colle d'Oin mantenendo la sinistra orografica, con neve che già alle 7 incominciava a mollare. Discesa in territorio transfrontaliero, senza particolari difficoltà. Salita alla cima su neve ottima.
Discesa dalla nord, iniziata poco dopo le 10, con neve da urlo, e curve Carving.
Proseguito in direzione del colle della Vacca su un ghiacciaio vellutato: un biliardo. Discesa fino al fondo di pian Ballotta, con neve che era al limite della sciabilità. Discesa dal sentiero attrezzato fino al rifugio di Pian Ballotta e da lì sci calzati fino alla diga. Attraversata la diga e discesa all'auto.
Un saluto a Caio incontrato nella parte superiore del Colle d'Oin che mi ha illuminato la via per Damasco, a Lupo Solitario incontrato al parcheggio e ad Andrealp incontrato in discesa


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada aperta fino al serru
quota neve m. :: 2100
Itinerario percorso partendo dal Lago del Serrù.
Tutti ormai passano dal Colle del Palo sito a sinistra della punta rocciosa e non a destra come indicato nelle relazioni. Il pendio pare meno ripido (mi chiedo se lo sia veramente). Arrivati in cresta si scende per un canalaccio di neve e sfasciumi per una ventina di metri fino a raggiungere il nevaio sottostante. Al ritorno la grande maggioranza degli sciatori decide di prendere il colle del paletto (quello di destra) perchè ci si arriva senza togliere gli sci. Il grosso distacco osservato nei giorni precedenti non da disturbo.

Buona traccia fino al col d'Oin (anche in questo caso, il vero colle è subito vicino alla cima della Vacca).
La parete è stata percorsa da decine di persone salite perlopiù lungo una linea piuttosto ripida sulla destra della partete, vicino ai rognoni rocciosi. Percorsa anche la via classica meno ripida.

In cima alla Grande Aguille Rousse sono arrivate forse 50 e più persone: chi dalla nord, chi dalla sud, chi dalla normale (Italia o Francia). Almeno una dozzina sono scesi da poco sotto la vetta sci ai piedi lungo la parete.
Noi siamo scesi lungo il crinale per poi entrare in parete in un tratto meno ripido.

Bella salita con Vittorio, Serena ed Erica

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada aperta fino al lago serrù, e oltre...
quota neve m. :: 2000
Condizioni di poco mutate rispetto all'altro giorno. Partito per fare tutt'altro, mi sono accodato ad un paio di "tutinati" e così eccomi sulla nord est della Rousse. Salita con le pelli fino a poco oltre un terzo di parete, poi a piedi. Picca inutile o comunque poco utile. Si sale bene con i bastoncini su buone peste. Discesa per me un po' al limite nella parte alta (sono scarso) ma con l'innevamento di oggi si scia bene. Mentre scendevo, la parete iniziava ad essere presa d'assalto. Io sono sceso poco dopo le 9 e secondo me, trovando le giuste condizioni poi in basso, è stato il giusto timing. Al limite mezzora più tardi, se non si vuole poi sciare nella polenta. A tal proposito continuo a constatare come i più scelgano orari per la salita buoni solo per la pastasciutta...

Gita consigliata ma da cogliere subito perchè il sole sta iniziando a reclamare il suo posto

Oggi, solo con i miei pensieri

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: Fare attenzione alla strada ghiacciata prima dei tornati per arrivare al Serrù. Noi abbiamo parcheggiato prima dei torna
quota neve m. :: 2000
Innevamento ottimo dai 2000 metri in questa zona. Rigelo super (ma nei prossimi giorni non sarà più così). Decidiamo di salire dal colle del paletto quindi rampanti strautili.
Giornata perfetta, no vento e al sole fa anche abbastanza caldo ma la neve in salita tiene bene. Dai 2700 in su una spruzzatina di 10 cm di neve. Arrivati al colle d’oin, la parete si presenta bene e la linea che vogliamo fare sembra buona. Saliamo rimanendo sulla sinistra. Arrivati sotto la cima, si devia verso sinistra con un breve traverso un po’ esposto, per poi finire sulla cresta che porta in vetta. Discesa per lo stesso itinerario di salita. Aerea la parte alta, neve grippante, con una leggera spolverata su fondo duro, irregolare. Surfata controllata quindi, per una trentina di metri per poi deviare a sinistra in piena parete dove si trova neve sempre polverosa (10cm) su fondo duro ma un po’ più regolare. Ritorno sempre per il colle d’oin. Dal colle d’oin fino alla macchina, vari tipi di neve a seconda delle esposizioni: firn sciabile, primaverile un po’ collosa, melma infame sfondosa.
Oggi assieme a Fra Cassardo, il Dottor. Paolo Cata e Steeve.
Bella mangiata è bevuta al rifugio Muzio.


[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: strada chiusa alcuni tornanti prima della diga
Lasciata la macchina allo sbarramento sulla strada. Autostop fino alla diga. Da qui calzati gli sci di buon passo fino al paletto con Luca e soci poi rallentato decisamente, molto caldo, neve sfondosa. Dal col d'oin perdendo quota alcuni metri ci portiamo alla base della nord e dove si impenna togliamo gli sci. Ramponi e picca non usati. Dritto per dritto poi di cresta fino in cima. Scesi sulla spalla poi preso il muro. Neve purtroppo sfondosa. Ritorno sulla strada di salita.
Grazie a Luca e soci per la traccia. Un saluto a Giorgio e clienti con cui abbiamo condiviso parte della discesa. Trasferta di grande ambiente dai vicini di casa, gran bella gita, peccato per la neve.
Con Andrea il local.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Strada interrotta da neve a quota 2000
quota neve m. :: 2000
E finalmente! Dopo averla osservata e studiata anni fa dalla cima del carro.... La gita è in ottime condizioni, la parete sabato si presentava vergine e liscia come un biliardo con 20 cm di primaverile su fondo ben portante, discesa stupenda iniziata alle 10.45, noi in salita siam passati dal colle di oin (neve un po' molle alle esposizioni est ma mai sfondosa)
In discesa seguito il ghiacciaio di isere (splendido firn) fino al passo della vacca, dopo il passo neve un po' frenante, poi scesi nel bel canale sbananato che costeggia il bivacco, ben innevato e che consegna sci ai piedi al lago serru, considerare comunque una mezz'oretta a piedi per arrivare alla macchina
Con Luca. Un saluto alla banda della panda 4x4


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: vedi note
quota neve m. :: 2000
La strada è chiusa con cartelli, che qualcuno ha rimosso andando oltre, a quota 1.950 mt circa. E' comunque abbastanza pulita e non tarderà molto a pulirsi completamente. Se si decide di rischiare togliendo i cartelli, fare solo attenzione ai tratti ghiacciati.
Dall'interruzione abbiamo portato gli sci a spalle fino al pian della Ballotta, pestando un po' di neve solo sulla sponda del lago Serrù e nel canale.
Oltre buon rigelo fino in punta.
Scesi dalla nord tutto a destra faccia a valle, su quattro dita di farina compressa nel tratto ripido, peccato per il mare di nuvole che ci avvolgeva.
Oltre neve rinvenuta o marcia a seconda delle esposizioni. Scesi dopo mezzogiorno, bisognava scendere due ore prima.
Passati per il colle d'Oin e scesi nel vallone del Carro fino a quota 2.000 su lingue di neve e facili ravanamenti.

Con Luca, Marco e Sergio


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: oltre la sbarra fino a divieto per lavori
Gitta veramente azzeccata. Dormito al rif. pian della ballotta, oggi polvere sulla N-E della aiguille rousse (dai 20 ai 40 cm). Noi abbiamo risalito la nord. Poi dal colletto giù per il vallona del carro su ottimo firn! Lasciando la macchina al tornate dove ci sono lavori si compie un anello più lungo rispetto a quando si posteggia alla diga del serrù ma in questo modo si scia molto di più dovendo solo fare 20min di portage (alla fine del vallone del carro) per arrivare all'asfalto e 10 min di risalita sull'asfaltata per recuperare la macchina. Il sol leone manterrà queste condizioni ancora per poco!
.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: strada bloccata x neve a q.2000 su tornante a destra 3 sopra sbarra
quota neve m. :: 2100
lasciata auto su tornante 15' a pidi in valloncello e poi ripido pendio di neve sulla sx a ragigungere quota lago.. da li su bei pendii a colle del paletto con neve dura ma non troppo e poi sul versante più caldo verso il col d'oin. (tutto senza rampant sui resti un po' morbidi della nevicata di venerdi.). Da colle la nebbie calde e umide finalmente ci lasciano e appare il versante leggermente slavinato sulla destra e intoso nella sua parte alta e centrale con l'eccezione di una bella traccia di discesa sul lato sinistra probabilmente di sabato.. risaliamo meta parete sci a piedi sempre senza rampant.. poi ci rendiamo conto che ha nevicato troppo e la neve non è ancora sistemata e i 30-40cm tendono a slittare un po' troppo siamo quasi all'altezza della spalla sulla destra ma i traversi non ci convincono.. scendiamo da q 3350 in neve a meta tra la farina umida e la crosta fino al piano ancora ben rigelato .. dal colle fino al lago.. primaverile progressivamente più collosa verso il basso ma con un po di ravanish ancora a dieci min dall'auto . Bella gita ci voleva un po' più di rigelo.. ma ottime condizioni per i prossimi giorni se torna il freddo..


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: park lago serru
quota neve m. :: 2200
Bella montagna, propedeutica per lo sciripido con pendici di svariate pendenze. Partiamo presto dai Serrù con neve appena portante. Dal col D’Oin la parete ci appare ben coperta con alcuni distacchi a dx e in centro… saliamo su neve molle un po’ faticosa da tracciare, così usciamo dalla parete poggiando verso la cresta nord. Brezze fresche sulla cima contengono la calura che sale. Decido di scendere dalla spalla est + vergine, si può entrare nel pendio, sci calzati dalla cima, in un solo punto privo di cornici, ma non vedo il passaggio allora disarrampico su rocce e nevi marce esposte e rimetto gli assi. Le prime curve sono più dolci rispetto all’ingresso centrale, ma poi una pancetta molto sexy, di quelle vedo non vedo, immette su forti pendenze costanti fino al ghiacciaio basale. Sembra di sciare sui grissini! Una crosticina sottile produce scaglie che m’inseguono, poi neve quasi farinosa gradevole. Reunion al col D’Oin, il mio socio ha preferito scendere x la normale nord, un biliardo, alla faccia dello skiripid! Discrete la discesa fino a paletto, meglio sul pendio che punta al lago, infine pautone.
Una gran giornata di skiAlpinismo… con Guido – cb -


[visualizza gita completa con 9 foto]
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Lago Serrù
quota neve m. :: 2400
Ultima discesa dell'anno, probabilmente, e tutto sommato non male. Partiti dal Serrù direzione Col d'Oin, portage 10 minuti, salita agevole su neve poco rigelata nelle esposizioni "calde". Un gava e buta dopo il colletto del palo e poi calda risalita fino al col d'Oin. Da qui discesa al fresco fin sotto la parete che non si presentava proprio al top. Memore di esperienze precedenti la risaliamo nel suo lato destro per arrivare in cresta e di lì in cima con scarsità di neve sul lato Sud Ovest. Leggera brezza rinfrescante in cima e processione di francesi dal loro versante di salita. Discesa dalla cima verso la cresta di salita, stretta ed esposta (2 metri) che obbliga o poche e chirurgiche curve, ingresso in parete e diagonale verso le roccette da cui su neve bagnata,ma solo per un breve strato superficiale, si scia diretti per poi tirare verso destra e giungere alla base. Di qui scesi sul piano della Ballota su neve molto bella, appena un pò umida in basso. Relax al piano e discesa sulla ferrata verso il rifugio e poi al lago con portage. La scelta di scendere sulla Ballotta si è rivelata azzeccata, la neve era sicuramente migliore di quella trovata in salita, anche se finiva prima e obbliga ad un più lungo portage. Rilevati alle 14, 27° gradi a Ceresole.
Con il Giacca a coronamento di una stagione,la sua, di grandi soddisfazioni.


[visualizza gita completa]
Confermo quanto anticipato da LeRoi.
Per me però le curve sul pendione sono state poche e tese perchè la neve marcia mi preoccupava molto, ho apprezzato solo le curve sulla cresta su firn perfetto.
Finita la parete grande sciata.

Peccato, di materia prima ce ne sarebbe ancora, ma questo maledetto caldo l'azzererà presto.
Grazie a Enzo per la bella giornata.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m. :: 2300
La metto un pò in ritardo.
Fatta venerdì con Jak e Rox.
In alto neve farinosa schiacciata, pericolosetta.
I primi salti poco sotto l'anticima a ovest, sono da fare con il fiato sospeso a causa dell'accumulo di una nevicata.
Sul ghiacciaio e fin sotto il passo verso il Ballotta, stupenda, in basso un pò molle ma sciabile.
Trovare questa parete in codizioni è veramente difficile. Piccolo scaricamento a centro parete, dovuto alla caduta di piccole quantità di neve dei primi salti fatti in alto.(vedere foto 5)

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
neve comincia da rifugio pian ballotta. sono sceso molto tardi, circa mezzodì, e infatti la neve era già smollata. parete aiguille a quell'ora non sicurissima, comunque suff. alternando le zone ghiacciose a quelle di neve marcetta. prima esperienza ripido molto ok!!! tutto sta a fare la prima curva. tempo bellissimo. stagione prob. finita

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m. :: 2500
Seconda discesa stagionale della paretina,sempre molto bella anche se l'ultima parte è scoperta di netto percui ci si deve accontentare dell'entrata che, condizioni permettendo è rimandata al prossimo anno(sempre che sien non mi metta nuovamente i bastoni tra le ruote..scherzo sien..).
Per il resto tutto più che perfetto....arrivo in vetta ,discesa sulla parte destra e poi risalita sulla parte sinistra con piazzola dove finiva la parete innevata e iniziava la roccia;in quanto alla neve strepitosa e così mi faccio tirare da una risalita fino alla cima D'oin,mi affaccio sulla nord..ed ecco ormai effimero il capolavoro del grande Federco Negri(..magari un giorno chissà..)!!!
Poi sciata su neve da urlo praticamente fino al rifugio ballotta passando per lo stretto canalino.
Questi due giorni in compagnia del mio amicone stefano, detto steu ed nole,ottimo pescatore ed eccellente novello alpinista.
Un saluto anche ai due simpatici signori emiliani incontrati oggi in più circostanze e tutte piacevoli...
P.S : il video che metterò risale alla gita fatta con sien e cumpa di 5 settimane fà (in cui tra l'altro mi scivola un bastoncino giù per la parete....anche se non sembra essere un problema.)...ciao aguille rousse...al prossimo anno....


[visualizza gita completa con 9 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m. :: 2300
Gran bella gita con itinerario abbastanza diretto.
Saliti dalla parete nord est sino alla spalla su cresta nord ovest.
Per essa in cima ( molto gelata ).
Sceso una ventina di metri dopo la diramazione con la normale entrando in parete tra rocce affioranti e un po' di neve recente umida che scivolava sopra il fondo.
Non banale visto la pendenza
Una volta in parete ok con curve sempre ragionate.
Arrivato all'altezza della spella discesa più rilassnte.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
Ha detto tutto Davide sulle condizioni. Molta gente dopo di noi. Con Davide, Alf e un saluto a tutta la compagnia incontrata prima e dopo.

[visualizza gita completa con 5 foto]
ingresso in parete dalla sommitale reso(per i miei gusti) impoossibile da una cornice ghiacciata che ci avrebbe costretti a scavare scaricando molta roba in testa a chi saliva..oltretutto la neve nei primi metri pareva appoggiata su roccette poco stabili...scesi un pò sulla dorsale sinistra orografica e poi entrati con neve inizialmente un pò traditrice ma poi più compatta e del tutto divertente.Spiace non essere partiti dalla punta ma va bene cosi...visto nessun altro in parete..io alf e boom boom.Saluti a tutti quelli incontrati.alle prossime

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: strada aperta fino alla diga del serrù, mt 2200
quota neve m. :: 2300
gita in condizioni ottime!
portato gli sci sotto il muro della diga del Serrù e per un breve tratto oltre, massimo 10 minuti, poi si calzano.
al di là del colletto con il palo di legno ci sono 3 metri lineari su terra, poi neve continua, fino ad un'altra brevissima interruzione dietro il colle d'oin.
quanto alla discesa, lo scivolo nord est è in buone condizioni, in alto affiora qualche pietra, da scansare con molta attenzione (davide è stato molto bravo!). c'era un recente strato di fresca, che ha reso la discesa un po' più "morbida"...forse sarebbe stato meglio anticipare un po' la discesa (siamo scesi alle 11.15, quasi un'ora dopo chi ci ha preceduti e pare abbia trovato neve più consistente...).
neve un po' troppo molle sotto il colle d'oin, poi invece sotto stupenda perchè molto compattata.
saluto i compagni davide, alessandro, andrea e max!

[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: Sotto i tornanti del Serrù
Confermo le impressioni di Sien. Pur avendo battuto la cresta sommitale non abbiamo trovato un'entrata ragionevole. C'era solo un corridoietto obliquo e schifido largo mezzo metro con una spanna di farina su pietruzze smosse... Il versante est verso i Bouquetins faceva ugualmente abbastanza senso. Abbiamo qundi preso l'entrata "semi-coniglia" con traversone alto.
Dopo, visita di cortesia al Carro e discesa nel vallone omonimo. Mai visto così pieno di neve! Non si vede nè la strada nè il torrente e si scende alla grande sino al ponte basso.
In salita ottime condizioni sia al Piccolo Colluret, sia al colle della Vacca e, guardandoli da lontano, paiono buoni anche in canale della Capra e il Garn Colluret.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: In auto fino ai tornanti sotto il lago Serrù
quota neve m. :: 1800
Giornata di grande sci grazie alla spolverata serale con 20 cm di neve fresca. Anche questa volta non siamo riusciti a partire direttamente dalla vetta perchè la fascia rocciosa finale è già scoperta. Entrati in parete 50 metri sotto la vetta e poi diagonale per portarci in centro parete. Neve spettacolare con belle curve, qualche volo senza conseguenze grazie alla neve supermorbida. Dal col d'Oin risaliti alla cima del Carro e poi altra bella discesa fino al ponte a 5 min. dalla strada.
Con Feis, Gianni, Valter e Pier passato piacevolissima serata al rif.Ballotta con max confort.


[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: visto cadere valanghe a lastroni
neve (parte superiore gita) :: accumuli o lastroni
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: aperta fino al Nivolet
quota neve m. :: 2400
partiti dal Serrù alle 6,saliti dal col d'Oin,rigelo scarso,ma temperatura non caldissima.Attaccato la parete nord est,che in parte aveva già scaricato.saliti al centro tra terminale e piano di scarico.arrivati sotto le roccette finali neve profonda su ghiaccio e roccia.Dubbio,ma poi preferito forzare l'uscita non fidandomi comunque di scendere dalla parete.Usciti in cima,troviamo altri due sciatori che avevano tagliato la parete verso ovest,usciti in cresta a destra della cima.Dalla nord est non si scende,tempo di dire la frase ed un boato accompagna il crollo della parete nord est verso il basso con un enorme unico lastrone che viaggia verso il fondo del ghiacciaio.Siamo già tutti in cima...eravamo in sette oggi sulla parete.15 minuti più tardi e....game over!
ridiscesi un pezzo dalla cresta con neve beton(capirci qualcosa),rientriamo in parete più in basso,si scia veloci sul piano di scorrimento del lastrone,neve buona...già!
Rientro sul piano della ballotta,neve pesante ma sciabile fino al rifugio della ballotta.
Oggi ci è andata di gran culo (lo scrivo x intero):
errore di valutazione?fatalità?...
unica consolazione vedere la nostra traccia di salita risparmiata dal lastrone:intuito,fortuna...
non importa,15 minuti di anticipo sul destino...
Con Lafiocavenmola,marilena "ancheledonnefanno ripido",Giorgio sborderzena,Lurens mangiapoc cagasuens.
Saluto agli amici delle valli di lanzo. Magari ne parliamo in maniera più approfondita su



[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m. :: 2200
partiti alle 8.15 dalla diga siamo rimasti nella nebbia fino al colle del paletto poi furi dalle nebbie ambiente magnifico ma ancora un po nuvoloso, quando siamo arrivati in punta verso le 10.30 è uscito un bellissimo sole. la parete nord in condizione spettacolare mai trovata così innevata bene negli ultimi 3 anni, oggi dalla nord siamo scesi in 4 ,il primo tratto sembrava di sciare in farina... penso sia ancora in codizione per un paio di settimane , la consiglio vivamente

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: strada aperta oltre la diga del serrù
quota neve m. :: 2400
Partenza dalla diga del Serrù mt 2275 risalito il canalino della Ballotta con neve molle e sci a spalle. Calzati gli sci sopra il canale e risalita con le pelli lungo la via normale.
Dscesa sulla parete NE con neve un pò crostosa per i primi 20/30 mt poi bella fino al Pian della Ballotta. Molle solo nel canale della Ballotta.
Le 4 stelle le ha date Franco io ne avrei dato anche solo 3 per la fifa dei primi metri in discesa.
P.S.Andreas ringrazia il grande amico Alberto per essersi prodigato lungo il canalino della Ballotta

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento dura
saliti sabato a ceresole dove una accogliente e calorosa baita tutta per noi, con vista panoramica sul lago ci regalava una notte sotto un cielo di stelle.....
Saliti prima alla Cima del Carro con raffiche di vento molto fastidioso. Breve discesa per salire la parete n.e della Rousse solo perchè il vento si era calmato notevolmente. Non siamo scesi direttamente dalla vetta perchè il primo tratto era poco sciabile su Beton poi alcuni centimetri di neve recente appoggiata su uno strato duro da stare un po all'occhio per alcuni tratti di ghiaccio affiorante.
Penso sia per me la mia ultima discesa della stagione "forse".
Ringrazio e saluto tutti i soci e compagni di questa mia ricca stagione dove abbiamo codiviso e sperimentato insieme forti emozioni. ciao e grazie a Gulliver

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
note su accesso stradale :: strada aperta fino a poco prima della diga
quota neve m. :: 2000
gita bellissima! condizioni da gennaio-febbraio!
il freddo di questi giorni ci ha regalato un fondo duro spolverato da 5 cm in basso che diventano 20 in cima!
ho sceso la parete N con Andrea, i primi metri un po' troppo dura la neve.....poi molto divertente.
un saluto anche a Davide!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: ...condizioni gita ...
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Saliti all'Aiguille Rousse dal Serrù passando per il colle a dx della cima delle Rocce (breve tratto senza neve), colle d'Oin, parete NE fino a raggiungere la dorsale a dx (ultimo tratto senza neve) e poi la vetta. Discesa dal pian Ballotta. Dalle macchine si cammina 20', tutta la gita è in ottime condizioni. In discesa si arriva sci ai piedi fin sotto il Ballotta, senza mai toglierli.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente umida/pesante
visto le condizioni della scorsa settimana sono tornato dinuovo sull'aiguille rousse, questa volta ho sceso la nord dal canale a sinistra della punta, nettamente meno impegnativa che scenderla centralmente dove ero sceso domenica scorsa, la neve era dura fino al colle oin, poi nella parte bassa ha mollato. nel complesso e' stata una bella gita, ancne perche era acora prcorribile quasi completamente sci ai piedi

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente umida/pesante
gran bella giornata, gita spettacolare. Scesa la nord integralmente, con un amico trovato al colle d'oin; partenza un po' accativante, dall'unico punto senza cornice, primi 30 m emozionanti in mezzo a delle roccette, incrociando anche una cordata che la saliva con le picche.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente umida/pesante
Giornata bellissima e, di conseguenza, gita altrettanto bella!...
Alcuni scesi dal versante nord...ma non era in perfette condizioni...
Ritirnati perciò sulle tracce di salita.
Il canale a fianco del Bivacco Ballotta è in buone condizioni.
Si consiglia poi di costeggiare il lago sulla destra idrografica...
Alcuni sono arrivati fino alle macchine, 200 metri sotto la diga del Serrù!...!...


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: osservazioni: provocato fratture al manto
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
gran bella gita con Enrico e Lodo che mi hanno letteralmente portato su visto il mio "sgorillamento". Il tempo era fetente con condizioni di phoen: vento forte ovunque e nuvole oltre confine sulla nostra meta. Alla fine siamo riusciti a ricavare il massimo. Il vento non era così impestato e la NE si è aperta giusto per farci vedere (caro Giuliacci stavolta te l'abbiamo fatta rubandoti un angolo di tempo favorevole per la discesa!!).
Da segnalare il nuovo record "drugster" sui 200 m da fermo stabilito nella parte alta del versante NE sfruttando una placca a vento.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
note su accesso stradale :: strada aperta fino a poco prima della diga
quota neve m. :: 2000
gita bellissima! condizioni da gennaio-febbraio!
il freddo di questi giorni ci ha regalato un fondo duro spolverato da 5 cm in basso che diventano 20 in cima!
ho sceso la parete N con Andrea, i primi metri un po' troppo dura la neve.....poi molto divertente.
un saluto anche a Davide!


[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 10/06/07 - sborderzena
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: parete
    difficoltà: 4.3 :: E1 :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Nord-Est
    quota partenza (m): 1860
    quota vetta/quota massima (m): 3489
    dislivello totale (m): 1780

    Ultime gite di sci ripido

    17/06/19 - Pain de Sucre Canale SO - annibale
    Traversata: salita per la via normale al Fourchon ed al Pain de Sucre. Discesa per il canale Sud-Ovest (ramo dx orografico,un pochino più ripido). Ottima neve.
    16/06/19 - Rousses (Sommet des) o Mont de Fourclaz Canale E/SE - annibale
    15/06/19 - Aiguillette (Monte) Parete NE - giole
    Partenza sci ai piedi dal parcheggio oltre il colle con zero rigelo. Passaggio dry alla breche e discesa su neve molle sino oltre la prima palina. Risaliamo quindi il vallone alla ns destra per poi sc [...]
    08/06/19 - Piccola Ciamarella Parete Nord - g.bona
    Constatato che la Nord della Ciamarella era impossibile da scendere in sci, Piero ed io seguiamo Stefano, Silvio e Federico in questa lunga e bellissima boucle fino in cima alla Piccola Ciamarella. D [...]
    08/06/19 - Vallonetto (Cima del) Parete Nord - rikymar
    Un po' di vento al mattino e qualche nuvola in giro, ma buon rigelo e rapido rasserenamento globale. Abbiamo raggiunto la cresta con la Valfredda a circa 2900 m in punto evidente e comodo. Abbiamo se [...]
    08/06/19 - Ghiliè (Cima) Parete Est e giro per il Passo Brocan - giole
    Partiti dal lago delle Rovine. Sentiero-scorciatoia per il Genova pulito ed a posto. Si portano gli sci sino al lago Brocan, poi neve ancora abbastanza continua, rossa compatta fino a 2600 circa poi b [...]
    07/06/19 - Lombarda (Cima della) Canale NO - popino
    Arrivati al colle della Lombarda alle 6.16, dopo più di 2 h di macchina, è una bella botta vedere che di neve quasi non ce n'è.... Ma non siamo certo tipi da perderci d'animo. Il canale NO è secco [...]