Ghicet di Sea da Pian della Mussa

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: Ok fino a balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Neve continua dalla macchina anche se la stradina è abbastanza ghiacciata.
Gran caldo al piano,poi dal Ciriè si è alzato il vento a raffiche.
Abbiamo preso la giusta finestra di bel tempo,grigio nella bassa,le nuvole al piano si son dissolte grazie al vento che le teneva dietro le montagne.
Complice le velature la neve ha mollato poco,ma non era ghiacciata,si saliva bene con buon grip senza rampante.
Passati dal colle battaglia,poi visto che si era aperto bella discesa fin verso il piano della ciamarella e da lì ripellata fin in punta.
Vento a raffichea non troppo fastidioso,buona visibilità,prime curve un po' dure controllate,poi bella discesa nel canale principale,che scendendo migliorava ammorbidendosi.
Siam stati sotto la Franci,un bel canalone lisciato(2 sulle Franci)
E poi abbiamo proseguito la discesa sul canale verso il Ciriè.
Non seguire le tracce al fondo del canale ormai non è più raccordato e obbliga a togliere gli sci e qualche passo su rocce.
Meglio uscire poi a sx verso il Ciriè.
Piano un po' molle stradina da pattinaggio artistico anche in discesa.
Bel piano verso le 14 si vedeva arrivare la tormenta in alto,speriamo ne metta giù
Con Enrica, Silvia, Marco e nuvola

L ha fatta tipo 10 volte oggi.....
Bel panorama nell' occhio del ciclone

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Salito al Colle Battaglia, sceso al piano della Ciamarella (150m a 4 stelle), incontrato un signore che aveva battuto fino al Ghicet, e mi ha parlato di neve 4 stelle, non ci ho pensato un secondo ho ripellato, salita senza difficoltà su 10-20 di fresca (o riportata), non necessari i coltelli, pendio finale bello sexy e uscita in cresta divertente.... Discesa da 4 stelle su farinella goduriosa, girato a sinistra e rientrato al strada facendo anello che sbuca alle baite a metà del pian della Mussa. Se non erro sono circa 1500
Da solo, felice pensando a tante cose

Classica chicca delle valli di Lanzo quasi

Consigliata!


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Ok
attrezzatura :: scialpinistica
Il Ghicet in questa stagione è sempre una garanzia....
Portage sino ad inizio di Pian Ciamarella, poi bella neve sino in cima; rampant utili nell' impennata finale; inizio discesa verso le 11,30 su neve duretta ma con ottimo grip poi nel toboga più morbida e liscia; sfruttando bene le pendenze arrivati sino all' imbocco del canale attraversando tutto il piano senza dare un colpo di spinta ....

Bella giornata ma fresca.
Oggi 12 Evergreen in ordine sparso, noi quattro al Ghicet, i rimanenti alla Rossa di Sea


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Partito dal P.d. Mussa alle 7.20 con temperatura sotto zero, 45 min di portage fino quasi al Pian Ciamarella poi buon innevamento, neve dura ma grippante in salita. Sceso alle 10.30 con neve ancora duretta in alto, meglio scendere un'ora dopo se continuano queste temperature fredde.
Utili i rampant nel pendio finale.
.
Risalito l'ultimo pendio sotto il Ghicet
Fino a metà. Poi dietrofront per avere ancora gambe per la discesa. (Prima scialpinistica della stagione ). Incontrato 5-6 scialpinisti sul percorso.Da ripetere con un p'o più di allenamento.


[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal rif. Cirie' con sci sullo zaino e vento molto forte (qualche problema di stabilita' per le raffiche!), si incontra la neve poco prima dell'arrivo a pian Ciamarella. Di li in su buon innevamento ma le temperature molto basse hanno mantenuto la neve molto dura. Vista anche la visibilita' non perfetta ci arrestiamo ai piedi dell'ultimo pendio. Discesa facilitata dal pendio liscio come un biliardo, ma certo non memorabile. Consigliabile non appena le temperature si alzeranno un poco
Insieme a Davide, gita di ripiego viste le condizioni meteo generalmente avverse. La scelta di un pendio esposto a sud ci ha risparmiato le raffiche di vento piu' forti. Sulle montagne in alto (Bessanese, Ciamarella) bufera. Dopo il weekend sfortunato della settimana scorsa al Bezzi, dal quale eravamo scesi con le pive nel sacco, altra giornata non perfetta. Speriamo di rifarci il prossimo weekend!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: strada pulita e aperta fino a Pian della Mussa
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Dopo mille perplessità decidiamo con Daniela,Elena,Luisella e Marco di andare alla Rossa di Sea.Al fondo del Pian della Mussa dopo il ponticello calziamo gli sci e ci dirigiamo verso i Pascoli della Battaglia.L'inizio è su strisce di neve tra i sassi,poi superata una slavina ,salendo di quota l'innevamento è uniforme.Giunti al colle della Battaglia scopriamo con disappunto che bisogna perdere quota per raggiungere Pian Ciamarella.Due grosse slavine impediscono un comodo traverso di 140 mt.di dislivello negativo.Raggiunti i pendii superiori,il meteo decisamente migliorato e la sfarinata di neve fresca ci invitano a proseguire dritto fino al Ghicet di Sea.La discesa con farinella su fondo liscio ci regala una piacevole sciata fino al termine di Pian Ciamarella,da lì imbocchiamo il canale che con qualche derapata e minimi ravanaggi ci deposita sul sentiero che scende al Ciriè.Ottimo trattamento al rifugio.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Dopo il caldo dei giorni scorsi si portano gli sci a spalle per i primi 170 metri di dislivello, ovvero dopo Bogone dove la mulattiera spiana. Veloce progressione sul piano anche grazie alla neve parzialmente ghiacciata e ben compatta. Dopo il Rif Ciriè (aperto) ho deviato a destra seguendo i pendii dove si trova il sentiero "delle mucche". Da pian Ciamarella in poi buon innevamento, si segue il classico itinerario fino al canalone finale dove oggi richiedeva i ramponi, a tratti entravano solo le punte mentre in alcuni segmenti si riusciva a fare una bella pesta su neve decisamente più morbida. Discesa davvero bella ma che varia notevolmente in base alle linee che si sceglie di seguire, avendo testato la neve salendo sono sceso lungo le tracce dove la neve era più compatta con un velo di farinella pressata, Top. Sceso seguendo il torrente sopra il rifugio, richiede un pò d'attenzione in quanto non molto pieno con parecchie pietre affiorati, anche li qualche bel saltino su alcuni tratti belli ripidi. Finalmente una bella gita che si avvicina notevolmente al vero sciAlpinismo restando comunque nulla di estremo. Molta gente in giro, battaglia, rossa di sea e un francese a punta Adami salito per l'Arnas, sconsigliato in quanto marmoreo.
Strada di rientro veloce scorrevole ma molto ghiacciata, scendere con cautela.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: al pian della mussa parcheggio a pagamento 3 eu
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
che dire...a noi se la sveglia non suona alle 4 non ci piace... gita fatta per farne ancora una: sentiero estivo (parte dietro al rifugio) con sci a spalle fino al pian Ciamarella.. da li neve continua fino al colle: rigelo buono: causa alcune nuvole iniziata la discesa alle 9,30 e il canale non aveva ancora mollato..
neve a rigoli e a coppette per tutto il percorso...meglio nella parte bassa che aveva mollato un po..
risaliamo al Colle Battaglia (170m di ripellata.. per lingue strette sulla massima pendenza - faticoso) sperando di trovare lngue continue che si raccordino alla parte finale del pian della mussa ancora innevata: invece niente ! a 2250 la neve finisce... sci a spalla e si torna giu!
con Maurizio e JO che piuttosto di portarsi gli sci a spalla sciava sull erba :-)


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
attrezzatura :: scialpinistica
Gita presa al volo con la chiamata del DOC!...per essere il 10/06 condizioni molto buone! dal pian della ciamarella in su tutta neve continua, ultimo pendio ho messo i coltelli....partiti alle 6 circa, discesa alle 9...prima parte duretta...poi stranamente un breve tratto sfondoso...ma dopo molle ma ben sciabile fino alla fine del piano...insomma gita goduta alla grande!

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Gita di prova per Gina... quindi abbiamo volato medio basso.
Dopo solito portage sino a Pian Ciamarella, pochi problemi sino in cima al cucuzzolo. Sull'ultimo pendio, grazie a un rigelo quanto meno di superficie, i rampant erano utili. In discesa consigliabilissimo risalire a Col Battaglia. Da qui si scende sempre su neve buona, cercando si stare sempre sulla destra, poi quando le lingue sembrano esaurirsi compare un bel canalino provvidenziale che porta in basso con buona discesa. Al termine del canalino si traversa a destra per una trentina di metri su neve sporca a raggiungere bei pendii di neve pulita e compatta. Incredibilmente si arriva in sci davanti alla Rocca Venoni a 5 minuti dal park, e già questo, a metà giugno, vale 4 stelle... Neve comunque compatta e non malvagia. Mai sfondosa.
Sia pure in modo contraddittorio secondo segnalazioni discordanti tra loro, da ieri si paga il parcheggio al piano: 3 euri per le auto. Ieri l'ultimo parchimetro più a monte non funzionava e bisognava fare il ticket a quello prima vicino alla chiesetta.

Gina: bravissima.


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Portage sino a Pian Ciamarella ma volendo si calzano gli sci 200 m. prima nel canale; neve marciotta su tutto il percorso che ha reso piuttosto faticosa la salita del ripido pendio finale; discesa un po' impegnativa nel tratto iniziale per la fradicità della neve, poi via lisci sin ove possibile nel canale finale, anche se ormai il piano sembra un campo di patate arato dalle tante rigole della pioggia;
meteo decente, un plaffond di nuvole sui 3000, qualche timido raggio di sole, qualche goccia di pioggia portata dal vento....
alle 11 alla macchina, quando iniziava a piovere più seriamente.

Oggi bisognava crederci ... e siamo stati premiati.
In compagnia di Giselle.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Gli sci si calzano allo sbocco del valloncello di salita sul pianoro della Ciamarella.
Il dislivello sciistico è quindi contenuto ma l’itinerario è ancora interessante, sia per la bellezza dell’ambiente sia per il buon innevamento del vallone di salita e oggi la neve era superlativa.
Il sostenuto pendio finale, circa 200 m. di dislivello, con neve dura richiede l’uso dei coltelli e per salire sulla più panoramica sommità posta ad ovest del colle possono essere utili i ramponi.



[visualizza gita completa con 9 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Portage di una quindicina di minuti, poi si può ancora sfruttare il canaletto che da accesso a Pian Ciamarella. Purtroppo rigelo solo superficiale che ha comunque ben tenuto in salita (coltelli per l'ultima rampa). Discesa alle 10 pensando ad un bel firn sul lato destro, invece già cominciava a sfondare. Sul lato sinistro, dove era appena uscito il sole, invece bella discesa su neve ancora un poco dura ma divertente. Poco sopra Pian Ciamarella già molle, ma a quel punto bastava lasciarsi scivolare.
Questa mattina al Ghicet parecchi "soliti noti" frequentatori di queste Valli, piacevoli saluti e chiaccherate.


[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Con Luca, Mauro e Paolo. Per me la valutazione (di concerto con i compagni) è un po superiore, la media tra la parte alta bella e il finale. Trovare il giusto equilibrio di orario per scendere non è facile, verso le 11 il canale era ancora un po duretto, la parte centrale tratti con firm spettacolare poi marcetta ma comunque sciabile, con il caldo che faceva... In discesa siamo saliti al Colle Battaglia, io sono salito anche alla Rocca Ciarva. Discesa sui pendii centrali e poi ci siamo spostati a destra togliendo per un tratto gli sci, giunti a 10' dal parcheggio. Dal Colle Battaglia se ci si tiene tutto a destra è probabile che non si tolgano gli sci. Per le mie capacità sciistiche è stata una gita super. Finale con grande pic nic.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Anche oggi di nuovo al Ghicet di Sea, purtroppo rigelo molto scarso rispetto a ieri e il pian Ciamarella si presentava già un po' molliccio alle 9e 15. Comunque solita facile salita, oggi risalita anche la punticina rocciosa a destra del colle, con traccia da battere su neve un pò sfondosa. Discesa non male stando sempre sul versante sinistro dove il sole tocca meno il manto. Da 100 metri sopra il piano fino al canalone sopra il Ciriè, neve quasi insciabile e molto lenta.
Una decina di persone al Ghicet, qualcuno verso punta Maria, altri visti scendere dalle capre. La neve sembra marcetta un pò ovunque con questo caldo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Rigelo mediocre. Poi subito caldo. Scesi alle 9.15 da punta franci su neve bella ma appena rigelata in superficie.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Alle 9 sci in spalle dalla macchina, ho spallato lungo il sentiero fino all'inizio di Pian Ciamarella da dove si possono mettere gli sci. Rigelo perfetto, tutto ottimamente trasformato. In 1.18h ero al colle, sull'ultima pala ho messo i ramponi per una progressione più veloce grazie a delle vecchie peste, probabilmente di qualche ciaspolatore (che ringrazio). Salito sino alla piccola punticina proprio sopra al colle sulla sinistra. Per la discesa non ho seguito il canalone ma mi sono tenuto più a destra lungo pendii intonsi leggermente più ripidi, ma con neve SUPER, evitando cosi le tracce rigelate lungo il canalone. Neve che si è tenuta perfetta(mollando leggermente, ma mai sfondosa) fin poco sotto pian ciamarella dove si riesce a scendere ancora per un centinaio di metri lungo il canale.
Il piano ha una potenzialità incredibile, con vari itinerari di ogni genere e difficoltà. Solo oggi almeno una trentina di persone, tra scialpinisti, gente con le ciaspole o chi va semplicemente a spasso. Tutto questo a mezz'ora da casa. Bello non sentire elicotteri in giro, impianti ecc.. ma solo tanti animali, fioriture e molti appassionati di montagna.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Strada aperta fino al Pian della Mussa, per ora park non ancora a pagamento
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi una gita nella “mia” valle
Si spallano gli sci per 15 minuti percorrendo il sentiero estivo per Pian della Ciamarella fino ad entrare nell’incassato valloncello dove scorre il torrente, da questo punto si possono calzare gli sci.
Rigelo sufficiente e salita senza problemi su neve portante fino all’inizio del ripido pendio che conduce al Ghicet, da quota 2400m tre dita di neve fresca del temporale serale di ieri rendevano la salita gradevole senza l’uso dei rampant.
Al colle conosciuto Fabio e Giuseppe con i quali abbiamo condiviso la discesa su primaverile spettacolare fino alla base di Rocca Ciarva, qui abbiamo deciso di ripellare verso il Colle Battaglia per poi scendere nel vallone dei pascoli Battaglia, inizialmente su primaverile più umida e parte finale su marcione, ma ormai si è arrivati.
Durante la discesa sotto il colle, stando tutto a dx , si può raggiungere l’ampio vallone della valanga Nera ed arrivare quasi al Pian della Mussa sci ai piedi, questo variante risulta essere molto interessante perchè evita di dover fare al ritorno il Pian della Ciamarella dove le pendenze sono modeste.
Ottima gita da consigliare, ed oggi discretamente frequentata, molto importante scegliere l’orario giusto per scendere, direi non dopo le 10/10,30 ( vista la neve recente), se scalda un paio di giorni sarà tutto firn.
In buone condizioni Punta Franci, anche se molto tracciata.
Molta gente vista in salita nel Canale delle Capre, ben innevato e in migliori condizioni dell’Arnas che è parecchio svalangato.

Un saluto ai compagni di discesa Fabio e Giuseppe e al grande Bruno incontrato al Piano di ritorno da Punta Maria, mi diceva che oggi era buona la discesa sul ghiacciaio ma non un granchè dal col d’Arnas in poi, e lui è uno che ne sa!


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
oggi solo sei evergreen hanno partecipato a questa scialpinistica al Ghicet di Sea. Abbiamo portato gli sci a spalle fino a circa 2050 metri. Da lì in poi neve favolosa fino in punta. Peccato che ogni tanto subentrasse la nebbia che poteva ostacolare la salita nell'ultimo tratto abbastanza verticale oppure in discesa. In ogni caso le quattro stelle sono un po strette se si giudica solo la neve in discesa. Lungo il percorso ho incontrato l'amico Renzo Barbiè che saluto calorosamente.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Quindici min. di portage dietro il Rif. Ciriè, sino ad entrare nel canale che scende da Pian Ciamarella e poi si calzano gli sci; neve tutta trasformata ed ottimo rigelo su tutto il percorso; noi alle 9,30 eravamo già su e la rampa finale si presentava marmorea, sarebbero stati necessari i ramponi (lasciati in macchina!!) al posto dei coltelli, per cui ci siamo fermati 50 m. sotto il colle; iniziato discesa dopo le 10,00 ai primi segni di rinvenimento, ma meglio sarebbe stato aspettare un' altra mezz'ora; giunti al piano siamo risaliti al Colle Battaglia e scesi poi su lingue di neve sino al ponte dell' Alp Venoni su splendida primaverile rinvenuta al punto giusto.
Bella giornata, inizialmente fresca; in compagnia di Giselle.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Salito al col Battaglia, su neve ancora un pelino ghiacciata (10h), bellissima discesa su Pian Ciamarella fino a incontrare Massimo. Saliti velocemente su neve trasformata io al Ghicet di Sea(sull'ultima rampa ho usato i coltelli visto le pendenze sostenute) e Massimo a punta Franci. Visto le bune condizioni a sud dei scorsi giorni non ci siamo sbagliati e infatti bellissima discesa su neve appena mollata dal sole. Per il rientro siamo scesi dal canalone che arriva sopra al rif. Ciriè stranamente liscio e privo di valanghette.
Bel giro per una volta non in solitaria, 1450D+ 19Km
-62-

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Strada riaperta al piano
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Assenza di rigelo e vento forte al mattino sono i presupposti che certamente non possono garantire una bella sciata, quindi scegliamo il Ghicet per limitare i danni.
Una ventina di minuti di portage per imboccare il canale sopra il Ciriè circa a metà, poi dal Pian Ciamarella ancora neve abbondante, ma decisamenete umida.
Durante la salita fortunatamente il vento va diminuendo fino a scemare, e si sale l'ultimo pendio ripido su crosta non portante lavorata: il pendio appare comunque sicuro.
In discesa nel primo tratto quasi impossibile curvare senza insaccarsi, poi migliore sciabilità malgrado la neve bagnata.
L'itinerario appare sicuro, si toccano numerosi resti di valanga, ma quello che doveva cadere è caduto. Dalla sud della Ciamarella scariche continue che arrivavano fino ai pendii della Rocca Ciarva.
Le due stelle solo per la condizione della neve, mattinata invece davvero bella.
Con mio figlio Simone.



[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: pulita
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Venti min. di portage sino all' ingresso del canale sopra il rif. Ciriè verso Pian Ciamarella, poi neve continua ottimamente gelata su tutto il percorso, anche troppo nella parte alta ove sono indispensabili i coltelli; un paio di grosse valanghe di ieri hanno interessato il ''toboga''; atteso sino alle 12 per scendere, con neve dura che accennava appena a mollare; ottima discesa su crosta portante leggermente rinvenuta nelle esposizioni più in sole, poi veloce scivolata sul Pian Ciamarella senza necessitare di un colpo di spinta, quindi breve discesa nel canale su neve più molle.

Giornata freddina, sole leggermente velato, no vento.
Con Ago, Beppe, Rossella e Giselle


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: a Balme senza problemi
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi, spinti da Ermes che aveva letto la relazione di Fulvio su "La fioca ven mola", arrivati a quota 2350 circa abbiamo abbandonato il percorso per il Ghicet e siamo saliti per il ripido pendio di sinistra fino ad un valloncello che sempre in direzione NO adduce al bellissimo, ripido e largo pendio esposto a SO che porta alla quota 2803 della cresta spartiacque con il vallone di Sea, circa 800 metri a NO del Ghicet. Per cause varie abbiamo iniziato tardi la discesa (ore 14) con neve un pò allentata ma sciabilissima in alto. Poi bella crosta portante fino a Pian Ciamarella. Di li in giù, già in ombra, neve via via più dura con ultimo pezzo sopra il rifugio alla meno peggio sulle vecchie tracce gelate. Sul piano il gatto aveva appena ribattuto e lo abbiamo attraversato veloci a passo spinta per rilassarci poi sulla stradina. In totale 1330 m. di dislivello e un pendio finale di 350 metri più OS che BS da percorrersi solo con neve sicura.
Con la piacevolissima compagnia di Ermes, Giancarlo, Elena e Stefano.


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: libera
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Solo per amatori del duro, lungo e stretto, il canalone che scende dal ghicet pareva una pista da slalom special, compressa come neve artificial. L’uscita dall’impluvio sopra il rif. Ciriè NON bella! Poi pistone di rientro ben fresato su ambedue i lati orografici, usare ski nervosi e laminati. Bell’itinerario ma esistono anche altri sport invernali: skupa, briscula, cirula, ecc…

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: pulita fino a balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Gita particolare in canalone con discesa in toboga.Salita fino al rifugio ovviamente senza problemi.Dietro al Ciriè terreno svalangato alternato a crosta ci ha costretto a mettere i rampant per salire dal canale che porta al piano ciamarella.Di lì in su la neve si liscia e il percorso si incassa nuovamente.L'ambiente ci guadagna e piacevolmente arriviamo poco sotto il colle,rimettiamo i rampant e in vetta godiamo di un bellissimo panorama e temperatura.Discesa su neve liscia e compatta che però non entusiasma x la natura del percorso.Curve strette e sfruttando il toboga è stato comunque particolare ed abbastanza divertente.Dopo il piano ciamarella fino al rifugio da fare con cautela.Pista fino a Balme.Una decina di skialper.Salutato qualche amico con Randagia






[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: ottimo fino a Balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Il forte vento di ieri ha condizionato molte gite effettuate oggi, a noi invece ha fatto un regalo inaspettato compattando e levigando i 3/4 della discesa dalla punta innominata a sx del Ghicet a 2800mt, fino poco sopra il rif. Ciriè. Praticamente un unico lungo togoga, lineare e liscio come le migliori piste a patto di non abbandonarlo! All'alpe della Ciamarella abbiamo avuto qualche dubbio sul proseguo della gita ma, imboccato il vallone del Rio Ciamarella, abbiamo capito che eravamo su uno splendido itinerario in condizioni strepitose. Alla fine da Balme, gitone con 1300mt di disl., meteo spaziale al cospetto di montagne giganti. Con Renzo Barbiè e sudditi al seguito.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti a piedi sino al Pian Ciamarella, innevamento buono dai 2300 metri in su, al colle neve dura come il marmo. Giornata bella ventilata e fredda. da quota 2400 la pioggia della settimana ha creato ondine che erano ancora gelate alle 10 quando siamo scesi e ci hanno rovinato un pò la discesa, forse oggi era meglio salire più tardi. Siamo risaliti al colle battaglia e da li in punta a Rocca Ciarva poi siamo scesi al piano. Se ci si tiene sulla valanga nera si arriva con un traverso con gli sci sino al Nuni, altrimenti occorre toglie e metterli un paio di volte per arrivare alle spalle del rifugio Ciriè. Penso che il versante sud del Piano quest'anno abbia dato tutto,l'innevamento comincia a scarseggiare in basso.

Con Grazia.


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Qualcune definirebbe le condizioni da noi trovate "porno firn".
Bellissimo dalla punta al pian della Mussa, tranne la parte del boschetto dove era marcia ma sciabile.
Piano con neve marcia poco scorrebole e strada abbastanza uniforme ben sciabile.
Con Fede da soli


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
attrezzatura :: scialpinistica
Condivido pienamente le valutazioni di Snowcat, ove a mio avviso il problema maggiore è stato la assoluta mancanza di visibilità in discesa.
Ritorneremo col sole!

Ottima merenda crinoira a chiusura delle attività del corso SA1 della scuola G. Ribaldone


[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
oggi brutto tempo e crosta a 360 gradi !!! comunque buona visibilità in mattinata ci ha permesso di salire fino a quota 2600 circa , poi a causa continui assestamenti , pendii ripidi molto carichi , visibilità assente , abbiamo preferito ritirare la squadra oggi numerosa , eravamo più di 30 ! comunque ben battuta la pista pedonale che sale al piano , scarsa la neve sopra il rif .Cirè , ma si passa ... sopra canale ben innevato e ben sciabile .. dal piano della Ciamarella in su aspettate che la neve si assesti e si trasformi , poi sarà una bella gita e una ottima sciata .
Gita di ripiego dell 7.ma uscita del corso scialpinismo G Ribaldone ( avremmo dovuto essere al Sempione !! ) . Bravi tutti ... allievi , istruttori , ex allievi , aggregati , che hanno comunque preferito una giornata nella natura e in compagnia , alle pantofole .. tutti contenti , soprattutto dopo la merenda con salami di turgia , toma , fontina , affettati , dolci , colombe, prosecco e recioto .. ottimo spumante Martini in magnifica bottiglia magnum ..


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
E' il proseguimento della Gita alla Rocca Ciarva. Raggiunto cosi' il Ghicet, per non doverci ritornare un'altra volta. In discesa sono rimasto nel Pian della Ciamarella e non dover cosi risalire alla Ciarva in quanto tirata via nella fase di andata. Gran caldo che ha reso tutto piu' faticoso. Bella giornata finalmente, dopo una lunga settimana all'insegna dell'incertezza. Ora la traccia e' fatta..c'e' da sperare che non nevichi! Molti ciaspolatori al Pian della Mussa, ma anche 5 di esssi al Col Battaglia e un solitario diretto alla Ciarva, salito direttamente dal Cirie'.

[visualizza gita completa con 5 foto]
Partito per il ghicet mi sono fermato qualche centinaio di metri dopo il ciriè per il vento impetuoso che non consentiva di continuare. Sulle cime gli sbuffi di neve facevano capire che sarebbe solo peggiorato.
La neve è quasi trasformata sui versanti a sud, mentre altrove è abbastanza bruttina, crosta non portante alternata a tratti ventati duri.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: Ok fino al pian della Mussa
quota neve m :: 1800
Saliti lungo il sentiero fino a Pian Ciamarella. Neve dura il giusto, perfetto il pendio finale fino al Ghicet. Aspettato in cima fino alle 10 per permettere alla neve di mollare un pò. Risaliti dal colle Battaglia ed arrivati fino al pian della Mussa precisi su bella neve.
Un saluto ad Ezio e Paola incontrati al piano, di ritorno dalla Piccola ciamarella


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
note su accesso stradale :: ok, si lascia l'auto a balme
in alto neve ventata dura ben sciabile e perfettamente levigata(da ricercare i raccordi con i placconi!!). Da Pian Ciamarella in giù molto poca e se si scende non presto, la neve molla e si toccano molti sassi.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
se non da fastidio togliere - rimettere le pelli e perdere un po' di dislivello, conviene passare dal colle Battaglia anche in salita, si allunga un po' ma il percorso è più agevole rispetto al canale dietro al rifugio, più ripido e privo di neve in alcuni tratti. sul pendio finale o sentito assestamenti del manto nevoso. Visto parecchi animali: camosci, una volpe e molte marmotte.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Giornata tersa con leggera brezza al mattino. Dal colle ottima vista sul Gran Paradiso, Uja di Mondrone, Punta Maria, Bessanese, Ciamarella, ecc. Iniziata la discesa alle ore 10 e condotta giù per la verticale sino al Pian Ciamarella. Neve primaverile, sublime ! Risaliti al colle Battaglia e di nuovo giù al Pian della Mussa per raggiungere, sci ai piedi, l'auto lasciata al parcheggio. Gita fattibile ancora per 2-3 settimane. Affrettatevi !!!

[visualizza gita completa con 1 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
saliti nella nebbia e scesi al tatto... neve buona per fortuna

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: in canalone
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1785
quota vetta/quota massima (m): 2750
dislivello totale (m): 965