Viraysse (Monte), Cima delle Manse, Monte Soubeyran da Saretto, anello per il Colle Sautron

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Giro, notoriamente piu' conosciuto (anzi direi il contrario perche' completo ancora pare non sia stato fatto da nessuno) col nome di "Traversata del M.Viraysse", effettuato per intero con successo nonostante le pessime condizioni della neve. Dapprima crosta non portante, poi pesante e per finire marcia del tutto in chiusura di gita che non avrebbe invogliato affatto a proseguire..! Riuscito a includere in questo giro di tutto rispetto, non tanto per il dislivello, quanto per lo spostamento davvero notevole, la salita di quattro delle cime che caratterizzano la cresta di confine. Ad esclusione delle Manse gia' salite anni addietro. Ovvero la Pointe inf. de L'Alp, il M.Soubeyran (anchesso gia' visitato in passato sempre dalla Francia), la Pointe de la Reculaye, per finire al termine di una lunga cavalcata di cresta (con l'obbligo di tenersi a debita distanza dalle sempre insidiose cornici che in questo periodo orlano con le loro forme eleganti i fili delle creste), in vetta al M.Viraysse. Punto d'arrivo piu' elevato del giro intero, ma anche di partenza per la restante discesa che dal Col Sautron tramite l'ampio e suggestivo vallone anch'esso con lo stesso nome del colle, mi ha riportato a Saretto al termine di questo avventuroso viaggio della durata complessiva di ca 7 ore. Non ero solo, bensi in compagnia dei due simpatici e disponibilissimi soci Cuneesi Paolo e Rodolfo, che mi hanno seguito con l'entusiasmo che da sempre li contraddistingue, fintanto che han potuto, finendo poi pero' per dare un taglio alla cosa, e scegliere di calare a valle usufruendo del comodo veloce e sicuro Passo delle Cavalle che loro conoscevano benissimo, e che ha permesso di ritrovarci tutti alla base piu o meno nello stesso momento. Ora il giro raccordato nel punto che unisce le due mete che rappresentano obbiettivi separati, e' fattibile in maniera completa sempre che non si metta a nevicare di nuovo. Il meteo e' peggiorato con avvento di nuvole da burrasca da meta' pomeriggio in poi, ma la gita per gran parte della sua durata non ne ha risentito che in parte di questo mutamento, poiche e' il sereno che ha prevalso per la maggiore.
La Rocca Provenzale,dalla conca ove giace il lago di Visaisa
Paolo avanza attenendosi alla pista, dietro di lui e' il Colletto del Vallonasso
Al biv.Bonelli nella conca del Lago di Apzoi
L'Autovallonasso a sx contrasta separato dal Colle di Enchiausa con il vicino piu' noto Oronaye dai laghi delle Munie
Dal M.Soubeyran..tutto il resto della traversata..
Procedendo nella traversata con in primo piano l'Aig.Barseni la P.de la Reculaye e massiccio al fondo il M.Sautron
La Pointe de la Reculaye sta venendo a tiro..
Dalla P.de la Reculaye buona parte del tragitto e' ormai alle spalle
L'alta Val Maira dalla vetta del M.Viraysse..il tempo sta ormai cambiando
L'Oronaye dal M.Viraysse..punto culminante della traversata
Il M.Viraysse dal Col Sautron ormai in fase di discesa..
L'aguzzo biv. Danilo Sartori e dietro il Col Sautron
Il vallone di discesa..parte bassa

[visualizza gita completa con 13 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: Nulla di rilevante
attrezzatura :: scialpinistica
Siamo partiti all'altezza della Gabina Enel, nulla di rilevante. Giunti al Bivacco Bonfanti Mario dopo una settimana di passione, decide di fermarsi.Proseguito in compagnia di una Ski-Alp Francese, che si é frmata al colle. Proseguito solo in vetta, oggi solo in 7 in vetta.Temperatura abbastanza frizzante(In Vetta). Discesa: sceso dal canale Nord ormai tutto tracciato;attenzione a non spostarsi dalla zona tracciata sia a Dx e/o Sx per presenza di pietre. Fino al bivacco neve alternata Far. e Crosta non portante. Dal Bivacco crosta non portante.

[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
attrezzatura :: scialpinistica
Caldo su tutto il percorso, ma come si alza il vento la temperatura scende notevolmente.
In alto sarebbe farina, ma è tutto stra ravanato. In basso fino a Grange Pausa crosticina non portante ma comunque ben sciabile. L'ultimo pezzo disastroso con neve che non ha mollato ed è rimasta gelata con i solchi dei giorni precedenti. Sarebbero 2 stelle, ma diamone 3 per la magnificenza del contesto, il panorama spaziale dalla vetta e la compagnia. Link Vimeo x il video

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Bella gita con i pochi valorosi del gruppo scialpinismo Uget.
Per la sola neve forse sono più corrette tre stelle e mezza, ma la giornata spaziale, l'ambiente e l'essere soli nel vallone (tranne un solitario che ha battuto traccia che ringrazio) portano su la media. Fatto la gita senza il giro ad anello descritto.
Saliti dal Colle Sautron lato francese, scesi dalla cima diretti nel canale a Nord.
Il vento ha già fatto i suoi danni, spallone di salita scarso di neve, parte alta nel canalone bella farinosa ma lavorata dal vento quindi non molto continua, bella nel centro del vallone fino a Grange Pausa, poi breve tratto un pò troppo marcio , parte bassa meno ripida splendido trasformato.
In salita caldo africano fino all'altezza del nuovo bivacco, da lì in su venticello gelido da ghiacciare le mani.
Con Marco, Annalisa, Ermes, Livio e Mike.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente umida/pesante
Trattandosi di un anello abbiamo trovato neve diversa: completamente trasformata in salita e nelle discese dalle tre cime, quindi nei pendii sud, mentre la discesa dal colle sautron aveva neve sciabile, ma non ancora completamente trasformata. La neve è ancora abbondante fino alla macchina. Bellissima la discesa dalla cima delle manse verso il colle delle munie.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Est
quota partenza (m): 1530
quota vetta/quota massima (m): 2838
dislivello totale (m): 1800

Ultime gite di sci alpinismo

23/03/19 - Tète Noire (Pointe de la) o de la Mandette dal Col du Lautaret per il versante Sud - Giovanni De Rosa
Bella bella. Conviene cercare subito di entrare nel vallone evitando di salire verso sinistra per lingue di neve. Questa deviazione obbliga ad lungo traverso per riprendere il giusto itinerario. L [...]
23/03/19 - Blanc Giuir da Diga di Teleccio (o Telessio) - citta
Gli sci si mettono al rifugio. Attenzione alla prima slavna sul lungo lago: molto insidiosa, meglio con i ramponi. Nessun problema fino al colle dei Becchi, poi neve molto dura. Sul tratto. più ripi [...]
22/03/19 - Arolla (Petite, Col de la) da Lillaz - brusa
Sono salito nel pomeriggio incrociando anche sei sciatori provenienti dal Rif. Pontese. Sconsigliate le scarpe da ginnastica per percorrere il lungo tratto a piedi per la presenza di ghiaccio. Gli sci [...]
22/03/19 - Arp Vieille (Mont) da Bonne - AlessandroA
Partito alle 10:00 con temperatura 5 gradi, caldo sopportabile fino al canalino, poi opprimente fino all'anticima dove fortunatamente il vento rinfresca l'aria. Neve leggermente pesante, ma scegliendo [...]
22/03/19 - Corleans (Cresta di) forcella 2658 m - Canale delle Sirene da Mottes - mavik
Canale in ottime condizioni. Neve polverosa e facile dall'inizio alla fine. La cresta è abbastanza secca ma alcune cornici ci sono . Noi siamo proseguiti per un pezzo sulla cresta ma lì il giro bel [...]
22/03/19 - Tète Noire (Pointe de la) o de la Mandette dal Col du Lautaret per il versante Sud - MOWGLI
Saliti su ottima crosta portante (no rampant) su pendii poco lavorati dai precedenti passaggi, effettuato una prima discesa su bella primaverile divertente, risaliti e scesi subito per godere ancora d [...]
22/03/19 - Ofenspitze da Sulzenbach RELAZIONE NON COMPLETA - giovil
Sarebbe stato interessante salire anche la cresta all'Hochegg ma non c'era tempo. Fatta una ripellata per godere la bella neve. Molte tracce ma i pendii sono veramente ampi e offrono tanto spazio.