Morion (Colle) da Rivotti

attrezzatura :: scialpinistica
Bella giornata, bei panorami, ma la sciata questa volta è da dimenticare. Zero neve fresca, vento moderato, non fastidioso, ma la neve non ha mollato niente, nemmeno sui prati appena sopra la stradina. Qualche bella curva in alto sui placconi da vento, poi pura sopravvivenza, sciando sul marmo.
Colle

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: OK fino a Rivotti
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Dalla chiesetta si segue brevemente la poderale e dopo pochi minuti si possono calzare gli sci.
Strada ghiacciata e neve che migliora da quando la si abbandona anche se oggi con le temperature decisamente più basse dei giorni scorsi non ha mai mollato.
Stupenda la salita nel rado lariceto e sulla dorsale che conduce alla conca che precede il colle con ultimo tratto più ripido.
Mi sono fermato al colle, autentico belvedere, tralasciando la salita al Piccolo Morion
Nota negativa, i vari gruppi che si sono avvicendati sul colle nell’ultimo weekend lo hanno ridotto ad un vero letamaio………………..
Discesa iniziata alle 13 sperando che la neve avesse mollato un po’ ma, pur essendo la giornata ben soleggiata, più di tanto non ha mollato e nella parte alta infastidiscono le vecchie tracce, anche se tratti con neve liscia e dura si trovano, sulla dorsale e fino alla strada invece era presente una primaverile da favola ed i pendii erano più uniformi visti i tanti passaggi del we.
In discesa, per evitare la strada gelata che non sarebbe godibile, è possibile prendere il sentiero che in 10 minuti porta all'auto
Oggi nessuno a parte uno skialp incontrato mentre scendevo


[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: osservato fratture nel manto
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
note su accesso stradale :: libero
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Con soli 10 min di portage da Rivotti si mettono gli sci e si sale sulle tante tracce fino al colle, tratti di neve ghiacciata, non abbiamo usato i rampant ma meglio averli a portata. In discesa neve a tratti trasformata ma x la maggior parte ancora ghiacciata, nella parte alta crosta portante davvero bella da sciare, in basso decisamente meno.
In ogni caso gita stupenda, le amate valli di "casa" non deludono mai. Grazie al socio "local" Met per la giornatona!!


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo non portante
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: snowboard
Giornata calda e limpida con sole che ha ben lavorato la neve. Parte alta molto variabile, morbida su fondo duro nel tratto ripido sotto il colle e alternanza di croste morbide o neve dura, a seconda dell'esposizione, nel traverso che porta alla pra Longis. Breve risalita evitando il traverso e parte alta stretta e ripida della Pra Longis facilitata dall'ammollo. Parte bassa e ampia della cresta con neve non ancora completamente trasformata, il centro è levigato dai passaggi e tipo pista, fuori vari tipi di croste e neve abbastanza pesante. Verso il fondo portandosi ben a sinistra della traccia di salita si incontrano bei pendii ancora non segnati con alternanza di portante e farina vecchia negli avvallamenti, si arriva ben a monte della baita all'inizio del vallone di Vercellina e per stradina ben innevata si arriva al sentiero per i Rivotti, seguito per evitare la mulattiera ghiacciata. Ambiente molto bello, salut!

[visualizza gita completa]
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Week end in val di Lanzo da incorniciare. condizioni spettacolari, a patto di scegliere i pendii e le espo giuste.
In 10 scialpinisti liberi al Morion e discesa praticamente perfetta: sotto il colle, a sx sotto la parete, trasformata, fino a metà discesa, farina pressata/ventata liscia, a mò di pista, in basso crema da paura, poi strada. La perfezione della neve è stata sicuramente perché l'ora di discesa era tarda, in effetti abbiamo iniziato a scendere alle 14/14.30 circa. A volte non serve fare tanta strada per trovare il paradiso ! 4 stelle perché le 5 sono state sabato, al canale ovest del Barrouard, fino a Forno.


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Il Morion in grande condizione anche oggi. 10’ di portage, gita d’ambiente vicino a casa, da fare finché resta così. Bello il pendio finale ripidino. Bellissima tutta la discesa direi, ho scritto primaverile trasformata nelle condizioni, di fatto è la cosa più simile alla neve di oggi, si scia comunque dal colle in giù fin quasi alle macchine alla grande!
Con Marco, Paolo e la cinghialessa....


[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: accessibile fino a Rivotti
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi in tanti, al solito il Dovio's group numeroso, eravamo in 16. Iniziale portage sulla stradina con tagli stando attenti a non andare ad ovest verso Barrouard. Giornata primaverile full hd, con vista su Uja di Ciamarella e torrioni granitici di Morion e piccolo Morion. Arrivati tutti al colle vista su valle Orco e su Granpa. Chi è salito al piccolo Morion ha zoommato tra l'altro lago di Ceresole. Scuola istruttori Valle Orco saliti al Morion. Discesa di grande soddisfazione, neve a tratti dura, ma superficie sempre omogenea, rocconi sempre evidenti, evitare solo canalini a est in ombra. Gita consigliabile anche la prossima settimana. Per la storia trattasi di 700esima gita scialpinismo su sito ettoruccio.it di cui una quarantina nelle Valli di Lanzo. Saluti ai componenti del Gsa, e a bubbolotti.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: OK fino a Rivotti
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi il mondo ai Rivotti, Portage di pochi minuti, poi neve dura gelata fin sulla dorsale sotto il Mont Morion, giornata spettacolare e calda. Il pendio finale per il colle con neve ammorbidita dal sole. Alcuni di noi saliti fin sul Piccolo Morion, a piedi con ramponi of course. Spettacolo su tutto, dal Granpa nella valle dell'orco alla cresta Est della Ciamarella salita 1000 anni fa... Discesa gradevole, neve trasformata e un pò rammollita sul pendio ultimo del colle e poi su alcuni pezzi ripidi della dorsale. Durissima in basso nei pendii in ombra, comunque sci ai piedi lungo la stradina fino a 5 min dai Rivotti. Alcuni sono andati al Barrouard
Un saluto al gruppone del CAI-UGET, molto più veloci di noi...


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa compatta
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Portage di 10 minuti poi neve continua dall'inizio del vallone della Crocetta.
In alto neve compattata dal vento alternata a tratti di crosta non portante, scendendo neve in trasformazione fino a primaverile nella parte bassa.
Sempre comunque ben sciabile: tre stelle e mezzo la corretta valutazione.
Giornata splendida, ma gran caldo.
Fermato sotto il pendio finale per fastidioso zoccolo.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: libero
attrezzatura :: scialpinistica
Dopo aver girollato qui in estate, prima volta con gli sci. Super gita in super ambiente. Oltre a noi solo i camosci. Discreto sviluppo. Pochi metri alla vetta del piccolo Morion ma la nebbia si alzava rapida. Purtroppo la neve trasformata non ha mollato visto il pallido sole mattutino. Alcuni tratti crosticina. Ultimo tratto ripido, forse meglio mettere i coltelli ma io e Luchino siamo saliti anche senza in modo abbastanza agevole.
Oggi con Lu e Gi, il super Luchino e Paoletta. Continua l'esplorazione scialpinistica delle mitiche VdL e ora ho anche il libro nuovo!!


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ok fino a Rivotti
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Si calzano gli sci a 1650m. Nella parte inferiore si tratta di fare un po' di slalom tra i ciuffi d'erba, ma si riesce a nn toglierli mai nè in salita nè in discesa.
Saliti su neve portante.
Discesa:
- parte superiore: alle 13, quando abbiamo iniziato a scendere, purtroppo il cielo si è velato ed è bastato a formare un po' di crosta
- parte centrale: molto bella, primaverile trasformata
- parte inferiore: polenta
Partiti tardi, ma partendo da Milano purtroppo nn siamo riusciti ad essere più mattinieri. Giornata calda al sole. Vento rabbioso in cima. Ambiente bello e selvaggio con nessuno in giro. Peccato le velature che hanno compromesso la sciabilità della parte superiore, altrimenti 4 stelle ci stavano tutte.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: buono a Rivotti
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Buone condizioni anche se l'innevamento ad oggi non è abbondante!!
Partiti (e ritornati...) sci ai piedi a Rivotti con qualche brevissimo tratto sulla cresta dopo la quota 2060 su rododendri ed erba.....
Per il resto ottima sciata su tre/quattro cm. di neve fresca su crosta portante!!
Ottima la compagnia del "figliolo" Andrea!!
- 50 -

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Pulita
attrezzatura :: scialpinistica
Neve dall auto . Si percorre la strada poi si prende su per i pendii sotto bosco. Neve pesante ma non si sfonda troppo . Varie slavine tutto in torno . Al colle si arriva togliendo gli sci in salita per poi usarli x la discesa. Neve sciabile ma pesante necessarie tante gambe. Io son sceso tutto sulla sud fino a raggiungere la strada . Mario e Dario ripellato x un secondo giro.
L esperienza di Mario è sempre utile . Visto le condizioni in giro buona gita


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: stamattina necessarie le termiche
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Finalmente una gita con il mio amico Altapressione. Salita faticosa. Caldo e nonostante la traccia di Citta di ieri, solo da ripassare "gran culo". Ci siamo diretti al colle tra il piccolo morion e la vera cima.Oggi non era cosa. Già il pendio ripido finale per arrivare al colle era da prendere con le molle. Purtroppo in cima il cielo si è coperto e la visibilità ne ha risentito, di conseguenza anche lo stile in discesa. Poi è migliorata ma la neve più in basso era molto umida e pesante, ma ugualmente ben sciabile. Dico subito, che se stanotte avesse gelato bene sarebbe stata ottima, invece per divertirsi alla grande oggi ci volevano gambe d'acciaio. 11 km e 1230 dislivello. Prima del lavoro;-)

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: Oggi invernali necessarie, ma sulla strada durerà poco
attrezzatura :: scialpinistica
Questa volta l'ho imbroccata! Gita effettuata sul tardi sotto una fitta nevicata, in ambiente tipicamente invernale. 15-20 cm di neve fresca, asciutta in alto, umida in basso, ma scorrevolissima e divertente su tutto il percorso. Fondo duro e portante ovunque! Questa è stata una gradevolissima sorpresa, anche se mi ha fatto tribolare in salita sui pezzi più ripidi (coltelli lasciati in macchina, sigh!). Prima parte della discesa condizionata da un po' di nebbia, anche se si stava diradando. Ma dalla costa di Prà Longis in giù..... divertimento allo stato puro! kmq di farina velocissima tutti per me, tra rade betulle prima e faggi poi. Un po' pesante solo negli ultimi 100 m. Tantissima neve! Consigliatisisma per domani, a patto di scendere prestissimo, prima che il sole renda poco scorrevole la neve fresca.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: buono
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi temperature abbastanza elevate e "arietta" di fondo. Rigelo assente in basso e superficiale a tutte le quote.
Breve portage in basso e innevamento al limite lungo la cresta.....
Discesa su neve sfondosa fin dal colle...., dove non era sfondosa era comunque molto bagnata...
Bella giornata e "bella" gita ma oggi condizioni poco scialpinistiche.....

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Perfetto fino ai rivotti
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Si parte sci dall' auto , la dorsale è ben innevata , bella primaverile in basso .. in alto in via di trasformazione , sfondosa nei pianori quando il sole la scalda .. Sul ripido e sulle dorsali ottimamente sciabile .. un bell'ambiente , grandioso e selvaggio ..
Un bel gruppetto con Stefano Ermes Vanda Enrica Luisa Laura Ezio Carlo e la partecipazione straordinaria di Patrice .. Tutti aspiranti Turchi : partiremo Lunedì 16 per la Cappadocia ..


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
le due stelle, se riferite alla condizione della neve sono per me perfin troppe. Il vento forte della notte scorsa e quello di stamattina (molto freddo!) hanno reso la neve con presenza di accumuli nevosi oppure era ghhiacciata nel cananle verticale! Mi sono fermato a 2600 metri poco sotto la punta sciabile del colletto mentre block65 è arrivato fino in punta. Portage degli sci da 1450 metri fino ai 1700 metri

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: strada ok fino ai Rivotti
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Le tre stelle sono per la bellezza della salita e della discesa, anche se la neve oggi era parecchio impegnativa e poco rilassante. Nella parte alta sotto il colle e la dorsale del Piccolo Morion neve durissima e parecchio ondulata che sul ripido rendeva la sciata non facile. Sulla dorsale belle curve su firn durissimo grazie al rigelo ottimo degli ultimi due giorni e del vento freddo, ma anche qui non bisogna rilassarsi troppo. Il versante est del colletto di Prà Longis si è rimpito di neve fresca e compatta portata dal vento, ma difficile da sciare anche per la ripidezza e il continuo cambio di consistenza. Sotto molte pietre e slalom in spazi stretti con poca neve fino alla strada, dove si fanno diversi "togli - metti". Gita un pò al limite per chi non ama il portage. Con otaner. Vento forte tutto il giorno.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: strada pulita
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata storta. Parto alle 8 con la nebbia, non piove ancora. 20 minuti a piedi, poi neve continua fino alla parte stretta della costa Prà Longis, dove la neve scarseggia e sono necessari 3 gava e buta. Inizia a nevischiare, arrivo al colle sotto una fitta nevicata di neve ghiacciata. In discesa le due dita di neve fresca mi cancellano quel poco di visibilità legata alla neve sporca e la neve che cade fitta mi tormenta le pupille (dimenticato occhiali, sigh!). A 2000 m la neve viene sostituita dalla pioggia, che rende collosa la neve. Arrivo alla macchina fradicio.
Ma perché devo leggere di gite fantastiche tutta la settimana, e poi il week-end le condizioni diventano pessime??? Protesterò con chi di dovere!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: No problem
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti tardi su neve già molle ma che non da problemi; 10 min. di portage poi si sale bene sin quasi al termine della Costa di Prà Longis dove la scarsità di neve ci obbliga ad un dribbling tra le rocce in salita ed a qualche decina di m. sci a spalle in discesa; assai ripida l' impennata finale al colle.
Discesa ovviamente sul tardi su neve abbondantemente molle ma che permette comunque una buona sciata facendo solo molto attenzione alle pietre che cominciano a spuntare soprattutto nella parte alta, mentre è ben percorribile la parte bassa e la pineta fino alle baite sopra la strada.
Bellissima giornata di sole senza vento in compagnia di Piero e Giuseppe.


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: gomme termiche indispensabili per salire a Rivotti
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Mi sono fermato a metà della Costa di Prà Longis (quota 2050 m), perché oltre quel punto il vento di una settimana fa ha fatto seri danni, scoprendo tutte le numerosissime roccione di queste valli, appena coperte dai 25 cm di neve fresca appena caduta. Poca neve fresca: pochi cm sul terreno a Chialamberto (salita verso il Doubià impraticabile), 15 cm ai Rivotti (dove, però, il fondo è molto buono), 25 cm a 2.000 m. Discesa molto divertente: la neve era ottima, non era troppa per sciare e ci sono ettari di candida neve vergine da sfruttare. La discesa è molto bella e varia, con tanti salti :-)
Nessun altra persona, nessuna traccia, neanche vecchia... insomma, un posto per gli amanti della pace!


[visualizza gita completa con 2 foto]
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Non fino al colle ma ci siamo fermati 50 metri sotto: gli ultimi pendii ci sembravano carichi con riporti da vento e abbiamo preferito non rischiare. Sotto pendii ben assestati. Si mettono gli sci fino agli alpeggi Balmes quindi portage per per circa 10 - massimo 15 minuti. Siamo scesi tardi intorno a mezzogiorno: in alto quasi trasformata ma con qualche tratto di crosta sfondosa in basso polentone sciabile e nella lariceta marcione complice l'ora tarda di discesa. Nella parte bassa iniziano ad affiorare pietre occhio. Scendendo è uscito un bel vento. Qualche bella curvetta l'abbiamo fatta ed è uscita una gita discreta neve solo così così ma ambiente molto bello.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: si arriva al tornante 1600 dopo Ricotti
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Le gite nelle Valli di Lanzo bisogna guadagnarsele e interpretarle. In compenso riservano sorprese ricche di soddisfazioni per lo scialp che ama vagare lontano dalle piste battute, nella solitudine della montagna. Così oggi, con un gruppetto di amici ci siamo diretti in Val Grande con meta aperta o il Corno Bianco o il Piccolo Morion. Dopo 50 m dall'auto calziamo gli sci e puntiamo verso i Morion. Saliamo la costa a sud fino al cocuzzolo a 2000 m, poi proseguiamo a piedi per c. 150 m di dsl. sino ad un altra quota. Ricalziamo gli sci e con perorso suggestivo tra rocce granitiche e conche innevate arriviamo sotto l'ultimo pendio sotto il colle. Lo risaliamo agevolmente a parte gli ultimi 20 m che si fanno a piedi e che richiedono polpacci fermi se non si usano i ramponi. Dal colle gran vista sul Granpa e ben oltre. Ezio, l'accademico, prosegue fino alla cima del Piccolo Morion. Il resto della banda lo aspetta nella conca sottostante il colle, spaparazzata al caldo sole. La discesa: sempre su neve portante talvolta infarinata da uno straterello di neve di riporto ma per lo più ben dura. Ai 2300 decidiamo di buttarci nel Vallone del Rio Vercellina, passando da un boun'homme all'altro. Discesa sempre su bella neve dura con tratti anche ripiduzzi alla "jamais tomber". A 1700 la magia della discesa si interrompe, caricati gli sci in spalle, scendiamo abbastanza agevolmente ad una stradina, da cui in breve alle auto.
Un saluto alla compagnia dell'anellino: Luisa, Claudia, Ezio, CarloAlberto, Jimmy e a Silvia e Spartaco, incontrati al nostro arrivo, reduci dal Corno Bianco.
Awaiting for the snow, abbiamo altri viaggi da fare in queste valli!


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
Tentata una gita nelle desertiche valli di Lanzo (penso le valli meno frequentate da sci-alpinisti e turisti in generale di tutto l'arco alpino). Ed è un peccato perchè l'itinerario fatto oggi è molto bello. Tenendosi in cresta abbiamo ridotto quasi a zero il rischio slavine. Discesa: nella parte alta il vento freddo ha mantenuto la neve crostosa non portante (bruttarella), nella parte bassa la temperatura più alta ha fatto mollare la crosta e la discesa è stata bellissima. In realtà eravamo diretti al Corno Bianco, ma il canale ripido che bisogna fare proprio nel valloncello che porta al col Morion mi pareva un po' a rischio.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: strada pulita fino ai rivotti(chiesetta)
partiti presto,gran caldo dovuto a phon,purtroppo già in salita la neve era molle nel bosco di larici che immette sulla ampia dorsale.quando la dorsale si restringe e diventa un filo di cresta meglio togliere gli sci e passare sull'erba a sx fino a raggiungere nuovamente la cresta un pò più larga,di qui in poi si riprende a salire.noi siamo saliti fino all'ampio pianoro a quota 2350 poi vista l'ora e il caldo abbiamo deciso di scendere per gustarci una neve decente sulla ampia dorsale.e cosi è stato.neve da 4 stelle fino al lariceto,dove,cambiando anche l'esposizione diventava via via più pesante fino a diventare nella parte bassa con la consistenza di una polenta,ma sempre sciabile.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
M.Morion,quello vero(2839m.). Saliti per il canale Est; piuttosto ripido,occorre porre attenzione in questo tratto per la presenza di qualche placca ventata. Neve Super sulla dorsale purtroppo un pò rovinata dalle profonde tracce precedenti. E nella parte bassa, nel bosco, abbiamo ancora trovato farina!!
Super consigliata. Ma vedremo cosa ci combinera' il tempo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): crosta da vento morbida
Nonostante le brutte premesse della salita (neve crostosa non portante) il tempo caldo ha ammorbidito la neve rendendola quasi facile. Panorama superbo sia durante la salita che sul colle con vista dal Bianco alle Marittime. Gita ingiustamente (giustamente per noi) poco frequentata. Se il tempo non cambia tra 3/4 giorni diverrà una discesa a 5 stelle.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: su dorsale
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Est
quota partenza (m): 1450
quota vetta/quota massima (m): 2700
dislivello totale (m): 1250

Ultime gite di sci alpinismo

18/02/20 - Saxe (Mont de la) da Planpincieux - annibale
Pendii ripidi.Arrivare a 30-40 metri dalla dorsale e non sapere come salirci è un vero problema.Neve ventata o ghiacciata o dura,ripidità,cornici ecc. rendono problematica la cosa.Per fortuna abbiam [...]
18/02/20 - Croce (Punta della) da Arpy - brusa
Ottimo innevamento ad Arpy, le piste di fondo sono battute. Anche oggi soffiava vento. Tutta la gita è su neve dura ma liscia. Sono ben visibili alcune lastre di neve riportata e qualche placca di ne [...]
18/02/20 - Rodzo (Mont) da Saint Rhemy - rebatta bousa
Troppo bello oggi per tagliare legna, si parte nel vallone del Grande, un vento fastidioso e fresco ci accoglie appena scesi dalla macchina, giunti nei pressi dell'ingresso del traforo il vento cala d [...]
18/02/20 - Autaret (Testa dell') da Sant'Anna - rometto
Dando credito alla correttezza delle relazioni di domenica, ci siamo avviati con l'intento di salire l'Autaret. Ci siamo trovati davanti un quadro nivologico ben diverso, forse per il rialzo termico [...]
18/02/20 - Tovo (Rocca) da Balme - luc_0000
Saliti da Balme sulla mulattiera, poco prima di scendere al piano abbiamo seguito una traccia che sale dritta nel bosco seguendo una vaga dorsale, ripidissima e tecnica, in queste condizioni coltelli [...]
18/02/20 - Ciriunda (Monte) da Tornetti - mowgli
Si arriva senza problemi all’ecomostro dove si parcheggia, non conviene seguire la strada ma si punta all’Alpe Bianca, subito dopo inizia la neve e ci si va a raccordare sulla stradina più in alt [...]
18/02/20 - Noeud de la Rayette da Ruz - albert61
ottime condizioni oggi sul percorso neve praticamente da subito a parte pochi metri temperatura assai frizzante accompagnata nelle prime ore da vento abbastanza forte mi ha fatto da guida un local [...]