Mirauda (Punta) da Certosa di Pesio

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 800
attrezzatura :: scialpinistica
Saliamo dal Vallone Rumiano sotto una leggera nevicata e arriviamo sullo spartiacque con la Valle Vermagna sul punto quotato 2175, perdiamo quota verso il vallone Gravina fino al Gias. Rimesse le pelli saliamo in vetta alla Mirauda. Successiva discesa fin di al Gias nel Vallone Gravina e secondo ripello fino al punto quotato 2175 per goderci la discesa nel vallone Rumiano. Per rendere la discesa eccezionale fa capolino anche un timido sole che unito alla neve che in questo vallone si mantiene farinosa meriterebbe le 5 stelle... Rientro su stradina scorrevole fino all'auto.
In compagnia della Vale bella gita in ambiente poco frequentato...

Vallone Rumiano... SPETTACOLO
Vetta in vista
Dal Vallone Gravina
Quasi in vetta
Seconda ripellata
Polvere 00
Ancora polvere 00
Firme...

[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: Strade pulite
quota neve m :: 800
Gita molto bella come ambiente perchè si svolge in un vallone stretto e impervio per sbucare in alto prima in un ampia conca e poi su una dorsale assolata: a tanti potrebbe risultare, comunque, poco remunerativa sciisticamente perchè la parte basca si svolge in ambiente boscoso.
Dare un giudizio al tipo di neve incontrato oggi, non è facile e, infatti, ho tralasciato di indicarlo negli appositi spazi.
Abbiamo trovato neve molto variabile: crosta sulla dorsale finale, farina nel canale sotto il colletto, poi di nuovo crosta sui pendii ampi della parte alta del vallone, poi farina pressata con qualche zona di crosta nel canale sottostante, farina pesante nella boschina alta, poi neve dura rigelata nella boschina bassa alternata a qualche tratto ancora di farina pesante. La stradina finale è interrotta in tre punti da ruscelli che hanno scavato un solco nella neve.
Attenzione, in salita, al termine della stradina dove c'è un ponticello da equilibristi (in discesa meglio guadare) a non continuare nel fondo del vallone ma alzarsi a sinistra salendo: noi abbiamo proseguito nel vallone e abbiamo ravanato un po' per riconquistare la retta via perdendo quasi un ora.
La gita ha un certo sviluppo e la classificazione OS non è esagerata perchè i pendii sono sostenuti e richiedono una buona tecnica di salita (il festival degli zig zag) oltre che in discesa (il festival della boschina).
Bellissima giornata e gran panorama a 360 dalla assolata vetta.
Oggi abbiamo marinato il lavoro in 4 con Stefano, Andrea e Marco di cui abbiamo festeggiato in vetta il compleanno.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
saliti e scesi nel vallone cravina, molto freddo, causa esposizione NE, finchè si arriva al colletto 2080 m, da cui si arriva brevemente in vetta. panorama maestoso, dal gruppo del rosa, al monviso, al marguareis ed alla rocca dell'abisso, tanto per dirne alcuni.
scendendo confermo il giudizio precedente: tenedosi sulla destra e talgiando in diagonale sempre sulla destra rispetto alla salita si scende in neve vergine (ce n'è ancora per qualche traccia) fino all'imbocco dello stretto canalone. da qui in poi neve dura e lavorata, per cui non è più divertente. ma la parte in alto merita davvero. con super GI e diego.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: partiti da Villaggio Ardua dopo Certosa di Pesio. Si arriva bene
quota neve m :: 900
Bella traversata salendo da Pian delle Gorre per il Vallone del Pesio a cercare un passaggio che nel Marzo 2005 (in discesa dalla Pittè) ci colse impreparati. Si tocca Gias Fontana, si sale comodamente il suggestivo bosco e per bellissimi pendii vergini e con grandi spazi si arriva in vetta toccando Gias Sottano e Gias soprano vaccarile. Un pò ostico l'arrivo ai pianori del Gias soprano, ma sempre con gli sci e non siamo sicuri di avere imboccato la via migliore. Discesa per il vallone di cravina su bella neve fino all'imbocco del ripido canalone. Qui e nel bosco sottostante fino a certosa si scia senza toccare molte pietre, ma 2 stelle basta e avanza. Il "pezzo forte" della gita sta nell'itinerario di salita. Necessitano due macchine perchè arrivare giù e salire a piedi fino al villaggio ardua non è roba da noi pensionati. Il percorso è dettagliato sulla Guida Monti, Alpi Liguri, it. 458a. CAI ge-sestri con Alberto, Attilio, Ettore, Ezio, Nino, Tonino.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
quota neve m :: 700
Tentata la traversata alla Mirauda salendo nel Vallone Rumiano e scendendo nel Vallone Cravina ma una fitta nebbia su Colla Piana ci ha obbligati a tornare sui nostri passi.
Forse la nebbia è stata la nostra fortuna dopo aver saputo che il Vallone Cravina è invaso da una quasi impenetrabile boschina...

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
La neve in alto è splendida, farina fino al ginocchio, mentre in basso si toccano qua e là pietre per il fatto che gli ultimi trecento metri di discesa sono di percorso obbligato in mezzo alla boschina.
Ma in alto è spettacolo, gran parte del percorso è in ombra per cui si mantiene bene. Poca gente. Con Luca, Luca, Annalisa e super GI.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve stupenda e perfettamente sciabile dalla cima fin poco dopo il gias soprano del colle, successivamente il vallone si chiude notevolmente e la discesa risulta un pò più complicata ma nel complesso buona.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): crosta da vento morbida
Neve non bella (molto irregolare a causa del vento) e gita di dubbia qualità. Meglio recarsi altrove.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2*
neve (parte superiore gita) :: trasformata-farinosa
Gran bella gita,
per l'itinerario rimando al valido J.Campana ITN.n°53(noi abbiamo scelto l'itinerario ad anello).da rifare!!
Saluti
Massimo e Andrea


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Per renderla un tantino piu' appetibile, atteso che nevicasse. Toccata anche la p.Agugion sul tragitto alla Mirauda. Ridiscesi alla Certosa dallo stesso vallone di salita.
Con Rino.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: grado2
neve (parte superiore gita) :: 300 metri farina, il resto... no comment
Pare che la discesa non sia lungo il canale ma costeggi la bastionata rocciosa, in questo modo la sciata sarebbe migliore... forse

[visualizza gita completa]
osservazioni :: Rischio debole
neve (parte superiore gita) :: Farinosa
L'indimenticabile è in senso negativo, poco sciabile per canale stretto e ripido, molta boschina. Dove si può sciare, bella.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: OS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord-Est
quota partenza (m): 850
quota vetta/quota massima (m): 2157
dislivello totale (m): 1307