Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ottimo (hanno aperto la strada del colle )
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Gran bella sciata. Portage in salita 45 min. In discesa 30. Neve lavorata dal vento oltre quota 2400. In basso primaverile in alto si trova un alternanza di crosta da vento morbida e tratti in fase di trasformazione in base l'expo. sempre ben sciabile. Meglio scendere verso le casermette per poi deviare a dx (combe da crevacoeur) . Giornata dal meteo super in compagnia di tanti camosci.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Arrivati a circa 2600 m. poi causa tempistica e nebbia che arrivava abbiamo fatto dietrofront. Comunque si portano gli sci per 10/15 minuti. Noi siamo saliti a destra del canale. Condizioni ottimali e discesa (da dove siamo arrivati noi) stupenda. Anche questo mercoledi in compagnia di Martina, roccia o neve no problem.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: no problem
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Grazie alle indicazioni di Teddy oggi grande gita con neve continua fin dalla strada.
Stesse condizioni descritte ieri, anche perchè col freddo di oggi (-3° alle 8) nulla poteva cambiare.
Iniziata la discesa dopo mezz'ora di attesa alle 11,30 nella speranza che mollasse un po', ma ha mollato solo negli ultimi 300 m.
comunque gran sciata su velluto liscio per tutto il percorso.
Sia in salita che in discesa abbiamo percorso il canalone sotto la bastionata (BS).
Ottimo innevamento in zona, il canale nord del Giusalet sembrava a posto.

In compagnia di Marco

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Stupendo Malamot, sci ai piedi subito oltre il torrente. Saliti dalla gorgia con solo 2 brevi tratti iniziali scabrosi poi tutto liscio come biliardo fino in cima. Usciti dal vallone a q.2500 verso il traliccio per evitare tratto svalangato. Da li per stupendi dossi con anche farina vecchia, giunti in cima dalla cresta che mena alla prima costruzione visibile. Scesi poi verso la P. Droset dove altre persone stazionavano. Primo tratto discesa su polvere da sballo fino alle casermette e poi ci siamo riportati verso dx sulla nostra via di salita per godere di un firn da antologia! Meteo fotonico. Con Cristina.

[visualizza gita completa con 5 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: snowboard
Prati fino al primo canale poi neve pressochè continua con un paio di brevi interruzioni. In salita seguito il pendio di destra, ripido e che termina in traverso, molto faticoso per la neve scivolosa e già scaldata dai primi raggi. Quindi pendii più dolci e ampi fino a portarsi a sinistra su neve ora molto dura e lavorata dal vento verso i placidi pendii del colle. Dal colle alla vetta per comoda traccia.
Discesa ottima in cresta su pendii ben rinvenuti, poi sotto il colle una zona di sastrugi e neve molto lavorata, si salta un pò ma in linea di massima su croste morbide. Preferiti poi i pendii della dx orografica con bei curvoni per lo più su firn molto bello e morbido in superficie intervallato da brevi tratti in neve che non ha ancora mollato. Si sbuca presso un pianoro che dà accesso al ripido e abbastanza stretto canalino che porta dritto a ricongiungersi all'itinerario di salita. Canalino in basso cosparso da ontani, sorprendentemente in morbida farina pressata, estetico e che passa vicino ad una breve fascia rocciosa ghiacciata, non esattamente BS almeno sotto. Ancora belle curve nella boschina poi al termine del pianoro conviene togliere gli attrezzi. Il breve canale che porta al park è ormai molto magro e sporco di detriti. Innevamento scarso per la stagione ma gita più che meritevole, neve che nel complesso ha tenuto nonostante la discesa abbastanza tardiva. N del giusalet tracciata e fino alla restrizione a suon di gucie, chapeaux. Salut!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: ventata
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva comodamente a piano S Nicolao
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Mezz'ora con sci in spalle Poi un pò di gava e buta e finalmente neve! Nel canalone un pò molle poi dal primo colletto più dura e portante sino in cima. Giornata calda e con poco vento. Discesa inizialmente su neve ventata poi frn un pò pesante ma divertente sino ai 1900mt.
Tutto sommato un bilancio più che positivo coronato dall'avvistamento di camoscio ed aquila!
Un ringraziamento al cugino Luca che ha accolto positivamente l'invito e con il quale ho condiviso la gita.


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Confermo quanto detto nella gita precedente. Fino al colletto sci a spalle, poi neve continua. Non ho usato i coltelli, giornata calda, nel canale al sole neve molle già al mattino presto. Sceso dalla punta diretto alle 10:30 su farina compressa da urlo!!..metà gita spaziale..poi molle ma sciabilissima anche nel canale fino al colletto...sci a spalla fino alla macchina (troppa discontinuità per i miei gusti..ho fatto prima!?)

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada sbarrata a pian san nicolao
quota neve m :: 1800
Incerto se mettere 3 o 4 *.
Si sale a piedi un 150 m nel canale poi ti tolgono ancora una volta per passare il primo colle. Giornata calda, in basso neve molle gia' alle 9. in alto piu' fresco e neve migliore. Sceso direttamente dalla punta su farina compressa bella. Nella parte intermedia condizioni varie. Piu' bella in basso dove si trova neve trasformata ma alle 12 ancora in buone condizioni. Con tecnica di gava e buta si scende ancora fin quasi al Piano.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti alle 7:45. Si mettono gli sci a 5 minuti dall'auto, appena si entra nel canale. Poi qualche gava-buta con brevi tratti d'erba. Neve continua fino alla cima.
Saliti dal canalone su neve primaverile un po' cotta con tratti un po' duri. Coltelli non necessari con le temperature odierne.
Discesa bellissima sulla metà alta dell'itinerario, poi sempre sciabile anche se con neve un po' molle.

Consigliabile anche se può darsi le condizioni cambieranno col freddo.
Ho dimenticato un paio di guanti della Black Diamond nel baraccamento della cima, vicino alla scala est. Ovviamente ringrazio se qualcuno li ritrovasse.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nn
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Inizio con un portage fino al canale; ma sfruttando le lingue di neve e con un pò di gava e buta si può ridurre. Nel canale neve discontinua che costringe a togliere gli sci; poi continua fino in vetta.
La neve dura costringe per sicurezza di mettere i rampant; salita senza ulteriori difficoltà.
In alto, vento fastidioso che non ha permesso alla neve di mollare.
Prima parte della discesa su neve dura, faticosa per le gambe. A circa metà percorso neve primaverile molto divertente.
Attenzione alle pietre nella parte bassa.
Con l'amico Marcello



[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino al Piano
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Dal parcheggio si portano in mano 5/10 minuti gli sci fino ad arrivare al canale, due o tre togli/metti lungo la salita ma niente di catastrofico. Poi sù per il canale che si sale anche senza rampant con un po’ di attenzione, intorno ai 2600 un tratto più duro ce li ha fatti mettere per sicurezza, si potrebbero togliere cento metri più su. Arrivo al fortino sci ai piedi. Discesa su neve molto dura per 500m (l’aria, anche se non particolarmente fredda, non ha permesso alla neve di ammorbidirsi) poi man mano che si scende la neve migliora per diventare primaverile, anche la gorgia è ben sciabile facendo attenzione alle pietre che sbucano. È vero che con qualche acrobazia si arriva ancora a venti metri lineari dalla strada. Molto vento su tutto il percorso, alcune persone ma mai una folla.
Con Annalisa, Cecilia, Flavio, Germano, Tullio e Walter. Alla fin fine non è neppure andata così male...


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Sci a 5 min. dall'auto dopo aver attraversato il torrentello. La lingua di neve con tracce porta alla gola che si supera con qualche ravanata e coltelli ma in breve si arriva su più comodo percorso e neve continua. Il vento l'ha fatta da padrone, non gelido ma intenso con folate destabilizzanti e coreografici turbini di polvere bianca. La Cima di Bard ed il Giusalet sembravano vette Himalayane fumanti. In queste condizioni, se pur con cielo terso, mi sono fermato 100mt. sotto la cima dove i ruderi non si scorgevano quasi tanto erano avvolti dal turbinio del vento. Ho fatto bene perché al momento della discesa si è coperto in un attimo ed è iniziata una blanda tormentina con neve pallottolare. Comunque la buona visibilità e lo scemare della tormenta man mano che scendevo, mi hanno fatto fare una bella discesa stando quasi sempre tutto a dx. Altri 2 scialp giunti all'auto poco dopo me.

[visualizza gita completa con 5 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Il caldo degli ultimi giorni ha modificato la situazione in zona; per il Malamot si mettono gli sci a 20 mt dal ponticello, poi con 2 o 3 gava e buta e con un pò di fantasia si sale nel canale fino a circa quota 1950 dove la neve diventa continua.
Rampant non indispensabili ma certamente utili per neve abbastanza dura, temperatura non fredda ma un vento sostenuto con folate fastidiose non ha permesso alla neve di mollare.
Discesa discreta cercando i punti meno duri in alto, poi un poco più primaverile in basso, ultima parte con ravanage obbligatorio ma con qualche numero si arriva ancora ( per poco ) a 20 mt. dall'auto.
Sui versanti sud il limite neve è salito di 200-300 mt, se non scendono le temperature.....
In compagnia di Rosy, Gigi e Manlio.


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ottimo fino al Pian Nicolao
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal P. Nicolao con sci ai piedi, due "gava e pita" fino a 2000 m.
Poi copertura totale fino alla cima, rampant a volte utili.
Notato un certo affollamento, ...vista la stagione è comprensibile; ho dato 4 *, ma 3/4 sarebbe più giusto.
Con 12 amici del Corso di Scialpinismo del Cai di Asti che hanno raggiunto tutti la punta e si sono divertiti per la discesa.
3 ° tempo alla trattoria della Società Operaia di Caprie che consiglio.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
bellissima giornata e sciata....canale in ottime condizioni; la neve non ha mai mollato a parte nel canalino finale dove si scia ancora bene anche se bisogna fare qualche slalom tra le pietre; qualche tratto nella zona mediana con neve gelata. Sotto il Forte e fino al primo pianoro neve più bella che in pista!

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Confermo quanto relazionato da citta, sciabilita' molto buona in particolare sul canalone dove ha tenuto tutto il giorno...si arriva sci ai piedi alla macchina

[visualizza gita completa]
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
A mio parere le 4* di Citta sono un po’ regalate.Le parti in ombra erano gelate e quelle al sole abbastanza sfondose tranne che in alcuni punti di bel firm,specie nella parte iniziale e quella bassa.3* a mio parere più che sufficienti,poi per carità,i gusti sono gusti

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi bella giornata di sole, a tratti molto calda, e a tratti con arietta fresca. Neve continua su tutto il percorso, anche se nella parte bassa bisogna fare attenzione alle pietre nascoste. Neve morbida sui pendii esposti al sole, ben sciabile e scorrevole, ancora gelata o ventata sui pochi e brevi pendii in penombra. Consigliata.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nessun problema fino a Piano San Nicolao
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Partenza da Piano San Nicolao. Neve sufficiente e abbastanza buona. Il vento presente a Piano San Nicolao è praticamente assente per tutto l'itinerario e lo si incontra di nuovo in vetta, ma non è stato particolarmente fastidioso (salito senza giaccavento). Usato i coltelli tutta la salita data l'ora di partenza (7:30) ed effettuata dalla parte del Lago Bianco; in compenso la discesa (effettuata invece dal lato nord verso la Francia) è stata solo in brevi tratti disturbata da neve ancora durissima, ma generalmente crosta portante con ottimo grip e addirittura firn nella parte bassa. Sarei tentato di dare 4*. Comunque ottima gita nel panorama attuale. Le 3 stelle sono più che meritate.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti per il lungo e sostenuto vallone sulla sinistra idrografica del Rio Giasset e poi scesi sul percorso più classico che in più punti costeggia lo sterrato che sale alla Punta Malamot.
Bel giro ad anello con neve sempre portante e con una bella serie di pendii con neve pressata e ben sciabile.


[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Meteo da incorniciare, assenza di vento e cielo terso. Sci ai piedi dal parcheggio, il canalino si sale facendo attenzione a non scivolare perche' la neve si trasforma da subito in paceca, (per dirla alla Ghedina) e questo bagna le pelli e crea grossi problemi di zoccolo pesante. Nel canalino incontro GioNoTav e Renzo con i quali condivido questa giornata. Breve sosta in punta e poi discesa azzeccatissima dal versante delle caserme con neve prima crosta portante e polvere poi, piu' un basso, neve primaverile. Sopra 4 stelle, la parte centrale 2, sotto 3 stelle, comunque sempre sciabile.
Grazie per la compagnia di Gionotav di Renzo e ovviamente a Don


[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: ventata
neve (parte inferiore gita) :: ventata
note su accesso stradale :: Ok fino al Park
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Si sale qua e la nel primo canalone, poi neve un po' lavorata dal vento ma si sale bene anche senza rampant, in discesa neve da interpretare ma comunque sempre sciabile. Oggi ha mollato poco per un venticello gelido e fastidioso, in ogni caso bella e divertente sciata. Niente crostacce.
Buona neve a tutti.
Un saluto a Mauro, oggi ottimo compagno di gita.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Pulite fino alla Piana S. Nicolao
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Gita esplorativa per vedere le condizioni in questa zona, dove non vi erano ancora info, con la percezione che poteva essere anche buono ed infatti è proprio andato molto bene.
Saliti dall’itinerario del Lac Blanc, con l’idea iniziale di raggiungere una quota 3.000 sul versante nord del Giusalet al di sopra del Col des Lacs Giaset , ma un bel freddo presente su quell’itinerario tutto completamente in ombra ci ha fatti cambiare meta e così deviazione al solito Malamot (già 238 gite recensite, ma il socio di oggi non l’aveva ancora sciato), però era ben soleggiato, eravamo da soli e la cosa era più che gratificante.
Neve perfetta dalla vetta alla Piana S.Nicolao; ce la siamo proprio goduta; al sole sul ripido in alto già trasformata, in tutta la valletta in ombra, croste perfettamente portanti con spolverata di farina; solo due punti nella gorgia del Giaset, in fondo nei pressi delle cave, sono al limite per passarle; la bealera della Piana non è coperta ed occorre guadarla.
In partenza un gruppetto saliva sull’itinerario normale che non ci appariva in giuste condizioni; un solitario veloce è salito dalla nostra parte poi è sceso il canale del Corne Rousse mentre noi ci siamo fatto il pendio diretto sul Lac Blanc (primaverile), poi ci siamo portati sul versante nord della Cima di Bard (farina compressa), poi nella comba del Giaset (pendii e tratti del canale, tutta portante).
Alla Piana, folla di ciaspolisti e camminatori.


[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: fino a sotto il muro della diga
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Gita al limite. In discesa abbiamo tolto gli sci 3 volte per brevi tratti: arrivati alla conca da dove iniziano i tornanti semiscoperti della strada, 50m in salita su strada fino a tornante che da accesso ai ripidi pendii che guardano ad ovest; altro trasferimento sempre verso sx a metà dei pendii ripidi; una volta guadagnata la strada sterrata circa 500m a sx (ovest) del forte Varisella, seguito la suddetta strada verso dx (est) fino a riguadagnare il colletto sotto il forte, da cui sul fondo del torrente si arriva a 50m dall'auto. Questa sequenza l'abbiamo verificata salendo quasi tutto sci ai piedi, ma i pendii della parte bassa sono ripidi e faticosi con la neve morbida e scivolosa. In discesa parte alta con neve ancora non trasformata, parte centrale con neve collosa (buttarsi per la max pendenza) e parte basse morbida ma portante, forse la parte migliore stando sul ripido (ma il cielo era coperto, quindi il sole non aveva ancora lavorato...). Rigelo assente, diciamo 2 stelle e mezza, se proprio non si ha di meglio da fare...

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Parcheggiato sotto la diga (1890m), saliti per lingue di neve e prati per accorciare la strada sci a spalle. Intorno ai 2100 la neve si fa pressoché continua, continuato in direzione del Giusalet (nostra meta originaria) fino a quando si è chiuso tutto, di qui rideviato verso l’itinerario corretto e raggiunto la cima. Discesa quasi completamente raccordata fino a due minuti dall’auto: in alto neve leggermente crostosa, in basso primaverile. Alcune persone sull’itinerario, in un momento di apertura visto due scendere dal giusalet.
Con Bubbola, Annalisa, Filippo e le sue pelli, Marco e Roberto.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: OK
attrezzatura :: scialpinistica
Per il malamot è tardi, si è pareggiato lo sci su neve e lo sci su erba. Arrivato a quota 2550 circa sono ridisceso perche è arrivata la nebbia, e da quel momento il sole non si è piu visto. Con una quindicina di evergreen ultra simpatici, con ultra merenda finale.
Ciao a tutti

[visualizza gita completa con 6 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
gita che si doveva effettuare un mesetto fa. Ormai con la poca neve presente i diversi momenti di " gava - buta" degli sci mi ha portato a giudicare la gita con due stelle. Inoltre a circa 200 metri dalla punta mi sono fermato per arrivo della nebbia e sono sceso. In pratica siamo scesi quattro evergreen mentre gli altri 11 sono saliti in punta

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti poco oltre il vecchio hotel Malamot, breve portage e poi risalito il canale che porta sotto al forte Variselle con un leggero rigelo che sparisce salendo ....neve ormai a chiazze, io ho portato gli sci in spalla sino a quota 2250 passando in una caratterisitca fenditura creatasi tra la parete a monte della strada e la neve caduta dall' alto che la intasa; i compagni sono giunti sin li con una discreta serie di ''gava e buta'' , poi neve continua sino in cima; discesa molto meglio di quanto ipotizzato, su neve marciotta su buon fondo portante; la copertura nuvolosa ha contribuito ad evitare una eccessiva cottura; seguendo con attenzione i canali e le lingue di neve siamo comunque riusciti ad arrivare sci ai piedi a 50 m. dalle auto.

Gita divertente che ha richiesto un po' di impegno nella ricerca della linea di salita e sopratutto di discesa, ma ormai quasi da amatori; in compagnia di una quindicina di Evergreen.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Da p san nicolao siamo agli sgoccioli (acqua che scorre). Ma xche i blocchi se non c e neve sulla strada?. I francesi stanno fresando e apriranno a breve il colle
Con Alessandro TD ottimo compagno. Io nn stavo bene e mi sono fermato 200 m sotto la cima. più giù Carla e Zar a zonzo. Bella giornata



[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada sbarrata al fondo del piano San Nicolao
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Stesse condizioni di ieri, peccato per il canalone iniziale coperto dal terriccio, saliti sci a spalle fino a quota 2300 grazie al rigelo più che sufficiente malgrado i +5°C alla partenza alle 6.30. Ottima discesa con parte alta su neve dura ma ottimo grip e parte bassa con neve che mollava il giusto, con qualche cautela si scende anche il canale fino a 200 metri lineari dal parcheggio.
In compagnia di Marco, un saluto ai due skialper con cui abbiamo condiviso la discesa.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino al park di S.Nicolao, dopo ci sono i blocchi.
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi Malamot da piano di S. Nicolao, canalino con neve sporca, ma poi neve super fino in cima che ha mollato il giusto per una bellissima dicesa. Con gli amici valsusini sempre piacevolissimi.
Buona neve a tutti.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Divieto d’accesso da Novalesa e Giaglione
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi c’era divieto d’accesso in auto sia dal lato Ferrera che Giaglione, nei prossimi giorni dovrebbero riaprire la statale nel tratto dove é venuta giù la valanga.
Partiti dalla Piana di San Nicolao, temevo per il rigelo siccome la notte precedente a Susa la temperatura é rimasta sui 16 gradi, ma per fortuna la neve era portante.
Il sole in ogni caso scaldava bene, sopratutto sui pendii più ripidi a est, nessuna presenza umana sul tracciato a parte due ragazzi visti in partenza ma che devono aver seguito un altro itinerario, visti invece tanti camosci e una marmotta.
Rampant oggi non erano indispensabili ma dovesse abbassarsi di più la temperatura di notte potrebbero essere utili in alcuni tratti.
Sembrava avesse scaricato abbastanza nei giorni scorsi, meglio comunque sempre prestare attenzione..
Cominciata la discesa alle 10.30, prima parte su neve trasformata veramente bella e pendii completamente bianchi con tanta neve come non avevo mai visto al Malamot. Oggi penso che sarebbe stato meglio scendere un’oretta prima siccome gli ultimi 200/300 metri era già un po’ troppo umida e “sfondosa”.
Per il resto ottima gita e posto sempre fantastico!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Partito con poche aspettative (viste le temperature) e discreto portage, calzati gli sci alla casetta in alto sulla dx, poi fino in cima su neve umida. In discesa neve molto bella fino ai pendii finali tenendosi nelle zone meno esposte al sole, poi fin sotto ai laghetti su neve molle ma molto sciabile. Breve portage fino al forte poi nuovamente neve fino al canalino sopra il park della diga. Gita riuscita nonostante il caldo.
Bye bye.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: provocato fratture al manto
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ok fino alla diga
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: free-rando
Partenza dalla diga tardiva (9:00) che mi ha costretto a modificare la traccia di salita presente causa neve già marcia su traversi ripidi iniziali. Inizio discesa alle 12:00, in contemporanea al gruppone della scuola Sucai. Bella neve fino ai 2200-2300 (fresca pesante, da sciare preferibilmente di forza), sotto granita inconsistente e pericolosa, con l'ultimo strato superficiale che partiva sotto i piedi sui 30° (ho "bonificato" l'ultimo pendio per scendere a valle...)
Scenario alle 9:00 con diverse piccole slavine... scenario alle 13:00 con una gran quantità di slavine/colate tutto intorno all'itinerario.

In solitudine a cercare di risolvere i miei acciacchi.


[visualizza gita completa]
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Si deve partire da San Nicolao (sbarra) anche se Il canale iniziale è ormai privo di neve e si portano gli sci per 180 m. di dislivello. Poi neve ben rigelata che ha richiesto i coltelli sul ripidi pendii che portano all'itinerario che sale dalla dogana. Crosta portante con neve un po ondulata in alto poi bella primaverile fin verso i 2200 poi via via neve più umida ma sciabile se si arriva al fondo a un'ora decente.. Con molti gava e buta e qualche acrobazia siamo scesi in basso ma si faceva prima a piedi. Oggi con Stefano e Bruno, oltre a noi un bel gruppetto con cane.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Bella gita, condizioni molto buone giornata stupenda ,unico neo le temperare elevate già al mattino presto, discreto rigelo notturno che a permesso un ottima salita..rampant inutili.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada sbarrata alla partenza dell'itinerario
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Seguito l'itinerario qui descritto, veramente bello sia in salita che in discesa. Innevamento sufficiente, al limite nella parte bassa sino al piano che precede l'ingresso nel canalone. Il ripido pendio che consente di accedere al canalone è l'unica parte brutta in discesa con neve molto marcia (pericolo forte su 150 mt di disl). Per il resto direi eccellente, complice il venticello fresco che ci ha accompagnato per tutta la mattinata.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti lungo la statale fino a deviare per la stradina che va verso il forte Varisella (messi gli sci all'inizio della stradina). Piu' in alto necessario ancora togliere gli sci per un breve pezzo per evitare un paio di canali ancora piuttosto carichi che nascindono la strada. Poi copertura continua fino in vetta. In discesa neve ben portante nella parte alta, primaverile nella parte centrale. Nella parte inferiore Andrea e Franco optano per il canale mentre io e Bruna ripercorriamo l'itinerario dell'andata. Neve ancora ben sciabile in quest'ultima parte nonostante siano gia' quasi le 14.
Gita in compagnia di Franco, Andrea e Bruna. Faticosa la prima parte della salita fin dove la copertura nevosa e' discontinua, piu' in su pendii regolari e ben innevati. Grazie a miei soci per la bella giornata e per la sciata alla fine rivelatasi molto meglio del previsto


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Punta Malamot in buone condizioni, neve già scarsa nella parte finale del canale per il piano di san Nicolao, neve bella per tutta la discesa, chi vuole fare questa gita è meglio che si affretti perché il caldo sta mangiando la neve, col socio coach Ettore

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: strada aperta fino alla Piana di San Nicolao...utili le termiche
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Gita splendida e discesa bellissima, assolutamente insperata visto che il giorno precedente abbiamo sciato a Val Cenis (a 2-3 Km in linea d’aria) e c’erano non più di 4-5 cm di neve fresca…qui invece la perturbazione di sabato ha lasciato 20-25 cm di farina. Partenza molto comoda verso le 10 dalla Piana di San Nicolao con temperatura di -4°…grazie alla neve recente siamo riusciti a salire dal canale seguendo una traccia solitaria, poi sopra il Varisello ci siamo raccordati alla traccia proveniente dalla diga. In un breve tratto ci siamo tolti gli sci perché si passava molto vicino ad un accumulo e abbiamo preferito salire 5 minuti a piedi…forse conviene salire tenendosi più a sinistra su un pendio meno ripido. Parte alta senza problemi, a parte nei traversi dove sotto la neve recente c’è il fondo duro e quindi a tratti le pelli non tengono molto…in ogni caso si sale bene senza rampant…salita comunque molto lunga per via dello spostamento, e così siamo arrivati in vetta verso le 13,45. Panorama spettacolare anche se nel frattempo si era un po’ velato.
Discesa iniziata verso le 14,15; parte alta stupenda, specie stando nei valloncelli, con 20 cm di farina su fondo duro e pendii completamente intonsi. Stando nelle zone meno riparate invece si trova qualche placca dura, ma con un po’ di attenzione si evitano senza problemi…sotto le casermette a quota 2.600 m ci siamo lasciati tentare da uno spettacolare valloncello sulla destra, veramente magnifico, che però ci ha costretti a ravanare in una zona un po’ più ripida e con qualche roccia…per fortuna il passaggio difficoltoso è breve (circa 50 metri) e in pochi minuti ne siamo venuti a capo; discesa spettacolare fino poco sopra il Varisello, poi ovviamente non siamo scesi dal canale di salita perché c’è da rovinare gli sci e abbiamo quindi seguito la stradina; occhio perché anche da questa parte sotto la neve recente manca il fondo e qualche bella pietrazza l’abbiamo presa; per tornare alle auto consiglio vivamente di seguire la statale e non tagliare i tornanti!
Gita splendida e decisamente superiore alle attese…per 2/3 discesa praticamente perfetta e su pendii intonsi, non do le 5 stelle solo perché nella parte bassa manca il fondo e qualche grattatina è inevitabile. Come detto, nessun altro oltre a noi (eravamo in 7), a parte un solitario partito prima di noi e che si è battuto da solo tutta la traccia…chapeau!!! Giornata bellissima al mattino, poi qualche velatura dalle ore centrali, che ha ridotto un po’ la visibilità ma niente di preoccupante. Gita ovviamente consigliabile nei prossimi giorni.


[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: strada chiusa a pian S. Nicolao alla base dei tornanti
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
una spanna abbondante di neve fresca in basso su fondo inesistente in alto a volte su lastroni gelati e molto duri, saliti direttamente dal piano a sinistra evitando quindi la strada, poi al primo ripiano a quota 1900 mt. circa abbiamo piegato a destra riprendendo a circa 2150 mt. il percorso che sale dalla diga, un solitario aveva battuto la traccia prima di noi. In discesa nella parte bassa abbiamo seguito la strada e tolto gli sci davanti all'auto dove li avevamo messi.
Non ci aspettavamo una neve così bella che ci ha regalato una bella gita nonostante la penuria sottostante. Partiti quasi alle 10, nel primo pomeriggio si è velato togliendo un poco di visibilità in discesa ma nulla di particolare, una sola traccia in salita e poche in discesa, molti tratti intonsi e divertenti. Grazie agli amici che hanno avuto la fortunata idea, Betti, Marina, Luca, Franco, Omar, Valerio.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: strada sbarrata a piano s.Nicolao
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Tentati dalla relazione del giorno prima siamo andati a curiosare. -7 alla partenza e vento che non ha quasi mai dato tregua, così in cima siamo dovuti scappare di corsa. Passati anche noi per la strada fin sotto al forte Variselle. Si attraversano un paio di scivoli con accumuli consistenti che richiedono attenzione (una persona è tornata indietro), poi da 2200 in su nessun problema. In discesa bisogna cercare i punti buoni per fare qualche curva, ed in alcuni punti bisogna 'sopravvivere' tra placche e sastrugi. Panorama ed ambiente ottimo, ma al momento consiglierei di fare altro...

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: in auto fino al fondo di piano San Nicolao
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Partenza da Piano San Nicolao. Neve sufficiente e abbastanza buona; si tocca in basso (vicino alla strada asfaltata). Saliti seguendo la strada asfaltata il primo tratto (battuta da gatto delle nevi) e proseguito dopo un breve taglio (abbiamo toccato lì in discesa) lungo la sterrata anch'essa battuta dal gatto fino a q. 2000 ca. dove svoltiamo a sinistra e proseguiamo verso la vetta. -6°C alla partenza, ma fino a 2700 m siamo saliti in camicia, da lì fino in vetta il vento (gelido) ci ha obbligati a coprirci e, una volta tolte le pelli, a scendere di corsa il primo tratto. Il resto della discesa ce lo siamo goduto cercando i posti migliori dove passare e tratti di neve dura, si alternavano a tratti di neve più morbida e sciabilissima. Le 3 stelle sono più che meritate.
In ottima compagnia di Lorenzo


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
salito e sceso versante Nord diretto pta Droset sopra la strada oltre il Fort de Variselle, condizioni super se si parte presto (comincia a far caldo). 4 stelle e mezzo solo xche' in basso comincia a scarseggiare la neve
pendii, neve e compagnia = tutto super! Saludos a Stan Gaspare Bruno e tanti amici per me nuovi.


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Con fuoristrada fino al forte Varisello, ma passando dalla diga
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: free-rando
Salita esplorativa lungo la spalla est (via normale "francese" riportata su cartografia IGN) e poi parte finale dalle caserme comune alle altre salite normalmente frequentate. Discesa diretta a N della cima con primo tratto sui 35°. Discesa sulla normale accanto ai tornanti della stradina per chiudere l'anello. Neve talvolta ben sciabile (ma anche tanta crosta) nella parte alta della gita. Sotto buona primaverile, anche bel divertente su neve rossa sabbiosa e soprattutto sfruttando tutte le lingue siamo riusciti a scendere fino all'altezza del forte con un solo (breve) gava-buta. Così facendo dislivelli di portage praticamente inesistenti, e 20 minuti in falsopiano lato spalla est e 15 minuti lato stradina.
Gita purtroppo fortemente compromessa dalla scarsa visibilità, e resa possibile e sicura soltanto grazie all'utilizzo del gps.
Con Ezio e Ambra. Un saluto al corso di scialpinismo della valle Orco con il quale ci siamo incrociati più volte lungo l'itinerario.


[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Meteo splendido.
Partiti dalla dogana, 330m di dislivello di portage.
Bella neve trasformata.
Percorsa la via normale.
Lago del Moncenisio senza acqua x lavori.
Grazie alla mia Brondi ho potuto seguire la salita alla Roncia del Gsa!
Grazie al compagno di gita Mauro Sassone

[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Fino a quota 2000 sulla strada che prosegue dalla diga
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti con intenzioni diverse, ma fatto dietrofront al Moncenisio per nubi in Francia.
Saliti seguendo la strada , con 30 min di portage, calzati a 2100 e poi continua sino in cima.
Scesi alle 10.30 fino alle casermette su neve duretta in alto e poi molto bella.
Ripellato e poi scesi alle 11.30 su neve migliore, che ha tenuto sino in fondo.
Abbiamo seguito delle lingue di neve primaverile sempre perfettamente portante sino a 10 min dalla macchina.
Con Fulvio, grande socio.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dalla sterrata poco sotto il forte di variselle e portato gli sci per circa 40 min. poi continuità di neve fino in cima. Visibilità da metà in su scarsa e a tratti buona. Al ritorno qualche volta abbiamo usato il gps. Scendendo abbiamo ancora sfruttato il ripido pendio fino al laghettino e poi risaliti all'altezza del forte e poi in breve alla macchina con meno portage.
Con Sepp_57, Fabrizio, Rodo, Stefano, Simona, Rinaldo e Alberto.Ringrazio Maurizio e Guido che mi hanno fatto compagnia sfidando la nebbia.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok alla dogana
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Gita portata a casa nonostante condizioni di scarsa visibilità...confermo le precedenti relazioni...A me personalmente è piaciuta a parte la crosta non portante nel pendio iniziale di discesa..Abbiamo aspettato i pochi momenti di visibilità in quota per cercare i passaggi giusti, nella parte finale neve più sciabile e visibilità migliore. Con Maurizio. Un saluto alla bella compagnia che non incontravo da tempo, Mario ottimo navigator gps che ci ha guidato nei momenti più difficili!!!

[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Gita secondo me quasi al limite per il portage di 300mt., noi non siamo arrivati in cima ci siamo fermati all'altezza dei tralicci, circa a quota 2600, per una fitta nebbia, Mario e Mangiafioca ed il suo amico, sono arrivati in punta, scendendo hanno sfruttato il segnale gps.
Un saluto a tutta la compagnia, alla prossima, ciaoooooooooooooooooooooo.


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino alla dogana
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dopo la dogana francese lasciando la macchina all'inizio del sentiero. Sci a spalle per circa 300 m di dislivello, poi messo gli sci e per fortuna la notte aveva gelato bene perché siamo saliti che era nuvoloso. Parte alta completamente nella nebbia e ho anche avuto qualche difficoltà a trovare la cima. A scendere prima parte neve un po' crostata e soprattutto visibilità scarsissima, scendendo migliorava. Si scia anche nella parte finale ma prima bisogna comunque togliere gli sci per attraversare i prati.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: saliti dalla dogana sulla strada sino al primo tornante
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Fermato alle casermette per nebbia, da qui in discesa neve bellissima, un altro sci alpinista incontrato a fine gita (Mario che saluto) e che era andato sino in cima, ha confermato la difficoltà per visibilità nella nebbia e la neve meno bella sulla parte alta, ventata, crostosetta e qualche pezzetto di farina. Solo noi sull'itinerario oltre a decine di camosci e marmotte nella parte bassa. A va bin parei! Per la cronaca, a parte il meteo dei prossimi giorni..., per ora si arriva ancora al pianoro in basso dove c'è il laghetto, poi a piedi 10 minuti e si rimettono gli sci sino alla strada che scende sotto il forte Varisella e ancora per un pezzetto. In salita meglio sci in spalla per circa 300m di dislivello sfuttando i sentierini fra i nevai.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si fanno tutti i tornanti sopra il piano e...si va oltre!!!!
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
veloce sgambata con smarchi, claude & daniel...eravamo partiti con velleità incontenibili ma ci siamo dovuti accontentare di un facile ma sempre simpatico MALAMOT che è privo di neve solo in basso. In discesa 10 minuti di portage, in salita un po' di più. Neve trasformatissima ed anche bella. Alle 10 hanno cominciato a salire le nuvole e non si vedeva più nulla, scesi anche consultando il GPS, sob! Neve bellissima nella parte alta ma sciabilissima fino ...a dove ce n'è!
Nessun problema di strada perché tutto pulito. Credo che un buon affare sia la LAMET nella classic version (se non si sono barriere dei francesi sulla strada. Signal du LAMET ormai improponibile per assenza neve.

Grazie ai velocissimi soci..prima delle undici eravamo già all'auto, sob! Partiti in salita sci in spalla alle 6,20 più o meno.... comunque la partenza semi-notturna ci ha permesso di arrivare in punta con un bellissimo sole e cielo azzurro! Meno fortunati alcuni amici della SUCAI che, partiti un'ora dopo si sono trovati "in nuvola" e non hanno potuto continuare....
Foto sul solito FLICKR.COM/photos/snowlover62/sets a la prochaine....


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva fin sotto il Variselle in auto
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata spettacolare alla partenza da casa, 12 gradi a Bussoleno, 17 a Susa con un po' d'aria e 6.5 verso le 7.15 al Moncenisio.. Purtroppo vento freddo già in partenza e molte nuvole, temevo infatti per la nebbia..Sono partito da sotto la diga ma non avevo pensato che si poteva salire e partire in prossimità del forte Variselle.
Portato sci sullo zaino fino a 2230 m, quindi per almeno un' oretta.. Sono sceso con poca visibilità soprattutto nella parte alta e con neve a tratti non delle migliori, anche crosta, dovuta ad un rigelo non dei migliori, più in basso migliorava ma niente di che.. Non la consiglio ma sempre bellissimi posti..!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: valico del moncenisio aperto
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Dalla dogana francese parte una strada sterrata che passa ai piedi della diga e poi sale al forte Variselle: parcheggiato a quota 1900. Meteo un po' avverso di prima mattina, con vento fastidioso e nuvole che hanno impedito alla neve di rigelare e a noi di scaldarci. Portage di una mezz'ora (volendo si possono calzare gli sci anche prima, su lingue di neve). Solo sopra i 2500 è presente una spanna di neve recente già molto pressata dal vento. Scesi verso le 11, primo pendio su velluto perfetto, poi sempre più umida ma mai troppo sfondosa. Almeno una ventina di persone sul percorso.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: percorribile fino al colle
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
partito dal parcheggio sotto la diga, ma ho visto auto parcheggiate piu avanti sulla sterrata. comunque ho portato gli sci per 10' e tolti un paio di volte. in alto un 15 cm di fresca su fondo duro, in basso trasformata, solo sotto le casermette neve un po' pesante. bella gita, consigliabile penso ancora per qualche giorno.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Neve ancora da quattro stelle scendendo non più tardi della 10. Purtroppo il portage sia in salita che in discesa si è oramai dilatato a tutto il canale a meno che non si vogliano fare 5 o 6 gava e buta (ma non vale la pena). Per il resto del percorso i pendii più esposti cominciano a spelacchiarsi.
Comunque bella mattinata.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada aperta fino ai tornanti della Gran Scala
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
I pendii del Malamot percorribili già in dicembre (solo con condizioni di neve sicura) mostrano il “meglio” nella stagione primaverile, e in questo periodo sono veramente in ottime condizioni.
Neve primaverile su tutto il percorso e, nel tratto sotto la dorsale che porta in cima, un leggero strato di neve quasi polverosa su fondo duro.
Discreto rigelo ma per il caldo di questi giorni è bene iniziare la discesa verso le 10.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Ferie pre compleanno con Maurizio. Partiti alle 7.40, 20 minuti di sci a spalle (volendo si calzano prima), buon rigelo. Meteo splendido; saliti sul percorso normale. In vetta incontrato con piacere Franco (telemarkista); solo noi 3 sul percorso. Discesa per 3/4 spettacolare con neve farinosa e trasformata primaverile, poi il canale finale cotta, ma ci stà; tutti i versanti regalano ottime sensazioni. Togliendo gli sci una volta e con qualche acrobazia giunti quasi fino al piano, 10 minuti dall'auto. Bellissima giornata con bel pranzo finale in ottima compagnia. Bellissima festa di compleanno.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ok fino al fondo del rettilineo
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Consigliata! Peccato per i dieci minuti di portage, però discesa a mio avviso molto bella nella parte alta e buona fin dove finisce la neve. Sceso alle 10 e aveva cotto il giusto, in basso forse un po' troppo

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Ciao...il tempo buono x alcune ore, ha permesso di fare il Malomot. Oggi la compagnia era formata da Dante, Piero, Arturo e Mauro..unica presenza femminile io xche' Angela aveva impegni. Allora portage di 15 minuti poi neve continua marcetta. Salendo manto nevoso più compatto con crosticina e aria fredda accompagnata dal vento (folate di nebbia). 4 stelle xche' la discesa e' stata, con sorpresa, appagante e divertente (tranne gli ultimi 100 metri di canale). Anche il pezzo di strada e boschina è stato simpatico...Comunque la parte migliore della giornata è stata la nostra merenda: grazie a tutti!!

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok strada chiusa oltre il piano
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Lasciata l'auto a pian san nicolao e abbiamo fatto la strada delle scale parzialmente innevata fino a tagliare i pendii che immettono sulla stradina che porta al forte di variselle. Itinerario più lungo meno ripido e panoramico rispetto al canalone che abbiamo fatto al ritorno. In punta poca gente. Scesi alle 12.00 ancora su ottima neve primaverile compatta fino quasi al parcheggio solo un tratto di neve cedevole sulla parte più bassa prima di immettersi sul toboga finale che porta al piano. Ancora buona continuità di neve su tutta la discesa.
Un caro saluto al grande Ugo C. incrociato mentre scendeva che nonostante i suoi 81 anni va come un treno.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Ottimo rigelo notturno con uso di rampanti per almeno metà salita.
In cima alle 10 attendiamo mezz'oretta per dare modo al sole di lavorare. Primi cento metri di dislivello con ancora una sottile crosticina, poi spostandosi sui pendii più a sx è stato un crescendo di velluto fantastico che ha permesso una divertentissima discesa fino all'imbocco del canalino terminale. Qui la neve, oramai mollata, comincia anche ad essere davvero poca, quasi al limite: arrivo sci ai piedi comunque fino alla strada.
Mattinata con meteo spaziale.
Divertimento puro con mio figlio Simone.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
attrezzatura :: scialpinistica
Salito presto in solitaria. Discesa alle 9 e 30 con neve che incominciava a mollare, la parte bassa incominciava già a essere un pò troppo molle.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: dopo pian S. Nicolao la strada è chiusa con barriere di cemento
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
salito un po' tardi ma alle 13 teneva ancora quasi dappertutto, in qualche tratto esposto a pieno sud un po' sfondosa, altri tratti 5 stelle,comunque neve fino a pian S. Nicolao. Verso le 14 sono arrivate le nuvole; oggi solo una decina skialp sull'itinerario

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok fino al piano
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Gita consigliata. Buon rigelo. Il canale iniziale e' ancora ben innevato . Temperature in netto rialzo. Salito senza rampant . Dal forte fino a 2700 metri si trovano 5 cm di polvere su fondo duro. Da quota 2600 a 2300 crosta portante dai 2300 alla macchina trasformata . Credo che con le temperature previste trasformi su tutto il percorso entro 2/3 gg. Nel complesso una bella discesa...un saluto alla giovane ski alper che oggi ha lottato con l'alpe ...e condiviso la gita..

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: strada pulita
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Neve difficile da descrivere,fresca asciutta max 20cm a tratti ventata, gessosa e crostosa, frequenti placche ghiacciate.
Dal fondo del Piano S.Nicolao, sci ai piedi seguiamo la strada ben innevata tagliando l'ultimo tornante e imboccando la stradina sulla sinistra che porta al forte ed agli edifici della diga. Da qui si segue l'itinerario primaverile. Nessuno sul percorso. Da interpretare il percorso di discesa, bello fino alle casermette ed al Rifugio, oltre occorre fare attenzione alle placche ghiacciate. Itinerario tutto ben sciabile poche pietre. In basso la stradina ben battuta ci riporta all'auto.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: provocato fratture al manto
note su accesso stradale :: Pulita fino alla Gran Scala
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
L'innevamento è continuo dal canale adiacente il forte Variselle. I forti venti da Ovest hanno notevolmente modificato il manto nevoso. Presenti discreti accumuli nei pendii sotto vento con scarsa adesione che potrebbero diventare pericolosi nel caso di prossime nevicate. Neve per la maggior parte con morbida crosta da vento. Panorami grandiosi!

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto cadere valanghe a lastroni
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: Siamo arrivati fino alla Gran Croce con termiche
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Abbiamo cercato di sfuggire la folla attirata dalle relazioni di ieri e ci siamo riusciti: abbiamo incontrato solo Gianni che saliva mentre noi scendevamo. Molto vento e molto freddo, neve variabile: pochi cm sulla stradina per arrivare al Forte Varisello, poi via via più abbondante ma molto lavorata dal vento, con tratti di farina su fondo duro da 5 stelle alternati a crosta morbida o dura. Alcuni accumuli, abbiamo osservato fratture nel manto e provocato il distacco di una placca, senza conseguenze. Con Francesco, Marco, Emilio e Paolo.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Gita da amatori. ...Seguito l'itinerario classico per il vallone . Al pianoro circa 5 cm di neve . Per trovare neve continua il portage e' di circa 45 min . Oltre i 2200 mt innevamento buono. Il vento ha lavorato molto .Temperature troppo miti per il periodo. Tutti i tipi di neve .. crosta portante e non ... zone trasformate. Giornata di sole e poca gente ... Oggi bisognava esser motivati per il ravanage nei rododendri....( un saluto al signore che ci ha ritrovato i guanti) Oggi con Angela... Con la macchina si arriva quasi alla diga ... aspettando altra neve..


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Non sapevamo cosa avremmo trovato e...c'era 1 unico modo x scoprirlo...il colle é aperto!noi x scarsità di neve nel canale siamo saliti sulla stradina fin soto la diga in auto poi qualche minuto di portage e dopo si calzano gli sci,solo che diciamo x il primo terzo della gita si passa su erba spesso e volentieri(non x niente oggi al Malamot:solo noi!)in salita i pochi centimetri di fresca ci hanno fatto tribolare non poco causa zoccolo,il tempo di arrivare e con noi sono arrivate anche 1 po di nuvole,mentre il Giusalet era già abbondantemente coperto discesa veloce su neve a tratti gessosa in altri meglio ma nel complesso ben sciabile...
Un caro saluto a Bruno e Albertina rivisti dopo 1 sacco di tempo e a Roberta e Alfio incontrati in discesa...


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ok fino alle transenne che bloccano l'accesso al colle
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Parcheggiato al divieto ai piedi della gran scala, saliti a piedi dalla strada e poi a sinistra per prati dall'ultimo tornante.
Scesi poi dal canale fino quasi al fondo (sciando su valanghe, rami e qualche pietra...), poi passati dalla cava.
Con Miro e Mauro del Pero :-)


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada bloccata al piano S.Nicolao
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti sci in spalla sui tornanti asfaltati, pochi metri sopra la casa rossa si possono calzare gli sci,scelta questa opzione visto la neve sporca nel canale. Come relazionato da Renato 63,che ringrazio per la foto mentre scendavamo con i miei cagnetti, abbiamo trovato un paio di volte qualche metro senza neve, per il resto ottimo! Bella giornata con temperatura giusta che ha mantenuto buona la neve, in alto addirittura duretta. In fondo alla discesa abbiamo scelto di passare per il canale a dx (non quello in alto), arrivando nella gorgia sino al pianoro su marcetta sempre ben sciabile, tranne pochi metri sporchi di terriccio franato. Bella giornata di ferie dall'ufficio in compagnia di Paolo e in discesa anche di Federico, conosciuto in cima, oltre come sempre ai miei inseparabili cagnazzi

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada chiusa al Piano S.Nicolao
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Partito all'alba delle 9 da Pian S.Nicolao dove c'è il blocco e salito a piedi fino alla fine dei tornanti,da questo punto si possono calzare gli sci e per lingue nevose si arriva al canale che passa sotto il forte(ben innevato),un paio di brevi interruzioni e da quota 2100mt copertura continua.
Oggi temperature più elevate e meno vento degli scorsi giorni,iniziato la discesa prima delle 12 su neve dura nella parte alta,poi bella primaverile fin sotto il forte raccordando tutto il possibile,ci sono già molti tratti scoperti e strada "a vista".......
Una delle ultime occasioni per poterla fare con gli sci,visti una decina di skialp,quasi tutti saliti dal canale che risulta svalangato e coperto di terra,questa opzione forse è meglio considerarla per la discesa che evita il tratto su asfalto,onestamente non la consiglierei.
In zona Moncenisio innevamento decisamente scarso,ancora ben innevato il Giusalet.

[visualizza gita completa con 11 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok.
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Il Malamot non ti delude mai, bellissima giornata fresca rubata al lavoro, qualche gava e buta ma poi neve perfetta fino in cima. Volevo scendere dal canalone di sinistra (per chi sale) ma ho desistito per poca neve. La normale invece no problem. Solo io e un altro collega skialp incontrato alla macchina a fine gita.
buona neve a tutti.
Un saluto a Cesare col quale abbiamo scambiato due parole di montagna.


[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: snowboard
In partenza pioviggine e vento non fanno presagire nulla di buono, alla fine il vento teso anche se non violento (ma sempre contrario) è rimasto ma è arrivato anche il sole seppur a sprazzi. Salita diretta per il canale sotto il forte, quindi per i due valloncelli sulla destra che terminano con un ripido colletto (disagevole in ciaspole). Un paio di interruzioni per mancanza di neve. Ultima rampa con uscita diretta senza seguire la stradina estiva.
Discesa verso il lac blanc con qualche scorcio sulla N del Giusalet, meteo via via più aperto con sole caldo e vista splendida verso gli Ambin. In alto bella trasformata con qualche dito di marcetta, un paio di cedimenti del manto. Dal falsopiano sotto il Bard al pianoro ancora meglio, firn appena rinvenuto da ottime curve, quindi 200m di piano scoperti fino a portarsi nel ripido canale centrale parallelo a quello di salita, qui neve molto umida ma ancora dignitosa. Si arriva in fondo senza togliere l'attrezzo ma occorre noncuranza del fondo.. durerà poco. Giornata nel complesso buona, il vento ha mantenuto la neve, penalizzata dal mancato rigelo. Salut!

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: SS25 aperta fino al fondo piana san Nicolao
attrezzatura :: scialpinistica
A Bussoleno c'erano 14 gradi poco dopo le 7 ed era anche nuvoloso ma per fortuna da Giaglione il tempo cambiava nettamente e alla partenza la temperatura era sui 5°C.
Il canale iniziale mi sembrava un po' troppo svalangato e ho deciso così di seguire chi stava partendo per la gita e faceva i tornanti asfaltati..
Messo gli sci in prossimità del tornante precedente la dogana francese, riportandomi poi sul percorso classico che passa vicino al forte Varisello...
Ho tolto gli sci poco dopo per un breve tratto in discesa su erba, in seguito ho attraversato ancora qualche pezzo non più innevato ma niente di che..
In discesa la neve era perfetta, cominciava appena a mollare e anche nella parte bassa era ancora perfetta..
Mi sono diretto verso il canale che porta direttamente alla macchina a parte qualche valanga mista a terra presente già in precedenza la discesa era tutta raccordata e si arriva a pochi metri dalla strada.. Sempre una balla gita il Malamot!

Un saluto a tutti quelli incontrati in gita, anche a Franco e soci..!

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada bloccata a pian san nicolao
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
La strada é bloccata a pian san nicolao. Neve sulla strada non continua. Noi abbiamo portato gli sci a spalle sulla strada per circa mezzora fino a che è possibile percorrere la stradina che porta al forte di variselle dove la neve è continua. Qualche gava e buta di pochi metri sino a quota 2400 circa. Giornata bella anche se con un leggero venticello. Discesa verso le 13.00 su neve mollata ma mai sfondosa. Scesi per il canalone vicino la casermetta. In basso qualche slavina limita la continuità ma ravanando si riesce ancora ad arrivare fino al piano del parcheggio ( ma non per tanto).Poca gente oggi su questa gita.
Con Frank ottimo telemarker.


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
oggi Fulvio (altapressione), dopo settimane di quota zero ad Amsterdam aveva voglia dell'aria più rarefatta delle nostre montagne. Accontentato subito, ma il Malamot "famolo strano". Si parte quasi sci ai piedi sfruttando vecchie valanghe, quindi a 2000 mt. non abbiamo preso né la via classica a dx, né la diretta frontale ma ci siamo avviati sul ripido pendio a sx. Fulvio poi ha risalito un canale abbastanza stretto e ripido, io invece sempre più a sx l'ho aggirato. Ci siamo poi ricompattati sotto la N de la Cime de Bard quindi su pendii più dolci fin sotto l'impressionante N del Ciusalet. Al lac Blanc tutto a dx per portarci sul Malamot dal versante sud-ovest. Vallone stupendo, neve liscia e solo noi e tre pernici bianche. Discesa eccellente dallo stesso itinerario. Preso il bel canale a quota 2280 che con pendenza abbastanza costante sui 35° spiana al pianoro a 2000 mt. Di lì neve un po' collosa. cmq sci ai piedi fino al fondo. Quindi per una volta senza fretta ci siamo concessi panozzo, birra, pennichella al sole. Con gelato a fondovalle. Cosa dovrei dare a questa giornata? 10 e lode ;)

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Neve dal Piano .S Nicolao, seguiti i tornanti
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Scesi sul canale nordovest ( il più a sinistra scendendo dopo gli ampi piani delle casermette ), in ottime condizioni, dritti sul lago e probabilmente due ore prima, dato il caldo smolla neve, sarebbero state 4 stelle. Poi seguita la strada sino sotto il forte Varisello. Con gli amici dello Ski club Torino.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nulla di che
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Neve dal pian Nicolao. Meteo spiccatamente variabile. Ci siamo fermati a 100 metri dalla vetta causa fitta nebbia. Condizioni della neve buone , tutto trasformato, solo in alto un po di neve fresca. Peccato non aver visto il panorama e toccato la vetta...pazienza. Discesa molto divertente. Con Jampy

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: tutto ok fino alla piana
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
oggi eravamo in 18,partiti con vento fastidioso a tratti forte,arrivati alla base del canale ognuno ha scelto il percorso di salita una parte è salita per il canale e gli altri per la via normale. In cima il vento era debole scesi alle 11, nel primo tratto fino alle casermette la neve era a tratti farina a tratti crosta che si rompeva facilmemente.Dopo tratti di crosta portante e non, nell'ultimo tratto la neve era primaverile.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: Sino ai cani con l'auto.
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Partito alle 8:30 dai "cani" alla piana di s. nicolao, e per evitare il canale, salito dai tornanti.
Prima della dogana, tagliato sulla sx, ma la strada di traverso che porta al forte variselle è troppo coperta. Optato per il piano, sino alla centrale e poi il canale sulla sx che porta al passo sotto il forte (okkio agli scarichi di neve).
Dal passo si taglia verso il malamot, si intravede una costruzione in pietra ed un canalino molto facile(e sicuro) porta sino a questa costruzione, che si trova su un tornante della strada militare. Traverso di 200 mt un pò esposto (ma meglio che il mega traverso del passaggio nel canale in basso.. ) e poi vari traversi, con piccoli scarichi, ma innoqui. Si arriva alle rovine e si imbocca il canale a Dx, su neve di riporto farinosa e asciutta.
Da li ultimo attacco centrale, con forte sulla sx e punta malamot sulla DX.
Discesa... okkio al primo tratto... neve bella ma non molta.. bekkato 1 paletto di ferro in pieno !!
Rientro sulla stessa via di salita, a parte l'ultimo tratto nel canale... con neve pappa già trasformata.
Solo io...


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: nessuna
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Rinunciato alla gita alla quota di circa 2200 m. causa pendii interessati da accumuli da vento . Ritornati nel canale presso piana S.Nicolao siamo rimasti esterefatti nello scoprire che dalle rocce verticali soprastanti il canale era caduta una valanga di neve umida (temperature abbastanza elevate)di notevoli dimensioni con un accumulo finale dai 2 ai 3,5 m.caratterizzato da grandi blocchi di neve e sassi. Chiunque si fosse trovato in tale punto in quel momento non avrebbe avuto possibilità di scampo.I tempi di reazione sarebbero stati inadeguati alla velocità della massa nevosa.
A tal proposito vorrei invitare i gestori del sito a modificare la relazione generale della gita evidenziando che .. "se il canale iniziale è sgombro da residui di valanga e le temperature sono sopra lo zero bisogna assolutamente diffidare a transitare alla base della parete. I pendii erbosi presenti alla sommità delle rocce a oltre 150 m. di altezza sono veramente un'insidia temibile. Allego il link del filmato. Gian e Davide (Bussoleno)

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Niente Malamot come ha gia' detto Enzo ma Bella gitarella di ripiego(l'intenzione era di andare all' iseran )in ambiente siberiano.In compenso un panorama molto particolare!

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: Sbarramento al fondo del Pian di S.Nicolao ma si puo proseguire ..
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
L'estate di San Martino che ricorreva oggi non ha dato i frutti sperati..svalicare il Moncenisio con le condizioni odierne, neve a partire gia' da Bar Cenisio e primi grossi accumuli poco a monte dell'ex posto di dogana, cosa assolutamente impossibile. Impensabile persino un ipotetico tentativo di salita al Malamot, poiche' il vento non ce lo avrebbe consentito. I nostri sforzi si sono protratti quel tantino di poco oltre il forte di Variselle sino ai margini di un ansa del lago del Moncenisio. L'impressione avuta venendo fi qui' e stata come di trovarsi all'improvviso sui bordi di un fiordo norvegese..emozionante! Gita breve estemporanea piena di significato..di quelle che non si fanno mai. Del resto anche volendo, di oggi non si sarebbe potuto fare di piu'. Con Davide.

[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: da vacchia dogana francese
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Gita al limite nella parte bassa, dove si scarpina parecchio (secondo me quasi 1 h con qualche togli/metti) poi in alto la situazione migliora. Bella la parte finale sia per gli ambienti che per la neve. Io ho però iniziato la discesa alle 10.30, dopo non lo consiglierei.
Ottimo panorama in cima.
Alle 13 in ufficio..un po cotto..

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si parte dalla base della diga.
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti con l’auto fino alla base della diga. Da lì circa 100 metri a piedi e poi si indossano gli sci salendo il canale che porta sotto il contrafforte del forte Variselle. All’altezza del forte abbiamo piegato a sinistra percorrendo le varie placche di neve con qualche gava e buta fino a raggiungere la prima zona svalangata. Da lì neve continua fino in cima. Dalle casermette militari fino in cima visibilità solo a tratti. In cima parecchie persone e vista spettacolare con le montagne circostanti che uscivano dal mare di nubi.
In discesa neve ottima fino alla macchina e scegliendo bene il percorso si tolgono gli sci solo due o tre volte nella parte finale.

Con papà, mia cugina Lucia e l’inossidabile Rick a cui vanno i miei più cari complimenti per aver saputo affrontare le difficoltà della vita sempre a testa alta e con grinta ed essere riuscito a riprendere l’attività di scialpinismo dopo 4 anni difficili. Bravo Rick e brava Lucia per il sostegno che gli hai dato!


[visualizza gita completa con 7 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti verso le 7.30 dalla ex dogana francese. Abbiamo portato gli sci fino al canalino sotto il forte di varisella e poi più in alto portage di almeno 30 minuti. In punta venticello freddo e nuvolaglia sul pianori sottostanti. Scesi verso le 11.00 su bella neve nella parte alta con strato di neve recente. Sui pendii mediani aveva mollato il giusto ed in basso molle ma per niente sfondosa. Abbiamo sfruttato al massimo le lingue di neve e i pendii per non togliere gli sci fino a quota sotto il forte di varisella. Da qui risalita e portage di circa 20 minuti per collegarci al canalino che porta al pianoro sotto la diga. Quindi ancora a piedi fino alla macchina. Nel complesso bella gita e bella sciata. Con il caldo che fa il portage nei prossimi giorni sarà sicuramente più lungo! Discreto affollamento di almeno 40 sciatori.

Con Rinaldo



[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti verso le 7.30 dalla ex dogana francese. Abbiamo portato gli sci fino al canalino sotto il forte di varisella e poi più in alto portage di almeno 30 minuti. In punta venticello freddo e nuvolaglia sul pianori sottostanti. Scesi verso le 11.00 su bella neve nella parte alta con strato di neve recente. Sui pendii mediani aveva mollato il giusto ed in basso molle ma per niente sfondosa. Abbiamo sfruttato al massimo le lingue di neve e i pendii per non togliere gli sci fino a quota sotto il forte di varisella. Da qui risalita e portage di circa 20 minuti per collegarci al canalino che porta al pianoro sotto la diga. Quindi ancora a piedi fino alla macchina. Nel complesso bella gita e bella sciata. Con il caldo che fa il portage nei prossimi giorni sarà sicuramente più lungo! discreto affollamento di almeno 40 sciatori
Con Rinaldo


[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 01/04/11 - altapressione
  • 12/05/10 - laura3841
  • 14/04/07 - rfausone
  • 24/04/04 - marcotezza
  • 30/03/03 - andreatecno
  • 24/11/93 - nevfres
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: pendii ampi
    difficoltà: MS :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Nord-Est
    quota partenza (m): 1720
    quota vetta/quota massima (m): 2914
    dislivello totale (m): 1194

    Ultime gite di sci alpinismo

    24/06/19 - Parrot (Punta) da Indren - gazzano
    Gita in due giorni , . Al mattino partenza con le prime luci dal Mantova , tanta gente sul percorso , la maggioranza senza sci . La neve è molto lavorata dai numerosi passaggi e sino a quota 4000 [...]
    24/06/19 - Vertosan (Mont) da Jovencan per il Vallone Vertosan - luca76
    Partito da Jovencan poco prima delle 5 con poche speranze di trovare la neve... Seguito il sentiero e passate le prime balze si entra nel vallone che porta al colle e qui inizia la neve sul lato sinis [...]
    24/06/19 - Basei (Punta) dal Lago del Serrù - ing.faletti
    Nessun rigelo ma buona sciabilita anche nella parte bassa. Critico il pendio a 2700 con valenghe spontanee in discesa Arrivati a colle agnel con gli sci
    23/06/19 - Giordani (Punta) da Indren - Geppy
    gita in mezzo al mondo!! - firn primaverile fantastico - sembrava di sciare su un tappeto - solo in alto (3800 - 4000 m) neve un pò sfondosa non ancora trasformata completamente
    23/06/19 - Jungfrau da Monchsjochhutte - vik
    Nella giornata di sabato sono caduti oltre 20cm di fresca, portarsi gli sci è stata una scelta azzeccata! Partenza dal Monch hutte alle 4, scesi fino a quota 3250m e, aggirato lo sperone roccioso, a [...]
    23/06/19 - Arselle (Pointe de l') da le Pont de la Neige, anello per i Colli Calabourdane e des Fours - lakota
    La neve è diminuita, ma il giro è ancora fattibile. Panorami speciali, neve dura al mattino versante val d'isere, invece al ritorno neve ottima; abbiamo fatto il giro al contrario: salendo al col v [...]
    23/06/19 - Bezin Nord (Pointe de) da le Pont de la Neige - c.ale
    Gran chiusura di stagione all' Iseran. In tranquillità alla Bezin, buona discesa su primaverile e ripellaggio alla Ouille de la Jave per fare il bel pendio su ottimo firn. Ritorno a Pont de la Neig [...]