Pesciora (Pizzo) da Ronco

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Ritorno faticoso al Pesciora visto che le mie pelli non ne volevano sapere di restare attaccate. Ringrazio i miei amici per avermi aspettato al deposito sci. Cresta abbastanza ingaggiosa anche a causa del vento fortissimo
Con Andrea e Luca


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Gomme termiche
quota neve m :: 1100
attrezzatura :: scialpinistica
Un Pesciora da Fantascienza,30/40 di polvere su tutto il percorso,in una giornata spettacolare,penso che di più non si poteva chiedere.
Partenza da Ronco alle 8 con -13 gradi.
Davanti a noi ci sono una decina di persone fra cui il Team Fighetti(oggi in sei)
La traccia di salita è fantastica,mai ripida,che consente di mantenere sempre un buon passo(difficile trovarne fatte così bene).Noi siamo arrivati a quota 2800/2900.
Siamo scesi fino 2200 per poi ripellare fino i 2700..la neve era troppa bella!!
Alla fine 1850 mt disl nella bellissima Val bedretto!


Roby
Fulvio


[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Fantastico Pesciora.... Dai 3000 ai 2000 mt sciata spettacolare (scesi alle 9 30)..purtroppo il bosco finale e da super ravanatori....il caldo di questi giorni non forma la crosta portante sotto i 2000 di conseguenza neve pessima insciabile!
Fulvio
Roby
Enzo


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nulla di rilevante
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Le condizioni erano primaverili sia del manto sia della temperatura salendo nel boschetto molto ripido a tratti ghiacciato meglio rampant se si parte presto poi si riducono le pendenze e la neve migliora decisamente, crestina bella aerea delicatina ma nulla di preoccupante, la discesa molto bella nella prima parte neve a tratti polverosa e intonsa "poca per la verità" a tratti un po pesantina ma nel complesso sciabile anche nella parte bassa bella ma direi primaverile ... "ma non eravamo in gennaio ??"
la compa piacevole ma inedita Dario e Emiliano .... ps noi siamo arrivati in vetta in 3 ore e mezzo


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti dall'acqua al passo rotondo.... Traverso per raggiungere il colle del Pesciora a quota3000 mt e scesi a Ronco....Bellissimo giro in Val bedretto in una giornata spettacolare..... Solo il vento ogni tanto rompeva ma non più di tanto....neve bruttina in alto con crosta da vento ma solo i primi 200mt poi ottimo firn fino al limite del bosco...
Naturalmente c'è da spallare gli sci fino alla Capanna Piansecco e da 1900 fino a Ronco in totale tra salita e discesa 1ora e45. Poi bisogna risalire all'acqua a prendere la macchina.... Totale 1600mt di disl 18 km

ROBY
Fulvio


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Da Ronco, calzati subito gli sci ma poi appena entrati nel bosco causa percorso molto sconnesso e neve a tratti dura e piena di pedate, li abbaimo spallati per ben 250 mt di dislivello. In seguito neve sempre dura, necessari rampant. Ultimo muro finale fatto diretto e a causa della neve dura e svalangata messi sci nuovamente in spalla: consigliabile agirare questo tratto passando a sinistra delle rocce dove la pendenza è nettamente inferiore. Arrivati al deposito sci, scalate le roccette instabili che NON sono innevate, salendo diretti sotto la cima e a dx della placca per un brio aggiuntivo assicurandoci con qualche cordino e un paio di friends qua e là, sempre legati con spezzone di corda. Discesa disarrampicando lungo la cresta: unica difficoltà è il diedro canale di 5 metri che ha pochissima neve sul fondo per cui ho lasciato un cordino per assicurarsi in alto. 30 metri più sotto c'è un tratto dove tutte le rocce sono moooooolto instabili.
Discesa su neve dura, il sole si è velato velato dopo le 9.00 ahimè, altrimenti ci sarebbe stato un bel firn.
Per salire in vetta, il percorso su roccette richiede almeno 30-40 min di scalata e 20-30 min di discesa: nelle condizioni in cui è NON è banale a causa della fragilità delle rocce non bloccate dal ghiaccio e dalla neve.
Insieme a Giorgio - Cai Sem


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 800
attrezzatura :: scialpinistica
Gran sciata al Pesciora...bellissima giornata zero vento e neve buona su tutto il percorso!!
Polvere un po appesantita dal vento e dal sole ma ottimamente sciabile..una decina di ski alps sul pecorso..Ciao Martina oggi ti abbiamo tradito!!
Io Giò Fulvio Enzo la Super Camilla e l'amico Eddy!!!!


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: da ronco
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
bellissima gita in un bel posto, bei pendii sempre sostenuti e diretti in salita, divertente la crestina finale per l'arrivo in vetta.
Buone ieri le condizioni di salita traccia ed assenza di rigelo non usato i rampanti nemmeno sull'ultimo pendio ripido e diretto per arrivare al deposito sci.
cresta finale tracciata, senza ghiaccio e con tanta neve che facilitava la salita e discesa della placchetta finale per l'arrivo in cima.
purtroppo non si può dire altrettanto per la discesa, la non gelata della notte che non era stata ben serena, la neve che è tanta e non ancora trasformata, una discesa a tarda ora dopo le 13,30, hanno fatto si che la sciata è stata solo bella nei pendii in alto e poi diventata di pura sopravvivenza , peccato perché con le giuste condizioni è proprio bella!
Giornata comunque piacevole, gruppetto di 11 persone della Sem di Milano saliti protetti dal vento e inaspettatamente soli ad eccezione di altre due persone in ambiente sempre spettacolare...

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: pulita
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Si parte dal paese di Ronco con un abbondante innevamento (circa 2metri di neve sui tetti). Il bosco si sale bene su buona tracca senza bisogno dei rampanti.
Salita continua su bella traccia fino al deposito sci.
Oggi cielo terso e troppo caldo, fortunatamente qualche refolo d'aria a rinfrescarci.
Discesa discreta dapprima su crosta, poi neve in trasfromazione sotto i 2400 ma ancora poco compressa.
discesa nel bosco facile

con Roby, Demis, Max e Roby

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: OK
attrezzatura :: scialpinistica
Mazzo paurosa a tracciare 1500 mt con un caldo che manco in Africa.. arrivato poco sotto il deposito sci, via le pelli e giù nella nevascia.. per la cresta sarà per la prossima, oggi era impensabile, sia per l'ora che per le condizioni.. I pendii sembrano comunque ben assestati.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Strada aperta e pulita. Prendere la seconda deviazione per Ronco.
quota neve m :: 1100
attrezzatura :: scialpinistica
Innevamento abbondante, 1,5 mt a Ronco.
Salita nel ripido bosco iniziale su traccia dura, abbastanza impegnativa con molti passaggi belli ripidi forse a causa anche della troppa neve. Dal termine del bosco si sale bene su 2 cm di neve fresca. Pendenza sempre sostenuta, si mette l'alzatacco all'auto e lo si lascia sino al deposito sci. In particolare il passaggio tra i due affioramenti rocciosi in alto è bello dritto. Salita in vetta con ramponi e picozza da fare con attenzione. Oggi i padroni del deposito sci erano gli organizzatori del Tris Rotondo che si terrà domani, arrivati dopo di noi dal versante opposto hanno iniziato a fare piazzole e tirare corde senza alcun riguardo per i presenti e creando una gran caciara che nulla ha a che vedere con quei luoghi.
Discesa bella sino alla parte mediana superiore su polvere su fondo duro, poi crosticina e crosta che comunque consentiva discreti curvoni da forzare un pò di gambe, evitato infine il bosco scendendo alla dx nel canalone che conduce al ponte poco sopra il bivio per Ronco, qui pappone nonostante il freddo della giornata.
Tranne l'ultimo pezzo a rischio elevato valanga da reptazione, l'unica che non si è ancora staccata, lungo tutto l'itinerario il manto nevoso appare ottimamente consolidato, rischio moderato. Tutti i fianchi delle creste non hanno ancora però scaricato, attenzione alla traccia che evita il ripido tra i due affioramenti rocciosi aggirandoli alla sinistra salendo che passa proprio sotto ai ripidissimi pendii del Rotondo.
Attenzione domani gara, val Bedretto super affollata.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
attrezzatura :: scialpinistica
Neve presente su tutto l'itinerario. Parte superiore neve un po' gessosa, parte inferiore più umida e con poco fondo. Bel giro con tratti di facile arrampicata finale su roccia che ricorda il monte bianco. Panorama eccezionale. Partire presto! info su edoardoalbrighi.blogspot.com

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Si parte da Ronco sci ai piedi. Nel ripido bosco si sale con numerose ripide svolte lungo la mulattiera, simile ad una pista di discesa. Neve molto dura: utili i rampanti.
Dalla fine del bosco si sale per strappi duri e brevi pianori su neve sempre portante: dal limite del bosco abbiamo tolto i rampant fino in cima.
Abbiamo ritracciato alcuni punti dove la neve era stata cancellata dal vento e si erano formati piccoli accumuli, soprattutto sui dossi sopravvento e tutta la parte finale.
Si accede alla cresta per una pedonata ripida ma ben tracciata. Cresta con passaggi di I grado. Poco sotto la vetta 1 passaggio di II/II+ facilitato da un cordone (un po' corto).

In discesa farina compressa-crosta morbida-neve gessosa sempre ben sciabile fino a circa 2500m
Corsta morbida sotto, tra 2200 e la parte del boschetto quai primaverile.
Nel bosco si scende su una sorta di pista piuttosto stretta ma ben levigata su neve molto fradicia in rapido scioglimento.
Una bella discesa remunerativa e divertente su neve di tutti i tipi sempre molto scorrevole e ben sciabile.

Cielo sereno con qualche nuovola portata dla vento.
Fino ad Airolo forte vento.
In valle bedretto brezza.
Lungo la salita refoli di brezza, molto caldo. Si respirava sopra i 2500m.
In cresta una brezza tesa, ma non il vento turbolento previsto.
Grandi sbuffi sulle cime del lato meridionale della val Bedretto: sul lato settentrionale nessun fastidio.

Splendido Pesciora.
Salita completa di ampio respiro in ambiente grandioso e ampio ma anche appartato e solitario.
Forse la più bella della val Bedretto.
Una salita ed una discesa perfetta su bei pendii che consentono di salire speditamente e offorno una bellissima discesa.

Il vento previsto non ci ha disturbato, forse ostacolato dalle moli del Pesciora e del Rotondo. Le cime meridionali sbuffavano ma noi abbiamo anche patito il caldo.

Una giornata perfetta.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: altro
attrezzatura :: scialpinistica
Che dire abbiamo finito l'anno con un super pesciora..bellissima giornata..neve bella su tutto il percorso soprattutto stando a destra scendendo(non è sicuramente la polvere che si trova nel versante della val piana).l'amico righetti ha proprio ragione quando dice che il pesciora è la gita più bella della val bedretto!!
io
fulvio
giò
e la super Camilla


[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
finalmente il pesciora!mEra da un sacco di tempo che volevo farlo e non riuscivo mai ad organizzarlo!
Bellissima gita fatta con francesca, condizioni ottime neve primaverile ottimamente trasformata e crestina finale pulita ed asciutta fatta senza uso dei ramponi.
Sembrava di essere almeno un mese avanti e di essere al 1 maggio come temperature e come situazione neve.
In salita seguendo il sentiero estivo abbiamo messo gli sci circa a quota 1900mt manto nevoso perfetto e messo i rampanti facendo alla fine il "muretto " diretto senza fare il giro a sinistra più largo.
In discesa stando sempre a sinistra ( nel senso di discesa) si riesce a scendere sfruttando dei canaletti e lingue di neve fino a quota 1700mt dove si arriva ad un sentierino che traversa in leggera discesa e d incontra quello "ufficiale" della salita e da li alla macchina a ronco.
Nel complesso gita molto bella, crestina carina, nell'unico pezzo tecnico è presente un cordino lungo dove volendo si può tirare ed anche usare per doppia in discesa.
Un plauso anche a Francesca che facendo poche gite è stata bravissima ed ha stretto i denti sulla crestina

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservato fratture nel manto
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: ore 1,10 dalla dogana di Chiasso
quota neve m :: 1400
Una classica della val Bedretto a torto trascurata dai gulliveriani. Salita continua per 1600m. Volendo si trovano tratti anche sostenuti.
Sci ai piedi dall'auto. Nel bosco iniziale per brevi tratti la neve comincia a mancare, ma non si tolgono gli sci .
Buon rigelo notturno. Iniziata discesa alle ore 11,45. Fino a 1800 m firn perfetto, poi marcia. Evitato il bosco per un ripido pendio canale sulla destra in cui la neve durerà ancora per poco.

E' una salita da affrontarsi con neve sicura: sul percorso viste slavine di fondo e fratture del manto.
In compagnia di Stefano.


[visualizza gita completa con 3 foto]