Blanchen (Gran Becca) da Chamen

attrezzatura :: scialpinistica
Carico delle foto inviatemi da un amico circa le condizioni attuali del bivacco de la Sassa-Ceresa evidentemente inagibile. A quanto ne so, sono già stati informati sia il comune che il CAAE. Buone gite

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Salito spedito non appena ha fatto luce ma sono stato presto raggiunto da un gruppo del biellese che aveva passo da gara. Ottimo rigelo e buon grip tranne nei tratti lisciati dai passaggi che erano gelati. Toccato dal sole poco prima del colle della Sassa .
Tolti gli sci 20 metri sotto l'uscita in cresta, dove sono stato superato da 2 bergamaschi che senza ramponi si sono dovuti accontentare della Petit Blanchen. Cresta per la Gran Becca Blanchen in ottime condizioni e super tracciata. Raggiunta la Punta con Armando (che saluto) , l'unico del gruppo dei biellesi che ha proseguito. Io ho trovato abbastanza semplice raggiungere l'omino di pietre , mentre la seconda punta richiede un po più di cautela , specie nel tratto in cui si perde qualche metro di quota dove la roccia non brilla in qualità (penso che il grado PD sia tutto qui nelle condizioni attuali). Ma come già detto da altri c'è di peggio sulla roccia.
Mentre salivo ho incontrato una cordata che aveva appena terminato la cresta (Chiedo scusa per non averlo riconosciuto e salutato).
Discesa Condivisa con beppe conosciuto sul posto .
Parte alta neve molto disturbata , poi dal colle della Sassa in giù molto godibile e divertente. Circa mezz'ora di spallaggio sia in salita che in discesa.
Oggi partito solo ma di fatto ho trovato sempre con chi scambiare due parole. Giornata tersa. Valpelline magica.
Dopo tanto girovagare per le Alpi ......è arrivato il suo momento!! Il Lupo .....bellissimo , fiero , giovane , in salute. La mia prima volta dinnanzi a questo animale , entrambi a guardarsi per pochi istanti.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Parcheggio a Chemin
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Neve continua dai 2020 metri (in rapido scioglimento). Il vallone della Sassa prende sole dopo le ore 10 fino a quota 3260 ca. Zero termico a 2600 che ha permesso di mantenere la neve in ottime condizioni tutto il giorno (e dai 3400 in su marmoreo).
Cresta in condizioni ottime non difficile, ma necessaria comunque concentrazione: passaggi di 3° grado, maniglioni sempre a portata, si toccano rocce instabili, che sono evitabili.
Ghiacciaio di Otemma con ghiaccio affiorante nella parte sommitale

Partenza ore 6.15, 45 min di spallaggio fino all'alpe Gran Chemin; ore 9.50 Colle della Sassa per godersi i primi raggi di una giornata memorabile.
Discesa dal colle, sci ai piedi su neve granitica modalità "El Gringo Eskiador". Dai 3450 pappificio reale e curve atletiche simil Coppa America, tra pappazza, residui slavinici e vecchie tracce. Dai 3250 fino ai 2020 metri dell'Alpe Gran Chemin, curve "Super Motard", accompagnate da lacrime di giubilio e frastornamento per la bellezza del luogo, della gita e del sogno nel cassetto.
Con Andrea e Luca. Oggi senza Turbopadelle


[visualizza gita completa con 5 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Gran gitone, con parte finale alpinistica, non banale. Ottima salita su neve ben rigelata.Lasciato gli sci 50 mt sotto al colle e saliti a piedi. Da li inizia la cresta. Abbiamo seguito le traccie presenti, che però portano all'anticima e non alla cima vera e propria. Io mi sono fermato li, il socio è sceso un po' sul versante svizzero fino a reperire il passaggio per arrivare in cima. Splendida discesa, con neve ancora dura nella parte alta sotto al colle, poi perfetta fino a dove si tolgono gli sci (Gran Chamin) Diversi skialp in giro, solo un'altro iniziava la cresta quando sono sceso.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nessun problema fino al parcheggio
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi gran bella giornata. A parte l'aver dimenticato la picca in auto ed essere ritornato indietro a prenderla, la salita non presenta sorprese. Sci in spalle fino alle baite, neve continua fino in cima, coltelli utili ma non necessari, ramponi utili ultimi 50m prima della cresta rocciosa. Per la discesa, contrariamente alle aspettative, neve brutta e sfondosa per i primi 100m, appena sotto la cresta. Poi solo neve bella, sciabile, trasformata, sempre portante, mai sfondosa , a tratti (lunghi) firm perfetto. Anche in basso, prima delle baite, per un colpo di fortuna ovvero nuvole alte che hanno trattenuto il calore del sole, neve sciabilissima sempre portante. Le 5 stelle, in questa stagione, ci stanno tutte. Grazie ai compagni di sempre per la giornata, Carlo e Cattivissimo ME .


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada ok
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal posteggio alle 6,30, tempo sereno e stabile, temperatura -2°, assenza di vento, calzato gli sci 100 mt. prima di Gran Chamen, neve continua e portante, traccia presente ma un po' gelata, il mio Socio è salito sempre con gli sci, il sottoscritto un paio di tratti con i ramponi (pelli da buttare!!) Lasciato gli sci a circa 50 mt. dal colletto, cresta in buone condizioni (ancora neve no ghiaccio). Discesa al colletto senza problemi, dal deposito sci sino a sotto il colle della Sassa parecchie tracce rigelate (meglio aspettare un momento in più) poi sciata da segnare sul calendario sino al termine della neve.
Ringrazio i 3 ski-alper Transalpini che mi hanno ritrovato il casco nel pianoro sotto il bivacco, l'avevo agganciato male allo zaino, (perso a quota 3400 ritrovato a quota 2900, 500 mt. RITROVATO!)
Salita tosta effettuata con il President (non ho più aggettivi...)
Bella gitarella...


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: OK fino a inizio poderale
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Neve continua da poco prima degli alpeggi di Gran Chamen, ovvero 300m circa di dislivello dall'auto. Tratti innevati sulla poderale ma con troppe interruzioni per poter essere saliti e scesi sci ai piedi. Portage e lunghi tratti in piano nel vallone fanno sì che la gita sia di grande sviluppo chilometrico. Al primo tratto ripido ho montato i coltelli per il rigelo potente. Fino a quota 3000m circa siamo stati all'ombra con un discreto fresco. Appena messo il naso al sole si cuoceva. Al colle di Sassa la neve era già molle alle 10, ma mai sfondosa e/o pericolosa. Dopo un po' di inversioni ripide ho depositato gli sci circa 80m sotto al colle. Salito con picca e ramponi al colletto. Dal colle a destra verso la cima con 85% roccia e 15% neve, meglio comunque tenere i ramponi. Ci sono dei punti esposti e la roccia è in generale poco affidabile ma non è mai difficile. Panorama incredibile in una giornata stupenda. Discesa attenta sulle rocce instabili. Ho visto pochissimi ometti e in un paio di punti non è proprio certo dove si passi. Dal deposito sci neve sfondosa ma comunque sciabile con attenzione, date le pendenze. Dal colle Sassa ottimo (pur non ancora perfetto) firn e poi bellissima primaverile sui pianoni e nei brevi momenti più ripidi fino a fine neve. Nel complesso un itinerario grandioso! Almeno 20 persone in giro, e gita ancora ottima per un bel po'.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada ok fino al parcheggio all'inizio della poderale.
attrezzatura :: scialpinistica
Bellissima salita attualmente in ottime condizioni. Portage di una mezz'oretta in salita fino alle ultime curve della strada sotto le case di Grand Chamen poi neve continua fino in vetta. Cresta di vetta abbastanza pulita, qualche breve tratto in neve obbliga a salire con i ramponi ma si sale senza problemi fino in punta. Discesa con neve un po molle nel pendio fino al colle esposto a sud poi bella e divertente discesa fino al punto dove si tolgono gli sci.
Bellissima salta e ottima giornata divise come sempre con Monica.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Si portano gli sci sin quasi alla baita Gran Chamen. Ma una salita cosi merita sicuramente il portage.
Buone condizioni su tutto l itinerario e cresta finale senza problemi. Sceso dal Colle poco prima di mezzogiorno , ho trovato cosi bella neve in basso.
Buonissima gita.

[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: strada aperta
attrezzatura :: scialpinistica
Ottime condizioni di innevamento nel vallone della Sassa; gli sci si mettono dopo una quindicina di minuti, poi li abbiamo tolti su al colle dove inizia la cresta; quest'ultima attualmente e' in ottime condizioni, poca neve ma stando attenti a quello che si tira tenendosi sempre sul lato svizzero si arriva facilmente in punta; discesa su bella neve nella parte alta, poi in basso un po' sfondosa ancora non completamente trasformata; con qualche breve tratto a piedi si arriva con gli sci a pochi minuti dall'auto.
In compagnia di tanti cari amici.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
si spallano gli sci fino a Chamin con deviazioni perchè la poderale è cosparsa di tantissime piante rovesciate e scalzate dalle valanghe, poi buon rigelo fino al colle della Sassa, e a seguire neve gia molto umida vista l'esposizione e la giornata caldissima, lasciati gli sci 100 mt sotto al colletto, si sale senza ramponi neve sfondosa, ci siamo fermati al colle per paura che scaldasse troppo e comprometesse la discesa. dal colle per tutto il vallone bel firm fino a Chamin

in compagnia di Marco Parenti e Sergio che è sceso prima per andare al lavoro.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Nulla di rilevante, SR28 che porta a Place Moulin aperta.
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: snowboard
Gita ancora in ottime condizioni.
Si spalla fino alle baite di Gran Chemen (300mt circa), da li in poi neve molto abbondante su tutto il percorso.
La strada poderale che porta alle baite è parzialmente intasata per larici travolti da un enorme valanga, per cui c'è un po' di ravanage nell'attraversare alcuni punti ma niente di che.
Bivacco della Sassa in condizioni appena accettabili, necessiterebbe almeno di una rassettata ed un cambio coperte/materassi.
Oltretutto in più posti è dato per 12/15 posti, ma ad esser onesti ci si starebbe a malapena in 8 (tanti sono i materassi), non oltre....noi eravamo in 12 !
Comunque è accessibile libero da neve o ghiaccio.

Gita di 2gg del corso SA2 del CAI di Chivasso, con pernotto al Bivacco della Sassa.
Purtroppo a causa del pessimo meteo di domenica mattina ci siamo dovuti accontentare del colle della Sassa, da li in poi la visibilità era veramente nulla e la precipitazione si è intensificata notevolmente.
Sarà per la prossima....


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Ieri la strada era chiusa ad 1 Km dal bivio per Charmen. Ruspe al lavoro, però
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Davvero una bella gita. Gli sci si mettono all'inizio della strada per Gran Chamen, per adesso tutta innevata e sciabile con piacere anche in discesa (salvo 200 m di valanga coperti da alberi sradicati). Da Gran Chamen neve trasformata molto molto bella.
Essendo da solo, mi sono fermato al termine del tratto sciistico, poco prima dell' "affilato colletto". Discesa davvero molto bella.
Da solo in salita. In discesa incontrati due ragazzi ed una ragazza francesi, molto carichi, che scendevano al Nacamuli traversando il colle della Sassa.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: In auto fino a 1km ca. Prima del bivio x Gran Chamin
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
La stradina x Gran Chamin comincia ad avere parecchi tratti scoperti fino a q. 1900 ca. La neve era in condizioni fantastiche. Abbiamo goduto di una sciata spettacolare nonostante siamo scesi tra le 14 e le 15. Salita con coltelli da quando iniziano ad impennarsi i pendii (2500 m ca.) Fino a q. 3450 ca. Poi abbiamo calzato i ramponi per x gli ultimi 100 m fino al colle. Li abbiamo tenuti x tutta la salita fino in vetta che abbiamo percorso legati anche se in conserva. Posizionato 3 o 4 protezioni in tutto, ma ci stavano proprio. Le condizioni della cresta, percorsa prevalentemente poco sotto il suo filo lato ghiacciaio di Otemma, erano discrete. Molta attenzione e ricerca del percorso non sempre immediata, ma alla fine siamo giunti in vetta. L'individuazione della cima, in fase di salita, non ci è risultata immediata; arrivati in punta non eravamo sicuri di essere sulla Blanchen perchè vedevamo un panettone innevato poco oltre. Dai riscontri della traccia GPS e dalle foto degli altri Gulliveriani, abbiamo capito che eravamo proprio sulla cima giusta che comunque è con spazio limitato e un po' scomodo. Il panorama è spettacolare....
L'ottimo meteo (no vento, sole a palla) sono stati un ottimo contributo al successo della gita
Gita spettacolare in compagnia di Claudio e Marco fino in vetta e di Mike e Annalisa che hanno goduto della sciata lasciando a noi la cresta alpinistica.
Ottima compagnia con birra di fine gita.
INSERITA TRACCIA GPS
Altre foto su flikr.com/photos/snowlover62/set


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: tutto a posto
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Giudizio piu' consono in questo caso. Una OS a tutti gli effetti con molto "A" sul finale, se si vuole anche corredare la gita con arrivo in vetta per cresta, per quanto non difficile, cmq non banale, se affrontata non in condizioni (al momento ancora tipicamente invernali in quota)
Tanta e' la neve inconsistente da pestare, poca la roccia da tastare. Un minimo di sicurezza e' inevitabile in tutti quei casi in cui bisogna fare i conti con l'esposizione, al fine di portare a casa ogni volta pelle e soddisfazioni assieme. Lasciati gli sci alla base del muro finale un cento metri sotto il colle Blanchen est, separante le due becche grande e piccola. Quest'ultima recuperata con un blitz dal colle di ritorno dalla grande. Lo scarso rigelo oltre i 3000 con accumuli lastre da vento in via di consolidamento, residui valanghivi, crosta non portante e cos'altro non so, se ha visto penalizzata da un lato un po tutta la discesa riguardante la parte alta, dall'altro una magnifica sciata mi aspettava su una straordinaria primaverile a valle del bivacco, da sbizzarrirsi a far curve su curve come in pochi precedenti casi era mai capitato quest'anno. Meno fortunata la socia in quei casi in cui con le ciastre non sempre e' possibile rimanere a galla.
Con Tiziana, sempre al top.


[visualizza gita completa con 14 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Gita di ampio respiro e per gambe ben allenate.
Partiti sci ai piedi da Chez-Les-Chenaux abbiamo seguito la bella traccia fino sotto la cima.
Arrivati al colletto la cresta non si presentava particolarmente difficoltosa, ma abbiamo utilizzato l'attrezzatura alpinistica portata appresso per fare un po' di esercizio... Le condizioni della neve in discesa erano pessime, crosta non portante e nebbione hanno impedito una sciata in gran stile!
ringrazio il mitico socio Spinaccio e vi propongo il video realizzato nel corso della gita.



[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: strada aperta fino alla diga
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Gran bella gita, non c'è che dire. Un vallone superlativo da sciare.
Si spallano gli sci per circa 200 metri di dislivello poi neve continua (giusto un paio di brevissimi tratti scoperti sulla poderale). Oggi, buon rigelo e progressione veloce e senza coltelli fin sopra il bivacco. Dal colle fino alla fine dell'ultimo pendio utilizzati i coltelli anche se iniziava già a mollare. Arrivati al colletto in 4 ore ad andatura tranquilla. La cresta oggi si presentava non particolarmente innevata ma in ogni caso trigosa da tracciare (neve da inconsistente a portante e roccette abbondantemente brinate). E' tutto uno sfasciume e sinceramente a tre quarti ho preferito evitare un'inutile tribolazione al socio e regalarci piuttosto una bella sciata. Scesi quindi poco dopo le 11 abbiamo trovato il pendio fino al colle ormai parecchio smollato (prende subito sole al mattino) ma ancora discreto, mentre dal colle in giù sciata di gran classe su un biliardo di neve trasformata e mollata al punto giusto (vallone che rimane all'ombra fino a tarda mattinata). Parte finale verso le baite di Grand Chamen su neve ormai parecchio umidificata ma ancora buona da sciare.

Oggi, con il socio Stefano ormai "in bolla".

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Si parcheggia la macchina all’inizio della poderale e si sale a piedi fino a sopra le baite di Chamen fino a circa 2100 m. Prima parte su lingue di neve e residui di valanga molto sporchi poi, imboccato il lungo vallone della Sassa, bella neve compatta con buon rigelo che permette una progressione spedita. Le condizioni cambiano dal colle della Sassa in su. Da qui la neve fresca di un giorno fa sta smollando decisamente e l’ultimo tratto ripido, circa una trentina di metri, che porta in cresta si sale a piedi. Proviamo la cresta verso la vetta ma la abbandoniamo a metà vista la quantità di neve fresca e molle che rende difficoltosi anche i passaggi su roccia. Discesa delicata nel tratto ripido dalla cresta fino al colle della Sassa poi bella e facile sciata fino al fondo valle, dopodiché passeggiata di rientro alla macchina sci in spalla.
Bella giornata e bella gita sci alpinistica divisa come sempre con Monica.


[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Ottime condizioni nel vallone della Sassa, il buon rigelo notturno ci ha permesso una veloce progressione fino a poco sotto il colle Blanchen, poi con ramponi e piccozza, utile anche uno spezzone di corda, abbiamo tracciato la bella cresta ancora ben innevata fino in vetta; purtroppo in cima una nuvola dispettosa ci ha precluso il bel panorama. Discesa stupenda su neve un po' smollata fino agli alpeggi, poi a piedi fino alla macchina.

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Niente da aggiungere rispetto alle osservazioni di Fatboy, che ringraziamo per aver tracciato la cresta. Noi siamo scesi un'ora dopo e tranne che nella parte centrale la neve aveva mollato parecchio.
Con Sandro, Oriana e Save.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Neve continua da poco sotto le baite di Chamen, ottime condizioni, sia per la parte sciistica, sia per la cresta finale (giusto un po' di neve inconsistente, ma con i passaggi migliorerà) In discesa alle 11 trovato bella neve, che cominciava un po' a mollare sul pendio finale e in basso.
Gita in compagnia dei miei pensieri, incontrato alcuni amici lungo il percorso.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
..per chi ha tempo da perdere aggiungo il nostro videino con le foto di questa fantastica quanto faticosa gitona in valpelline..oggi io e piera due pere bollite attaccate al prezioso cordino di mark, grazie...grazie a tutti.

[visualizza gita completa]
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
notizie tecniche ,dal park ,si sale alle grange camen 2000m circa,a piedi su strada sterrata ,(300m e 45')da li in sù innevamento continuo fin 100m sotto il colletto che porta alla cresta che va poi in cima .(portare dietro corda da 30m-può tornare utile).noi oggi eravavo in 8 splendidi partecipanti in una gita che potrebbe essere una (sociale)ma per me è stata qualcosa in più.ognuno è arrivato dove la proria volonta la fatto arrivare con la componente mentale giusta ,ed il risultato complessivo di una bella sciata ,in un contesto panoramico da favola .grandi tutti . omar-tala- dario-iccio e piera -poda e mark,.condizioni cosi merita la sfacchinata(sveglia presto ecc.)

[visualizza gita completa con 7 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Si parte appena oltrepassato l’abitato di Ferrère dove la strada è sbarrata e si cammina qualche centinaio di metri poi, calzati gli sci, si percorre la strada fino a Chamen. Da qui saliamo su poderale e, passando accanto alle baite di Grand Chamen ci inoltriamo nel lungo vallone della Sassa. Fa decisamente caldo ma il buon rigelo della neve consente una buona progressione e, arrivati nei pressi del bivacco, continuiamo la salita a mezza costa verso il colle della Sassa. Da qui risaliamo il pendio a sinistra che con un tratto più ripido porta verso il colle Blanchen. Lasciamo gli sci una cinquantina di metri sotto il colle vista la scarsità di neve sotto la cresta e, messi i ramponi, risaliamo l’ultimo tratto a piedi. Vista l’ora tarda e la stanchezza oggi la nostra gita termina qui. Discesa godibilissima per l’itinerario di salita su neve ormai trasformata un po’ molle vista la temperatura piuttosto elevata di oggi e, arrivati a Chamen, si spinge per circa 2 km. fino alla macchina. Gita molto impegnativa per sviluppo e dislivello.
Bella e faticosa giornata sci alp divisa con Monica.


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
25 minuti dalla sbarra per raggiungere i tornanti che portano agli alpeggi. con lo zero termico attuale ottimo rigelo su tutto il tragitto. la cresta finale è priva di neve. ottima discesa.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2000
Lo scarso rigelo notturno nella parte bassa della gita ci ha fatto sciare su di un manto umido e pesante. In alto neve primaverile, direi che sull'80% del percorso la neve è perfetta...Cresta finale assolutamente non banale per vi della neve ancora abbondante

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Nessun problema
quota neve m :: 1900
Nota bene: fermi al colle tra le due punte Blanchen, quota 3.592. Per uscire al colle necessari ramponi. C'è uno strato di ghiaccio molto insidioso. Per 2 metri lineari non ci siamo arrivati. Troppo pericoloso senza ramponi!
Salita. Sci a spalle per 1,8 km, cioè 30 minuti del nostro passo. Nessun problema nella parte bassa, intermedia. Ci siamo divisi per accedere al ghiacciaio. Passati al limite nel traverso esposto oltre il bivacco, mentre il passaggio basso all'ombra è più agevole. Coltelli necessari dal colle della Sassa fino al colletto tra le due Blanchen.
Discesa: uno spettacolo in ogni settore. Lo scivolo alto, il ghiacciaio (meglio il lato più lavorato dal sole, dx orografica, quello del traverso sopra le rocce), eccezionale il tratto intermedio. E' bella perfino la stradina, per quel poco che si riesce a sciare!!!
Grazie alla pattuglia alpina: Yvonne, Gian, Davide, al colle Blanchen. A Paolo, Vincenzo, Ivan e Vittorio, al colle della Sassa.


[visualizza gita completa con 16 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
quota neve m :: 2000
sci in spalla fino alle baite...da li al bivacco neve con leggera crosta...poi fresca ma leggermente pesante...ultimo pendio abbastanza carico..cresta pulita..in discesa neve sciabile fino al bivacco...poi crosta difficile da sciare...in compagnia del mitico socio Jean...


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
quota neve m :: 2000
La neve inizia a 2000 metri, pertranto ci si devono sgobbare gli sci a spalle per 300 metri.
Siamo arrivati alla quota a sx del colletto. Non c'erano tracce che salivano alla cima.
La neve in discesa è stata assolutamente perfetta.
Panorama ed ambiente fantastici.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1900
Al mattino -7°C alla partenza. Fondo sempre duro, con un pò di neve riportata dal vento qua e là. Gli sci si mettono due tornanti sotto il piano delle baite di Chamen. Fermato al colletto prima della cresta finale, pigrizia e vento freddo mi hanno fatto desistere dall'andare oltre, fin lì valutazione BS. La neve non ha mollato nemmeno nelle ore centrali.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: Libero fino alla diga di Chemen
quota neve m :: 1900
Bella gita. C`erano molte tracce che salivano al colle e qualcuna fino al colletto.
La cresta pero' era immacolata.
Il vento della sera prima aveva creato un fastidioso straterello di neve sopra le rocce, quindi abbiamo preferito passare il piu' possibile sulla neve, aggirando gli speroni rocciosi sul lato nord.
In ogni caso e' utile avere con se 2 o 3 fettuccie e 1 o 2 friend, per procedere in sicurezza in alcuni tratti!
Giornata bollente, ma splendida. La neve era un po' pesante, ma in ogni caso ci voleva proprio una bella gita!!!!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2200
la neve sulla stradina è solo piu' a tratti , è continua dalle baite chamein (q. 2000) ,dal parcheggio ci vuole una quarantina di minuti , si puo' tenere piu' a destra salendo con un lungo traverso per imboccare il vallone , sui fianchi ripidi i canali hanno scaricato quella poca neve che c'era , condizioni di salita ottime come pendii rendono , l'ultimo pendio l'abbiamo salito quasi tutto a piedi che si è rotto l'alzatacco e ogni tanto si sprofondava , lasciati gli sci sotto il colletto si risale un trattino ( attenzione ai buchi ) per arrivare sulla cresta che subito da un' impressione severa poi dopo il primo sperone si aggira nel versante svizzero e si continua fino in cima per tracce di sentiero ,un trattino delicato su un fazzoletto di neve (utile la picca ) la roccia è abbastanza buona e la cresta era tutta pulita , la discesa è stata molto bella nonostante il caldo, i pendii specialmente quelli in alto erano quasi perfetti .
Dopo le doverose note tecniche un piccolo spazio per quelle personali ringraziando il mio compagno Max e i simpatici signori di Borgosesia , è una gita molto impegnativa per il suo forte dislivello che fatto in giornata ....,la cresta finale che ha qualche tratto esposto e poi la discesa , la giornata solare e priva di vento hanno fatto apprezzare ancora di piu' questa gita si spaziava sui bellissimi massicci che ci circondano e sul bellissimo ghiacciaio di Otemma (con buon innevamento ) la discesa non si poteva chiedere di meglio , la cosa che ci ha stupito è trovare tantissima gente al parcheggio che si sa che la Valpelline è conosciuta per una valle molto tranquilla ( ieri no ) comunque i valloni sono talmente ampi che ci si è riusciti ad avere la tranquillita'

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
quota neve m :: 2000
Alle ore 6.20 abbiamo messo gli sci all'auto senza mai toglierli (qualche breve tratto su terra) sino a poco sotto il Colle Blanchen Est (rampant quasi indispendabili per il canale oltre il Bivacco della Sassa). Da lì qualche decina di passi sprofondando sino alla vita. Dal colle cresta pulitissima (copio Valgrisa77 da Chateau des Dames: "la cresta (facile ma non banale) regala un senso alpinistico alla gita. lo scenario è meraviglioso."), tranne tre metri esposti verso lato Otemma su neve nolto dura. La salita non è del livello e della bellezza del Chateau des Dames o dell'Epicoun (degne vicine e in splendida vista dalla punta), ma arrivare in punta in giornata alla Gran Becca Blanchen dà una soddisfazione particolare.
Nonostante l'ora in cui abbiamo ripreso gli sci (14.30), ottima marcetta per buona parte della discesa. Dalla strada invece la neve era completamente sparita.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1900
Circa il commento tecnico della gita odierna rinvio a quello (autorevole) che immagino inserisca l'amico e compagno di gita "coste" e anche a quello del giorno precedetente (snowroker). Gita bellissima e -soprattutto se viene compiuta in giornata- di notevole impegno per la lunghezza davvero considerevole.... Per sci-alpinisti determinate e ben motivati.... Segnalo che sulla recente e ottima pubblicazione di sci-alpinismo "Orizzonti Bianchi" la gita viene classificata (giustamente) OSA. I pendii ripidi sono nella parte finale dal colle della Sassa al colle Blanchen, dove inizia la cresta che porta alla vetta. La cresta è attualmente pressochè pulita, senza neve. Richiede comunque attenzione -per alcuni tratti esposti- soprattutto dopo 5 o 6 ore di salita con gli sci..... In ogni caso è davvero molto bella, anzi bellissima...., raggiunge il cielo...., soprattutto oggi che è stato limpido, terso, cosmico....spaziale.... Quando siamo giunti al colle Blanchen, che costituisce un traguardo lusinghiero (anche il sottostante colle della Sassa è comunque bellissimo e da solo costituisce una gita...), si poteva scendere per trovare migliori condizioni per la discesa. Ma la giornata è stata semplicemente meravigliosa, ....spaziale.... e così abbiamo raggiunto la vetta di questa bellissima montagna.... Il panorama si può immaginare: la "vetrina" completa delle montagne valdostane o oltre...., che abbiamo potuto ammirare senza il disturdo di un soffio di vento...., solo con la maglia leggera addosso....
In discesa ancora un buon firn primaverile fino alla congiungione con l'itinerario del Tour della Tsa (m. 2200 circa), poi molto marcia e dall'alpe Chamen a piedi fino al punto di partenza. Ma questo tratto finale non conta assolutamente, la gita (....spaziale..., indimenticabile....) è stata sopra.... Con Renzo "coste" e franco F.. Un saluto anche ai due bravi giovani torinesi (valle dell'orco) che oggi, con noi hanno raggiunto questa bellissima vetta....

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1900
Partenza ore 5:30 da Chamen: fresco.
Ore 08:10 Bivacco della Sassa: neve dura trasformata.
Ore 09:00 Colle della Sassa: sole caldo.
Il pendio terminale della Becca era già in via di smollamento alle 09:30 ma siamo saliti bene fin sotto la cresta. Ultimo tratto a piedi nella neve marcia (10 minuti solo per raggiungere la cresta).
Cresta in buone condizioni: poca neve (attenzione alla pessima qualità della roccia, molti blocchi instabili).
Discesa dai pendii alti della Becca fino al Colle nella neve marcia ma ben sciabile.
Discesa dal Colle della Sassa iniziata alle 12:00. Fino al pianoro dove c'é il bivio per la Tour de la Tza (La Crotta) neve da urlo primaverile con la cremina sopra...
Poi polentona molle, ma non drammatica, con un po' di mestiere non si toccano pietre e non si sprofonda troppo.
La stradina si fà quasi tutta (80%) con gli sci ai piedi (non più per molto).


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Giornata limpida e calda ma con molto vento in cresta.
Si trova la neve poco oltre Grand Chamen 2018, poi magnifico innevamento per tutta la salita. Cresta un pò delicata sia per il forte vento, sia per la neve abbondante, ma con una ottima tenuta (impronte profonde e solide). Tutta la discesa è stata su un perfetto velluto morbido e liscio, tranne il piano finale un pò troppo marcio e lento. Nel complesso ottima gita.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: osservazioni: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): ...tipo di neve ...
Sci a spalle fino a Gran Chamen 2018.Cresta un po delicata causa neve caduta di recente.Sceso alle 12.00 su neve gia marcia anche in alto comunque sciabile lungo tutto l' intinerario.Viste numerose scariche nelle ore piu calde.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: buone
neve (parte superiore gita) :: FARINA!!!
eccezionale! trovata farina su quasi tutto il percorso; l'unica cosa è che abbiamo dovuto tracciarla tutta.
cresta per arrivare in vetta facile ma non banale, anche perchè era un pò sporca.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2 / 5
neve (parte superiore gita) :: Trasformata magica
Innevamento continuo da 200m. prima dell' Alpe "La Crotta",neve ottima in discesa alle 12, si arriva al colle Blanchen con gli sci ai piedi, cresta finale delicata (consigliabili picca e ramponi).Guido CAI COLLERETTO

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sicura
neve (parte superiore gita) :: trasformata
Gli sci si calzano dalle baite Grand Chamen a 2018 metri. Le indicazioni di Giolitti del 26.3.2003 sono tutt'ora valide.
Cresta facile, ma lunghetta, soprattutto se non si è super sicuri su tali terreni. Con Cecilia, Marco, Bruno, e Piero.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 1/5
neve (parte superiore gita) :: Trasformata
Aggiungo solo un commento sulla neve: domenica era trasformata perfetta, non ha mai mollato neanche all'1 (ora nuova), faceva abbastanza freddo. Per la cresta consiglio di portare la corda, soprattutto per la discesa.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sicura
neve (parte superiore gita) :: trasformata
l' estate valpellinenze è arrivata: adesso con gli sci si scendeva 50 metri sotto chamen.
l' ora ideale per la discesa rimane alle 12: ritardando troppo si rischia che prenda un po' troppo sole la parte alta fino al bivacco e quella bassa.
Sono sceso dal colletto (q.3580), ma direi che la cresta finale non dovrebbe presentare particolari difficolta dovute alla neve.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sicura
neve (parte superiore gita) :: trasformata
A piedi fino alle baite Chamen (300m) poi tutto perfetto: neve, tempo, temperatura, ambiente. Scesi alle 12 in tempo per la neve migiore. In discesa si può fare buona parte della strada con gli sci ai piedi ma sta arrivando l'estate valpelinentze...
Termine della nostra gita è stato l'ultimo colletto sotto la cima da cui si può partire sci ai piedi.



[visualizza gita completa]
osservazioni :: sicura
si arriva fino a chamen in macchina neve bella in alto un p'ò variabile ancora qualche giorno per una completa trasformazione bellissima giornata panorama stupendo

[visualizza gita completa]
osservazioni :: ottime 2 su 5
neve (parte superiore gita) :: trasformata
primi 500m con gli sci a spalle, poi pendii trasformati, belli in discesa. Interessante il finale alpinistico.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 1/in aumento durante la giornata
neve (parte superiore gita) :: trasformata
Neve continua dopo l'alpe la Crotta 2211 m. Perfettamente trasformata, ancora un po' dura nei pendii meno esposti scendendo alle 10,30. Per salire in punta neve profonda e crostosa sul versante Otemma, ma ora è tracciato.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: Ottimali
neve (parte superiore gita) :: trasformata e fantastica
sciata da non perdere assolutamente.
unico neo il fatto di portare gli sci fino alla baita 2.016 m (se possibile salire in auto sarebbe perfetto)

[visualizza gita completa]
osservazioni :: Buone
neve (parte superiore gita) :: Sicura
Giornata all'insegna dell'estate tranne
dal colle est(Blanchen)alla punta, vento molto forte.
Simpatico il canalino,purtroppo non salito con gli sci ai piedi.
la ciliegina per chi ha ancora qualche energia da spendere.......
Fransis..........

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sicura
neve (parte superiore gita) :: trasformata+10cm fresca
40min. con sci in spalla (fino alle prime baite)poi bellissima gita. giunti sino alla crestina finale di sfasciumi (evitata). scesi ore 11,30. discesa perfetta. Lupo e Zoff sono due grandi!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: buone : 2
neve (parte superiore gita) :: trasformata con 7-8cm di polvere !
Grandiosa:neve trasformata nella prima parte (1/3),poi polvere su fondo duro.Nessun pericolo tranne negli ultimi 50 m (evitati)
Partire molto presto,il pendio terminale dal colle in su prende il sole prestissimo

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 03/03/12 - esa
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
    difficoltà: OSA :: PD :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Sud
    quota partenza (m): 1710
    quota vetta/quota massima (m): 3680
    dislivello totale (m): 1970

    Ultime gite di sci alpinismo

    27/05/20 - Sommeiller (Punta) da Rochemolles per il Passo dei Fourneaux Settentrionale - mv56
    Ottima giornata nonostante la nebbia iniziale che ci ha un po' demoralizzato, ma poi l'alternanza con momenti di sereno ci ha nuovamente motivati. La neve ha tenuto abbastanza per tutta la mattina e d [...]
    26/05/20 - Sommeiller (Punta) Canale Sud-Ovest - giorgiobi
    Saliti dalla via classica, conviene portare gli sci fino al Pian dei Morti seguendo prima la strada e poi il comodo sentiero. Discesa ore 11,30 su neve davvero perfetta fino al Pian dei Frati, poi, do [...]
    26/05/20 - Albaron (Sella dell') da Pian della Mussa - griso
    Oggi condizioni eccellenti grazie alla bella giornata e allo z.t. a 3500 m. Partiti alle 5,50 con 8°C. Buon rigelo e progressione veloce. Utili i rampant unicamente nel breve traverso poco sotto Pi [...]
    26/05/20 - Almiane (Punta di) dal Ponte d'Almiane - andrealp
    Facendo il sentiero estivo si portano gli sci per poco più di mezz'ora e circa 300 metri di dislivello ma si evita di tribolare sui residui nevai che fiancheggiano il torrente. Rampant necessari per [...]
    26/05/20 - Collerin (Monte) da Pian della Mussa - mowgli
    Come scritto da chi mi ha preceduto il portage è di 400m e su una gita di 1700m D+ è assolutamente accettabile. Oggi il rigelo è stato giusto senza creare il verglass che sicuramente domenica era [...]
    26/05/20 - Collerin (Monte) da Pian della Mussa - puli88
    Portage fino al Pian dei morti come domenica (400 m dsl circa). Due gava e buta poi neve continua. Neve dura ben rigelata, buon grip, non necessari coltelli. Sul ghiacciaio neve gelata (strascichi di [...]
    25/05/20 - Roudel (Cima) dalla Valle Argentera per la Valle Lunga - billcros
    Oggi super gita in posto veramente isolato e lungo, ma bei ambienti, già parecchi togli e metti nella parte iniziale , il torrente brontola bene , poi quando il vallone si apre migliora fin ad essere [...]