Fer (Tète de) da Maison Meane per il Vallon de Corrouit

osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: OK
quota neve m :: 1700
Partito da Maison Meane,il che comporta una leggera perdita di dislivello prima di iniziare la gita vera e propria alla quota di circa 1700mt(pista di fondo).Varie tracce nel tratto di bosco ,con le racchette si puo' salire per la massima pendenza. All'uscita del bosco traccia superbattuta che ne percorre il fondo fino alla svolta sulla sx dove si sale su un ripido pendio,che al momento e' liscio e duro come una pista da sci,il quale esce al ripiano superiore (credo circa 2100mt, Cabane de Corrouit);da qui svolta a sx verso la cresta dominata dalla Tetasse(2638),seguendone il vallone sottostante fino all'attacco del faticoso ma non ripidissimo pendio nord che conduce in vetta(tutto l'itinerario e' all'ombra fino a dopo le 11.00).
Condizioni della neve che non sono cambiate durante la discesa,dopo le 11.30.Neve portante per tutta la gita,ammorbidita nel bosco,dura sul traccione successivo e sul pendio per la cabane,a tratti un po' sfondosa nel vallone verso il pendio nord,ventata dura con tratti in farina sul pendio sommitale.Ben visibile un notevole distacco sui pendii a dx in direzione del Pas de Terre ouge. Abbastanza freddo,considerato che il sole lo si prende solo in cima.Gita molto bella e ambiente magnifico,una vera sorpresa una volta usciti dal bosco.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: strada percorribile sino al ponte a quota 1690
Partiti dal ponte a quota 1690 e da qui saliti a destra nel bosco evitando le chiazze di neve presenti sino ad incrociare una traccia di sentiero che si inoltra nel vallone di Courrouit. Neve continua dalla gorgia a quota 1900. Saliti per il percorso classico lasciando a destra lo Chateau Lombard sino al pianoro sotto la vetta a quota 2500, da qui risalito direttamente il pendio finale stando dentro un vago impluvio sino al punto culminante. Meteo accettabile per tutta la gita, panorama interessante verso i monti dell'alta Provenza e sullo spartiacque tra valle dell'Ubayette e Val Maira.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: arrivati in auto a Larche in Valle Ubaye
quota neve m :: 1600
Siamo saliti nel primo tratto lungo la pista da sci di fondo che inizia a Larche e poi deviando a destra ci siamo immessi nel bosco, trovando la traccia battuta che abbiamo seguito senza sprofondare...pure essendo una neve non proprio esaltante come tenuta e consistenza..! La giornata era splendida, e il Vallon de Corrouit davvero piacevole da risalire, seguiamo la traccia e pieghiamo nel valloncello che passa tra la Cima di Vermeille a destra e lo Chateau Lombard sulla sinistra...in alto spunta la nostra meta, la vetta della Tete de Fer è davanti a noi ! Superato un bel pianoro risaliamo un pendio-canale (abbastanza ripido) che porta ad un colletto sulla cresta NO della Tete de fer su neve migliore e più compatta. Al colletto togliamo le ciaspole e calziamo i ramponi, necessari per salire in vetta, ci sono i due tratti di misto, che scavalchiamo, trovando le roccette ghiacciate prima di arrivare in cima a questa bella montagna ! Peccato che in vetta il cielo si è annuvolato, alternando schiarite a cielo coperto e a tratti nebbioso...comunque siamo riusciti ugualmente ad ammirare una panorama notevole. Siamo saliti in vetta in circa 4,30 ore. Dopo esserci goduti la cima per quasi 1 ora siamo scesi e ritornati a fondovalle senza problemi...fortunatamente la traccia fatta era buona e la neve ha tenuto a dovere.
Fine settimana dell'epifania trascorsa in compagnia degli amici Valerio O. (Ulello) e Ginfranco C. del CAI Ligure di Genova. Ottima la compagnia per la prima bella salita dell'anno !


[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR :: [scala difficoltà]
esposizione: Nord
quota partenza (m): 1675
quota vetta/quota massima (m): 2884
dislivello totale (m): 1209

Ultime gite di racchette neve

18/01/20 - Marmottere (Monte) da Asciutti per il Colle Pian Fum - sergio 51
Gita piacevolissima, con tempo splendido e neve buona, più da ramponi che da ciaspole. Ambiente suggestivo con esteso panorama. La stradina, che porta parecchio in alto, sembra un po' dispersiva ma [...]
18/01/20 - Rossa (Cima la) da Inversigni - frapic
La spolverata di neve notturna non ha creato alcun problema. Vento in quota assente. Dopo il bellissimo vallone d'Ovarda, aperto e soleggiato, i selvaggi valloni a est del Monte Ciorneva sono stati [...]
17/01/20 - Giosolette (Monte delle) da Limonetto - luciano66
Partito da Limonetto alle 8 (-2), stradina verso i tetti ancora ben innevata e molto battuta. Arrivato alla base del versante est decido per il canale centrale e stretto che punta dritto al dosso somm [...]
16/01/20 - Chirlè (Monte) da Ussolo - giody54
Ciastre ai piedi dopo circa 15 minuti dalla partenza della borgata Vallone ,appena sopra Ussolo,Sfruttando il più possibile la neve scarsa siamo arrivati a Grange Chioligera,dove la neve è continua fino alla cima.Gita molto tranquilla .
16/01/20 - Battagliola (Punta della) e Punta del Cavallo da Chiesa - rudolph
Ciaspole praticamente inutili, fino a 1900 ci sono parecchi residui di valanghe che è meglio percorrere con ramponi, dopo si può seguire con o senza ramponi sulla pista tracciata. Bella gita fino a [...]
16/01/20 - Pala Rusà (Punta) e Punta delle Lance da Pian Benot - bengia
Giornata stupenda, sole e assenza di vento. Neve super per le ciaspole, dura ma non troppo. Con l'amico Sebastiano, saliti in h. 1,30, al Colle Lance e poi in vetta al Rusà.
16/01/20 - Bert (Monte) da Preit - simone p.
Non sono serviti i ramponi. Ottima traccia. Neve portante nella parte bassa, ciaspole necessarie nella parte alta