Selassa (Punta) da Ferrere per la cresta SE

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: Ok fino a Ferrere
quota neve m :: 1200
Partiti alle ore 9 decisi a spolverare questo percorso ormai abbandonato dal mondo e che invece meriterebbe molta considerazione data la poca strada da percorrere in auto dalla pianura ed alla presenza di uno dei panorami più belli delle alpi Cozie.
Gita da non sottovalutare per il dislivello e per l'assenza di un vero e proprio sentiero (12 km comunque). Inizialmente si segue la stradina che parte subito dietro l'abitato di Ferrere ed appena possibile lo si abbandona (prendere a sinistra) per avvicinarsi a R.cca Ciaramolin (lasciarsela a destra); da lì si punta decisi al boschetto di larici e lo si attraversa per raggiungere la sommità (R.cca Valdetta). La Selassa è a 300 m circa di dislivello e si raggiunge la dorsale che porta alla sommità, prendendola larga per limitare la salita. In cima alle 12 e 30, breve pausa per pranzo e foto di rito e ritorno all'auto in meno di 2 ore. Giornata meravigliosa. Invito tutti a rivalutare questa cima!!! Buone gite a tutti!
Monviso
Pianura Pinerolese
Pianura Torinese
Pianura Cuneese
In cima
Rocca Ciaramolin
Rocca Vadetta
Castello Oddino e Bric Arpiol

[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
Partito da Calcinere e risalito sulla strada fino a Ferrere dove inizia la neve;risalito fino alla rocca Ciaramolin e da questa per la rocca Valdetta fino alla cima.Discesa per la cappella di santa Lucia e alla borgta Grange.Giornata splendida.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1000
Oggi sono solo e a corto di idee. In Piemonte danno pericolo 3 e 4 quindi non c’è da fare i furbi. E poi ha fatto brutto fino a ieri.
Penso ad una meta con le seguenti caratteristiche: sicura (meglio su dorsale non troppo ripida), con espo non troppo al sole (per evitare zoccoli al ritorno), meglio se già tracciata, in un posto nuovo, preferibilmente con vetta oltre i 2000m di quota. E poi, nient’altro?
E così penso alla Selassa, ma stamattina lo spirito non è proprio quello delle grandi occasioni.
La parte pericolosa è subito all’inizio: non farsi mangiare dai 50 cani della borgata Ferrere. Il cielo è nuvoloso e non fa freddo, la neve è crostosa ma non tiene e si sfonda 10-15 cm. Tacuma bin. E poi non c’è nessuna traccia. Ma questo me l’aspettavo.
A 1400 finalmente tutto cambia: ci sono 20-30 di fresca e si affonda decisamente di più. Le neve è un po’ umida e sembra un po’ la colla vinilica di Artattack. Meno male che non c’è il sole, mi dico. Arrivo sotto il rimboschimento e il pendio si raddrizza decisamente. Salgo diretto fra le piante, il terreno è molto ripido ma assolutamente sicuro, si affonda solo fino al ginocchio… Penso a chi va in palestra e si attacca alle macchine per allenare i muscoli delle gambe e delle spalle…
Sopra il bosco la dorsale spiana e si affonda meno. Ma esce il sole e quello che manca nella pendenza c’è nella temperatura. Penso già al ritorno con dei bei zoccoli da 50kg… In vetta esce il vento e il cielo si rannuvola. Scendo subito velocemente tribolando molto meno del previsto. E la faccio franca anche con i cani.
In fondo la meta di oggi era abbastanza simile a quella desiderata. E allora, cosa volere di più? Un Lucano, no, un periodo di tempo stabile senza altra neve…


[visualizza gita completa con 6 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 15/02/09 - riku73
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: su dorsale
    difficoltà: MR :: [scala difficoltà]
    esposizione: Sud-Est
    quota partenza (m): 940
    quota vetta/quota massima (m): 2036
    dislivello totale (m): 1100

    Ultime gite di racchette neve

    12/05/19 - Villano (Porta del) da Cortavetto - andrea.paiola
    Dalla tangenziale abbiamo visto che c'era bufera (nuvole e vento) al Moncenisio, quindi abbiamo cambiato meta andando a finire al Rifugio Toesca e siamo poi saliti fino alla Porta del Villano. Otti [...]
    12/05/19 - Negra (Rocca) da San Bernolfo - luciano66
    Partito alle 7.10 dal park alto, sterrata ormai quasi tutta pulita fino a circa 1900m, dove inizia la neve continua (in dx idr. Inizia un po’ più in basso). Mezzora alla prima neve e poi salita age [...]
    12/05/19 - Cassin (Bric) da Chialvetta - Margherita Dolcevita
    Abbiamo parcheggiato a viviere, siamo saliti con sopra prato ciorliero con i suoi scarponi per poi mettere le ciaspole. Incontrato qualche scialpinista.
    12/05/19 - Serpentera (Cime di) da Pian Marchisio, anello per il Lago Biecai - Andrea81
    Dal parcheggio di Pian Marchisio, sono tornato indietro di 500 m sulla strada fino al bivio con la carrareccia sgarrupata che immette nel vallone delle Rocche di Serpentera; la prima neve si incontra [...]
    12/05/19 - Gran Rossa da Mont Blanc - laura59
    Portage fino al pianoro che porta nel vallone Giasset. Da lì neve modello velluto. Siamo saliti nel vallone centrale e sotto ai colli siamo andati a prendere un pulpito a dx per poi salire oltre il [...]
    12/05/19 - Cugulet (Monte) da Sodani - stratocaster
    Saliti, come da traccia che allego, nel vallone a sinistra (guardando a monte) di Costa d'Amon. Nel bosco c'è poca neve, mettiamo le racchette a circa 2100 metri e puntiamo al colletto fra il Cugule [...]
    11/05/19 - Frioland (Monte) da Borgo Crissolo per il Colle delle Porte - tavor
    Parcheggiato nella frazione Brich si sale tra le case tenendosi sulla sinistra, passate un paio di case ci si ricongiunge con la mulattiera che sale nel vallone del Frioland. Essendo maggio, abbiamo t [...]