Ronce (Pointe de) da l'Arcelle Neuve

Scelta per meteo: Meteo France prometteva sole a Lanslebourg e così è stato. Da solo per ritirate varie (a Torino pioveva) decido per il ghiacciaio (via normale) Ci sono una ventina di cm di neve sul vivo (hai visto mai che quest'anno i ghiacci si salvano!) e comunque i tratti duri sono ben evitabili. Chi volesse legarsi si ricordi che sono 40° ed entra solo la becca (però entra): se si scivola occorre essere veloci. Freddo boia e gran peccato per la grandiosità del panorama.
Tragitto e situazione
Traccia su neve dura
OOOHH!
Bessanese
Ghiacciaio Rocciamelone

[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: strada sterrata in condizioni discrete
All'inizio della strada sterrata c'è un cartello piccolino che ne vieterebbe l'accesso, noi abbiamo fatto finta di non vederlo e in effetti nessuno ci ha detto niente. Sentiero diretto e sempre abbastanza evidente, segnalato da ometti. Sopra al colletto, dove c'è la stazione per i cannoni antivalanghe, la traccia si perde negli sfasciumi e bisogna ravanare un po' per trovare dove passare senza far partire troppa roba. Da lì, a leggere la relazione, pensavamo di metter a breve piede sul ghiacciaio, mentre in realtà c'è ancora un traverso a cala e munta di quasi 1km su rocce montonate e morene laterali. Ghiacciaio in condizioni ottime, non un crepaccio o un buco aperto e solo qualche lente di ghiaccio vivo ben evitabile. Fino alle cenge innnevate, che dividono in due il ghiacciaio, siamo saliti senza niente (bel traccione), di lì abbiamo poi calzato i ramponi; grazie alla neve perfetta e portante la picca è rimasta nello zaino per tutta la salita nonostante il pendio (affrontato sulla dx) presenti delle belle pendenze costanti sui 35°/40°. Volendo, valicando a sx sul ghiacciaio di vieux, si può raggiungere la vetta coi ramponi ai piedi. Panorama dalla cima sconfinato e maestoso. In discesa abbiamo proseguito lungo la cresta fino alla massima depressione fra la cima e la punta sotto il signal du mont cenis segnalata da un'antenna (che abbiamo raggiunto in pochi min dal colletto). Attenzione a percorre la cresta perchè ci sono un paio di passaggini sul I°-II° per discendere i torrioni su roccia assolutamente friabile e insicura.
Con Virginia e Marta, che si sono fermate al roche de cailla, e a distanza di un anno di nuovo con l'inossidabile socio Alessio.


[visualizza gita completa con 14 foto]
note su accesso stradale :: Strada sterrata in buono stato fino ad Arcelle Neuve
La strada per i casolari di Arcelle Neuve è in buone condizioni,anche se bisogna fare attenzione nell'attraversamento dei canali di scolo per evitare di toccare sotto,comunque si sale bene con qualsiasi tipo di auto.
Giornata da cartolina per la salita su questa stupenda montagna,il gran caldo di questi giorni ha reso la neve un ricordo nella parte bassa,si procede su ripido e redditizio sentiero fino a quota 2900mt,poi neve continua dura nel traverso fino al ghiacciaio che presenta già diversi tratti di ghiaccio vivo e qualche piccolo crepo che inizia a vedersi,ma si sale senza problemi con i ramponi.
Bellissimo l'arrivo in cima sulla estetica cresta con gran panorama dalla cima e posti a sedere con vista lago del Moncenisio e arietta decisamente fredda.
In vetta piacevole incontro con Sandro di Pinerolo, incontrato qualche anno fa al Granero, che è salito passando dal colle du Lou.
Discesa iniziata alle 9,45 su neve che si stava deteriorando rapidamente,provvidenziali le racchette in discesa dai 3500mt fino a 2900mt,poi rapido rientro all'auto sull'ottimo sentiero.

[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: no problem (presso il cartello voie sans issue)
Ghiacciaio in ottime condizioni di neve dura, non scorti crepacci, tranne un breve tratto: la prima parte del pendio, dove affiora ghiaccio vivo, intagliato qualche gradino. Mi riferisco al pendio che sale perpendicolare (35/40°) all'ultima anticima (la punta più elevata che si scorge mettendo piede sul ghiacciaio) dopo averlo traversato in orizzontale fin quasi al suo termine. Dall'anticima suddetta percorsa la facilissima cresta finale (sentiero) che in 100/150m conduce verso ... il Rocciamelone. In discesa percorsa tutta la cresta fino all'ultimo intaglio prima del Signal: verso la sua fine due tratti in discesa esposti, che portano rispettivamente a due intagli, su cui fare molta attenzione (pietrisco su roccia liscia). Dall'ultimo intaglio al cospetto del Signal facile discesa sul ghiacciaio con neve piacevolmente smollata fino a reperire le tracce di salita.
Meteo francese anche oggi molto migliore rispetto all'Italia. Visuali spettacolari ovunque, nonostante nuvole in formazione dopo mezzogiorno e copertura del cielo totale ore 15,00. Nessuno in giro ma folla lungo il lago. Col "metta".


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: arrivati in auto fino all'alpeggio dell'Arcelle
Una bella salita..nata all'ultimo momento, ma che comunque rientrava nei nostri programmi. L'idea iniziale era il Pelvoux, ma per il meteo incerto nel pomeriggio di sabato e quello della domenica (rischio di temporali e grandine !!) oltre allo zero termico troppo alto per trovare neve decente..!) abbiamo rispolverato questa cima che volevamo salire settimana prima. Arrivati al Moncenisio nel tardo pomeriggio di sabato, abbiamo pernottato all'Hotel Gran Scala (non fatevi intimorire dal nome !) che riserva anche la sistemazione da rifugio con prezzi ridotti (30 euro), ottimo trattamento e ottima cena ! Partiti domenica mattina intorno alle 5,40 dal Moncenisio, in 20 minuti ci siamo portati (con il Terios di Massimo) al parcheggio nei pressi della seggiovia dell'Arcelle. Il tempo si presenta bene, cielo quasi sereno con visibilità ottima. La prima parte siamo saliti su ripidi pendii erbosi e detritici, dove è sempre presente una buona traccia di sentiero, segnata da numerosi ometti (e noi ne abbiamo aggiunti altri) fino a raggiungere lo spuntone roccioso del Rocher de Cailla, dove si apre una bellissima visuale sul Ghiacciaio dell'Arcelle, e il versante Nord-Ovest della Roncia ! La neve è in buone condizioni, il ghiacciaio si presenta bene e senza crepacci (è ancora tutto coperto dalla neve). Calzati i ramponi seguiamo una traccia esistente traversando quasi in piano il Glacier de l'Arcelle, poi abbandonando la traccia che punta verso un ripido canalino, noi abbiamo continuato in piano fino verso sinistra, fino a raggiungere la base del ripido versante NO della Roncia. E questa bella rampa è il tratto più piacevole ed interessante della salita (pendenza costante di 40° e il tratto centrale si avvicina ai 45°!) su neve abbastanza decente, nella parte alta però un po' si sfondava (a causa del gran caldo, la temperatura era davvera troppo elevata !), raggiunta l'anticima, un bella cresta nevosa ci ha condotto all'ometto di pietre della cima ! Una bella montagna e una bella gita, peccato per la nuvolaglia che ha limitato il panorama. Oggi da questo versante siamo saliti solamente noi, abbiamo visto cinque persone salire per cresta dal Signal du Grand Mont Cenis. Secondo me questo itinerario è più interessante di quello che si svolge in cresta scavalcando il Signal du Grand Mont Cenis...di roccia sfasciata e di pessima qualità !
Un bel weekend e una bella salita fatta in compagnia di Massimo (maandma71), ottima compagnia come al solito.


[visualizza gita completa con 15 foto]
Saliti in 3 ore e 40 da l'Arcelle su sentiero subito molto ripido. Raggiunto il ghiacciaio in pessime condizioni, saliti per la lingua centrale, apparentemente meno ripida, cercando i punti dove il ghiaccio è meno vivo ed i ramponi danno più fiducia... Dopo l'uscita sulla cresta, il percorso è ancora lungo per la cima...
Giornata stupenda senza una nuvola, panorami eccezionali a 360°.
Giovanni e Piera in compagnia di Claudio ed Emma.
Incontrato sulla vetta del Roncia Andrea81 e due suoi amici, saliti dal Plan de Fontainettes del Moncenisio al Col du Lou e poi al Grand Signal, che continuavano per cresta sino al Lamet in un grandioso susseguirsi di creste e di vette e in un tostissimo giro ad anello.


[visualizza gita completa]
gran gita da intraprendere con buona visibilità. Raggiunto la cima risalendo il Glacier du Vieux (alcuni crepacci) e scesi dal versante come da relazione. Panorama spaziale
Rispetto alla salita del 2001, il Glacier du Vieux si è ritirato vistosamente.

[visualizza gita completa con 1 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 11/07/10 - maandma71
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: F :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Nord-Est
    quota partenza (m): 2200
    quota vetta (m): 3611
    dislivello complessivo (m): 1411

    Ultime gite di alpinismo

    08/03/20 - Pania della Croce Amoretti di Vestea, variante di sinistra - delchecc
    un po più impegnativa della Amoretti ma a mio parere più divertente
    08/03/20 - Succiso (Alpe di) Canale del Masso - davec77
    Sorprendentemente le condizioni sono ottime, grazie alle recenti nevicate con sbalzi termici e nonostante le alte temperature. Innevamento non abbondante ma neve buona, con piccoli saltini in ghiacci [...]
    08/03/20 - Giovo (Monte) Canale Destro - andrea lanfri
    Neve non molto portante sul lago, poi abbastanza sfondosa sui pendii iniziali e nella prima parte del canale che non era tracciato. Neve accettabile soprattutto nei tratti più ripidi, con molto ghiac [...]
    08/03/20 - Agnellino (Bric dell') Cresta Est o Costa dei Balzi Rossi - paoloeffe
    Cresta divertente, lunga e mai difficile, un po' discontinua nella parte iniziale, la roccia è discreta anche se qualcosa si stacca ovunque. Noi abbiamo fatto tutta la salita in conserva senza fare t [...]
    07/03/20 - Gran Miuls (Monte) Canalone NO - billcros
    a nord oggi giornata fredda e senza vento neve al top di gamma e di ottima qualità, come ci si mette allo scoperto alzandosi di quota le creste e le cime sono senza neve .a parte qualche placcone rim [...]
    07/03/20 - Gran Miuls (Monte) Canalone NO - schumy
    appena arrivati capiamo subito che sara' una bella sfacchinata perche' e tutta da battere.... saliamo a dx orografica del vallone del gran muels, per le grange jacques dove di solito si scende e non s [...]
    01/03/20 - Mongioie (Monte) Parete NE - Canale dx, Comino-Garelli - luc69
    Bella salita in ambiente invernale e severo (dovuto al meteo capriccioso), peccato però che arrivati al salto di roccia ci siamo infilati nel canale di DX accorgendosi dello sbaglio solo quando il c [...]