Meja (Rocca la) Alpstation d'Isera

Roccia spettacolare! Molto molto bella. Via che merita assolutamente una ripetizione. Attenzione al 2° tiro dove la scalata è obbligata e la chiodatura è distante.
L'obbligatorio si fa sentire quasi esclusivamente nel 2° tiro dove la chiodatura è molto distanziata: meglio non cadere! Roba da base-jumper! Manca ancora la placchetta dell'ultimo spit sul 2° tiro, non ne avevo nessuna da portare! Comunque ho lasciato sul filetto dello spit una rondella e un dado in modo tale da poter strozzare dietro un cavetto del nuts e avvitarci sopra il dado con rondella. Meglio di niente...Possibile proteggerse con nuts piccolo vicino allo spit mancante (protezione non ottimale).
3° tiro: sosta su 1 spit da integrare con friends. Da lì per cenge e passaggi facili d'arrampicata raggiungere la cengia dove partono gli ultimi 3 tiri (cordino rosso sul 1° spit)
Secondo me il tiro più duro in libera è il 5° e in modo particolare l'uscita dal tettino. 6° tiro spettacolare in un gran diedro.
2 doppie e si torna alla cengia dove passa la normale e da lì a piedi.
Portare serie completa fino al 3 bd, blu (usato sull'ultimo tiro). Utili microfriends e nuts per gli altri tiri.
Ottima giornata e temperatura freschetta.
2° tiro - 6c
5° tiro - 6c+
Uscita in sosta del 6° tiro - 6c+
La torre della parte alta

[visualizza gita completa con 4 foto]
Via bellissima su roccia sempre ottima in un ambiente davvero spettacolare. Itinerario di stampo moderno che spesso scansa "vie di fuga facili" per preferire sempre l'estetica nell'ascensione. La chiodatura impegnativa richiede una certa sicurezza sul grado obbligato che spesso va affrontato con decisione su chiodatura distante e senza possibilità di proteggersi.
Segnalo anche io che in data della ripetizione la piastrina per raggiungere la sosta del secondo tiro è assente, comunque sia io che il mio compare abbiamo convenuto che la parte davvero dura del tiro sia ormai finita raggiunto quest'ultimo tratto.

Ringrazio il Dondi per la bella giornata, e saluto i simpatici ragazzi dell'azienda agrituristica la meja che con la loro ospitalità hanno saputo rallegrare il nostro soggiorno.


[visualizza gita completa]
Nel secondo tiro manca ancora lo spit prima della sosta.
Avendo dimenticato a casa la placchetta, si può provare questo metodo!!!!...... nel filetto dello spit, abbiamo stretto il cavetto d'acciaio di un nut misura piccola, poi siamo andati a piazzare un nut nella fessura sopra lo spit mancante (pietra incastrata che ha una fessura che permette di mettere il nut da dietro) e abbiamo iniziato il traverso verso la sosta..... un bel viaggio comunque!!!!
Rinforzata la sosta 7 con un nuovo cordino.


[visualizza gita completa]
Attenzione: sul secondo tiro è venuta via la placchetta dell'ultimo spit prima della sosta!! Ora c'è un runout decisamente impegnativo e non integrabile.
Per i ripetitori consiglio di portarsi una placchetta con dado da 10 o, in alternativa, una bella dose di pelo sullo stomaco ;-)
Grazie a Enrico per aver avuto fiducia nel meteo incerto...


[visualizza gita completa]
Con Lucien fatti i primi due tiri: fantastici

[visualizza gita completa]
Bellissima via, roccia molto bella sui tiri più duri e scalata sempre divertente.Qualche friends e nuts fanno comodo per addolcire la chiodatura in certi tratti ma la via è sempre ben chiodata in genere.Dall' ultima sosta con corde da 60mt si arriva alla cengia con una doppia pulita e aerea.Con il super socio Bertu.


[visualizza gita completa]
Davvero una via stupenda!!!
Come già detto da altri ripetitori, sono fantastici il secondo tiro e i tre dopo la cengia...con una roccia da urlo!!!
Alcuni passi obbligatori sul secondo tiro, un traverso in placca fantastico, mentre quello secondo me più duro è senza dubbio l'ultimo.
Dalla fine della via con due doppie si è sulla cengia della normale e da lì a piedi alla base.
Un saluto ed un grazie a Massimo per aver condiviso questa bella via in una giornata di inizio settembre in cui la Meja era tutta per noi!!


[visualizza gita completa con 1 foto]
bella salita , protetta bene presenta qualche passo obbligato sul secondo tiro , okkio al terzo tiro che c'è parecchia roba che muove , la seconda parte oltre la cengia la roccia è decisamente migliore. (sicuramente è meno corta che sulla carta )scappati all ultimo tiro sotto la grandine.
salita con il socio andrea


[visualizza gita completa]
l'ho trovata una via stupenda, in particolar modo la seconda parte. l'ultimo tiro è veramente imperdibile: dulfer e diedri a ripetizione.spittatura allegra e molto psicologica, però in effetti mai pericolosa. sempre da tenere un buon sangue freddo!!
p.s.
si arriva in macchina fino alle grange alte, sopra il colle del preit
oggi col maestro a sfidare le previsioni che davano pioggia: sole tutto il giorno! panorama e luoghi sempre magici.
un saluto anche a livio e ivo ingaggiati poco distanti


[visualizza gita completa]
Davvero una bella via, primi tre tiri con obligatorio nella seconda lunghezza, negli ultimi tre tiri la scalata è più fisica, bravo a Pippo che si è tirato le ultime tre lunghezze, io ero già scoppiato sotto!Con Pippo e Ile.

[visualizza gita completa]
Confermo con gli altri ripetitori che l'obbligatorio si trova sul secondo, ma anche sull'ultimo tiro. Probabilmente il 5° tiro non è così duro come sulla carta, ma il carico psicologico accumulato nella testa e quello accumulato nelle braccia han fatto si che trovassi ben lungo nella prima parte...

C'era un piccolo conto in sospeso che oggi è stato saldato. Grande sudisfaa!! Ri-salita questa volta con Erik, nuovo socio stracaldo!


[visualizza gita completa]
L'obbligatorio è sul secondo tiro, chiodatura piuttosto distanziata, tiro spettacolo!! La seconda parte della via diventa più fisica, duri tutti e tre i tiri dopo la cengia, cmq bellissimi . Il tiro di 7a è duro nella prima parte poi molla un po', l'ultimi tiro è molto continuo, con una partenza ostica...ma bisogna considerare che la stanchezza quì comincia a farsi sentire. Non siamo passati in libera sugli ultimi due tiri, ma ci si riposava quando la ghisa era troppa!!!
Bellissima via, dura per i nostri livelli, ci siamo divertiti e abbiamo "ben bandato". Spettacolare il secondo tiro e gli ultimi tre!! Grande socio Paolino!!


[visualizza gita completa]
La via presenta 4 tiri da urlo (il secondo e i tre finali sopra la cengia), davvero un peccato per la cengia che l'attraversa.
La partenza si trova a DX della vie delle cigogne o a SX di così vicino così lontano (guardando la parete), sul fianco DX del grande diedro, cordino rosso alla base.
L'obbligatorio si trova sul secondo tiro dove la chiodatura é bella distante, se si tenta la libera invece il vero passo duro é sulla partenza dell' ultimo tiro dove bisogna attraversare a SX.
Il tiro di 7a non é duro, anzi ...
I 3 tiri finali, sopra la cengia, sono molto più corti di quanto riporta la relazione, 15 metri, 20-25 metri, 20-25 metri.
Per una ripetizione bastano una serie di rinvii 10-12, non é male portarsi diedro un bd n°2 e un n°1 per l'ultimo tiro, (addolcisce un pò la lunga chiodatura) + 1 micro metolius n°1 per la sosta sul terzo tiro.
Quando si esce dal 3 tiro (6a) abbiamo fatto sosta su 1 spit e friend poi attraversato a SX.
I tiro sopra la cengia sono davvero qualcosa di eccezzionale, sarebbero da 6 stelline..
Un saluto a Fra per la bella giornata a Mira ed Enry che ci hanno raggiunto nel pomeriggio.


[visualizza gita completa]
salita di gran soddisfazione su roccia sempre ottima, la prima parte molto tecnica su placca e la seconda cambia incliazione e diventa parecchia aerea con parecchi passaggi altetici. concordo con quanto scritto da liviell e rinnnovo i complimenti agli apritori.

[visualizza gita completa]
Gran viaggio nel calcare super abrasivo della Meja. Via tanto bella quanto severa. Chiodatura a volte molto lunga ma sempre al posto giusto. Complimentoni a Marlier e socia per l'apertura dal basso!!

Salita fantastica che richiede molta concentrazione e resistenza. Ringrazio il grande socio Chungo che ha fatto il lavoro sporco di ingaggiarsi sui tiri più duri dove non so se sarei riuscito...mamma mia che viaggio!


[visualizza gita completa con 1 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: 6c+ :: 6b+ obbl ::
esposizione arrampicata: Sud-Ovest
quota base arrampicata (m): 2550
sviluppo arrampicata (m): 270

Ultime gite di arrampicata

17/02/19 - Perti (Rocca di) Via dei Sabipodi - michele motta
Possibilmente questa via va salita nei feriali, perché il terzo tiro è usato per riscaldamento da quelli che scalano alla cengia, e il quinto è usato frequentemente come "uscita di sicurezza" per e [...]
17/02/19 - Colletto (Rocce del) L'insorgenza eolica - Dragar
Fatta dopo la cresta dello sperone. Salita in un unico tiro, alla fine le corde diventano pesanti ma si fa. In effetti la roccia nel secondo tiro è bruttina, ma la spittatura è abbondante. Fatta [...]
17/02/19 - Selvatico (Sperone del) cresta Integrale + cresta delle Rocce del Colletto - Dragar
Bella giornata di sole, scalato in maglietta. Percorsa in conserva in due ore. Fatto solo un minitiro sul passaggio chiave (concordo con il IV). Per il resto si tratta di poco più di una passeggi [...]
17/02/19 - Sbarua (Rocca) Sperone Rivero - Bon Ton - subdir
Un’altra bellissima via rifatta a distanza di tanti anni, e standoci più dentro.... l2 e l4 belli e sostenuti, poi la placca fotonica non fa priogionieri.... dato anche un morso a febbre gialla, inizia bene...
17/02/19 - Albard Blink - pinin
L’avevamo fatta, concatenata alla sorella Biribiri, subito dopo l’apertura, e la ricordavo più facile. Il primo tiro è invece piuttosto sostenuto, muro verticale con appigli un po’ sfuggenti e [...]
17/02/19 - Machaby (Corma di) Topo Bianco - Luca Boetto
Bellissima via per iniziare la stagione su Roccia, Temperatura perfetta e nessuno su tutto il Paretone... Una delle vie più belle di Machaby Con Michela e Walter
17/02/19 - Bettola (Placconata di) Impressione - mdaldegan