Lésache (Aiguille de) Canale NE

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada Colle G.S.B., poco prima del parcheggio del ponte a circa 1.700 m
quota neve m. :: 1700
Prima volta in skialp nella zona del Colle del GSB. Dal ponte innevamento continuo. Si può salire direttamente a mezza costa nel vallone, seguendo una stradina e passando sotto il viadotto della strada prima del tunnel (noi non lo sapevamo e abbiamo fatto tutta la strada).
Abbandonata la strada l'itinerario si snoda nel fondo del vallone, a pendenza regolare in un bellissimo ambiente. Siamo saliti dalla normale, dove un canalino via via più ripido, rivolto a sud, ci ha cotti a puntino… (sembrava il canalin dii sciupà del Thabor…). Dal pianoro a 2.900 si arriva in cresta, sotto la pala terminale (una trentina di metri), salita a piedi, sci in spalla. Discesa dritta dalla punta, poi lungo traverso fino all'imbocco del canale. Neve un po' sfondosa, ma sciabile, lungo i circa 400 m a 35° e poi 30°, in un ambiente severo. Arrivati praticamente all'auto.
Giornata spettacolare e calda per la prima gita dell'anno, con Silvio, sempre grande!

al centro il vallone di salita
la parte alta del canale
verso i pendii finali
l'anticima
la pala finale
dalla punta verso l'anticima/spalla
il traverso che porta all'imbocco del canale NE
giù dal canale
verso il fondo del canale
il canale visto dal basso

[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m. :: 1700
Si spallano gli sci un centinaio di metri sulla strada, poi neve continua. Leggete bene la relazione in quanto a metà del canale (via normale) bisogna traversare e salire a sx. Ultimi 50 mt a piedi ma discesa in Ski dalla vetta puntando direttamente al canale nord est. Neve leggermente umida fono all' imbocco del canale, poi farina pressata per tutta la lunghezza e infine marcetta fino all' auto. Gita meravigliosa con Andrea N, Mangiafioca, Andrea R, Daniela e Cinzia

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada pulita
quota neve m. :: 1700
Giornata molto calda e soleggiata. Saliti dalla via normale sulla vetta dell'Aiguille de Lesache con l'ultimo tratto fatto con gli sci in spalle e senza ramponi in quanto ben tracciato. Panorami spettacolari e gita davvero bellissima che però, per le caratteristiche dei pendii, richiede neve sicura. Discesa fatta direttamente dalla vetta scaricando qualcosa ad ogni curva. Il canale NE di sci ripido si presentava in ottima condizioni con neve ancora farinosa e solo leggermente ventata ma comunque stabile. Da quota 2.500 in giù ottimo firn primaverile. Con Daniela, Cinzia, Guido, Andrea F., Andrea N.

[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
quota neve m. :: 1800
Traccia della via di salita normale alla Lesache già presente, parzialmente ricoperta dal vento.
C'erano già due tracce di discesa nel canale, parzialmente ricoperte dal vento.
Buone condizioni di sicurezza generali nella zona; tracciati molti pendii e canali, ma ci sono ancora ampi spazi intonsi.
A occhio, esposizioni peggiori (poca neve e ventata) quelle esposte a ovest; quelle tra nord e est le migliori.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada formalmente chiusa alla sbarra dopo il tunnel, transito a proprio rischio
quota neve m. :: 2000
Fatto dopo il canale S del Fourchon. Meno peggio di quest'ultimo, ma neve ormai un po' pesante e poco scorrevole.

[visualizza gita completa]
Decima gita sociale del Gruppo SciAlpinistico (GSA) del CAI Uget di Torino. La valutazione è strettamente personale. Dopo sopralluogo di mercoledì e gita in zona di ieri (per studiare una variante di discesa) la gita ci è sembrata sicura e confermabile come da programma. Saliti per la normale con poco rigelo in basso ma senza sensazioni di pericolo, traverso sulla sx per raggiungere il plateau sommitale distanziati per non caricare il pendio. Ultimi trenta metri sotto la cima su neve a tratti sfondosa e a tratti dura. Discesa in due gruppi: alcuni lungo la normale con pendii belli a patto di stare tra le colate delle vecchie slavine, altri lungo il canale NE anche qui percorso distanziati (ché non si sa mai), a dx polvere un po’ crostosa e a sx primaverile un po’ marcia, direi peggiorata la prima e migliorata la seconda rispetto al sopralluogo. Discesa su firn cedevole fino a 2200 dove ci siamo ridivisi: il gruppo più numeroso è sceso verso le auto mentre un secondo ha ripellato per 300m in direzione del colle di Crevacol (100m sotto la Testa) per raggiungere le piste trovate ancora in ottime condizioni. Il gruppo sceso per la normale ha trovato neve ancora discreta e meno sfondosa rispetto a mercoledì, anche la strada più scorrevole, probabilmente migliorata dai passaggi.
Sedici partecipanti divisi sui vari percorsi, grazie agli altri due capigita (Flavio e Walter) e mezzo (Mike) che si spupazzano la chiusura in una giornata che, visti i bollettini apocalittici, ci ha fatto preoccupare non poco. Per una descrizione più dettagliata o eventualmente per unirsi alle prossime gite: caiuget.it/gsa


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m. :: 1700
Saliti seguendo la normale e guardando bene la stabilità dei pendii, quelli più ripidi hanno già scaricato tutti, gli altri ci sono sembrati stabili. Salita fino alla vetta con gli sci ai piedi anche se l’ultimo pendio non è il massimo come neve. Scesi in direzione del canalone su ottima neve primaverile, canale a dx con polvere asciutta e pressata, a sx con neve primaverile, al centro il residuo di un distacco ha dei grumi un po’ duri. Per pendii ancora ottimi scesi fino al’altezza di Praz de Farcoz, poi neve sfondosa fino alla strada che con questo caldo è poco scorrevole. Discesa iniziata alle 11 dalla vetta. Solo noi e nessuna traccia lungo l’itinerario, nessuna traccia verso il Fourchon (canale già scaricato), solo due francesi in direzione della nostra cima verso mezzogiorno (?!?). La discesa è stata compromessa nella parte bassa dal poco rigelo notturno, speriamo migliori... quattro stelle in alto e due in basso.
Con Luigi e Roberto che mi lasciano andare davanti per farmi sentire bravo... :-)


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ci si ferma ancora al parcheggio 1730.
quota neve m. :: 2000
Gran bel ritorno in montagna.

Dal posteggio conviene tenere gli sci a spalle fino a poco sopra all'alpe Praz d'Arc, poi sulla sinistra inizia la neve che in breve porta al ripiano sotto il Colle di Saint. Remy. La neve sempre ottima ci permette di risalire tutto il canale. Quando sarebbe ora di deviare a sinistra, tiriamo su dritto e, sci a spalle, giungiamo praticamente al ripiano sotto la vetta in cui ci accoglie una bella aquila.

La vetta è un balcone spettacolare, sul quale rimaniamo diversi minuti a contemplare il panorama, immersi nel silenzio e coccolati dal sole.

La discesa, sci ai piedi dalla vetta, offre qualche bella curva su farina pesante, poi crostaccia (lavorata dal vento e non scaldata dal sole) fino all'imbocco del canale. Da qui ritroviamo un bel firn che ci accompagna fino alla fine della discesa.
Il canale offre terreno ideale per belle curve.
Seguendo le lingue di neve sulla strada (qualche togli-metti) si arriva a pochi minuti dal posteggio.





Ringrazio Alberto e Cesare per la bellissima giornata trascorsa.

Un sentito ringraziamento al Soccorso Alpino Valdostano, ai Medici e al personale dell'Ospedale Parini di Aosta,
ai fisioterapisti, ai miei genitori e fratello e a tutti gli amici: se sono qui è sicuramente grazie a tutti voi!

Alla prossima,
Lore84




[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Vedi descrizione
quota neve m. :: 2000
Strada chiusa poco dopo Saint Rhemy, ma transitabile (violando il divieto) fino circa in corrispondenza dell'ingresso del tunnel (sbarra), piccola piazzola a dx per parcheggiare, q. 1900 circa. Rimane 1 km di strada da fare a piedi, poi neve continua. Neve primaverile quasi ovunque, nel canale NE stando vicino alle rocce si trova farina pressata, altrimenti primaverile. Canale piuttosto liscio e ben sciabile. Saliti dalla normale tranquillamente senza rampant, solo gli ultimi 50 m sotto la vetta a piedi, senza ramponi. Salita al sole, cima nella nebbia, ma da 2900 in giù visibilità più che buona nonostante le nuvole. Neve ovunque ben sciabile. In basso si trova neve rossa, meno scorrevole ma più compatta, che regge più a lungo sotto l'azione del sole.
Con Pietro


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: la strada del Grande dovrebbe aprire la settimana prossima
quota neve m. :: 2300
Prima di cena ho fatto una scappata a St Rhemy. Si cammina un bel po'!
Neve bella dura, se si sale al mattino i coltelli possono diventare molto comodi. L'ingresso del canale è un po' disturbato dai solchi lasciati da un pedone/piedone in fase di discesa (il tizio è salito dalla normale con le ciaspe).

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: valico aperto
quota neve m. :: 2200
Strada del Grande aperta. Tanti skialper in zona. La neve non è ancora ben trasformata. In salita, prima di sbucare nel pianoro, ho tolto gli sci e ho proseguito a piedi. Pessima idea...si sprofondava ben bene. Ho iniziato la discesa alle h 8, 15. Bello fino ai 3/4, poi, i miei scietti hanno incominciato a bisticciare con la crosta.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nessun problema
Meteo perfetta,leggera brezza piacevole.Tempo in peggioramento ma scesi comunque con buona visibilità.Si comincia la salita a Praz d'Arc.Neve portante poi leggermente più gessosa e spesso si formava fastidioso zoccolo...ramponi per il primo canale prima del pianoro e per l'ultima parete ripida per arrivare in vetta dove si saliva bene..stati prudenti in discesa visto l ultima nevicata e il vento che ha formato varie placche visibili in salita..bella discesa con curve divertenti...nessun altro su questo itinerario...a parte due conoscenti che andavano verso Golliaz...
grazie alla squadra di oggi...Alfredo,Enrico,Ciccio...vari cin..come sempre alla prosciutteria..e allo strappo...del foglietto..pensavo di aspettare il 2015...invece..missione compiuta...


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino al parcheggio a 1720m
quota neve m. :: 1700
Saliti dal parcheggio a 1730m sopra Bourg Saint Rhemy fino alla vetta per la normale (non banale). Seguito la strada fino a Praz d'Arc poi per pendii su ad imboccare la normale, traversata da alcune imponenti slavine, fino a giungere all'ultimo ripiano sotto la cima raggiunta sci ai piedi. Discesa per il canale qui descritto in buone condizioni: lato destro in discesa in ombra con crostaccia dura, lato sinistro con neve primaverile divertente. Poi per pendii sempre più aperti a ricongiungersi col percorso di salita. Qualcosa meno di quattro stelle per un itinerario bellissimo e poco frequentato. Alcuni verso il Col Fourchon, altri verso il Mont Fourchon (canale sempre più magro), un paio di persone anche al Col de Saint Rhemy.
Fine del weekend valligiano fatto con Bubbola, Valeria, Flavio e Walter... spero tutti contenti delle mie affaticanti proposte. Un infinito ringraziamento ai due militari corridori che ci hanno battuto traccia, l'avremmo fatto noi ma hanno insistito per superarci... ;-)


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
Attualmente canale in super condizione, 30 cm. di farina fresca e intonsa…..saliti con gli sci ai piedi tutto il canale, pochi metri a piedi in uscita per placca sospetta….ancora farina sul pianoro sommiate fino in vetta dove si arriva con gli sci; vento fastidioso in alto, quindi giù' veloci per gustarci la discesa splendida nel canale….

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
Dopo tanti giorni di freddo ,oggi finalmente primavera.........il canale di salita si presenta ora in ottime condizioni, saliti agevolmente su neve pressata fino al colletto, poi proseguito sci ai piedi fino in vetta alla Lesache, Discesa dalla cima su neve farinosa nel pianoro sospeso, poi bellissima sciata nel canale su neve ben portante, poi bei pendii in via di trasformazione, ma comunque divertenti, fino alla strada.

[visualizza gita completa con 7 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m. :: 2000
Oltre le aspettative, saliti lungo la normale...poi però la vista del canale è stata decisiva...così l'abbiamo fatto in discesa. Rigelo buono, nonstante il caldo la valle de G.S.Bernado è sempre una sicurezza.Sfruttando i canaletti si scende fino a 50 metri dalla macchina (lasciata al tornante).
Velluto perfetto sul pianoro sotto la vetta,dove un tempo c'era un piccolo ghiaciaietto.Il canale è a posto, sotto la neve è un pò "grutuluta", sicuramente a causa delle passate condizioni atmosferiche. Discesa iniziata alle 9.30 (per queso abbiamo trovato neve bella per tutto il percorso), con elena e Jack.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m. :: 2300
Gita in ottime condizioni. In discesa si puo' arrivare sci ai piedi verso i 2200 m

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m. :: 2200
In abbinata con il canale S del Fourchon. Condizioni analoghe.

[visualizza gita completa con 3 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: canale
difficoltà: 3.3 :: E1 :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord-Est
quota partenza (m): 1730
quota vetta/quota massima (m): 3020
dislivello totale (m): 1290

Ultime gite di sci ripido

21/04/19 - Senggchuppa Parete NE - Titti85
Neva abbondante e bella! Saliti fino al bivacco su ottima traccia poi a neanche metà pendio rinunciamo, con le split si scivolava e a piedi dentro fino al ginocchio. Scesi al bivacco, traversiamo sot [...]
21/04/19 - Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa - giole
Viste le previsioni ed il poco tempo l’idea era un sopralluogo, prolungato poi fino agli isolotti. Si porta fin sotto il lagarot (1h circa) poi neve pressoché continua, almeno sul sentiero. Dal l [...]
20/04/19 - Pelvo (Cima del) Canale Morandini - ORFEO
Canale salito ma non sceso per fondo irregolare,vecchie piccole slavine,crosta gli ultimi 200m. Optato per la normale,4*. Farina pendii a Nord,primaverile Sudest fino alla cascata del rio Pelvo. Dal bosco in giù 2*
20/04/19 - Schiantalà (Cima Nord di) Versante NE - MAX64
Dal Pian della Regina mezz'ora di portage, poi neve continua, splendida primaverile ben grippante (utili i coltelli) fino a 2700 mt. Di qui in su un po' di crosta ma sciabile, e nei versanti a Nord fa [...]
20/04/19 - Cobre, cima Sud Canale Nord - ceceme
Canale sud-est poco innevato ed un po' svalangato ma comunque buono per risalita. Sconsigliata la discesa in sci. Canale nord farina variabile poi conoide con corridoi da ricercare tra svalangamenti, [...]
20/04/19 - Oserot (Monte) canale N - ceceme
Molti svalangamenti nel canale ovest, pochi o evitabili nel canale nord. Farina per circa 150 MT di dislivello nel canale nord, poi variabile ma ancora sciabile. Crestina per raggiungere la croce di v [...]
20/04/19 - Casset (Col du) o Col des Prés les Fonts Couloir Davin - lakota
Dopo 25 anni, ritorno...con il ghiacciaio che è salito di 400 metri! Ma il Davin è il Davin!!! Metà superiore, buoni 400 mt., é perfetta, farina pressata, parte centrale bella ma un po più d [...]