Bionde trecce

Sempre piacevole e col giusto impegno.
Evitato ancora le doppie cercando una vecchia traccia di sentiero sopra il rudere, ma a tratti è veramente improponibile per i rovi e le ginestre infestanti. La sconsiglio se non avete il falcetto con voi.
Con Thérése che conosce l'Ossola molto meglio di me, e non ha battuto ciglio tra spine e sentieri esposti.


[visualizza gita completa]
Piacevole via, non troppo continua, con un paio di passaggi interessanti. Forse eccessivo il 6b su L9, qualche metro delicato in placca senza appigli per le mani ma nulla più.
Interessante alternativa alle calate in doppia è un vecchio sentiero [DISCLAIMER: solo per escursionisti esperti, camosci o quadrupedi]: salendo oltre i ruderi di una baita, poco sopra la fine della via, tenendo l'estrema sinistra (guardando monte), si trova l'evidente traccia che entra nel canalone. Ravanamento tra ginestre e rovi assicurato, più in alto la traccia vince un contrafforte serpeggiando tra cenge e terrazzini (un passaggio un po' esposto) fino a spuntare ad Alagua, da dove si scende agevolmente a Vaglio e poi a Pontemaglio.
A Baveno diluviava, fortuna che ci siamo spinti fino a qui, giornata di sole e vento da valle.
Con Massimo che ha tirato L9 senza batter ciglio.....


[visualizza gita completa]
Via divertente, un po' monotona, ma il quinto tiro (una serie di diedri lisciati dall'acqua con passi delicati e chiodatura non ascellare) e il nono tiro su placca delicata sono bellissimi.
Doppie direttamente dall'ultima sosta andando a prendere le adiacenti soste di Curri ca chiovi.
Con Cami, Valter, Ernesto e Cecco in lunga trasferta dal torinese/saluzzese.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Ok
Per il sentiero seguire la strada all' inizio del prato prendere a dx verso la baita abbandonata nel bosco,seguire bolli e frecce arancioni fino a incontrare i 3 bolli rossi salendo da lì seguirli fedelmente,onde evitare di attraversare il prato della malga che non gradiscono.
Per ora il sentiero si vede bene ma a breve con la erba sarà una giungla.
40 Min di buona lena,ripido,occhio se bagnato.
Via primi tiri sporchi poi migliora decisamente,ottima l aderenza,un po' tutta simile di placca spalmo,la mani lasciatele pure a casa non servono.....
Belli i tiri nel diedrino e il 9 sulla placca di 6b,peccato si sbricioli un po' sotto i piedi proprio lì .
Calata sulla curri ca chiovi..... più dirette ma comunque con le corde da 60 non si arriva a farne 2 bisogna fare tutte le soste tranne la prima calata dalla vetta alla cengia.
Corda da 70 se in 2 o mezze da 60 in ogni caso tutte le doppie da fare.
Peccato porta via un po' di tempo.
Gli altri han fatto anche chioda che .... Più impegnativa ma stesso stile tutta placca.
Stanno chiodando una nuova via centrale tra le due, è quella più diretta,dicono sarà sul 6c ma non è ancora finita.
Ottima aderenza e uso dei piedi.
Oggi in trasferta da Torino e cuneo.
Un po' lontanuccio x noi
Con Walter ed Ernesto.
Cami e il doc a fare anche la altra.
Placchisti invasati....:-)


[visualizza gita completa con 1 foto]
Bel itinerario, utile per prendere confidenza con questo stile di scalata.
A maggio il sole arriva alle 11, sulle placche in alto il caldo risultava già intenso alle 13.
La parete asciuga velocemente, a meno dei primi due tiri dove la vegetazione è più fitta.

Prime due lunghezze in placca erbosa di riscaldamento, indispensabile per abituarsi a una scalata molto particolare...

Il 5° tiro è un diedro aperto di 6a (forse un passo di 6a +) abbastanza liscio, con chiodatura, rispetto al resto della via, distanziata e passi non proprio intuitivi. Appena si parte dalla sosta, salire i quarzi per montonare su un terrazzino, e quindi piegare a destra. Sopra il terrazzino c’è uno spit che non è della via. Traversando a destra, invece, si raggiunge la base del diedro.
Superato il diedro, per arrivare in sosta, seguire la lama sotto al cespuglio verso sinistra e rimontare sul terrazzino.

Il 6° tiro ha i primi metri di 6a con un passaggio sbilanciante ma su ottimi rovesci e buone prese per i piedi. Tra il 2° e il 3° spit si deve un po’ spingere sui piedi. Noi abbiamo seguito la lama verso sinistra fino a sotto il cespuglio, e poi siamo usciti in placca.

Il 6b è un tiro di pura aderenza su placca. Il traverso basso è molto delicato, e sempre con mano spalmata, come i piedi. Poi, quando si inizia a risalire lungo la vena di quarzo, scopri che il duro è proprio qui: inutile cercare, le uniche prese sono proprio queste concrezioni bianche. Non banale, ma chiodatura ottima.
Noi non abbiamo visto la sosta del 6b, prestare attenzione.
Sicuramente sul 4c si scala serenamente, e anche fare sosta su uno spit solo non è risultato un problema.

Dall'ultimo anello della via salire lungo la roccia verso sinistra per 6-7 metri, e lì si trova la catena su cui calarsi.

Discesa: calarsi su "Curri ca chiovi", noi non abbiamo fatto nessun concatenamento delle calate, pur avendo la corda da 60. Soffiava un forte vento e visto che ci si cala a tratti tra folta vegetazione, abbiamo preferito evitare qualche spiacevole incastro. Anche perché non si capiva quali concatenare.

L’avvicinamento è in un bosco “amazzonico” tra rovi, felci e erba alta. Un grazie a chi ha fatto qualche ometto integrativo, visto che i bolli (rossi, a volte a gruppi di 3, a volte righe gialle/rosse) in alcuni casi sono completamente sbiaditi e non è assolutamente intuitivo capire dove si passa.

Per raggiungere la partenza, una volta davanti alla scritta di "Curri ca chiovi" , spostarsi verso il basso per altri 5 minuti, seguendo una traccia accennata che percorre la base della placconata.

Probabilmente, con la crescita della vegetazione, da fine maggio percorrere il sentiero diventa molto faticoso.
1 ora-1ora e 10 di avvicinamento, dovuto soprattutto alla caccia della traccia giusta (300 m dislivello).

Molto ben fatta la relazione sulla guida di Versante Sud.
Partecipanti: Matteo e Alessandro


[visualizza gita completa con 5 foto]
Itinerario consigliato ( in autunno si scala al sole) , con roccia ottima, prime due lunghezze in placca di riscaldamento seguite da successivi interessanti tiri.
Il diedro del 5° tiro vale la salita, diedro aperto di 6a con chiodatura non ravvicinata ma scalata assai entusiasmente.
Il 6° tiro ha i primi metri di 6a e volendo si puo' mettere un friend (1 BD) per accorciare la distanza leggermente sbilanciante fino al primo spit.
Il penultimo tiro presenta un placcone di pura aderenza con alcuni passi di 6b di solo piede, non banale ma chiodatura ottima.
L'ultimo tiro ha sicuramente i primi dieci metri piu' difficili di 4c, poi elementare.

Discesa: calarsi su "Curri ca chiovi", noi abbiamo fatto doppie da 60 m

Prestare molta attenzione alla salita di avvicinamento che si svolge in un bosco molto incasinato e sporco da felci, rovi,ecc...
Tenere sempre d'occhio i bollini rossi ( a volte a gruppi di 3 assieme) che risultano anche un po' sbiaditi.
Circa un'ora abbondante di avvicinamento amazzonico (3-400 m dislivello)
Partecipanti: Max. Pier, Cios, Jonathan
Conclusione della "Trilogia di Pontemaglio"


[visualizza gita completa]
Con Franco ed Alberto prima su questa via e poi sui primi tiri di "Curri...": sempre divertenti. Alberto memore di altre "ravanate" durante l'avvicinamento si era dotato di falcetto e ha dato una bella pulita; se qualche altro ha la stessa buona volontà la passaggiata per raggiungere l'attacco diverrebbe meno noiosa.

[visualizza gita completa]
piacevole arrampicata plaisir.
avvicinamento ravanoso,al traliccio enel si accede tramite breve scaletta tipo ferrata , calcolare 1 ora!
si ringraziano gli apritori e soprattutto i NONNI che ci han tenuto il piccolo


[visualizza gita completa]
salita divertente e bella anche se le difficoltà sono discontinue,la roccia offre un buon grip più liscia nella parte alta.Protezioni adeguate garantiscono una buona sicurezza.Con Roberto in una giornata di sole con vista panoramica sulla bassa ossola.

[visualizza gita completa con 3 foto]
Tornato con Alberto su questa bella e articolata via con una giornata di sole splendido; la descrizione dello scorso anno mi pare corretta, anche se mi è parso un pò più lungo l'avvicinamento (direi 50 minuti).

[visualizza gita completa]
Puro divertimento su questa via di placca ben chiodata e con diversi passi molto interessanti percorsa con l'apritore Paolo (che l' ha realizzata con la collaborazione dell'amica Anna) e che continua la sua opera di valorizzatore di queste belle strutture.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: 6b :: 5c obbl ::
esposizione arrampicata: Sud-Ovest
sviluppo arrampicata (m): 300
dislivello avvicinamento (m): 300

Ultime gite di arrampicata

30/05/20 - Stelle (Parete delle) Via Bruno Piazza - mastroteo
Via piuttosto omogenea nei gradi. Un blocco un po' fisico in partenza dà subito l'idea di che giornata sarà.. Mentre l'arrivo in S4,seppur ben chiodato,è davvero ostico. Tutte le soste sono a sp [...]
30/05/20 - Schiappa delle Grise neire Via del bacio mancato - dinoru
Psicovia per placcaroli bravi o quasi. Primo tiro ok, terzo 6a+ ... ma stranamente la roccia solo su questo tiro è scivolosissima, secondo me e il tiro più psico della via comunque con un resting so [...]
30/05/20 - Gallivaggio Spigolo Paletta e Paletta (upper part) - fabry. 69.
giusta via per provare lo stato di forma dopo la quarantena, bella e lunga via con la prima parte non difficile e sempre divertente, mentre la seconda via piu' dura , con i due tiri di 5c(non regalati [...]
30/05/20 - Truna (la) Tournet - charlie49
Attrezzatura giusta e in ordine, comunque da non prendere con leggerezza, i passi dal quattro in poi sono da fare sicuri. Abbiamo proseguito poi su Serpente bianco e Castrum dove si affrontano dei bei passaggi.
30/05/20 - Sergent Nautilus - p.mirco
Oggi sono in vena di polemiche, come è possibile che mercoledì sera nella falesia di Gavi abbia chiuso un 7a durissimo su tacchette, e un altro in strapiombo,e qui sul tiro chiave devo sputare san [...]
30/05/20 - Pania Secca cresta nord-est - delchecc
roccia tipica apuana quindi attenzione, nel complesso divertente e zona bellissima
30/05/20 - Bourcet - Settore Centrale Fascination - cecco81
Dopo un giro per la normale,tanto per sciogliersi ,abbiamo attaccato questa. L avevo fatta anni fa ma non la ricordavo così bella,2 tiro per me spettacolare ma anche gli altri sopra meritano il viag [...]