Spiriti (Punta degli) dal Passo dello Stelvio

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ottime
quota neve m :: 2700
attrezzatura :: scialpinistica
Bellissima giornata, sci ai piedi dal passo, cielo terso, temperature gradevoli, solo un po' di vento fastidioso in alto. Discesa su neve cotta al punto giusto (11.30). Molti scialpinisti anche lungo gli altri itinerari: Cima Tukett, Madaccio di Dentro, Cima Cristallo, Valle dei Vitelli

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
UN OTTIMO FINE DI STAGIONE - Bella giornata di sole e calda, niente vento e neve abbondante fin da subito. Saliti dalla ripida parete ovest e scesi lungo l'itinerario classico. Vista la bella giornata, dopo aver gustato un buon panino con la salsiccia e birra al passo, siamo saliti a piedi al Rifugio Garibaldi e infine abbiamo concluso la giornata alla pozza termale di Leonardo. Con Mamao Petruz bum bum e Mirko.
Buona neve a tutti e arrivederci alla prossima stagione.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: pulito
quota neve m :: 2700
attrezzatura :: scialpinistica
Neve fresca in alto e bella da sciare. Si sale senza ramponi (bastano le racchette). Giornata prevalentemente coperta e fredda.
Discreto affollamento. Visti due sciatori anche sul colletto del Monte Cristallo ma non sono arrivati in cima. Con Pietro.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: Perfetto fino al Passo dello Stelvio
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Senza alcun dubbio per me la migliore sciata dell'anno! Partiti verso le 08:30/40 dal parcheggio della funivia con nuvole in rapido dissolvimento, che hanno comunque consentito un buon rigelo; saliti infatti lungo le piste fresate e dure, ma con ottimo grip, fino al Livrio, per poi spostarci verso sinistra in corrispondenza dell'ultimo skilift, percorrere il bordo sinistro della relativa pista su crosta portante e salire con rapide inversioni su neve soffice fino a 50 metri circa dalla vetta; da qui abbiamo proseguito a piedi lungo la cresta su buona traccia (ramponi non necessari). Peccato solo che il rapido dissolvimento delle nubi di cui sopra abbia lasciato spazio, come da previsioni, a condizioni di tempo variabile con nuvole sparse che hanno pensato bene di stazionare sulla Punta degli Spiriti solo durante la nostra permanenza in vetta privandoci del panorama verso il bacino dei Forni! Poco male perchè siamo stati ampiamente ripagati da una stupenda discesa su neve tipo velluto/tappeto da biliardo lungo la Valle dei Vitelli fino a quota 2500 m circa. Poi, dopo gli ultimi traversi quasi pianeggianti su neve molto bagnata, quando la sciata sembrerebbe ormai conclusa, conviene portarsi verso sinistra con un breve portage per sfruttare le lingue di neve marcia, ma comunque sciabile, fino al ponte, dopo il quale su comodo sentiero (20' circa) si arriva alla SS 38 in corrispondenza della IV Cantoniera (dove noi avevamo lasciato un'auto).
Non possono mancare infine un ringraziamento ed un caro saluto ai miei compagni di gita maO, Franco e Lodovico.


[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada passo Stelvio perfettamente agibile
quota neve m :: 2800
attrezzatura :: scialpinistica
Ancora ottima nonostante la data, buona per tutto luglio ed oltre partendo ovviamente prestino
grazie agli irriducibili Beniamino, Dario, Enrico!!


[visualizza gita completa]
quota neve m :: 2600
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata soleggiata, temperature gradevoli, niente vento e, a parte il tratto finale, neve in abbondanza lungo tutto il percorso. Vista la bella giornata, dopo essere scesi al passo, siamo saliti a piedi al Rifugio Garibaldi, dove nei dintorni sono ancora visibili ruderi risalenti alla Prima Guerra Mondiale. Buona neve a tutti e arrivederci alla prossima stagione.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
A giudicare dai report precedenti e dalle targhe viste ieri,pare che al momento si scia meglio qui.
Si parte e arriva sci ai piedi,anche se dall'intermedio sino al passo bisogna scendere con prudenza per rischio sassi,(basta stare nella parte battuta e il rischio è minimo).L'unico tratto in neve fresca,peraltro già arata è quello che da fine impianti sale in cima,che presenta neve piuttosto bellina e invernale.Nonostante le temperature la neve si mantiene bene come qualità anche nei pressi del passo,morbida,non molle...

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
bella giornata, fredda il giusto da conservare la neve caduta ieri l'altro...goduria pura con Paolo "giovane Nic" e Fabio

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ottime
quota neve m :: 2700
attrezzatura :: scialpinistica
ALLA PARTENZA - Si scende dalla macchina e si calzano gli sci - ottimo rigelo notturno - nubi sparse - aria frizzante.
SALITA - Ottima su neve portante fino all'arrivo dell'ultimo skilift - cielo in parte coperto - aria gelida
Ultimo tratto a piedi su neve molto dura fino in cima.
DISCESA - Cielo coperto - neve dura come marmo (11.00) fino al Livrio, da lì in giù bagnata.
P.S. Dal passo dello Stelvio siamo poi saliti a piedi alla vicina e semplice Cima Garibaldi (Tre Lingue), da cui è possibile ammirare tutto il comprensorio dello Stelvio e le cime circostanti, teatro di scontri durante la Prima Guerra Mondiale.


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ottime
quota neve m :: 2600
attrezzatura :: scialpinistica
LUNGO IL FRONTE OCCIDENTALE DELLA GRANDE GUERRA - Meteo perfetto, neve abbondante. Siamo partiti dal Passo dello Stelvio con gli sci ai piedi alle ore 8.00 (+6*C) e seguendo le piste dello sci estivo ci siamo portati all'arrivo dello skilift più alto, da qui a piedi per sfasciumi e neve abbiamo raggiunto la Punta degli Spiriti.
Dopo essere scesi fino a circa 2900 Mt., su una bella neve primaverile, abbiamo ripellato per salire al vicino Monte Scorluzzo, che abbiamo raggiunto con gli sci ai piedi. Dalla cima si gode un panorama spettacolare sulle montagne circostanti. Ridiscesi su neve ormai fradicia, ma ben sciabile, abbiamo raggiunto il passo alle ore 13.30.

APPUNTI DI STORIA - La Prima Guerra Mondiale è conosciuta anche come la "Grande Guerra" ed impegnò l'esercito del Regno d'Italia contro quello dell'Impero Austro-Ungarico su diversi fronti. La Linea del Fronte Occidentale passava dallo Stelvio ed interessava i gruppi dell'Ortles, del Cevedale e dell'Adamello. Già all'inizio del conflitto gli Imperiali riuscirono a occupare il Passo dello Stelvio, la Tre Lingue, lo Scorluzzo, la Nagler, il Cristallo, la Punta degli Spiriti, la Tukett, l'Ortles...
Oltre a mio nonno Fermo, malenco, Alpino, classe 1898, soldato come tanti della Quarta Armata, due figure eroiche e leali voglio ricordare: la Guida valtellinese Giuseppe Tuana, Ardito della Val Zebrù (due Medaglie al Valor Militare) e l'avversario amico tirolese, Guida di Trafoi, Joseph Pinggera. Combatterono con tenacia l'uno contro l'altro per difendere le proprie montagne, mostrando coraggio, forza d'animo, perizia e un alto senso del dovere. Nonostante questa brutta esperienza, la loro grande amicizia rimase immutata nel tempo.
Il Tuana fu, tra l'altro, a capo di quel gruppetto d'impavidi Arditi della Val Zebrù (Stefano Schivalocchi, Giuseppe Canalini, il malenco Nino Dell’Andrino e Severino Grenil) che, con un'audace impresa militare-alpinistica, attaccarono un drappello di Schützen (Alpini tirolesi) posizionati sulla cima del Königsspitze (Gran Zebrù) (3851 mt.).


[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: ottime
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Sono partito con gli sci in spalla e li ho portati fino alla partenza del secondo troncone di funivia, poi con gli sci ai piedi sono arrivato al termine dell'ultimo skilift. Da qui a piedi su sfasciumi ho raggiunto la cima degli Spiriti coperta dalle nuvole. Non soddisfatto, sono sceso sul ghiacciaio e ho poi risalito per un tratto con gli sci e poi a piedi la normale del Monte Cristallo che giocava a nascondino con le nuvole.
Sono sceso intorno alle 13.00 su neve fradicia ma ben sciabile.
P.S. Per tre anni, dal 1915 al 1918, il silenzio di queste montagne fu interrotto dalla Guerra: da una parte gli Austro-Ungarici, dall'altra gli Italiani. Vada un affettuoso ricordo a tutti i soldati, di entrambe le parti, che hanno combattuto su queste montagne.


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: passo stelvio aperto
quota neve m :: 2800
Partenza dal passo stelvio verso le 9.00 con poco sole e vento a tratti forte, dal rifugio Livrio il cielo si è annuvolato con nuvole basse oscurando il tratto finale della cresta del monte Cristallo che pensavamo di fare quindi abbiam deciso di deviare per la punta degli spiriti con l'ultimo tratto un pò ghiacciato.Discesa in alto bella con neve dura ma in basso neve molle.

[visualizza gita completa]
E con oggi finisco la stagione 2005-2006 (forse).
Lo Stelvio, come tutti i ghiacciai, sta peggiorando a vista d'occhio di anno in anno. Partito alle 5.00 per evitare il frastuono delle piste. A piedi fino al primo troncono (come da aspettative). Dal primo troncone al Rifugio Livrio la neve e' ormai sparita, solo ghiaccio e resti di tutti i generi affioranti. Anche il tratto superiore e' desolante. Un'altra mitica stagione finisce! Ciao a tutti e alla prossima stagione.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: ottime
neve (parte superiore gita) :: compatta
Quando la crisi di astinenza da scialpinismo sale, la Punta degli Spiriti aiuta ad attutire la mancanza... La neve inizia verso i 2900 m. e il tratto finale verso la vetta si fa' a piedi. Condizioni del ghiacciaio pietose, mai visto cosi'... E con questa la stagione finisce, ci rivediamo a settembre / ottobre con le prime nevicate (si spera...)

[visualizza gita completa]
osservazioni :: ottime
neve (parte superiore gita) :: scricchiolosa
Splendida gita partendo dalla funivia a 2700 mt circa con arrivo sopra il Livrio a 3400 mt circa.
Giornata soleggiata con brevi, ma intense, raffiche di neve e buferina.
In attesa della vera neve fresca gita apprezzabile!
Per i nostalgici, DOMENICA 3 NOVEMBRE chiusura del passo.
Chi vuole approfittare deve correre!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: Ottime
neve (parte superiore gita) :: Farinosa
Che dire, sciare il 28 settembre in neve fresca non capita tutti gli anni !!! Giornata limpidissima. Per ora accontentiamoci di sciare vicino alle piste in attesa della neve vera, ma la stagione scialpinistica e' gia' iniziata. Neve abbondante fin dalla partenza.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: ghiacciaio
difficoltà: MSA :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Varie
quota partenza (m): 2750
quota vetta/quota massima (m): 3467
dislivello totale (m): 717

Ultime gite di sci alpinismo

22/04/19 - Palla Bianca (WeissKugel) da Maso Corto - gambalesta
Utilizzati i primi due tronconi (8 euro + 7 euro pagati separati) della seggiovia , poi prima pellata di 200 metri sino in punta allo Teufelsegg, poi discesa diretta su neve farinosa fino sul ghiaccia [...]
22/04/19 - Crevacol (Testa di) da Saint Rhemy - stellatelli
si parte sci ai piedi dalla strada a qt. 2000 circa, si sale al mattino su neve dura portante (no coltelli), nessun problema fino sotto la vetta dove vi sono alcune roccette affioranti che obbligano a [...]
22/04/19 - Demi (Pointe du) da Fontcouverte - gondolin
Gita di Pasquetta con meteo incerto: dopo una breve esplorazione in auto verso la valle Argentera (per andare al Giornalet), cambiamo completamente direzione e puntiamo verso la Francia, dove il cielo [...]
22/04/19 - Trovat (Piz) e Sass Queder per la Val d'Arlas - joevaltellina
Saliti al Sass Queder dalla val d'Arlas su neve portante (9.00) e scesi lungo il ghiacciaio del Morteratsch (12.00) su neve ancora compatta. Giornata soleggiata e calda, senza vento.
22/04/19 - Grand Etret (Testa del) da Pont Valsavarenche - luca76
Si parte sci ai piedi con neve al limite ma continua in basso. Saliti in vetta tra molte persone che scendevano. Parte centrale con vento intenso poi fortunatamente rallenta. Scesi dalla vetta con vis [...]
22/04/19 - Cimet (le) Dal Vallon de la Grande Cayolle - anna-renato
Gita in condizione con neve continua da cima a fondo a parte (per ora ) un breve pezzo su erba verso m.2400 che poi è il tratto più esposto al sole.Agevole la salita al Petit Col de Talon con breve [...]
22/04/19 - Thabor (Monte) dalla Valle Stretta - riccardobubbio
strada aperta fino alle grange (Terzo Alpini) poi portage fino al Pian della fonderia di li neve continua... Coltelli non usati,, arrivati alla chiesetta con un vento patagonico che per fortuna al m [...]