Giusalet o Ciusalet (Monte) o Signal du Clery da Grange d'Arpon e il versante Est

osservazioni :: visto cadere valanghe a lastroni
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: in auto fino a Grange Arpon senza problemi
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
partiti alle 6:50 saliamo lungo il sentiero estivo fino al traverso di q. 2300 ca. Fa già caldo, ma la neve sul traverso tiene bene e si sprofonda poco. Proseguiamo con gli sci e a mano a mano che saliamo aumenta la copertura della precedente nevicata (di 2 giorni fa). Drizziamo le antenne viste le condizioni non proprio favorevoli. Arrivati a q. 3100 ca., anziché fare il solito percorso (più ripido) per raggiungere la cresta, ci teniamo più sulla dx su pendii meno ripidi. Ottima scelta: si stacca una valanga a lastroni con un fronte di 50 m che mi sfiora. La decisione è presa: scendiamo a valle per goderci la sciata (molto buona) fin quasi alla macchina (10 minuti di portage) lungo il canalone che si vede a dx nella prima foto
Ci è andata bene grazie a tanta fortuna e a scelte di percorso. Con il senno di poi, è bene fare questa gita con rischio 2 e non più alto, come forse qualunque gita oggi a ovest delle Alpi dove AINEVA dava rischio 3 e zero termico in forte aumento.
3 stelle e non 4 per i vari gava e buta che abbiamo fatto per sfruttare il più possibile la neve.


vista della prima parte della salita da Grange Arpon
al traverso di q. 2300 (fatto con i ramponi in salita e con gli sci in discesa)
uno sguardo sulla parte alta della salita
valanga! si vedono le tracce che escono ...
valanga! si vedono le tracce che entrano...
sciata splendida....
traverso di q. 2300 in discesa con gli sci
raggiungiamo l'ultima lingua di neve che ci permette di scendere fino a 1900 m ca.
da vicino l'arrivo con gli sci

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: in auto fino a 150 m da Grange Arpon
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Lasciato l'auto 150 m prima di Grange Arpon. Tempo non troppo favorevole: sole in punta, ma nuvole da 2500 m in giù con visibilità scarsa fino a 2300 m ca., al di sotto meglio. Sci a spalla fino al traverso di q. 2200 ca. poi saliti prevalentemente con gli sci ai piedi, pochi tratti con i ramponi (al traverso e poi per cercare di salire "dritti" ma la neve era sfondosa). Dai 2500 m in su sole a palla e vento assente ci hanno ricaricati. In discesa divertimento assicurato: neve spettacolare in alto (crosta portante con firn) e in basso primaverile (ottima, anzi "da urlo") nel canale da 2100 m fino alla stradina che costeggia il lago), ma nel tratto intermedio (canale nelle nuvole) un po' sfondosa e resa "difficile" dalla scarsa visibilità per nebbia (per questo 3 stelle anziché 4). In discesa con gli sci fino alla stradina (tolti e messi 2 volte). I soliti 2 o 3 gava e buta, ma condizioni di copertura ancora ottime.
con Giacomo e Claudio. Ottima gita.


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Tornante 1700m
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Il socio ha già detto tutto. Molto utile la traccia di Smarchio in caso scarsa visibilità (per noi prima parte di discesa completamente strumentale) e per districarsi nei vari canaletti della parte mediana. In salita deviato leggermente dalla traccia solo per raccordarsi con l'itinerario di salita dal canale nord. Gita comunque azzeccata in ambiente solitario.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Strada pulita fino al tornante quota 1700.
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Bell'itinerario in ambiente solitario.. sveglia severa per sfruttare la finestra di bel tempo. (Maggiori aperture in francia). Portage di un ora abbondante poi consigliati i ramponi per il traverso expo . (Una caduta in questo tratto e vi trovate sulla ss25 700 mt piu in basso)Circa 20 minuti di ramponatura. Poi calzati gli sci progressione piu veloce . Arrivati sul colletto di congiuzione del canale nord Si traversa su dorsale. Rigelo solo oltre quota 2700. Discesa: iniziata alle ore 10:50 su neve con buon grip . Discesa strumentale dalla vetta a quota 2900. Poi visibilità a 10 mt permetteva di fare belle curve. Da quota 2600 neve marcia.un buta e gava di 50 mt a quota 2600. Poi a quota 2100. Si arriva fino al lago in sci. Finale in piola con i soci.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Il mio miglior Giusalet scialpinistico di sempre. Condizioni ottime: il traverso ripido è ancora in parte innevato e lo si percorre a piedi senza problemi. Parte alta con neve ben trasformata (ho tenuto gli sci fino in vetta senza usare i rampant) e che oggi sopra i 3000 non ha mollato. Considerata l'esposizione dei pendii bisogna partire molto presto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: senza problemi alle grange Arpon con l'auto
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
La parte prima del traverso presenta qualche chiazza di neve , ma solo dopo il traverso si possono calzare gli sci (io li ho messi a 2500 metri in quanto c'era una buona neve portante al mattino).
Il traverso è in buone condizioni, oggi si faceva anche senza ramponi in quanto non era ghiacciato.
Abbiamo trovato qualche difficoltà a capire dove salire, quindi ci siamo tenuti tutto a destra allungando forse un po' la salita e trovandoci a risalire qualche canalino impegnativo, ma è stato un buon percorso.
La parte alta presenta neve recente ben compatta alternata a neve più vecchia parecchio ammollata che hanno permesso comunque una buona sciata, mentre nella parte bassa la neve era decisamente marcia e sfondosa.
Tolti gli sci subito dopo il traverso in discesa
La giornata ha presentato una notevole alternanza di sole e nubi per concludersi con una fitta nebbia proprio nei pressi del traverso durante la discesa (talvolta è meglio non vedere sotto...)
Un grazie ad Umbi per la splendida compagnia

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
La gita è fantastica, c'è tutto, isolamento, ricerca dell'itinerario, dislivello e pendii (veramente) sostenuti. L'unico problema è che ci sarebbe voluto un metro di neve trasformata in più... Abbiamo perso il conto di tutti i gava e buta fatti, e, per seguire i canali innevati, siamo arrivati nei pressi della Cime de Bard. A quel punto dalla Francia è arrivava il brutto e una leggera nevicata per cui dietrofront e non siamo arrivati in vetta. In salita, traverso a 2200 affrontato con i ramponi su neve ghiacciata e più sopra altro traverso affrontato con i coltelli. Sci a spalle per lunghi tratti, anche se ci siamo tolti lo sfizio di scendere il pendio ripido che scende direttamente sul traverso posto tutto sulla sinistra idrografica e un altro che corre parallelo al pendio del sentiero nella parte bassa.
A giudicare dalle pendenze di certi tratti a volte su balze rocciose (come sopra il traverso) la valutazione di BS mi sembra un po' strettina...
Con Ettore, sempre bello fare una gita coi fratelli.


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: in auto fino a 50m da Grange Arpon
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Lasciato l'auto a 50 m dalle Grange Arpon. Neve, tempo e gita splendidi. Salito con gli sci in spalla fino all'uscita del canalino oltre il biv. Vacca (2900 m ca.), i soci li hanno calzati a q. 3000 ca.; il tratto basso lo abbiamo percorso lungo il sentiero estivo fino al "traverso" a 2250 m ca. In discesa con gli sci fino alla stradina (tolti e messi 2 volte). Condizioni ottime: neve sufficiente (firn in basso e crosta portante con 2 dita di farina in alto), ma traverso 'libero'. La sciata è stata galattica.
MESSO LA TRACCIA GPS
Un ringraziamento a Orfeo, Massimo e Renato (gli inossidabili) che hanno aderito all'iniziativa di questa gita da "amatori", molto bella, ma con un paio di gava e buta che vanno apprezzati.
(in tutto Renato ha calcolato che facevamo 237 anni....)


[visualizza gita completa con 19 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2800
attrezzatura :: scialpinistica
Nulla da segnalare rispetto a quanto detto da phi_86.
Collaudo attrezzatura nuova e prima esperienza di neve primaverile e di portaggio degli sci assieme all'ottimo phi_86 che ringrazio ancora per la bellissima mattinata... Bel regalo di compleanno!


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: fino all'arpone
quota neve m :: 2800
attrezzatura :: scialpinistica
Niente neve fino a 200 m sopra il Rif. Vacca. abbiamo portato gli sci a prendere un po' d'aria... Sciato su neve primaverile dalla punta fino all'ultima lingua di neve possibile, poi sci in spalla e giu' a piedi!
Grazie a Matteo "Bosco" che mi ha seguito in questa stupida idea di andare a cercare ancora della neve sul giusalet e che nonostante la poca esperienza si e' comportato benissimo!!
Ora mettiamo via gli sci per un po'..


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Sterrata in ottime condizioni fino al lago Arpon
quota neve m :: 2500
Partiti per andare nella zona dell'Albaron, con meteo francese estremamente ottimista, siamo tornato sui nostri "passi" per le nebbia fitta presente dal colle del moncenisio verso la Valle dell'Arc. Visto che la visibilità era migliore sul lato italiano abbiamo optato per la normale del Giusalet, mettendo in conto un certo portage. Infatti sci a spalla dal Lago Arpon (1.800 m) fino al Vacca (quasi 2.700 m!). Ho però apprezzato la leggerezza dei nuovi materiali (sci, attacchino, scarponi)! Tra nebbie e sole siamo arrivati piuttosto bene in vetta. Discesa molto bella fino a circa 2.600, con qualche gava e buta; di lì in giù, l'operazione metti e togli è stata ripetuta n. volte, per giungere fino a 2.300, dove non c'è stato più verso...
Ovviamente meglio chiudere la stagione da altre parti!

Nel complesso la soddisfazione di aver fatto una bella punta, data la giornata. A volte lo sci alpinismo è anche questo.
ottima compagnia con l'INSA Dario


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: lasciata la macchina sull ss 25 all'altezza della casa cantoniera 4
quota neve m :: 1600
gita superlativa di 1705 metri di dislivello lasciando la macchina sulla ss 25 del moncenisio all'altezza della casa cantoniera"il quattro" da dove si calzano direttamente gli sci e per un sentiero ben tracciato nel bosco in un battibaleno si giunge alle grange dell omonimo lago Arpone il rigelo notturno ci permette di arrivare celermente al traverso posto a 2200 metri dove bisogna essere molto accorti perchè un errore potrebbe essere FATALE in quanto si verrebbe fiondati a Bar Cenisio con diverse centinaia di metri di volo, passato questo su verso il rifugio Vacca e da li a vostra libera scelta tutto è buono. la punta rimane tutta spostata a sinistra rispetto al vacca quindi una volta raggiunta la sommità dei pendii si è obbligati ad un lungo trasferimento per giungere ai 3312 metri della della punta.solo quattro stelle perchè dalla cima ai 2700 metri si trovano tutti i tipi di neve da li in giù tutta primaverile.COSIGLIATA VIVAMENTE PERO' MOLTA MOLTA ATTENZIONE AL SUDETTO TRAVERSO AI 2200 METRI PER QUESTO LA VALUTEREI OS INVECE DI BS.
con gian giornata memorabile


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: con l'auto fino al tornante prima di Grange ARPON
quota neve m :: 1800
STUPENDA!
Purtroppo faceva zoccolo nella parte alta ed ho duvuto batttere dai pianori in prossimità del Biv Vacca fino in punta.
(Gli ultimi 100 m nelle nuvole più totali!).
In compenso la discesa è da sballo compreso il pendio canale sopra il Lago Arpon.
Ho tolto gli sci al traverso di q. 2200 (non c'è neve per fortuna) ed al Lago Arpon)
Da rifare!
Ma è mai possibile che non ci sia anima viva in quei pendii?


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: Libera fino lac d'arpon
quota neve m :: 2400
Siamo saliti dalle grange d'arpon, ma sci a spalla per quasi due ore. calzati gli sci nei pressi del rif. vacca a quota 2700 m. in discesa si riesce a scendere per qualche lingua con qualche gava-buta fino a quota 2300. bell'ambiente, per chi cerca ancora un po' di avventura. nessuno in tutto il vallone.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
bella gita in ambiente grandioso. cima mancata causa inesistenza (per nebbia) del canalone nord. strada aperta fino ad inizio lago. LAMET innevato ma al limite nella parte bassa. contare almeno 30 minuti (+/-) di sci sul sacco. in discesa si riesce a scendere abbastanza.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente umida/pesante
Splendida! Parte alta "over the top", centro molle ma portante, in basso marcia molto divertente. Oggi i commenti superlativi a tutte le gite si sprecheranno ma occorre che queste relazioni contengano informazioni utili e chi la gita la deve ancora. Il consiglio per questa gita con le condizioni e la neve attuali (ed anche per molti giorni a venire) è di seguire anche in salita la via di discesa vale a dire: lasciata l'auto proseguire a piedi per 10' circa verso le grange, ancora a piedi costeggiare il lago sulla destra (non sulla sinistra) e 50 metri dopo, alla neve, calzare gli sci e salire il ripido canale dove sono evidenti le belle tracce di discesa, i coltelli sono obbligatori. In questo modo gli sci si toglieranno solo una volta per superare 8-10 metri di roccette. Sulla via classica, lungo il sentiero del ghiaccio con partenza a sinistra delle grange, la neve col caldo dei giorni prossimi sarà sempre di meno e già oggi obbligava a portare gli sci a lungo e a toglierli e metterli più volte. Buona neve a tutti!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: ...condizioni gita ...
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): ...tipo di neve ...
Partiti da quota 1700 c. prima delle Grange d'Arpont, saliti per l'it. classico, nebbia abbastanza fitta nella parte mediana della gita, poi visbilità e tempo buoni. Bella neve e un po' di affollamento in cima. Abbiamo effettuato la discesa del canale N, ottime condizioni eccetto del ripido tratto finale (in basso) a causa di neve dura e movimentata. Poi firn spettacolare sino alle nebbie che ci hanno colto a 2300 m e ci hanno impedito il raccordo con il Lago d'arpont, siamo così arrivati con alcune peripezie all'inizio del piano di san nicolao, con neve a 5 min dalla strada. Per il sentiero di raccordo tra la statale e le Grange d'arpont ritorniamo alle macchine. Ottimo anello del Giusalet, che veramente si chiama Ciusalet.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): crosta rigelo non portante
Traversata con salita dal versante classico delle Grange Arpon e discesa dal canale nord su neve primaverile tranne gli ultimi 20 metri su neve ghiacciata .
Neve perfetta sino a 2300 m.
Con buona visibilita' contornando la cima di Bard si raggiunge con gli sci il lago Arpon. Con nebbia e' facile sbagliare canale e scendere piu' a monte .

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Condivido il commento di Giuseppe Vottero, penso si possa anche arrivare alle 5 stelle perché in alto era veramente stupenda ed il tratto di neve marcia non portante tutto sommato breve; il canale in fondo di nuovo molto bello e ripido, nonostante la nebbia. Arrivati alla strada, conviene seguirla fino alle grange e non fare come noi, primi a scnedere, che abbiamo tagliato verso destra per tornare sull'itinerario di salita. Spero non ci abbiano seguito in troppi.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): ...tipo di neve ...
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): ...tipo di neve ...
condizioni della neve mediate tra la parte alta trasformata con un sottile strato di neve recente e la parte bassa non rigelata nella notte ma compatta. Breve tratto intermedio con neve marcia e crosta non portante
In discesa dopo il traverso, a sin, seguito tracce di sci, nella nebbia (complimenti a chi le ha fatte) che per un canale ci hanno portati sci ai piedi vicino al lago
In salita lasciato le auto a q.1750 c.a. e poi fino al traverso scarsità di neve (tratti sci a spalla e sci ai piedi)


[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Partiti da 1800 per neve sulla strada si mettono sci appena sopra il laghetto traverso si fa con gli sci per il resto la neve è da favola nella parte alta neve fresca campattata dal vento di ieri giornata stupenda

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2 su 5
neve (parte superiore gita) :: di tutto, dai 2400 ai 1900 divertente
Partiti da quota 1700 sulla strada per le grange Arpon. Dalle grange attraversato il lago e calzati gli sci intorno ai 1900 metri. Tolti e messi un paio di volte. A quota 2200 si supera a piedi uno scivolo.
Si prosegue per terrazze si passa a sx del rifugio Vacca. Si guadagnano i pendii sommitali sulla cresta a dx della croce di vetta.
Dai 2800 alla punta nebbia fitta.
In discesa dai 2400 ai 2200 mantenuti sempre a sx sfruttando i canalini sul fianco del costone del Rifugio Vacca. A 2200 attraversato sulle trance di mulattiera e poco sotto ripreso i canalini a sx : OS per scendere sulla strada tra il Lac de Rotorel e il Lac d’Arpon.
Grazie al gruppo di Cuneesi che ci hanno tracciato buona parte del percorso e ci hanno fatto buon sangue, giunti alla macchina, con un paio di bicchieri di vinello allegro ed una fetta di torta!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: ottime
neve (parte superiore gita) :: trasformata
Dopo 500mt di disl. con sci a spalle, inizia una bella salita su ottima neve.Discesa dalla punta direttamente nel canale ripido. Entusiasmante. iniziata la discesa alle 10.30, poi troppo caldo.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: altro
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Est
quota partenza (m): 1821
quota vetta/quota massima (m): 3313
dislivello totale (m): 1492

Ultime gite di sci alpinismo

21/05/19 - Valfredda (Punta) dal Ponte d'Almiane - p_dusio
Scrivo per nota informativa: gigantesca valanga che ha spazzato partendo dall’alto tutto il versante destro salendo nel torrente a blocchi molto grossi estesa sino ai pianori superiori occupando tut [...]
19/05/19 - Grevon (Piatta di) da Pila - gondolin
Partenza sci in spalla sulle piste prive di neve, solo qualche lingua non raccordata sino oltre l'Hermitage, gli sci si calzano intorno a quota 1.980 circa. Dopo circa 45 minuti di salita comincia a n [...]
19/05/19 - Klein Matterhorn o Piccolo Cervino da Cervinia - luca76
Si calzano gli sci di fianco alla macchina e neve continua su tutto l'itinerario. Stamattina partiti poco prima delle 9 con un bel sole che ci accompagna nella prima parte di salita. Poi arrivano le n [...]
18/05/19 - Plateau Rosa da Cervinia - lucianeve
Impianti italiani chiusi, svizzeri aperti. Partiti alle 10.30 dal parcheggio della cabinovia, sci ai piedi, neve sempre continua fino al Plateau Rosa, nonostante i lavori di sbancamento neve lungo una [...]
18/05/19 - Breithorn Occidentale da Cervinia - brusa
Una quindicina di cm sul percorso. Neve dall'auto e impianti chiusi. Hanno scavato via la neve dalla strada che sale a Cime Bianche, ma si scia bene stando di lato. Visibilità a tratti pessima fino a [...]
16/05/19 - Ghiliè (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié - gmassone
Partendo alle 10:00, non sono necessari i coltelli nemmeno nella gorgia. Utili solo in prossimità del colletto finale prima del pianoro e del pendio sommitale. La nebbia, arrivata intorno alle 12:30 [...]
16/05/19 - Ramière (Punta) o Bric Froid dalla Valle Argentera - lou pasarot
Partenza verso le 7 ,portage per circa 200 mt subito fuori dal bosco si mettono gli sci, poca neve e già sfondosa . Nel vallone molto caldo ,usciti dal colle vento a raffiche freddo . Discesa verso [...]