Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti

neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Park nel tornante Fr. subito dopo il colle
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Ottimo rigelo, salito prima a R. Rossa, discesa su neve molto dura in alto, comunque liscia. Breche innevata solo nella metà inferiore, Brusalana liscio come un biliardo, discesa molto bella. Al ritorno, dopo la Breche risalito sino al colletto sotto la Rossa con discesa finale sempre su ottimo firn.
Giornata da cartolina, un grande ciao agli amici incrociati oggi a zonzo quassù a chiudere una stagione che ha dato tanto, nonostante l'asciutta invernale: grazie montagne!

Oggi vista cristallina da Rocca Rossa
Lo splendido lenzuolo del Brusalana
Ciao montagne!

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok parcheggio rif. Agnel
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Partenza dal parcheggio presso rif. Agnel. Salito solo al Brusalana con ritorno dalla Brecehe. Ambiente grandioso e spettacolare. Innevamento ancora buono, Breche de ruine senza neve.
Simpatici incontri con amiche ed amici cuneesi.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino al Ref.Agnel
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Salita alla sola Rocca rossa nel tardo pomeriggio approfittando del colle aperto. Buon innevamento, nevi stabili. Parcheggiato vicino al Ref.Agnel, salendo al Col Vieux, neve dall'auto. Morbida rilassante salita (dopo una mattinata di interrogazioni) divertente discesa, bello il pendio finale. In cima cornici di neve molle(attenzione), è mancato il panorama per passaggi nuvolosi, ma i giochi di luce del sole tra le nubi hanno regalato impressioni ossianiche.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Il Colle é già completamente pulito ma ancora chiuso
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Lasciata l'auto al laghetto. Portato gli sci dieci minuti sulla strada e poi saliti verso il Colle Vecchio. L'ultimo tratto occorre toglierli per una cinquantina di metri per sbucare sulla cresta di confine. Scese al Refuge d'Agnel su neve non rigelata ma non sfondosa. Ripellato per Rocca Rossa e la discesa alla Breche è stata la più bella del giro. Primi metri della Breche a piedi, siamo scese ancora un po' più giù ed abbiamo ripellato per il Brusalana (mai così semplice da salire, innevato fino in cima), scese al laghetto su neve mediocre. Risalite alla Sella d'Asti e poi giù su polenta. Nebbie che correvano, sole caldissimo quando usciva, ma per fortuna nessun temporale.

[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Transenna a q. 2300
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
L'idea era di andare all'Alp ma dopo aver saggiato la neve su questo lato abbiamo preferito virare verso Rocca Rossa & C.
Neve bella ovunque, dura ma con buon grip dalla Rossa, Breche ancora innevata per quanto a gobboni, Sella ok a patto di non tardare la discesa (meglio sfruttare nella parte bassa i pendii ovest sotto le Rossette).
Con Mattia: un saluto ai tanti incontrati oggi nel giro!


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si parcheggia a quota 2370
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi colle dell’Agnello trasformato in Luna Park della neve in condizioni spaziali. Gente ovunque. Si parcheggia a quota 2370 circa e si calzano gli sci a quota 2470 circa. Noi abbiamo effettuato l’anello in senso antiorario salendo prima la sella d’Asti poi il Pic Brusalana e poi scesi su velluto all’imbocco del canale che porta alla Breche. Dalla Breche lungo diagonale al Col Vieux ed infine il colle dell’Agnello stradale. Poi scesi su neve un po’ molle ma sempre sciabile e sfruttando alcune lingue di neve sci ai piedi fino a quota 2470. Lato Francese completamente pulito.In compagnia di mia figlia Sara.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok fin sopra grange bersagliere colle chiuso
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Tranquillo giro del Pic d'Ast pomeridiano passando dal colle dell'agnello vecchio, la breche de ruine è ancora ben innevata. Discesa dalla sella d'Asti alle 17,30 su morbida neve con ottimo fondo ben portante .

[visualizza gita completa con 5 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Lasciata la macchina alle grange del Bersagliere perché la strada è chiusa dalla sbarra.
Comunque sfruttando una lingua di neve sulla sx, si arriva sci ai piedi alla strada. Ottimo rigelo e discesa bellissima da Rocca Rossa e dal Brusalana. Tutto sommato ancora bella dalla Sella d'Asti anche se lavorata dai numerosi passaggi. Solo il meteo non è stato perfetto e a tratti limitava la visibilità. Valeva senz'altro il giro.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva fin oltre la grange del bersagliere, sui 2400
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Strada chiusa ancora alla grange del rio (senza apparenti motivi) ma pulita fino al tornante dove svalanga sempre. Neve rigelata a salire, utili i coltelli da dopo il colle vecchio alla rocca rossa. Discesa un po' irregolare all'inizio della rocca poi qualche curva carina su mezzo dito di fresca, neve marcia nella breche. Dalla sella neve ancora abbastanza dura alternata a tratti più primaverili. Bellissimo ambiente, niente di che la neve. Con andrea

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Si sale in auto fino all'imbocco del vallone di Soustra. Pgoi divieto posto dal comune. Alcune auto sono ugualmente sali
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Portati gli sci sulla strada per circa 20 min. Potendo salire con l'auto si partirebbe sci a piedi.
Abbiamo fatto il giro al contrario rispetto a quanto descritto in questa scheda. Salita su neve primaverile ghiacciata fino ai piedi della parte più ripida della salita alla sella. Poi lo strato di neve recente rende più scivolosi i traversi. Sotto la sella neve molto smossa dagli sciatori. Dalla sella discesa magnifica sul versante N. Neve veloce per il velo di farinetta recente e facilissima. Risalita al colletto e poi alla Rocca Rossa abbondantemente tracciata. Discesa sotto la rocca molto lavorata con neve più pesante. Data l'ora tarda il tratto finale sotto il colle era quasi una pappa ma ancora sciabile serenamente.
Grazie alla compagnia di Pietro N., Isabelle B. e Jolie. Sono stata molto contenta di reincontrare Pierpaolo e Chicca, cagnetta esemplare e tenace!


[visualizza gita completa con 1 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
dormito con i camper a chianale (dopo il ponte sul fiume , strada direzione laghi blu),quindi autostop,e una coppia di mondovi ci ha scarozzato fin dove e aperta la strada(mooolto prima della bergeria),,(grazie),, poi da li ci addentriamo nel vallone aperto che porta al colle dell'agnello(vecchio), incrociato i primi 2 scialp, (vallantetich e c. che saluto), in questo punto nebbia fitta , ma d'intuito naso e tracce sbuchiamo sul lato francia e a 3000m il sole , e cosi incoraggiati saliamo in cima , insieme a 3 di saluzzo che ci raggiungono, 4 foto e giù su un pezzo di farina, e poi transito nella fascia nebbia seguendo traccia di salita, man man scendendo si e diradata al punto di regalarci una buona discesa , e visibilita. , poi 20' a piedi fino ai camper a pranzare in famiglia. con mio frat. marco.

[visualizza gita completa con 2 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Colle Agnello aperto
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Fatto solo mezzo giro, dal parcheggio sotto il colle versante francese. Salito al col vieux, breche, pic brusalana e ritorno per la stessa via. Alle 7 già 4 gradi e sfondava già all'ombra in salita. Breche semplice e percorribile in sci. La discesa dal pic al laghetto d'asti molto bella ma breve purtroppo. Primaverile dura liscia ma non ancora rinvenuta (sceso alle 9.30). Poi risalita a piedi piuttosto faticosa su per la breche. Discesa fin quasi al lago foreant su neve sfondosa. Ancora risalita e discesa sempre su neve sfondosa tranne brevi tratti di rossa.
È ancora tutto ben innevato sul versante francese ma se non rigela la sciabilità è compromessa.
Tanta gente in giro ma ben sparsa qua e là. Gente che saliva anche piuttosto tardi...


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Colle dell'Agnello aperto
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Bel percorso di ampio respiro, sci ai piedi dalla macchina grazie alla strada aperta a quota 2500 ca.
Partiti presto e la prima discesa dalla Rocca Rossa era ancora ghiacciata; trovato un bel velluto dal Brusalana mentre dalla sella d'Asti sfondava già da ca 2800 in giù

[visualizza gita completa con 2 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
chiusura di stagione su questo giro classico che però non avevo mai fatto. bellissimo.
grazie ad enzo e mari per la bella giornata e per tutte le belle gite fatte insieme anche quest'anno.


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: colle ormai aperto da entrambi i lati
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
La perturbazione di mercoledì/giovedì ha un po’ peggiorato le condizioni; di neve non ne è venuta molta (direi 10-15 cm in alto), ma è parecchio gessosa e lavorata dal vento. Noi abbiamo parcheggiato a quota 2.500 m circa, dove sulla destra c’è un bello slargo. La strada è ormai aperta fino al colle. Partiti sci ai piedi dall’auto alle 7,30 con circa 0°. Saliti verso il Colle dell’Agnello vecchio, poi da qui siamo saliti sul Pan di Zucchero, alla cui relazione rimando per una descrizione delle condizioni.
Scesi dal Pan di Zucchero, dopo un po’ di indecisione sul da farsi, abbiamo optato per risalire alla Rocca Rossa e scendere poi dalla Breche de Ruine…ripellata di circa 250 m di dislivello, ottimamente tracciata da chi era salito prima di noi…si arriva in cima tranquillamente senza rampant. Bella discesa fino alla Breche, con alternanza di neve morbida e alcuni tratti di neve dura, sempre comunque ben sciabile…la Breche si scende con gli sci, ma la neve era veramente brutta e sfondosa (per fortuna che è cortissima!!!), anche perché erano ormai le 12. Da qui altra ripellata per raggiungere la Sella d’Asti (altri 250 m circa) e discesa finale fino alle auto (ore 13 circa)…su questo versante la neve era già un po’ più pesante, morbida e ben sciabile in alto, decisamente lenta e collosa in basso…splendido anello, in totale sono circa 1.200 m di dislivello, ma i numerosi ripelli alla fine si fanno sentire…giornata fantastica e ambiente favoloso, per avere neve perfetta bisogna aspettare qualche giorno e sperare che non scaldi troppo!!! Parecchia gente su tutte le cime della zona, sia dal lato italiano che da quello francese.


[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si lascia l'auto nel pianoro sopra le Grange del Bersagliere.
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Neve da sei stelle. Portato gli sci fino al pianoro sotto le Rossette, mentre in discesa, con tre attraversamenti dell'asfalto, siamo arrivati con gli sci all'auto. Fatto il giro in senso orario, con neve sempre continua. Saliti al Colle Vecchio, Rocca Rossa , scesi dalla Breche de la Ruine fino a dove termina la neve (quota 2400), ripellato e saliti alla Sella d'Asti. La neve ha sempre tenuto, complice la temperatura bassa. Arrivati all'auto all'una. La neve primaverile più bella della stagione, un tappeto bianco immacolato.
Tutto in condizioni, il Foreant, il Pelvo di Chianale, l'Aiguillette, il Brusalana.
Neve così porosa, anche se dura, che non abbiamo neppure utilizzato i coltelli.

[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Gran bel giro ad anello con panorami grandiosi!! Non altrettanto si puó dire per la neve, dura dalla partenza alla rocca rossa, marcia nella breche, poca e lavorata nella parte alta della sella in discesa! Qualche bella curva verso le rossette poi di nuovo marcia! Sci ai piedi dalla macchina ma la neve sta andando via in fretta! Gran chiusura di stagione, con Andre

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: Divieto di transito a quota 1800 m circa
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Viste le condizioni del giorno precedente sono tornato al Colle dell'Agnello con degli amici per effettuare il giro descritto nell'itinerario al contrario. Abbiamo parcheggiato al tornante di Soustra (2000 m): la strada è pulita per lavori fino a questo punto, c'erano diverse macchine e non ho visto multe però il divieto è a quota 1800 circa dopo il lungo rettilineo...
La neve sulla strada è molto scarsa e ci sono parecchi tratti di asfalto scoperto: siamo partiti con gli sci in spalla e li abbiamo messi a terra a 2200 m ma si potevano calzare anche prima. Siamo saliti alla Sella d'Asti: la neve è sufficiente per la salita ma la discesa penso che sia abbastanza "pietrosa". Siamo scesi sul versante francese su una farina spettacolare; mentre aspettavamo gli altri, Davide ed io siamo risaliti per 200 m circa sul Brusalana ancora vergine. Dopo i primi 20 m dalla punta, da scendere con cautela a causa delle pietre affioranti, altra discesa su farina magnifica fin sotto la Breche de la Ruine. Qui abbiamo ripellato e siamo saliti alla Rocca Rossa, un po' più tracciata del giorno prima. Discesa su qualche tratto di crosta da vento e un po' di bella farina, poi traverso per raggiungere il Col Vieux e il Colle dell'Agnello. Discesa sulla strada, un po' più agevole del giorno precedente perché più gelata (un'aria fredda compensava il sole cocente): con qualche acrobazia e sfruttando il bordo e talvolta il fosso e gli aghi di larice si arriva alla macchina sci ai piedi.
Altra bella e piacevole giornata in montagna: bellissime le discese sul versante francese della Sella d'Asti, con la giusta quantità di farina intonsa! Gradevole anche il resto della discesa e tutto sommato divertente la discesa sulla strada, per nulla noiosa in queste condizioni!
Con Giorgio, Paola, Beppe e Davide.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: Sbarra nuovamente chiusa
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
La sbarra era chiusa perchè la pala sta lavorando per aprire il colle. Li abbiamo portati sulla strada fino a dopo il laghetto e da lì neve continua per tutto il giro tranne tre metri per arrivare al Col Vieux. La discesa da Rocca Rossa è stata su farina pesante ma ben sciabile. La Breche de la Ruine è ancora innevatissima. Oggi gente anche su l'Aiguillette e sul Brusalana. Noi abbiamo chiuso l'anello sulla Sella d'Asti dove siamo stati avvolti dalle nebbie. Discesa su neve resa umida da quest'ultime. Siamo arrivati a cinque minuti dall'auto, attraversando due volte l'asfalto. Consigliabilissima. Ancora bello il pendio verso Caramantran.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: strada libera fino a 2400 m circa
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
arrivati con la macchina a 2400 m circa,poco sopra grange del bersagliere siamo saliti su neve fresca per il colle dell'agnello vecchio,poi a ovest e a nord del pan di zucchero siamo giunti alla rocca rossa,da lì discesa su un pendio liscio come un biliardo verso la brèche de ruine,dove delle pietre affioranti ci hanno costretto a scendere e risalire di qualche metro
dopo la breche de ruine siamo scesi nel canalino,abbiamo ripellato e risalito alla sella d'asti,poi discesa su neve che aveva già mollato,ma ancora sciabile verso le macchine
ciao a tutti


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: Sbarra aperta
attrezzatura :: scialpinistica
Si parte con gli sci ai piedi dal tornante sopra le Grange del Bersagliere. Alla partenza mancato rigelo notturno, che faceva presagire neve sfondosa. Invece non è stato così.. Neve ancora continua su tutto il percorso, anche se alcuni passaggi resisteranno solo più per poco.. Partite dall'auto alle 7.30. Salite al Col Vieux, poi a Rocca Rossa (coltelli), discesa su neve spettacolare fino alla Breche (innevatissima), poi ancora giù lato francese per un bel pezzo, ripellato e salite alla Sella d'Asti. Discesa su neve portante, cercando di stare sulle tracce, fino all'auto.
Un saluto a tutti gli amici incontrati sul percorso (Gazzano, Margherita, Mino con la sua fortissima Jolie, ecc.. ). Il piacere più grande è stato conoscere il mitico Piombo, sulla Sella d'Asti, con i suoi mitici 83 anni portati alla grande!!


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok alla Gr. del Bersagliere
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Forse da queste parti è il luogo più gettonato in questo inizio maggio che pare giugno, innevamento ancora buono, ottimo per qualità sul versante francese, ma soprattutto la neve rossa che si incontra in altre zone qui, grazie alla quota, è ancora tenuta a bada dagli ultimi ritocchi.
Discesa da Rocca Rossa sino alla Breche su neve ancora marmorea alle 10.30, con una spolverata di farina in alto. Breche bene innevata, risalita alla Sella su moquette ad incrociare i molti che si divertivano scendendo. Magnifica la discesa dalla Sella, che meritava le 5 stelline.
Mezzo giro da solo, poi la gradita sorpresa di Silvia, Sergio e Mario, nonchè Luisa con Massimo, un piacere trovarci quassù in una giornata cristallina. Un saluto anche ai tanti incrociati oggi, tutti soddisfatti!


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: grange berrsagliere
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
salito su rocca rossa, discesa alla breche de ruine e risalita alla sella dell'asti.
buona neve su tutto il percorso, anche se non ce n'è moltissima. sci ai piedi fino all'auto in discesa.
con stefano forno

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Aperta fino a Chianale
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti senza idee precise decidiamo di salire verso il colle dell'Agnello e vedere l'innevamento. La neve sui pendii non in pieno sole sembra polverosa quindi puntiamo la sella d'Asti pregustando la discesa dal Pic Brusalana. Discesa che non tradisce le aspettative e su bella neve si arriva fin sotto la Breche de Ruine. Rimesse le pelli puntiamo il Pan di Zucchero per completare il giro del Pic d'Asti ma lo scarso innevamento ci fa scegliere la Rocca Rossa. Dalla vetta belle curve fino al colle vecchio dell'Agnello, qui si levano gli sci per pochi metri e su neve un pò cotta dal sole si raggiunge la strada che seguiamo fino alla macchina. Molti scialpinisti in giro ma nessuno sul nostro percorso.
In compagnia della Fede, del Koba e di Carlo.


[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si arriva fino alle Grange del Bersagliere 2350 m.
quota neve m :: 2600
attrezzatura :: scialpinistica
a questo punto della stagione il percorso ad anello si riduce alla parte alta dell'itinerario, che è la più interessante sia per l'ambiente sia per l'aspetto sciistico; dalla Rocca Rossa 3193 m., su bella neve primaverile, abbiamo raggiunto l'intaglio della Breche de Ruine 2908 m.;scesi il sostenuto ma breve canale, in discrete condizioni, siamo poi risaliti per il bel vallone, fino alla Sella d'Asti 3135 m.
Dalla Sella d'Asti, con bella discesa, si scia fino a quota 2500 m. circa.

[visualizza gita completa con 15 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada aperta fino alle Grange del Bersagliere
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi tanta, tanta gente. Vento non fastidioso alla Sella d'Asti, ma molto fastidioso alla Breche de la Ruine a sulla Rocca Rossa. Discesa dal Brusalana fino ai piedi della Breche su vellutino, mentre discesa dalla Rocca Rossa su neve molto più dura. Ottimo tempo e vista su arco alpino.
Con Leon


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: .
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Gran bella gita.
Partenza sci in spalla ma con lingue di neve che permettono di scendere sci ai piedi fino alle macchine.
Buon rigelo con neve portante da subito, abbastanza dura sono necessari i coltelli sulle parti più ripide.

Saliti alla Rocca Rossa e al Brusalana per goderci il bel pendio e risalire alla Sella.

Se non si alzano le temperature, decisamente consigliata.

Oggi gruppone, probabilmente si era sparsa la voce che Elio festeggiava il compleanno :-)
Saluto i soci: Bruna, Michela, Raffaella, Serena, Silvana, Elio, Luigi, Marco, Tiziano, Walter, William


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok fino alle grange del bersagliere
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
5*.E' stata una gran bella gita. Tranne qualche tratto, qualche decina di metri, fatto con gli sci ai piedi sull'erba il giro è ancora raccordato. Abbiamo portato gli sci per circa 40' fino a imboccare il vallone del col Vieux. La neve si è mantenuta grazie ad un venticello fresco: dalla Rocca Rossa alla Breche de Ruine era addirittura dura. Si scende con gli sci fino alla sbarra tenendosi in discesa alti a sinistra. Vista la tenuta della neve ed del tempo siamo risaliti sia sul Brusalana, sia dopo la Sella d'Asti sul Rossette. La gita è consigliata ancora per qualche giorno.....dipenderà dalle temperature.
Con l'amico Giovanni.
Un saluto a tutti gli amici.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Molto ghiaccio sui tornanti oltre le Gr del Bersagliere al mattino
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Giro del Brusalana in senso orario. Giornata spaziale senza una nuvola come previsto da Meteo France. Una spruzzata di neve recente sopra i 2600. Freddo alla partenza (auto al pianoro dopo le Grange del Bersagliere). Si può salire anche oltre ma stamattina c’era molto ghiaccio sulla strada. A piedi in sicurezza fino al bivio per il Colle dell’Agnello Vecchio. Scesi un bel po’ a nord sul versante francese per poi ripellare verso la Bréche la cui discesa era su neve a dir poco sfondosa con distacco da noi provocato di due valanghette di superficie. Saliti al Brusalana per la cresta sud-ovest (ultimi 20 metri a piedi, ramponi non necessari). Discesa ottima dalla Sella d’Asti su primaverile bellissima, un po’ molle nella parte mediana, con presenza di nuvole sparse. Si arriva con gli sci alla macchina. Grandi ambienti come sempre in questo splendido giro. In 5 del CAI ULE di Ge-Sestri.

[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Agnello ancora aperto , senza neve
quota neve m :: 2700
attrezzatura :: scialpinistica
Siamo tornati per salire sulla Rocca Rossa . La neve oggi era più morbida per la recente nevicata , al sole il caldo si fa sentire e dai 2800 in giù il manto nevoso è di pochi cm anche se portanti . Si parte e si arriva al colle ma ancora per poco , inoltre se la strada verrà chiusa in basso .....

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: sgombra da neve...i francesi stavano passando con gli spazzaneve
attrezzatura :: scialpinistica
Dopo la gita di Gazzano è scesa altra neve e durante la gita nevicava, a tratti anche forte, ma solo dal versante francese.
Verso quota 3000 son rientrato per la visibilità...nulla.
Con un minimo di attenzione non si toccano pietre, presenti solo nei tratti più esposti al vento.
Temperature tra lo zero ed 1 grado a mezzogiorno...

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Strada colle Agnello senza neve.
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal colle Agnello con poca neve ma portante, non si toccano pietre . Saliti in direzione Rocca Rossa sino a quota 3080 . Abbiamo rinunciato ad andare in vetta per poco tempo a dispo. In discesa non si tocca. Oggi la neve non ha mollato ,piuttosto freddo con sole velato .

[visualizza gita completa con 2 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2800
attrezzatura :: scialpinistica
Sapevamo di dover fare i conti con rigole e vaschette, ma il meteo qui pareva migliore, ed infatti un sole generoso (sin troppo generoso...) ci ha accompagnato nel portage dal colle sino sotto la Brèche (ormai pelata), poi su al Brusalana ed ancora nella discesa e risalita a R.Rossa. A parte i tratti con maggior pendenza sotto le cime, con neve ancora sufficientemente liscia che garantisce una buona sciata, sotto è il regno delle montagne russe, un bel test per sci, gambe e psiche...
Con Mattia, strappato agli esami per questa sciata tra le dune, e la compagnia sulle due punte di Mara & friends: ciao a tutti!


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Lasciamo l'auto nei pressi del laghetto a quota 2500 circa e ci dirigiamo al Colle Vecchio spostato più a nord-est dell'attuale Colle dell'Agnello. Aggiriamo il Pan di Zucchero a nord sul versante francese e, senza perdere quota, imbocchiamo il pendio che porta in vetta alla Rocca Rossa (3193) con sci ai piedi (occhio alle cornici in punta). Discesa diretta alla Breche de Ruine (2908) e il breve canale ancora innevato che ci collega con l'ampia conca che culmina con la Sella d'Asti. Ripelliamo per la Punta Brusalana (3170) che si raggiunge bene con gli sci tranne le brevi roccette finali. Poi rientriamo con traverso/cresta senza togliere le pelli alla Sella d'Asti e di qui bella discesa del pendio in direzione sud-ovest fino a 10 metri dal portellone della macchina. Senza rigelo notturno ma con buon innevamento che ha tenuto sia in salita che in discesa.
Bel tempo e bella gita che si presta a diverse varianti anche per chi volesse evitare le vette. Ottimo il tempo, senza patire il caldo. Oggi con Carla, Carlo, Enzo, Fausto, Gianpiero, Giovanni, Renzo e Roberto. Buona settimana a tutti e arrivederci a domenica prossima (23 giugno) per scarpinata sul Marguareis e poi a spegnere le 80 candeline di "Bertu" al rifugio Don Barbera.


[visualizza gita completa]
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: snowboard
Partito alle 8 dal parcheggio di quota 2500. Non ha rigelato, ma la neve ha tenuto bene in salita. Arrivato alla sella sono sceso al lago che incomincia a intravedersi e poi sono salito sulla brusalana ancora innevata a parte qualche roccetta finale, poi ridisceso verso il lago e infine ritornato alla sella d'asti...Oggi non tanta gente, panorama eccezionale, temperatura piacevole, sono rimasto sulla sella fin verso le 11.30, poi discesa su neve molle davvero divertente per la tavola...Per ora non c'è portage da fare e la neve inizia subito dietro il parcheggio ed è continua...
Oggi Paolo in solitaria con l'amata tavola


[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Come ha già scritto Lucia neve più che buona su tutto il percorso (la discesa dalla Rossa può fregiarsi delle 4 stelline)ed anche se il rigelo notturno è ormai superficiale la sciata è divertente su tutte le esposizioni. Dopo la risalita al Brusalana dalla Sella abbiamo disceso il colletto sud ovest del Pic, trovando neve di ottima fattura nonostante l'ora tarda.
In compagnia del vento e di Mario, Paola, Sergio, Silvia, Valter e Paolo che ha condiviso con noi la gita. Un saluto ai tanti gulliveriani e non incontrati oggi!


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dall'auto alle 7.30, dal laghetto a quota 2500 circa. Si sale ancora bene al Colle Vecchio, se si beccano le lingue di neve giuste. Bella traccia per Rocca Rossa, discesa su neve abbastanza portante fino alla Breche de la Ruine, ancora tutta innevata. Ripellaggio per il Brusalana, discesa fino al laghetto, risalita alla Sella d'Asti e discesa all'auto. Sulle cime vento fastidioso. Tutto sommato una bella sciata, nonostante il mancato rigelo notturno. Per gli scialpinisti interessati all'apertura strade nel cuneese segnalo il sito "L'alpinista Virtuale" dell'amico Ugo Bottari, sempre aggiornatissimo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada aperta quasi fino al colle
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti anche noi per fare l’anello Sella d’Asti – Brusalana – Rocca Rossa. Sci ai piedi alle 7.40 dal parcheggio a quota 2.500 m circa, la strada è ormai aperta quasi fino al colle. Quando siamo arrivati alla Sella d’Asti, intorno alle 9.30, dal versante italiano stavano iniziando ad addensarsi parecchie nubi e a tratti eravamo avvolti nella nebbia, quindi abbiamo deciso di rinunciare al giro. Visto che sul versante francese la visibilità era migliore e che il vallone sembrava in ottime condizioni siamo scesi fino al lago…scelta azzeccatissima perché abbiamo trovato un firn fantastico, peccato solo che duri poco!!! Da lì ripellato e risalito al Brusalana, dove sono arrivato in cima senza problemi, senza nemmeno mettere i rampant. Da lì breve discesa fin sotto la sella ancora su neve bellissima (purtroppo avvolto nella nebbia) e altra breve risalita fino alla Sella dove mi sono ricongiunto coi miei soci che erano risaliti direttamente. Discesa finale iniziata intorno alle 11.15 con continue alternanze di nebbia e schiarite. Neve bellissima anche su questo versante. Nella parte alta è molto segnata, ma a quell’ora aveva già mollato a sufficienza per consentirci un’ottima discesa. Molto bella la parte centrale, si sfondava un po’ solo negli ultimi 50-100 metri.
Gran bella gita in ottime condizioni e fattibile ancora per parecchi giorni. Peccato per l’anello mancato che a posteriori forse avremmo potuto fare visto che si è chiuso seriamente solo verso le 13…tantissima gente in giro, ci saranno state almeno 50 macchine…


[visualizza gita completa con 6 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Partenza con sci ai piedi in prossimità della palina indicante quota 2610 su neve dura, Colle dell'Agnello Vecchio, Rocca Bianca, Breche de Ruine discesa canale E fino a circa quota 2800, ripellato e salita alla Sella d'Asti, discesa su itinerario classico che si presentava molto lavorato e poco sciabile, per cui ci siamo diretti all'insellatura a quota 3045 e disceso Vallone della Rossa fino alla macchina. A parte la prima parte della discesa dalla Sella d'Asti neve dura con sopra un dito di zucchero che rendva tutto vellutato e facile da sciare. Speravamo che le previsioni meteo si fossero rivelate errate ed invece la breve finestra è durata, come previsto fin verso le 9,30 per cui abbiamo rinunciato al Brusalana per non rovinarci la discesa dalla Sella d'Asti.
Enzo. Parecchie persone sparse lungo gli itinerari della zona


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti per fare il giro ma saliti sulla Rocca Rossa abbiamo optato per scendere verso il versante francese visto che la visibilita' era scarsa,ottimo rigelo notturno ha reso un fondo perfettamente trasformato,in compagnia di Anto e mio padre ultime gite stagionali...

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: arrivati in auto a quota 2300 ca
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
abbiamo fatto anello con partenza da strada del Colle dell'Agnello (q. 2300) salendo verso il Colle del Vecchio Agnello. Ci siamo tenuti un po' alti sotto il Pan di Zucchero e siamo quindi passati sopra il Vieux, ma ne è valsa la pena perchè abbiamo tolto le pelli e fatto 150 mt di stupenda discesa (era solo l'inizio). Ripellato e saliti alla forcella, scesi nel canalino con neve marcia (l'unica della giornata), ripellato e saliti al Bric Brusalana. Da qui traversato con nuovo ripello alla sella d'Asti e discesa stupenda su neve trasformata.
Bellissima questa nostra gita proposta dalla Fede.
Io chiudo la stagione con la neve più bella che ho trovato.
C'era tanta gente oggi, giornata stupenda.
In compagnia della Fede e di Carlo (Discepolo).
Sul tracciato ci raggiungono "Brus", Fede Roncallo e Marco (volevano andare al Passo del San Bernardo ma è ancora chiuso).
Ciao a tutti ed arrivederci a novembre!!!
PS adesso quasi solo Mtb!!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Dall’auto, lasciata sulla strada per il colle dell’Agnello (chiuso), si parte e si arriva ancora con gli sci ai piedi. Compiuto l’enchainement: colle dell’Agnello Vecchio (notevolmente a destra rispetto quello stradale), col Vieux, Rocca Rossa, Breche della Ruine, Brusalana, sella del Pic d’Asti. Parte alta del percorso immersi in un ambiente d’alta montagna. Giornata serena e vento debole. Condizioni della neve: da leccarsi i baffi. Trovata neve molle alla breche, ma sciabile. Non belli i primi metri di discesa dal Brusalana (neve dura e lavorata dai passaggi), da 5 stelle la discesa dalla sella del Pic d’Asti. Utili i coltelli a causa di tratti di neve dura con pendii ripidi. Gita complessivamente più che consigliabile, percorribile ancora per una settimana !!
con Marvi


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: La strada è sgombera da neve fin molto in alto
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Parcheggiato a 2360m e portato gli sci per dieci minuti a mano. Al ritorno per lingue di neve si raggiunge la macchina sci ai piedi. Ottimo rigelo dai 2500m in su. Compiuto l'anello in senso contrario, aggiungendo anche la vetta del Brusalana. Curioso che su gulliver crosta portante, firn e neve primaverile siano sinonimi: lungo quasi la totalità del percorso è presente la prima e dove il sole scalda si sfonda, quindi fare molta attenzioni alle esposizioni. Sciabili le discese dalla Rocca Rossa e dal Brusalana (3*), il tratto sotto la Breche alle 9.30 era già molle. Bellissima la discesa dalla Sella d'Asti all'auto (5*). Non utilizzato i rampant lungo l'intero percorso ma potrebbero essere utili. Un'infinità di persone lungo tutti i percorsi.
Gita fatta con Bubbola, Annalisa, Lorenzo e Marco. Grazie soprattutto a Lorenzo che si è dato da fare per organizzare in una giornata in cui molti hanno rinunciato (per poco anche noi ;-)


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si arriva con la macchina sulla strada del colle dell'agnello
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
partiti con un vento gelido ma un sole bellissimo. Panorama eccezionale ed ottima compagnia. Siamo arrivati "solo" alla Rocca Rossa e tornati indietro.
Discesa molto bella su neve che non ha mai mollato, al contrario del mio ginocchio che ha mollato quasi subito.

[visualizza gita completa con 2 foto]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
come detto da walkerwolf
non si poteva chiedere di più
con Sissi, Titti, Minni, Cicci e l'infaticabile Lilly


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Abbiamo lasciato l'auto a 2150 m sulla strada del Colle dell' Agnello.
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Calziamo gli sci alla partenza, la neve è continua per tutto il percorso. Partenza con vento gelido e all' ombra, la situazione migliora con l'arrivo del sole, il vento poco a poco si cheta. La neve è molto dura ma calziamo i coltelli per il pendio più ripido sotto il Col Agnel Vieux. Oltre i coltelli non occorrono per tutto il giro. Nei valloncelli alti della Rocca Rossa c'è farina, un po' arata ma farina sino in cima alla Rocca Rossa. Prima discesa fin sotto la Breche Ruine da 3184 a 2820 m. prevalentemente con farina e tratti di primaverile. Il canalino sotto la breche è agevole. Rimettiamo le pelli fino alla Sella d' Asti 3121 m. In 4 salgono anche alla Punta Brusalana 3178 m. Dalla Sella discesa mozzafiato sino all'auto su firn pressochè perfetto, in compagnia di un ragazzo di Racconigi. La neve tiene magnificamente bene, avrà smollato di mezzo millimetro. Spettacolo puro.
Gruppetto di 7 con Elena, Franco A, PaolinoZeta, Carlo Alberto, Jimmy e GiovanniF.


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti da casa con nuvoloni, arrivati a Chianale e.... tutto sereno. Strada aperta per il colle dell'Agnello, quindi lasciamo l'auto poco prima del laghetto. Praticamente sci ai piedi dall'auto. Con grande stupore ottimo rigelo notturno. Utili i coltelli. Si vede, purtroppo, che siamo a giugno... Arrivati alla sella d'Asti continuiamo per il Pic Brusalana. Da questa cima, dopo foto e godimento dell'ottimo panorama nel cielo azzurrissimo, ci lanciamo in una discesa splendidissima fino al laghetto d'Asti. Una vera goduria su neve liscia come un biliardo che mollava un dito! Ripellato e risalti alla sella d'Asti. Iniziato la discesa della sella alle 11,30 e... sorpresa!... Ottima neve anche qui! Primo pendio veramente da urlo, poi svolta secca a sinistra e si continua su neve ottima che molla solo un pochino di più... 5 dita su buon fondo duro... peccato che le lingue di neve si assottigliano.... 2 passaggi brevi su erba ma si arriva (oggi) all'auto sci ai piedi. Non credevamo in tanta goduria! Ottima gita! Oggi noi buzzi eravamo rappresentati da io e Elide. Saluti ai buzzi "Cervini" e a tutti i buzzi in altre faccende affaccendati. Un saluto al simpatico Roberto incontrato in cima al Brusalana.

[visualizza gita completa con 15 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Poco da aggiungere alla ottima relazione di Paolo Ro71 con il quale ho condiviso la gita.
Saluti a tutti i Buzzi....presenti e non.



[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti da casa con leggera pioggia. Lasciata l'auto dalla baita del bersagliere (barra chiusa) avvolti da una fitta nebbia. Saliti con gli sci sullo zaino per 100 metri e sbucati nel cielo terso e sereno. Gli sci si portano fin nei pressi del laghetto. Noi siamo saliti direttamente alla sella d'asti. Neve marmorea dalla partenza a utilizzo dei coltelli. Molte persone sul percorso. Cielo terso con veloci passagi di nubi innocue... un po di vento. Dalla sella siamo andati in cima al pic brusalana e poi, dopo le foto di rito del superbo panorama, ci siamo lanciati in una discesa da urlo continuo fin quasi al laghetto d'asti. Neve da favola: mollava 2 dita su fondo duro! Ripellato fino alla sella d'asti e poi giù, fino all'auto. La prima parte è stata una splendida discesa, poi mollava un pochino di più ma sempre ottimamente sciabile. Il cielo iniziava a chiudersi. Portage di 20 minuti fino all'auto. Ottimo e abbondante disnè dei buzzi sul balcone della baita del bersagliere. Proprio mentre iniziavamo a deliziarci col cibo e bevande ha iniziato a diluviare, ma noi, fortunatamente, eravamo già a posto....
Oggi noi buzzi eravamo: io, Lella, Eros, Denis, Giampaolo e Franco... complimenti e grazie a tutti!


[visualizza gita completa con 11 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi buon rigelo notturno. Sereno e ventilato per tutto il giro, mentre quando venivamo via verso mezzogiorno si stava coprendo. Bellissima neve su tutto il percorso. Saliti dal colle vecchio dell'agnello, Rocca Rossa, breche e Sella d'Asti. Si portano 20 minuti in salita e volendo un pò meno in discesa, sfruttando la slavina e le lingue di neve.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Grange del bersagliere
attrezzatura :: scialpinistica
Il giro l'ho effettuato al contrario e partendo alle 6-45. Giornata splendida e temperatura fresca, salito al Colle vecchio, poi alla rocca Rossa, prima di noi solo tre francesi che hanno tracciato. Grazie al temporalone di ieri dai 2600 ai 3200 ha depositato 25 cm di super fresca, discesa sulla breche della Ruine spettacolare e tutta per noi, poi scesi a piedi il canale ripelliamo per salire alla Sella d'Asti...tutto vergine e favoloso. Discesa dalla Sella d'Asti alle 10-30 su neve farinosa per 400 mt circa poi sempre piu' umida sino all'auto che si raggiunge quasi quasi ancora sci ai piedi percorrendo le lingue di neve. Che dire: 5 stelle bunduse la parte alta e due stelle la parte bassa. Un saluto all' amico di Racconigi conosciuto salendo! Massi

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si arriva alla sbarra
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi condizioni di neve super. Giornata fredda con cielo blu cobalto.Dalla sbarra si portano gli sci per circa 20 minuti , poi non si tolgono più. Dal vecchio colle siamo saliti sulla Rocca Rossa per scendere poi alla Breche de la Ruine su neve un po’ dura ma perfetta . Breve discesa nello stretto canale su neve che aveva mollato un po’ poi la risalita al Pic Brusalana. In tre siamo scesi e poi risaliti con i ramponi alla Sella d’Asti via cresta ed in 3 sci ai piedi. Dalla Sella siamo scesi alle 12:30 su firn perfetto , forse la più bella neve primaverile della stagione. Con 2 brevi attraversamenti si arriva ancora sci ai piedi quasi dall’auto. Se permangono queste condizioni di rigelo giro molto consigliato. In compagnia di Ivan, Attilio, Luciano, Ettore e Margherita.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva alla sbarra (chiusa) alle Grangi del Bersagliere
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Giro del Brusalana in senso orario. Molte macchine alla partenza dove la tempertatura era meno due. Sci in spalla per 20 minuti. Siamo scesi dalla Sella d’Asti poco prima delle 12. A essere pignoli un’ora dopo sarebbe stato meglio, ma la neve era comunque di notevole livello per godersi la discesa. Quando non è intonsa le gambe lavorano perché la neve non ha quasi mollato per il freddo, accentuato da un vento moderato. Condizioni direi invernali, a parte il sole di Maggio. Un biliardo perfetto la discesa dal Col Vieux a nord dove abbiamo ripellato. Molto duri i primi 20 metri della Bréche, quelli più ripidi, ma si scende in sci senza grossi problemi. Uno di noi quattro non ha mai levato le pelli traversando in diagonale sul versante francese e scendendo a piedi dalla Bréche. Certamente si fa molto prima, e si possono evitare problemi, ma si perde un pò l’aspetto sciistico.
In discesa si arriva ancora all’auto con gli sci, con due brevi interruzioni, azzeccando le lingue giuste di neve. Con noi quattro del CAI-ULE di Genova Sestri altri due amici che hanno fatto la Cima delle Rossette

[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Ottima la relazione di Guidox, allego solo qualche foto come documentazione.

[visualizza gita completa con 7 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Confermo quanto detto da guidox...... in poche parole eravamo dietro di mezzora.... A SALIRE LA ROCCA ROSSA con i rampant no problem nonostante non avvesse mollato per niente e a scendere piu che un bricciolo direi molto dura (peccato) a scendere la breche era quasi polenta e nel vallone verso la sella bella neve... vi abbiamo visti scendere dal brusalana tantè che c'è venuta voglia di salire su di li ,ma poi vista la tarda ora abbiam deciso di continuare per la sella.... e meno male che era tardi, la neve all'una emmezza era fantasmagorica... Lo ammetto mentre scendevo molto malignamente pensavo a quelli che se la son fatta stamattina presto.... Chissà che marmo han trovato...... Per me prima volta sia sulla Rocca che sulla Sella d'asti..... è veramente una gita in Ambiente stupendo..... CON LA COUMPA DI MATTEO E PIERALDO

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada pulita fino alla sbarra 2350m
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata splendida con aria fresca ma mai fastidiosa. Partiti alle 7,30 dalla sbarra, 20' di portage in salita per raggiungere la neve continua.
Saliti alla Rocca Rossa, rampant nell'ultimo tratto, bella discesa su neve dura ma regolarissima alla Breche de la Ruine e nel vallone sottostante a 2850m, risalita al Pic Brusalana, discesa splendida sul biliardo del versante Ovest, altro ripellamento e salita alla Sella d'Asti.
Discesa dalla Sella alla macchina su neve fantasmagorica (h. 13 circa) con neve interrotta in due tratti di 10m lineari di asfalto.
Neve perfettamente trasformata su tutto l'itinerario che il forte rigelo ha reso eccellente anche se per le caratteristiche del giro la discesa dalla Rocca Rossa è giocoforza su neve un briciolo dura.
Con la splendida compagnia di Bruno, Emilius, Franco e Giovanni, GSA CAI Uget Torino.
Un saluto a Gianni, al Parroco Local e agli altri del loro gruppo con cui abbiamo condiviso tutto il giro e splendidi momenti sulla Rocca Rossa e il Pic Brusalana.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: aperto fino alla sbarra circa 2350
attrezzatura :: scialpinistica
Contento come un bimbo la mattina di Natale.
Saliti prima alla Rocca Rossa (a piedi fino a quota 3000 per pigrizia, poi bastano i coltelli), scesi (neve dura ma buon grip) alla Breche de la Ruine e poi dalla Breche (assolutamente sciabile); ripellato per il pic Brusalana, sceso un centinaio di metri (neve dura); ripellato per la sella d'Asti e scesi dalla sella su neve più morbida, per niente sfondosa. Con qualche passo di asfaltismo si arriva alla macchina.
Tutto merito del vento freddo ma sopportabile che soffiava sotto i 3000 e ha mantenuto la neve ben dura.
Ringrazio per la centesima volta i soci Teresio,Giampaolo,donClaudio,donCele,Luciano con cui ho condiviso una giornata commovente e memorabile.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti a q 2650 versante francese colle agnello
colletto q 3100 circa a N del pan di zucchero
bella discesa fin sotto la brèche de ruine
scavalcata la brèche siamo saliti sul brusalana
al ritorno puntata sulla rocca rossa
si fanno tre belle discese, per un totale di oltre 1000 m con gli sci
sci ai piedi a circa 10 min dall' auto (70 m di disl)
prima gita dell'estate, non so se metterla nella stagione passata o in quella che sta per arrivare (campa cavallo)


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
attrezzatura :: scialpinistica
Posso solo dire che il vallone dietro la breche de ruine e´ imballato di neve stupendamente primaverile, liscia bianca e divetentissima. E´ stata veramente una sorpresa e noi che ieri volevamo chiudere torneremo a fare l´aguillette e la rocca rossa.
Comunque al col vieux si calzano gli sci, si tengono comodamente fino alla breche, e si rimettono al fondo della stessa breche e poi di la´e´ ancora aprile..........
comuque siamo saliti alla sella d´asti, poi scesi fino al lago, su al brusulana e giu´ fin sotto la breche


oggi io e gepin con il suo menhir come un piccolo obelix.....sotto a chi non ne ha ancora abbastanza

un saluto ad emanuele al suo babbo ed alla loro Ely
un ciao ai simpatici ragazzi incontrati al rientro
ciao gente alla prossima


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2700
attrezzatura :: scialpinistica
confermo che brusalana e rocca rossa sono ancora fattibilissime, scendendo dal col Vieux si arriva ancora a 10 min. dal parcheggio, neve dura la mattina ma occhio all'innalzamento delle temperature. Anche il Pan de Sucre è ancora fattibile. Buona estate a tutti e ci si rivede a novembre (speriamo)

[visualizza gita completa con 5 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: sbarra ancora chiusa alla grange bersagliere circa 2300m
attrezzatura :: scialpinistica
giro in senso orario (colle Agnello vecchio, col vieux, breche ruine, Brusalana, sella d'Asti). La sbarra ancora chiusa costringe a camallare gli sci fin sotto al colle vecchio Agnello, quasi un'ora. Però sul versante francese la neve c'è ed è magnifica. Vale la pena scendere un po' prima di risalire alla breche, anche sci in spalla. Idem dalla cima del Brusalana, neve deliziosa fino al lago. Sul versante italiano neve più morbida ma sempre sciabilissima, tenendosi a sinistra nel vallone Rossette si riesce ad arrivare quasi alla sbarra. Coltelli utili.
Con Marco e Marcella CAI ULE Genova Sestri.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Sbarra chiusa allla Grangia del Bersagliere
attrezzatura :: scialpinistica
SALITA: la sbarra obbliga a lasciare la macchina alla Grangia del Bersagliere, ma data la presenza di neve due tornanti più su non si perde molto. Questa neve, però, è utile solo in discesa per scendere il più possibile, con vari gava e buta. In salita si deve portare gli sci almeno fino ai 2500 c., all'intersezione della strada con il valloncello che divide Rosette dal versante del Pic d'Asti. Qui, volendo, si possono mettere per sfruttare il valloncello suddetto (un po' stretto e scomodo). Oppure li si porta arcora per poco e si percorre il comodo pendio delle Rosette, per poi attraversare verso la Sella d'Asti. Al momento c'è un unico piccolissimo passaggino con neve che congiunge pendio e valloncello, ma trattandosi di pochi m (3-5) può non essere neanche necessario toglierli (noi abbiamo fatto così). Imboccata la conca da cui si sale alla Sella non ci sono più problemi di innevamento. Sono utili i rampant (a seconda dei gusti) per faticare meno sui traversi.
Dalla Sella siamo scesi solo alla base del Brusalana (non fino al lago)ma il tratto è strepitoso. Andare fino al lago è sicuramente da urlo. La salita al Pic Brusalana (poiché breve) l'abbiamo fatta a piedi (inutile ripellare), ma la neve è così compatta che anche un francese è arrivato a piedi (con tavola a spalle). Il rientro alla Sella d'Asti è simmetrico alla salitina del Brusalana.(dopo un'altra, sì breve, ma strapitosa discesina).
DISCESA: mi sono già dilungato troppo; rimando al filmato. Comunque nonostante i gava e buta in fondo, quattro stelle ci stanno tutte.
Un saluto a tutti quelli incontrati alla Sella e sul Brusalana, soprattutto ai due torinesi.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
non siamo saliti su rocca rossa.alla partenza 0° e vento forte: siamo ripiombati nell'inverno...saliti fino al colle vecchio e poi al col vieux su neve bella dura. poi scesi fino a 2700m nel vallone sottostante su neve veramente bella. risaliti alla breche de ruine. scesi fino a 2700 m su neve discreta appena toccata dal sole e poi risaliti al pic d'asti con folate fortissime. discesa ottima fino a 3 min dalla macchina..
con flavio..

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
note su accesso stradale :: Si arriva alla sbarra presso la Grangia del Bersagliere
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Zero gradi e vento molto forte all'arrivo alla grangia del Bersaglie ci hanno fatto optare per questo itinerario rispetto al programmato Pain de Sucre, salito senza coltelli fino in vetta su neve dura ma con buon grip. Tutti si sono fermati alla sella, noi abbiamo proseguito per il Brusalana per poi scendere il bellissimo vallone fino al lago d'Asti su bellissima neve primaverile con una spolverata di neve fresca. Nel vallone assenza di vento e temperatura molto gradevole, ritornati alla sella il vento era leggermente meno forte, discesa cercando i pendii meno lavorati su neve durissima praticamente fino alla macchina. Nel canalone finale pareva di scendere su una cascata bella ghiacciata.
Con Marco


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: arrivati a 2300m fino a sbarra.
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti alla Rocca Rossa, scesi per primi su neve spettacolare fino al Br. de Ruine, risaliti fino al Pic Brusalana e riscesi su neve sempre spettacolare e sempre per primi fino al punto di partenza. Rimesse le pelli per la terza volta e saliti fino alla Sella d'Asti dalla quale su neve molto umida e arata siamo scesi fino a 20m dalla macchina. 1600m di dislivello complessivo in compagnia di un bel sole...
In compagnia di Davide che voleva andare ad arrampicare...


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Questa settimana ho praticamente preso la residenza all' Agnello..Finestra di bel tempo e temperatura ottima, salimo al colle vecchio dell'Agnello e da li in poi ci accoglie una bella spanna di neve fresca..fi-ga-ta! passiamo sopra il colle Vieux e poi in cima alla Rocca Rossa. Scendiamo il pendio sino al Canalino della Breche su neve favolosa e fresca, ripelliamo e saliamo all sella d'Asti. Discesa dalla Sella alle 10-45 su neve ancora molto bellina, gli ultimi 200 mt su neve discreta ed arrivo a 20 mt dalla macchina..che dire! Il posto e' fantastico, cosi' come lo 'e'stata la compagnia di Marco ed amici di Rossana comosciuti la sera prima al concerto di Rossana dei CM.Ciao Massi, con superpaolino

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
che dire .non ci sono parole quando vedi che il temporale del giorno prima ti ha asfaltato la strada ,e x il meteo con il contagocce (finestra di bel tempo)ne è usito il pan di zucchero, discesa super, poi ripellato x rocca rossa , ridiscesi un po meno bella , al colle ruine , scesi x poi risalire alla sella d'asti, ormai le 12-00, e giù x una neve si salvi chi può ma meglio che a piedi . ottimo raid (mosche e zanzare)un saluto ai soci dario e (acciaio)ciao

[visualizza gita completa con 6 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: nessun problema fino alle grange del bersagliere
attrezzatura :: scialpinistica
Dalla Grange del Bersagliere si portano gli sci a spalle per una decina di min.
Saliti prima al Pan di Zucchero: per le condizioni spettacolari della discesa basta guardare la relazione di GiorgioB. Una delle discese più belle della stagione. Una spanna di fresca su fondo duro.
Siamo poi andati sulla Rocca Rossa. Discesa bella, anche se un pò meno del Pan.
Traversato poi alla Breche de Ruine. L'ingresso nel canale è senza neve e occorre scendere di una decina di metri a piedi. Risalita dal Rock glacier alla Sella senza nessun problema.
Discesa dalla Sella d'Asti su neve brutta e spaccagambe, ma era ormai tardi. Gente ovunque, sul Pan di Zucchero, sulla Rocca Rossa, Brusolana (sembrava molto bella) e Sella Asti. Ancora da consigliare se nella notte rigela bene.
Con Dario e Bill.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
attrezzatura :: scialpinistica
Poco da aggiungere a quanto descritto dall'amico Paolo "amici dei buzzu".
Bel giro, decisamente remunerativo per panorami e ambienti.
giornata di ferie spesa bene.

Buzzu Band quasi al completo :
Luciano, Mauro , Patrick e Paolo, che ormai è sempre più un buzzu al 100%.
Saluti a tutti


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: si arriva a 2350 circa
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Finalmete una gita con i BUZZU in tutto il loro splendore, parcheggiato alle grange del pastore, 20 min di portage saliti al colle dell´Agnello, raggiunto la Breche de Ruine, sceso il canale fino in fondo e ancora un po´su neve cotta al punto giusto. Ripellato, io e Mauro saliti al Brusalana e ridiscesi per lo stesso versante su FIRN spettacolare, poi riripellato e raggiunto gli altri alla Sella d´Asti.
La discesa dalla sella buona per meta´ poi marciotta a tratti sfondosa, ma dopo pranzo va bene lo lo stesso, arrivati praticamente alla macchina sfruttando tutte le lingue di fioca.


un saluto e un grazie speciale a tutti i BUZZU, per un tour veramente stupendo e per un pranzo ottimo




[visualizza gita completa con 7 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Lasciamo l'auto nei pressi delle grange del Bersagliere dove dopo neanche 5 minuti di portage si possono calzare gli sci.Buon rigelo notturno,saliamo al Colle vecchio dell'Agnello e succesivamente al col Vieux, dopodiche' tolte le pelli scendiamo per un centinaio di metri per poi ripellare e salire al colle de Ruine. Da li scendiamo lungo il canalino che porta sul Rockglacier, ripelliamo e saliamo al Brusalana, da li' alla Sella d'Asti e poi giu' su neve primaverile molto buona, pochi i tratti non primaverili, sino all'auto sfruttando in basso lingue di neve. Ambiente spettacolare, bel tour del Pic d'Asti e neve ancora molto bella. Un saluto a Luca e Paolo Funcool! Ciau Massi


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Si lascia la macchina nei pressi di Gr. del Bersagliere quota 2300. Portage per 15 minuti poi si sfruttano lingue di neve. Da 2500 in su neve continua.
Saliti alla Sella d'Asti, scesi brevemente e risaliti alla in punta al Pic Brusalana. Discesa fino al Laghetto quota 2900 (direzione Breche de la Ruine) su ottimo firn.
Ripellato per la Sella d'Asti. Scesi per 150-200 m di dislivello lungo la parete del Pic d'Asti (vallone del Giarus). Risalito il canalino che immette nel vallone Verde, scesi su pendio-canale sotto la bella placconata del Pic d'Asti. Neve primaverile a tratti sfondosa. Sci ai piedi alla macchina per lingue di neve.
Con la compagnia, oggi particolarmente euforica, di Luciana, Anto, Livio, Paolo, Enrico, Mario e Felice


[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
attrezzatura :: scialpinistica
L'auto si lascia alla grangia del bersagliere e oggi si portavano gli sci solo x 10 minuti al massimo poi, sfruttando una slavina, ci si ritrova subito nei pressi del laghetto. Neve dura ma non durissima. In cima alla sella del Pic d'Asti sono sceso un pò per poi risalire il pic Brusalana. Da li sono sceso fino al laghetto d'Asti e fin quasi all'imbocco della gola breche de ruine. Neve strepitosa in questa discesa! Ripellato e risalito alla sella del pic d'Asti. Iniziato la discesa dalla sella alle 11 trovando neve buona anche se nella parte bassa era un po sfondosa... comunque ottima gita!
Un saluto a tutti gli ski-alp incontrati e a Silvia, per la compagnia...


[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si arriva a q. 2350 ca
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Giro del Pic d'Asti ma potrebbe anche chiamarsi giro del Pan di Zucchero o di Rocca Rossa!
fatto il giro classico: auto-colle dell'Agnello Vecchio-Col Vieux-Breche de Ruine-Sella d'Asti-auto.
Niente punte ma dalla Breche sono sceso nella gorge de Ruine (splendida discesa!!)fino a q. 2400 ca.
Così si fanno due discese lunghe con un dislivello accettabile.
Neve quasi perfetta ovunque, alle 12 alla macchina.
Un saluto ai soci che sono andati al Caramantran.

[visualizza gita completa con 6 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Giro comprensivo della salita alla Rocca Rossa 3193 m per un dislivello complessivo di salita di 1820 m. Dalla sbarra lungo la strada del Collle dell'Agnello. A 2150 abbiamo calzato gli sci; da lì al Colle dell' Agnello Vecchio, quindi sin sotto il Pan di Zucchero. Siamo entrati nei valloni che ci hanno condotto in cima alla Rocca Rossa sci ai piedi. Prima discesa in Queyras sino alla Breche de Ruine 2908 m e giù nel canalino sottostante sin sul fondo del vallone che si origina dalla Sella d'Asti. A 2820 ripelliamo e saliamo in cima al Brusalana 3170 m. Seconda discesa lungo il bel pendio Ovest del Brusalana per 120 m. Ripelliamo per salire alla Sella d'Asti 3130 m. Da lì discesa fino a 2050 dove togliamo gli sci. A piedi, tagliando per il sentiero sino al punto di partenza, un po' meno di mezz'ora. In sintesi: giro in ambienti spettacolari, specialmente quelli a noi ignoti del Queyras. Neve bellissima su tutto il percorso, in prevalenza primaverile con 10 cm di farina sui pendii a Nord ed Ovest, nei restanti firn perfetto. Le stelle sarebbero 5 se non ce ne mancasse sempre una.
In compagnia di Tea, Jimmy, CarloAlberto, Marco, Franco, Gianni e Nicolò. In tutto il percorso visti in lontananza 4 francesi che scendevano dalla Sella d'Asti mentre salivamo e poi null'altro se non la miriade di montagne e le nuvole batufolose verso la pianura


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Colle Agnello aperto
quota neve m :: 2800
In settimana leggo le relazioni su Gulliver, le confronto con la vecchia Igc n°6 e continuo ad avere difficolta' nel capire dove sia sto "Brusalana" che sulla cartina non viene nominato. C'e' pero' indicata una quota 3170 : sara' quello , penso, meglio constatare di persona.
Cosi' dopo una bella notte al fresco dei 12°c di Chianale domenica mattina alle 7.00 sono pronto a seguire le orme di Jacolus e Jolie. Grazie a un rapido ski-alp partito pochi minuti prima, trovo senza grosse difficolta' la Breche, e di li' memore delle foto viste sul sito mi viene finalmente ben chiara tutta l'orografia della zona. Cosi' alle 9.00 in punto siamo in cima a far colazione.
Salito nella conca dell'ei fu il ghiacciaio d'Asti e ridisceso nella valletta verso il minuscolo ma pittoresco lac d'Asti.Risalita alla Breche sci in spalla e poi traverso alto e risalita ancora di 150 mt sino alla base dei pendii finali della Rocca Rossa.Discesa continua fino al col Vieux, poi un po di gava e buta tra i nevai residui sino a 10 min dalle auto.
Quantita' neve 2/5
Qualita' neve 3/5.
Pochissimi ormai gli ski-alp in cirolazione, oggi in 4 al Brusalana e qualcuno in piu' alla Rocca Rossa.
5/5 il giudizio complessivo per la varieta' della gita : spettacolare il passaggio della Breche della Ruine, sembra una porta spazio temporale : di qua il mondo di escursionisti divisi tra le varie mete della zona (lac Foreant, Pan di Zucchero etc)e di la' una valle dimenticata oggi privilegio dello "zoccolo duro" dei pochi ski-alp ancora in giro.
Con Claudia 4wd, perfettamente a suo agio in particolare sul sentiero M+S ( fango e neve ) per il Col Vieux.



[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2800
Le gite di sci-alpinismo sono come le ciliegie,una tira l'altra,specialmente quando si trova un'oasi felice di neve di tutto Firm..Certo un po di portage fino al colle vieux,ma poi...la Rocca rossa è ancora splendidamete innevata,poi se si attraversa la breche de la Ruine,per andare nel campo da giogo della conca glacile dietro il pic d'Asti,basta andare su e giù. per la sella del pic d'Ast e per il Brusalana,e non sembra di essere a luglio,io le ho fatte tutte e tre! avanti c'è posto!(almeno fio al prossimo Wui Kend)Un saluto a Riccardo che ho trovato in questo posto dimenticato dal mondo...

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Poco da aggiungere a quanto già detto dal mio socio. E' sempre piacevole il pellegrinaggio annuale di fine stagione in zona "Agnello". Soprattutto visto che abbiamo fatto finalmente una bella gita senza troppi casini. L'ultima della stagione? Chissà...

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2800
Come l'anno scorso per l'ultima (??) gita della stagione eccoci di nuovo in questi splendidi ambienti. Nonostante l'innevamento, specie alla partenza, sia veramente oramai al limite ciò non ci ha impedito di fare una gita veramente splendida. Discesa su ottimo firn dalla cima fino alla breche. Risalita e traverso sopra al colle vieux per poi ridiscendere lungo le ultime lingue di neve fino a circa 5 minuti dall'auto parcheggiata dal piccolo prefabbricato sede del punto di informazione.
Con Mabe e consorte. Un saluto ai simpatici e cordiali amici sci alpinisti incontrati sulla cima


[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
L'auto si lascia dal pastore dopo la pera sciapà causa sbarra. Gli sci si portano fino al laghetto. Salito direttamente alla sella senza fare il giro. Giornata splendida, neve pure. Arrivato sulla sella alle 8:35 e iniziato la discesa alle 9:20 su ottima neve. All'arrivo alla macchina ho contato 35 auto...
Oggi in solitaria, a parte le decine e decine di persone incontrate...


[visualizza gita completa con 6 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: dalla bita del pastore quota 2300
quota neve m :: 2400
Giro festaiolo, alcuni sono saliti alla rocca Rossa mentre altri sono scesi sotto il colle Vieux per poi rincoppattarsi tutti alla sella del pic d'Asti,dove abbiamo fatto scintille.discesa dalla sella un po tardi con neve già un po molle ma sempre portante,ma ne valeva la pena fermarsi un po di più lassù con una giornata così....

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva alla Grangia del Bersagliere, poi c'è la sbarra
quota neve m :: 2400
Seguito l’itinerario del Campana “dal Colle della Maddalena al Monvso n° 131”, per cui effettuato il giro in senso orario. Io consiglio di stare al di sopra del Colle Vieux, su una spalla a circa 2900 e da lì, levate le pelli, godersi la sciata fin sotto la Breche de Ruine che, ripellando si raggiunge in 10 minuti. Tra l’altro oggi si evitava una valanga di frattura abbastanza recente (vedi foto), che si attraversa obbligatoriamente facendo il traverso. Dalla Breche siamo scesi con gli sci senza problemi, come un altro gruppo dietro di noi. Toccata anche la vetta del Brusalana. Dalla Sella d’Asti neve sontuosa (scesi alle 12.30, ma una leggera velatura ha impedito al sole di cuocere la neve). Arrivati con gli sci alla macchina con qualche attraversamento di asfalto, che non penalizza il giudizio perché siamo a Giugno
Gita fatta con Nicola e Alberto. Con l’auto si arriva a 2300 (Grangia del Bersagliere) ma la strada è aperta fino a 2500, solo che per ora c’è la sbarra



[visualizza gita completa con 1 foto]
fatto il giro che ha fatto LUCIANEVE il 26,senza Rocca Rossa ma con il Pic di Brusalama,neve ottima,l'unico punto dove era molle era il canale "la breche de la ruine",poi nuovamente bella fino al pic di brusalama,ottima dalla sella d'asti alle auto.
un saluto a lucianeve e anto che hanno condiviso parte della gita con noi,walter,aldo e paola.


[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Strada non aperta ma si aggira lo sbarramento e si lascia l'auto alla casa del pastore a quota 2300. Neve dalla partenza. Salite a sx e poi al colle vecchio. Incontrato il simpatico Jacolus con la mitica Jolie. Proseguito per Rocca Rossa. Scese dalla cima alle 9 con neve ancora dura ma bellissima,fatto la breche de la ruine, mai vista così innevata e proseguito giù fino a quota 2700. Ripellato, salite alla Sella d'Asti, aspettato un'oretta che la neve mollasse il giusto e poi giù all'auto su neve da favola. Solo noi due ed una coppia di aquile in cielo. Vento freddo che ha contribuito a mantenere la neve così perfetta. Il giro è stato di 1300 mt.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2700
Non vogliamo proppio smettere,L'altro giorno dalla Rocca Rossa ho visto che c'era ancora un'ottimo innevamento nel vallone delle Ruine,quindi dalla casetta poco sotto il colle dell'Agello quasi subito sci ai piedi,valicato il colle Vieux,abbiamo guadagnato la breche de la Ruine,discesi per sfascimi poi su ottimo innevamento fino quasi in vetta al Brusalana. Jolie comincia ad essere stufa di sci-alpinismo,penso proppio che questa sia l'ultima di questa annata eccezionale.

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: ottimo
quota neve m :: 2600
L'idea era per i pendii del Bric Caramantran e col Chamoussieres ben innevati fin dal ref. Agnel (F) ma c'erano esercitazioni di truppe transalpine. Saliti per itinerario conosciuto a quella che abbiamo sempre chiamata Rocca Rossa ma che da attenta rilettura è in realtà Pic Brusalana. Freddo intenso alla partenza (anche all'arrivo nonostante il sole), neve molto dura tanto che gli sci li abbiamo portati in spalla, qualche rischio nei due canali per non aver calzato i ramponi lasciati in macchina, più accorti di noi i francesi li avevano e son saliti come spose nelle nostre tacche. In discesa fino alla statale con un breve tratto di gava buta su neve dura ma goduriosa. Spettacolo sul Viso innevato.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
Abbiamo fatto il giro nel senso inverso, vedi libro di Campana. Si portano gli sci a spalla per circa 1 ora, mentre in discesa se proprio si vuole, sfruttando le lingue di neve a lato della strada, si arriva fin quasi alla macchina... La gita vale le stelle sia per il tempo, splendido, sia per la neve eccezionale. Arrivati fino in cima al Pic Brusalama, panorama splendido sul Viso. Poi, dalla sella d'Asti la discesa è fantastica e la neve perfetta!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: si arriva ad una sbarra lucchettata a quota 2150. Oltre non si passa
quota neve m :: 2300
Saliti su asfalto fino a 2500 poi messi gli sci. Effettuato il giro del "campana" in senso orario salendo al Colle dell'Agnello, scendendo chi in sci chi a piedi (senza ramponi) dalla "Breche de Ruine" (breve e circa 30°). Saliti in cima al Pic Brusalana (sci quasi in vetta) e poi con un traverso alla Sella d'Asti da cui discesa fantastica con anche qualche cm caduto nella notte, fino alla strada. La stella in meno è perchè si scia solo per 600mt., ma poi con un po' di fantasia siamo arrivati in sci alla macchina sfruttando la neve di bordo strada. Gran giornata di sole con nuvole d'ambiente e mare di nubi sul monregalese a partire da 1900m. Itinerario molto suggestivo. Con Tonino, Nino, C.Cerisola, Attilio.
C'è una descrizione della gita in senso antiorario nella sezione racchette da neve

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
quota neve m :: 1800
La gita per il panorama del giro ad anello, merita 5 stelle,ma, per colpa della neve marcia che ti faceva spingere anche in discesa, la media diminuisce. Bella neve nel canalino francese, ormai svalangato e nel pendio della sella d'Asti, ma se gela o con il caldo si assesta, può solo migliorare. Un saluto al prof, vecchio compagno di merende.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente umida/pesante
partiti da quota 2000m saliti al colle vecchio dell'agnel e poi in cima a Rocca Rossa. di qui scesi su neve farinosa bella fino sotto il canale breche de ruine. rimesse le pelli saliti alla sella d'asti e scesi fino a metà su bella neve poi ultimo tratto sciabile infine strada fino a 2200m. con robi moli stefano e gianni. Il dislivello e di c.1500m

[visualizza gita completa con 1 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 16/04/16 - Bestia
  • 27/05/13 - ultimo75
  • 17/05/12 - bavarese
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
    difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Varie
    quota partenza (m): 1848
    quota vetta/quota massima (m): 3193
    dislivello totale (m): 1300

    Ultime gite di sci alpinismo

    17/06/19 - Fluchthorn Traversata dalla Britanniahutte al Lago Mattmark - manty57
    Portage di 40 minuti. Partiti da Mattmark.
    17/06/19 - Zumstein (Punta) da Indren - ANDREALP
    Seconda giornata di sci alpinismo sul Monte Rosa e splendida salita alla Zumstein. Partiti dal rifugio Città di Mantova alle 5.45 con meteo eccezionale. La neve piuttosto dura ci ha indotti a mettere [...]
    16/06/19 - Bezin Nord (Pointe de) da le Pont de la Neige - Ganesh
    Volevamo salire sulla Buffettes ma poi ci siamo fermati sulla Bezin Nord, scesi sotto il Grand Fond, siamo poi risaliti alla Ouille de Tretetes. Meteo splendido, buon rigelo grazie al cielo sereno di [...]
    16/06/19 - Vincent (Piramide) da Indren - ANDREALP
    Saliti a Punta Indren in funivia e successivo pernottamento al rifugio Città di Mantova per salire la Zumstein il giorno dopo. Giornata calda e con poco vento con condizioni eccezionali per salire. R [...]
    16/06/19 - Spiriti (Punta degli) dal Passo dello Stelvio - joevaltellina
    Partiti dal Passo dello Stelvio con gli sci ai piedi: qualche nuvola qua e là, discreto rigelo notturno, niente vento. Saliti sulla Punta degli Spiriti dall'arrivo dello skilft, spallando gli sci e [...]
    16/06/19 - Rognosa d'Etiache (Passo Ovest della) dalla Diga di Rochemolles, giro per il Vallone di Fond - mountain
    Ottima gita di chiusura della stagione; saliti dalla passerella sotto Pian dei Morti. In compagnia del Guru e di Enrico, i quali appassionati dei percorsi sostenuti sono saliti in vetta alla Rognosa, [...]
    16/06/19 - Fréduaz (Chaine de) e Monte Bella Valletta dal Colle del Piccolo San Bernardo, anello per il col de la Traversette - brusa
    Al mattino, quando sono arrivato al colle, in territorio francese c'erano parecchie nuvole con nebbia che impediva la visibilità. Quando stavo per rinunciare, un po' di vento ha velocemente ripulito [...]