Trusciera (Monte) da Fontane

note su accesso stradale :: regolare
Partiti da Fontane, tutto ok fino a colle di Serrevecchio dove prendiamo sentiero sbagliato che passa sul lato di Salza e dopo un poco pare scenda a valle, per cui si ritorna al colle dove si trovano 2 sentieri che vanno sul lato giusto della cresta ( quello di Rodoretto): quello più basso e più evidente resta a mezza costa e muore nelle vicinanze di alcune baite, tuttavia salendo per facili pendii si arriva in breve al sentiero giusto che da qui in poi è ben segnato, comunque dopo questi contratempi ci fermiamo al monte Fetulà. Al ritorno si segue tutto il sentiero canonico che però nell'ultimo tratto prima di colle Serrevecchio è ingombrato da almeno una decina di grossi alberi caduti da scavalcare o aggirare. In pratica dal colle non si vede quasi, bisogna prendere l'unica traccia, che per quanto poco visibile, sale.
Sole tutta la giornata e niente neve almeno fino al monte Trusciera

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: regolare
Giornata meteorologicamente superiore alle attese, soprattutto nelle prime ore del mattino. Poi qualche velatura c'è stata ma nel complesso non ci si può lamentare. Partiti da Fontane, anche se la strada per il colletto è percorribile. La neve inizia proprio da questo ma è poca cosa, al massimo una decina di centimetri in vetta al Trusciera, dove ci siamo fermati. Sul percorso si incontrano due brevissimi tratti attrezzati con catene che sembrano molto recenti. Al ritorno siamo saliti alla quota 2055 (M.te Fetulà?) ed abbiamo poi continuato la discesa seguendo la dorsale. Purtroppo questa è boscosa e la progressione non è certo agevole. Comunque, prestando attenzione a qualche salto roccioso ed ai rami, si scende senza troppe difficoltà. Gita nel complesso gradevole anche se la montagna non è certo delle più attraenti. Ambiente e panorama sono però di ottimo livello. Incontrato nessuno umano sul percorso, solo un cane. In vetta ottimo segnale telefonico Wind e Vodafone. Con Fausto e Michele.

[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: lo sterrato per il Colletto delle Fontane è bruttino
Doveva essere una passeggiata ma pensando ad un anello al Colletto di Serrevecchio abbiamo incautamente preso a dx sul lato Salza seguendo un'indicazione per il Clot di Moutun. In realtà il sentiero non segnato e non frequentato dopo circa 1 ora si perdeva in tracce di animali e abbiamo pensato di seguirle salendo verso la nostra dorsale ma dopo 200 metri di dislivello ci siamo arrestati contro delle rocce. Ridiscesi abbiamo scoperto che poco oltre la fine del sentiero c'era una stradina che arrivava dal basso e che abbiamo seguito ma si trattava della strada di servizio ad una presa di acquedotto e moriva li. A questo punto essendo la visuale verso l'alto più libera abbiamo deciso di salire nuovamente alla cresta e sulle peste dei caprioli abbiamo raggiunto i 1950 metri dove abbiamo trovato un sentierino proveniente dalla testata del vallone di Salza che saliva sul Trusciera. Con tanta fatica sprofondando quasi ad ogni passo fino al ginocchio nella neve crostosa abbiamo raggiunto dopo 4 ore la cresta a pochi metri dalla cima. Bel sole e bel panorama e comodissima la discesa sul panoramico sentiero di cresta. Con Bruno che ha tenuto duro nei momenti di scoramento.

[visualizza gita completa con 6 foto]
Doveva essere una una gita a bassa quota con amici nel Verbano Ossola con lo scopo di non pestare neve, invece niente gita da quelle parti, per zone, si dice, a rischio esondasione fiumi, laghi che rompono gli argini, frane che ti vengono addosso, e chi piu' ne ha piu' ne mette. Meglio stare a casa allora, ma a casa restare pero' e' dura. Con la nuova finestra di bello, e un cielo blu cobalto su tutto il Piemonte occidentale seppur con tanta neve, a casa e' proprio difficile rimanere. E di neve ne ho pestata davvero tanta.Con le racchette la cosa era risolvibile certo con minor fatica..ma non ne dispongo nemmeno di un paio, e gli sci per il fatto che il tracciato si sviluppa in prevalenza su dorsali con buona dose di sentiero nel bosco all'inizio, sono fuori luogo del tutto. Non una passeggiata quindi, a sfondare sopra due strati spessi di neve, la vecchia e la nuova di ieri che assieme tra i 2000 e i 2300m arrivano a fare un bel metro di spessore. Certo d'estate e' una passeggiata..ma d'estate c'e' ben altro da fare. Partito da meta' tra Fontane e il Colletto..la neve si trova a partire da 1750m ca. Notate impronte di cinghiale mischiate alle mie, scendendo. Deve essere passato dopo che avevo raggiunto il Clot di Monton punto massimo toccato, perche' in salita non c'erano ancora. Il dsl. effettivo, calcolando il punto di partenza piu' basso di quello riportato nei dati gita, piu' tutti i saliscendi arriva tranquillamente a toccare i 1000m.!

[visualizza gita completa con 11 foto]
Volevo fare un pò di dislivello senza forzare troppo il piede ancora un pò dolorante.... e questa gita permette di salire abbastanza dolcemente e di godere di un ottimo panorama (appena si esce dal bosco).
Consigliabile soprattutto in autunno e in primavera (fatta ad agosto è un pò CALDA!!)
In compagnia di Pepina che come al solito non ha mancato di farmi apprezzare la fauna locale (soprattutto i caprioli la attirano come il miele!!)


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: strada ghiacciata fra fontane e la colletta
Ancora un po' di neve sul percorso, speciamente nel tratto nel bosco. Utili le ghette.
Giornata molto calda. Con Mauro.

[visualizza gita completa con 1 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 1572
quota vetta/quota massima (m): 2296
dislivello salita totale (m): 750

Ultime gite di escursionismo

03/06/20 - Nona (Becca di) da Pila - titti67
Salita con temperatura ottimale senza toccare neve, tranne un minuscolo attraversamento in piano su un nevaio con ottime tacche. Il tratto di sentiero da Comboe' fino al Plan Valle' è molto scomodo [...]
03/06/20 - Muanda (Costa) dal Santuario di Oropa per il versante Nord-Est - franco1457
Saliti da Oropa per il sentiero Papa Giovanni Paolo II fino al Poggio Frassati e poi per facile cresta fino al Colle del Limbo. La giornata come previsto è peggiorata ma siamo scesi senza pioggia.
03/06/20 - Appenna (Monte) da Grange Argentera - teddy
Bella passeggiata su pratoni fioriti prima e ultimi nevai sotto il colle Clapis che è meglio evitare senza ramponi come fatto da noi, uscendo a dx dell'elevazione con palo a sua volta a dx del caratt [...]
03/06/20 - Soglio (Monte) dal Santuario dei Milani - abaandrea
Giro ad anello salendo da Milani di Forno per percorso normale, discesa dal versante est(verso Mares) fino al termine del primo tratto in discesa (piano della Pessa). Si scende per tracce a sud-est (d [...]
03/06/20 - Ferra (Monte) da Sant'Anna per il vallone di Reisassa - test95
Itinerario molto diretto e remunerativo nella magnifica cornice della valle varaita unico neo l'erba alta nel tratto di passaggio sopra la borgata che ci ha fatto fare tutta la gita con i piedi a moll [...]
03/06/20 - Andolla (Passo e Rifugio) da Cheggio - rolly52
Bellissimo luogo che ho scoperto oggi . ci sono alcuni nevai da attraversare , l’ultimo salendo e’ decisamente ostico poiché crollato ai bordi( fa uno scalino assai disagevole) Rifugio in fase [...]
03/06/20 - Barel (Auta di) da Pontebernardo, anello per il Colletto dei Becchi Rossi - lonely_troll
E' veramente strano che una mulattiera cosi ben costruita e panoramica, larga quanto una stradina di campagna, sia stata completamente dimenticata. Dopo molti anni da quando l'ho percorsa in discesa a [...]