Mazzucchini (Torrione) da La Fabbrica

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
attrezzatura :: scialpinistica
Noi abbiamo fatto la salita partendo dalla Valle di Viu . Dall Alpe Bianca si spallano gli sci sino al pianoro e si tolgono ancora x un breve tratto nella rampa della Rocca dell Alpe.
Saliti al Lago di Viano per il vallone a fianco della Ciriunda. Dal lago continuato fin sullo spartiacque con il Vallone d Ovarda. Saliti in diagonale sino al pianoro sotto la cima.
Calzati i ramponi saliti velocemente su ottima.neve sino al torrione roccioso finale.
In discesa raggiunta la cima del Ciarm del Prete e bella discesa lungo l itinerario classico.
Con Patrizia


[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Sia in salita che in discesa passato per punta Karfen(consigliata soprattutto per la discesa sulle piste battute).
Dal karfen lungo il crestone sino ad incrociare la traccia proveniente da Lungimala.
Traccia con un po' di saliscendi , ma un grazie enorme a Rok che ha tracciato ieri.
Freddo intenso nelle parti all'ombra decisamente meglio al sole. Dal colle messo anch'io i coltelli, ma probabilmente si sale anche senza. Ambiente da cinque stelle, molto meno la neve con crosta difficile da sciare nella parte alta, un po' meglio nel tratto di bosco.
Certamente con neve bella gita super top.
Un po' di portage all'inizio.
Anche con questa neve a mio giudizio gita molto bella.
Oggi tutto solo.

[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Ispirato dall itinerario per l omonimo colle, descritto nel Sesia-Mussa, "scialpinismo nelle valli di lanzo" , eccomi in questo vallone bellissimo e molto pittoresco ! 10 min di portage per evitare ciottoli sulla stradina da Fabbrica (al cospetto della seggiovia, dal sapore un po' retrò, di Ala). Poi la stradina stessa salva la situazione, ricoperta da un po' di neve.. La situazione migliora nettamente dai 1300 in su, e migliora ancora da Longimala in su. L abbassamento al Colle del vallone passa bene, poi mi tocca a tracciare. Tutto facile fino al Colle di Mazzucchini. Poi vedo che il Torrione permette, previ rampant, di essere salito piuttosto agevolmente fino ad un terrazzamento che permette a sua volta di portarsi al Torrione est, che è di soli 4 m più basso di quello ovest.. Ambiente. Neve/discesa : il vento ha fatto danni seri : fino ai 2050 crostaccia infida. Poi un po meglio. Ripello tecnico fino al colle del vallone : poi ancora crosta. Dai 1850 in giu, però, decisamente meglio, polvere fino ai 1300 scarsi. Divertente stradina e fine.

[visualizza gita completa]
Come itinerario dello scorso anno. Non siamo andati al torrione ma nel pianoro sottostante l'alpe Radis. Da qui abbiam puntato a sud e saliti sulla dorsale che scende dal Monte Rosso. Discesa puntando verso l'alpe Saulera e poi più in basso sull'alpe Lusignetto ovest. Arrivati all'alpeggio scesi ancora un poco tenendoci sulla destra. Ripellato (circa 200 metri di salita) per raggiunger un colletto che riporta verso le piste di Karfen(salire ancora un centinaio di metri se si vuole raggiungere l'arrivo dello skilift in cima a Karfen).
Fino all'alpe Radis abbiam trovato pista battuta (grazie), da lì in poi tutto intonso compresa la discesa. Primi metri sotto la dorsale neve ventata poi, in alcuni punti leggera crosticina con sotto neve bella farinosa, in altri solo farina un po' pesante ma bella.
Dopo esser risaliti al colletto non siam scesi sulle piste ma nel bosco trovando anche qui neve bella farinosa. Gli ultimi metri sono un po da "ravanare" tra dossi e rami.Tanta neve ancora.
Per salire dalle piste firmare la liberatoria nella casetta dove parte la seggiovia in località la Fabbrica.
Il giro effettuato è un bell'anello non c'è tantissimo dislivello (prendendo la seggiovia ) ma abbastanza spostamento e bisogna contar di ripellare.
Con Guigo, Gigi, Massimo, Ilio e Valentina.


[visualizza gita completa con 10 foto]
Non siamo andati al torrione ma all'alpe Radis. Partiti dall'arrivo della seggiovia,(che ci ha risparmiato 400 m di dislivello a piedi) risalito le piste fino all'arrivo dello skilift e di qui come da itinerario fino all'alpe Radis. Dall'alpe ci siamo diretti a sud e abbiamo risalito una ripida dorsale; da qui discesa per pendii sostenuti a verso l'alpe Saulera e poi all' alpe Lusignetto ovest. Scesi ancora all'alpe Sape da dove si tolgono gli sci e si prosegue per circa 20 minuti a piedi fino alla località Fabbrica da cui siamo partiti con la seggiovia. Dalla dorsale fino all'alpe Saulera neve un po' crostosa ma sciabile più giù firn.

[visualizza gita completa con 7 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
partiti alle 9,15 dall'arrivo dello skilift,itinerario come da relazione,per fortuna eravamo in tanti a battere traccia perchè l'ultima nevicata ne ha messa giù di nuovo mezzo metro abbondante.raggiunto il colle a ovest del torrione mazzucchini a quota 2459.veniamo al bello,(la discesa)i primi 100mt di dislivello un po ventata ma sciabile,di li in poi mezzo metro di farina,raggiunta l'alpe radis abbiamo ripellato e salita una ripida dorsale abbiamo iniziato una discesa da antologia verso l'alpe saulera(si indovina il tetto perchè le due baite sono totalmente sommerse)passati letteralmente sopra al tetto discesa da 5 stelle verso l'alpe lusiglietto ovest(farina su pendii sostenuti).da questo punto in poi le stelle precipitano a 2!ci si dirige in direzione alpe sape',di qui in poi si segue il sentiero estivo fino a raggiungere la strada battuta di rientro dalle piste che arriva alla partenza della seggiovia.per chi volesse ripetere questa gita consiglierei di sudiarsi bene l'itinerario sulla cartina 1:25000 per non rischiare di perdersi nella parte bassa,dall'alpe sape' in giù.la gita meriterebbe 10 stelle anche solo per l'ambiente.grazie a massimo che mi ha convinto(io ero titubante,avevo paura di trovare crosta)un saluto ai compagni di gita e al super bocia giugiu.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento morbida
note su accesso stradale :: Ala di Stura
quota neve m :: 1000
Partendo da Ala ed infilandosi nella tipica boschina delle Valli di Lanzo diventa una gita piuttosto faticosa. Conviene servirsi degli impianti o almeno seguire le piste anche in salita

Per altro il Vallone dell'Alpe di Radis è veramente ameno ed isolato e l'arrivo in vetta ( un vero torrione di roccia) ripaga ampiamente lo sforzo.

La neve è ormai lavorata dal vento e scarseggia sulle dorsali e sui versanti sud. Pochi tratti ancora di farina nel bosco.

Rischio valanghe praticamente assente.

Discesa sulle piste di punta Karfen su una lastra di ghiaccio!!
In buona compagnia di Teresa, Bruno e Franco.


[visualizza gita completa con 1 foto]