Gelè (Mont) da Glacier

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Assente
note su accesso stradale :: strada ok fino a Glacier
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Una discesa su firn perfetto (discesa verso le 11) dalla cima fino alla fine della neve, che ora si trova un po' sopra alla Combe des Eaux Blanches. Il prezzo da pagare per raggiungere questa pista da sci ideale è una camminata un po' zavorrata con sci e scarponi sullo zaino e scarpe da trail a mollo nei vari ruscelli che allagano il sentiero (seguito il n. 6).
Quello che resta del ghiacciaio al momento è perfettamente liscio, senza crepacci visibili. Sono sceso direttamente. In salita invece sono passato per il Col du Mont Gelé dove ho trovato molte tracce recenti che arrivavano dal versante Crete Sèche.
Ho usato molto i coltelli perché il rigelo era ottimo. In cima sono andato con ramponi e picca. Bisogna fare attenzione alle cornici (alcune tracce ci passano vicino) e ai passaggi nei pressi delle rocce dove si sfonda parecchio e improvvisamente!

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ok fino a glassier
attrezzatura :: scialpinistica
Da glassier abbiamo attraversato il ponte a ds e poi seguito il sentiero n 6 che sale, molto direttamente, nella gola della guala.
A quota 2000 circa, abbiamo calzato gli sci; usciti a sn, abbiamo percorso la strada (innevata) che passa di fianco alle casette diroccate places e quindi si unisce all' itinerario qui descritto, a quota 2200, comba des eaux blanches; faccio notare che dal bivacco regondi si scendono (e quindi si risalgono) da 50 a 80 m, a seconda di dove si passa, e quindi il dislivello totale risulta almeno di 100 m in più, rispetto alla relazione qui scritta: a noi il garmin ha dato un disl totale di 2130 m per uno sviluppo si 23 km; noi non abbiamo percorso il ghiacciaio, ma ci siamo tenuti sulle bellissime dorsali sulla sn salendo, anche perchè abbiamo notato un paio di crepacci aperti.
Volendo si arriva in cima con gli sci. La parte alta della gita è bella da stare senza fiato (anche grazie alla quota ;)), sia sciisticamente parlando, sia per l' ambiente. Complessivamente comunque è una gita di grande soddisfazione.

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Notte in rifugio.....Fino alla vetta salita senza problemi. Utili i coltelli in alcuni tratti ma non indispensabili.Visto il gran movimento di sci alp del corso optiamo per una discesa meno trafficata. Scesi lungo il ghiacciaio su neve di tutti i tipi farina, crosta etc. . Poi puntiamo al colle Cornet passando dal bivacco Gavazzi . ( ripellata di 15/20 min) . Dal colle in poi puntiamo ad Ollomont . Discesa su marcione divertente.
A quota 1700 si entra nel bosco . Sci di boschina da amatori poi con buta e gava si arriva al paese . .. Bell'anello in ambiente selvaggio. Con il S.R. Un ringraziamento alle due fanciulle Carola e Angela che ci sono venute a prendere con la macchina... e ci hanno portato birra ,cibo e condiviso un ottimo fine settimana.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok, necessita di due macchine Ruz-Ollomont
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Pernottato al rifugio crete seche e salito il Gele dalla normale. Discesa in traversata scendendo il glacier du Gele, e poi risalito al bivacco Regondi, anziché attraversare la comba delle acque bianche. Con lungo traverso abbiamo puntato al colle Cormet scendendo diretti su ollomont, parte superiore in bella trasformata, itinerario un po' da ricercare a causa della scarsezza di neve e delle bastionate che tagliano la parte alta sotto al colle. Bella sciata fino all'alpe beria superiore, poi in quache modo con parecchi gava e buta sulla cararreccia forestale fino allo skilift di Ollomont.

Con il barbagianni.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino a Glassier
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Seconda giornata della decima gita sociale del Gruppo SciAlpinistico GSA del Cai Uget di Torino. La valutazione è strettamente personale.
Fatto in traversata da Ruz a Glacier con pernottamento al Rif. Crete Seche. Salita con rampant per il buon rigelo della notte fino alla base del secondo canalone, tutto ancora innevato, qui li ho tolti ma ho tribolato, molto più agevole tenerli. Semicerchio nel vallone successivo mai con neve dura fino a raggiungere il colle. Semicerchio lungo le rocce fino a portarsi sotto la verticale della vetta. Ottima traccia di qui alla punta, merito di Marco. Discesa dalla vetta su nevi diverse a seconda del percorso: più tritata ma che dava più sicurezza sulla sx oppure più liscia ma più ripida sulla destra. Ritorno al colle su strato di polvere caduta nella notte su fondo duro un po' sconnesso. Discesa lungo il ghiacciaio portandosi pian pianino sul suo bordo dx (senso di discesa) per poi girare nettamente a dx per pendii più ripidi, nuova svolta a dx e con un semicerchio arrivo al pianoro a 2200. Discesa su stradina nuova (!!!) e poi lungo la Gaula fino a 1950 dove si devono togliere gli sci e si deve proseguire lungo il sentiero fino al parcheggio. Peccato che la neve sia rimasta un po' dura lungo una parte del percorso, altrimenti le stelle sarebbero state quattro. Traversata grandiosa. A parte noi, solo una coppia in vetta. Ramponi inutili.
Ventidue partecipanti tutti in vetta, anche i più timorosi del pendio finale che però se la cavano egregiamente. Grazie agli altri due capigita: Marco per aver battuto il ripido pendio finale e Walter per aver fatto una splendida chiusura. Trattamento cordiale in rifugio ma consumazioni abbastanza care e colazione (mi riferisco a tè, caffè, ecc...) basic: in molti avrebbero gradito un secondo bicchiere di tè o caffè... Ma non c'era!
Foto su
Per una relazione più dettagliata o per unirsi a noi nelle prossime gite:


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
saliti da glacier sabato e scesi al rif. crete seche per unirsi all'uscita di domenica, svolta in senso contrario, del corso SA1 della scuola Valle Orco (vedi relazione di Roby4061).
Il percorso è in buone condizioni , innevamento continuo da quota 2000 m , percorrendo il sentiero sul versante ovest sotto le cascate.
Per i dettagli della discesa (da quota 3200 a quota 2200 spettacolare !!!) vedere la relazione di Roby.
La discesa sul rifugio l'abbiamo svolta ad un'ora molto tarda, quindi su neve marcia, ma sciabile, creando solchi un po' fastidiosi per la traccia del giorno successivo.
Itinerario lungo , con molto spostamento e notevole dislivello. Appagante per l'ambiente e l'isolamento.
dario, gian, davide, gianni

[visualizza gita completa con 8 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
quota neve m :: 1500
Il vento forte ha funestato la gita, ma la qualità della neve rimane discreta.
Foto ed altri commenti sul sito _blog.blog.aruba.it/

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2 in aumento a 3 durante il giorno
neve (parte superiore gita) :: primaverile con crosta portante
Salito da solo partendo alle 6.20 da Glacier ed arrivato in cima alle 9.20.Innevamento continuo dai 2200 m di quota con neve perfettamente portante (a 2500 m di quota ci saran quasi due metri di neve). Sciata stupenda ma occorre scendere presto, ho visto cadere una grossa valanga dal Mont Morion sin quasi sull'itinerario di salita.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada libera fino a Glacier
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Un tentativo sfortunato di salire il Gele' a tarda stagione interrotosi al bivacco Regondi causa lo scatenarsi della bufera nella notte, che ha riportato di colpo la stagione indietro di sei mesi. Problematica la discesa verso Glacier all'indomani, con sul terreno almeno mezzo metro di fresca e il vento a soffiare ancora forte e gelido. Riprovero' magari dal Crete Seche il prossimo anno.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud
quota partenza (m): 1546
quota vetta/quota massima (m): 3518
dislivello totale (m): 1972

Ultime gite di sci alpinismo

27/05/20 - Sommeiller (Punta) da Rochemolles per il Passo dei Fourneaux Settentrionale - mv56
Ottima giornata nonostante la nebbia iniziale che ci ha un po' demoralizzato, ma poi l'alternanza con momenti di sereno ci ha nuovamente motivati. La neve ha tenuto abbastanza per tutta la mattina e d [...]
26/05/20 - Sommeiller (Punta) Canale Sud-Ovest - giorgiobi
Saliti dalla via classica, conviene portare gli sci fino al Pian dei Morti seguendo prima la strada e poi il comodo sentiero. Discesa ore 11,30 su neve davvero perfetta fino al Pian dei Frati, poi, do [...]
26/05/20 - Albaron (Sella dell') da Pian della Mussa - griso
Oggi condizioni eccellenti grazie alla bella giornata e allo z.t. a 3500 m. Partiti alle 5,50 con 8°C. Buon rigelo e progressione veloce. Utili i rampant unicamente nel breve traverso poco sotto Pi [...]
26/05/20 - Almiane (Punta di) dal Ponte d'Almiane - andrealp
Facendo il sentiero estivo si portano gli sci per poco più di mezz'ora e circa 300 metri di dislivello ma si evita di tribolare sui residui nevai che fiancheggiano il torrente. Rampant necessari per [...]
26/05/20 - Collerin (Monte) da Pian della Mussa - mowgli
Come scritto da chi mi ha preceduto il portage è di 400m e su una gita di 1700m D+ è assolutamente accettabile. Oggi il rigelo è stato giusto senza creare il verglass che sicuramente domenica era [...]
26/05/20 - Collerin (Monte) da Pian della Mussa - puli88
Portage fino al Pian dei morti come domenica (400 m dsl circa). Due gava e buta poi neve continua. Neve dura ben rigelata, buon grip, non necessari coltelli. Sul ghiacciaio neve gelata (strascichi di [...]
25/05/20 - Roudel (Cima) dalla Valle Argentera per la Valle Lunga - billcros
Oggi super gita in posto veramente isolato e lungo, ma bei ambienti, già parecchi togli e metti nella parte iniziale , il torrente brontola bene , poi quando il vallone si apre migliora fin ad essere [...]