Pelvo di Fenestrelle (Monte) dal Forte Serre Marie per il versante Sud

Nella parte intermedia il sentiero è molto coperto dall'erba alta. Comunque è sempre individuabile
Ritornato dopo un anno a questa bella punta che non avevo quasi visto in mezzo alle nuvole.
Oggi tutto diverso. Nuvole compatte in basso ma dai 2000 metri in su tempo splendido e panorami infiniti. Incredibilmente nessuno in giro
Con Renato

Alla partenza
Spunta il Monviso sopra le nuvole
Verso il colle con qualche nuvoletta ancora in giro
Adesso è tutto sereno
Fantastico panorama al colle
Traverso verso la vetta
Tutto il gruppo dell'Orsiera - Rocciavrè
Arrivo in vetta
La Français Pelouxe
Le montagne della Val Chisone

[visualizza gita completa con 10 foto]
note su accesso stradale :: Nessun problema.
Sentiero in buono stato, erba alta in alcuni punti, ma traccia sempre reperibile.



Ripresa dell'attività dopo la pausa eno-gastro-balneare, condizionata dal caldo umido nonostante l"orario di partenza. In cima visibilità limitata alla cresta verso il Pelouxe. Con la Gypsy Queen, Kiss Me, e la "cagnolina" Ziva.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Buono anche sterrata
Meteo in basso un po di nuvolaglia in vetta visione a 360. Sentiero ben bollinato ripido in alcuni tratti e sul traversone strettino ma si cammina bene 8 persone oggi in punta. Strada sterrata in ottime condizioni ma con un po di traffico.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: strada in ottime condizioni anche nei tratti sterrati
Nulla da aggiungere alla relazione.
Meta facile senza alcuna difficoltà;il sentiero è ben tracciato,in qualche posto è un po meno evidente,ma i bolli sono numerosi e sempre ben visibili.Ripido dalla partenza all'arrivo in vetta;prestare attenzione solo alla qualità del terreno se bagnato o in presenza di nevai.Oggi nessun problema

Torno in montagna dopo mesi di assenza forzata e e quindi questa cima,comunque bella e panoramica,mi ha dato tanta soddisfazione ed emozione.
Non lo ripeterò mai più su un sito di dominio pubblico ma oggi mi è impossibile non dedicare questa salita a mia madre che da cinque giorni ha raggiunto la meta più alta da cui guarderà tutte quelle(spero tantissime!!!) che sua figlia salirà, con il compiacimento e l'orgoglio che solo un cuore materno sa provare.
Con Sandro


[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: Divieto di transito oltre il centro vacanze di Pra Catinat
Gita che comporta un lungo ma panoramico trasferimento, prima seguendo la strada in direzione dell'Assietta e poi in direzione opposta su un sentiero che taglia prati molto ripidi: come ben detto da Giorgio, nelle condizioni attuali i ramponi sono indispensabili, non solo su neve ma anche sul terreno laddove scoperto; meglio avere inoltre una picca per il ripido pendio-canale finale. Per noi stop a non troppa distanza dalla cima per alcuni passaggi tra rocce e neve infida che non ci davano sicurezza.
Per il resto bell'ambiente su questo lungo balcone affacciato sulla valle.
Bellissimo fine ed inizio d'anno con Elena, Fabrizia, Ilda, Ylenia, Giorgio, Super, Valter ed una Selva velocissima su per i canalozzi con i ramponi naturali a cercare l'itinerario migliore!


[visualizza gita completa con 7 foto]
note su accesso stradale :: ras, divieto oltre Pra Catinat
Salita effettuata partendo da poco sopra Pra Catinat. Condizioni ovviamente invernali ed alpinistiche nella parte alta nonostante la penuria di neve che caratterizza questi versanti ripidi e ben esposti al sole. Ramponi indispensabili e picozza consigliata. Ci siamo arrestati poco sotto l'anti cima per la delicatezza di un traverso su neve inconsistente. Splendido inizio d'anno in compagnia di Alberto, Elena, Fabrizia, Super, Ilenia, Valter, Ilda e Selva!

[visualizza gita completa con 10 foto]
Oggi le previsioni non sono state rispettate, partenza con il sole e qualche nuvola, ma ben presto la copertura nuvolosa è aumentata e la nebbia di umidità per il recente temporale ha fatto si che arrivati al colletto del Pelvo fossimo immersi nella nebbia con nuvole scure e minacciose ed in considerazione del sentiero ripido e bagnato, e dell'attraversamento di ripidissimi pendii di erba olina abbiamo pensato bene di rinunciare alla cima - Bei panorami fino a quando ci è stato permesso - Sentiero sempre ben tracciato, ma dove la "E" ci stà molto stretta, in quanto come detto il sentiero è molto ripido e l'esposizione nell'attraversamento dei ripidissimi pendii è notevole (evitato scivolare) - Bello il forte di Serre Marie e la fortificazione fort d'Aval
Un saluto ai compagni di gita


[visualizza gita completa]
Il sentiero nei prati è un po' nascosto nell'erba, ma si trova sempre grazie alla perfetta segnaletica.
Giretto domenicale, un'eccezione per me, con Lorena e Pino.
Previsioni discrete, davano un bel sole al mattino, ma è durato pochissimo, le cime si sono coperte subito e abbiamo viaggiato parecchio nelle nuvole, che si sono aperte solo a tratti..
Stranamente nessuno in giro su questo itinerario. ma siamo stati confortati (si fa per dire) dal continuo rombo di moto sulla strada per l'Assietta.


[visualizza gita completa con 10 foto]
note su accesso stradale :: Ai sanatori di Pra Catinat proseguire fino al forte Serre Maria.
Giornata ventosa. Siamo partiti presto perchè avevamo in programma un pranzo al Lago delle Rane. Il posto non è dei più belli, lo abbiamo scelto per comodità. L'itinerario è impegnativo poichè la pendenza è costante, e ad essere sincero nell'ultimo tratto dal colle alla cima, la "E" va un po' stretta. Grossi incendi sia verso la Val di Susa, a Mompantero, sia verso la Val Chisone, a Bourcet. Candair a Ripetizione sulle nostre teste. Cosa interessante, invece, un mucchio di animali, mai visti prima così tanti tutti insieme. Camosci che eravamo ancora al Forte, una decina di Cinghiali, tutti in fila, in fuga a m. 2.500, e poi una dozzina fra Cervi, Cerve e Cerbiatti. Siamo saliti in cima con il bramito dei maschi in sottofondo.
Bella camminata "d'allenamento" con Fabio.


[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: nessun problema
Escursione che non avevo ancora fatto; bell'ambiente, giornata di sole ma con forte vento sia in punta che nei tratti più esposti. Dalla punta si vedevano incendi in Val Susa (zona Rocciamelone) e nella zona della Val Pellice guardando dall'altro versante. Sentiero ben tenuto anche se in certi punti non bisogna soffrire di vertigini. Gita in compagnia di Eugenio, compagno di avventure da molto tempo che saluto calorosamente

[visualizza gita completa con 6 foto]
note su accesso stradale :: Strada in ottime condizioni
Piacevole giornata dai colori tardo autunnali anche se siamo solo a fine settembre, a causa della grande secchezza estiva !!! Sentiero sempre molto ripido e di conseguenza molto redditizio, giornata fresca, velata e ventilata al mattino, poi un pò più caldo ma sempre gradevole. Ottimo panorama dall'ampia vetta. Sentito spesso risuonare il bramito di un cervo.
In compagnia di Rosy e Manlio.


[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: ok da Susa al colle Finestre
Dopo 35 anni torno al Pelvo per accompagnare elisafree alla quale non posso dire no! Due ore e 10 min. sull'ottimo sentiero a fucilata fino in cima.

[visualizza gita completa]
breve ma interessante gita mattutina. sono partito alle 6,20 dal serre marie, la salita è più godibile perchè si effettua quasi tutta in ombra al mattino presto. Il sentiero è ottimamente segnato ed è una "fucilata" verso la vetta. Andando a buon passo ho impiegato 1h35m ma direi che un tempo ragionevole è tra 2h e 2h30m. Il sentiero comunque rende molto, alcuni tratti sono parecchio ripidi e ciò fa guadagnare quota in fretta. I pendii aattraversati sono ripidi ma il sentiero sempre evidente, un minimo di attenzione in alcuni tratti ed in discesa, sicuramente poco divertente e pericoloso con neve o terreno bagnato. In vetta prima delle 8 del mattino con una splendida arietta frizzante e delle luci meravigliose. Alle 9,20 ho cominciato la discesa, rapida anche questa. In poco più di un'ora ero alla partenza. Bella gita in bell'ambiente aperto, cima che puntavo da tempo e che mi sono goduto in totale solitudine nell'aria del mattino estivo. Bella, bella.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Divieto accesso auto al Pian dell'Alpe.
Inserita traccia GPS , con partenza da forte Serre Marie e con variante tratto di salita lungo il filo di cresta SO. Ricollegati poi al sentiero di salita classico prima del lungo traverso. Per continuare in sicurezza lungo l'aereo filo di cresta occorre probabilmente avere a disposizione un minimo di attrezzatura alpinistica.
1°punta con Soeren. Rivisto canale SSE sciato nel 2004 con Ermy&C. Contati + di 45 cervi che correvano eleganti sui ripidi pendii erbosi ancora senza una trccia di neve.


[visualizza gita completa con 4 foto]
sentiero ottimamente tracciato e segnalato! Itinerario balcone su Pra Catinat e sulla Valle Chisone. Effettivamente sotto i canaloni conviene dare uno sguardo in alto per vedere se c'è qualche qualche ungulato che potrebbe far partire un sasso. Molto bello il tratto, assai ripido, dal colletto fino in punta. Oggi vento gelido in cresta e sul versante valsusino. Dal colletto abbiamo deciso di fare un anello e quindi siamo scesi verso la val Susa, in un vallone bellissimo tra nevai, prati e primi fioriture di rododendri, con traccia ben segnalata da picchetti in legno, così come nella salita dal Forte Serre Marie. Avvistati numerosi camosci. Si giunge a circa 1950 metri sulla strada del Colle delle Finestre. Di lì 200 m di risalita (la strada si può tagliare quasi completamente). Dal colle taglio diretto tra i prati del primo grande tornante, poi un tratto su asfalto e infine si imbocca a sinistra, ad un tornante, la sterrata verso Pra Catinat, fino al Forte di partenza.
Il Pelvo mi mancava, a differenza del Francaix, classica gita di skialp... Bel giro in un ambiente particolare. Con Simo


[visualizza gita completa con 4 foto]
Gita fantastica. Fate acqua a Pracatinat. Arrivate al forte Serre Marie e iniziate a godervi lo spettacolo. Appena parcheggiato, c'è subito il cartello che vi indica la via per il Pelvo. Si passa vicino al forte cubo o dado come viene definito ed il sentiero prosegue, a tratti morbido a tratti bello irto. Ad un certo punto si inizia a costeggiare il versante con un panorama fantastico alla vostra destra. Alcuni tratti del sentiero diventano davvero ripidi. Quando vi troverete con i crostoni di roccia alla vostra sinistra, che sarà la vostra meta finale, ragazzi state attentissimi ad eventuali massi che potrebbero rotolare giù staccati dalle bestie che vi camminano sopra, a noi è passata una pietra velocissima davvero a pochi metri. Quando penserete di essere arrivati in cima e il sentiero si affaccia a valle e gira a sinistra, vuol dire che manca poco. Andranno scavalcate tutte le quattro o cinque crestine roccette che compongono la vetta e poi finalmente la croce. Il pianoro e fantastico, se avrete ancora voglia c'è ancora il francese peloso che vi chiamerà, sembra vicino ma non lo è. Godetevi la vetta, è fantastica
Percorso segnalato in modo divino. Grazie a tutti coloro che si occupano di questi sentieri.


[visualizza gita completa con 1 foto]
Per la prima volta su questa montagna. Giornata piacevole, abbastanza calda ma non troppo. Incontrato 4 escursionisti che scendevano e quindi la punta solo per noi...
Contrariamente a quanto ci aspettavamo non abbiamo visto neanche un animale! Il tratto dal colle alla punta con terreno bagnato o peggio con neve forse è qualcosa di più che E...

[visualizza gita completa]
Siamo andati fino quasi al colletto del Pelvo con lo scopo di osservare i cervi. Operazione riuscita. In giro anche mufloni e camosci... un pò come tutte le volte che son venuto quì.
Con Guido e Giacomo.


[visualizza gita completa con 3 foto]
Il sentiero tira dritto al colle e da questo in cima, non ci sono grossi spostamenti e questo permette di salire in un paio d'ore.
La segnaletica è stata rifatta di recente, bravi! Non che ci si perda senza.. c'è un solo sentiero, ma ora al posto dei segni blu ci sono i classici rosso su bianco.
Peccato solo che le termiche hanno si presentavano gli ultimi 300 metri lasciando giusto la cima libera e scaldata dal sole. Per altro un po' freschina come giornata. 10 gradi alle 10:00
Un bel gruppetto "anta" ha dato mostra delle prestazioni muscolari scendendo da chissà quale improvvisato sentiero, tagliando un bel pezzo di percorso. Complimenti.

[visualizza gita completa con 5 foto]
Finalmente Il Pelvo di Fenestrelle. Era una delle poche cime che mi mancava in Val Chisone. Sentiero ben evidente fino in punta. Impiegato un paio di ore, percorso senza grandi spostamenti o avvicinamenti. Non la consiglierei in caso di terreno bagnato o peggio gelato. Per il resto bella gita in una bella giornata autunnale.
Alla prossima

[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: macchina al forte maire
Gita molto bella in mezzo ai pendii erbosi e in fiori. Neve qualche chiazza e nell ultima parte con attraversamenti. Fatto solo monte Pelvo per neve. In cima vallone del colle delle finestre innevato. Il Francous pulito ma con neve nei sui versanti. Tempo bello, anche se con nuvole che ci hanno avvolti. Sole caldo 8soprattutto nella prima parte) Tempo di salita 2.30 h in cima alle 12. visto 2 camosci.
ringrazio commissione gite cai uget torino


[visualizza gita completa]
Bella gita con tempo splendido. Saliti dal parcheggio vicino al forte Serre Marie in circa due ore e quaranta. Lunghissimi traversi su pendii a tratti molto ripidi, dal colletto del Pelvo in su salita più "divertente". Dall'ampio crestone della cima panorami grandiosi, dal vicino Albergian, alle montagne francesi, al Rosa, all'Orsiera. In salita incontrato un branco di cervi (con bramiti)che hanno poi traversato la cresta per portarsi verso la Val Susa, in discesa visto tre aquile.
In compagnia di Marco, Angelo, Michele che ha compiuto da poco 75 anni, Tiziana, Dario (novello presidente del CAI di Rivoli)= 7 magnifici.

[visualizza gita completa con 6 foto]
note su accesso stradale :: Strada sterrata Colle delle Finestre in ottimo stato
Sentiero sempre evidente, a tratti un pò ripido. Il tratto finale dal Colletto del Pelvo alla cima richiede un pò di attenzione, ma non è mai esposto.
Giornata spettacolare, calda e senza vento.
Animali selvatici presenti in zona e numerosissimi. Visti anche i cervi che si battevano tra di loro.
Con A.


[visualizza gita completa con 9 foto]
nulla da aggiungere alle descrizioni precedenti; bella gita, panoramica; l'ultimo tratto prima di uscire in cresta prima della cima richiede in discesa un pò di attenzione.
tempo buono con nuvole sulla pianura; caldo; in estate deve essere molto caldo.
Starnamente, benchè abbiamo fatto tutta la gita senza incontrare nessuno, non abbiamo visto animali.
Possibilità di continuare in cresta verso il Francais Peloux, ma mi sembra difficile il tratto prima della vetta, o, dal colle, scendere nel vallone tra il pelvo ed il carlei, verso la strada del colle delle Finestre, versante Susa. Mi sembra un bel vallone.

[visualizza gita completa]
Bella salita che dal colletto del Pelvo diventa più ripida ma sempre su ottimo sentiero.
Partiti dal forte Serre Marie dove abbiamo lasciato l'auto con dei bei nuvoloni in arrivo sia dalla pianura che dalla valle Susa. Infatti dai 2000 m nuvole e nebbia continue che hanno dato all'escursione un bel tono autunnale. Salendo abbiamo quasi sbattuto contro un branco di cervi che sono scappati subito nella nebbia. Dalla cima... panorama zero, ogni tanto faceva capolino solo il Francais Pelouxe e una breve schiarita ci ha dato l'idea di poterlo raggiungere per cresta ma dopo 15 min, arrivati nella zona delle bande rocciose sotto la vetta, abbiamo desistito a causa di un nuovo peggioramento. Come in tutta la zona molti camosci.
In conclusione bella gita in compagnia di Maurizio rovinata solo dal tempo un po' ballerino.


[visualizza gita completa con 7 foto]
note su accesso stradale :: strada chiusa da pian dell'Alpe
Giornata meravigliosa per una gita stupenda. Oggi la natura era in festa:colori autunnali quasi irreali, branchi di mufloni, camosci, due aquile, mare di nubi nelle valli, e la vetta tutta per me che ho potuto godere di una temperatura dolcissima. Ma da domani la meteo cambia, già da stasera la Francia ha cominciato a spedirci nuvole e cirri.
E' una gita molto bella, breve, con un sentiero che in poco più di due ore si spara 900 metri ripidi ed esposti.La traccia è segnalata da rade tacche azzurre.Un po' di neve sulla vetta e sui versanti valsusini.
La gita è sconsigliabile con terreno bagnato o nevoso.



[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: Strada colle finestre ok. Ma stanotte (18/10) è nevicato..
Ho trovato questa salita abbastanza monotona. Lunghe praterie percorse da un ripido sentiero senza tornanti; L'ideale per giornate fredde e soleggiate come oggi.. si stava "mediamente" bene al sole. D'estate credo ci sia da morire dal caldo. Il vento era gelido ma contenuto nell'intensità. Bel panorama dalla cima.
Gita allietata dalla presenza di moltissimi animali. 2 branchi di cervi per un totale di almeno 40 esemplari (Femmine, giovani e adulti), molti camosci e persino 4 mufloni.


[visualizza gita completa con 7 foto]
note su accesso stradale :: Strada migliore passando per Pian dell'Alpe da Usseaux o Balboutet
Dopo essere salito in cime e ridisceso al colletto, sceso per vallone a nord del Pelvo, tendendo inizialmente verso dx per sfasciumi, poi al centro del vallone a sx per comodi e veloci nevai praticamente continui (!) fino al piccolo pianoro dove si recupera la traccia che raggiunge un tornante della strada che sale al colle delle Finestre, poi per sentiero tagliando le curve della strada al colle. Dal colle si può tagliare subito per prati al tratto di strada asfaltata sottostante, che poi occorre seguire fino al tornante (cartello "Pian dell'Alpe") dal quale si stacca la bella sterrata che riporta al forte Serre Marie. Impiegato per tutto il giro 5h30', dalle 6:30 alle 12:00, salendo con calma (e attenzione) alla cima, scendendo rapidamente dal colletto per il vallone nord, grazie a sfasciumi e neve.
5 stelle per il meteo stupendo dopo il temporalone di sabato sera, per la bella cima (peccato per il libro di vetta tutto bagnato), per gli animali osservati (una folta colonia di camosci con tantissimi piccoli avvistata tra la cima e il Pelouxe, il volo di un'acquila osservato... dall'alto!), per la discesa sui nevai e per le fioriture e i profumi che hanno addolcito il tratto più "noioso" su strada. Sul sentiero di salita ancora molta grandine residua!


[visualizza gita completa con 2 foto]
bella gita, peccato x la nebbia che ci ha fatto ammirare il panorama solo parzialmente!Durante la salita siamo stati invasi dalle mosche....saliti in 2,15 ore , basta seguire le tacche di vernice blu. Parte finale abbastanza ripida, okkio in caso di pioggia!

[visualizza gita completa con 5 foto]
Prima giornata estiva, anche se poco sole e molta nebbia. Oltre ad un'umidità impressionante.
Partiti dal Forte Serre Marie il sentiero risulta sempre molto evidente. Alcuni cartelli lungo il percorso scandiscono le tempistiche, ma a noi sono parsi troppo restrittivi, specie per un escursionista medio.
Sentiero che sale sempre con pendenza sostenuta, su scoscesi pendii erbosi del versante della Val Chisone.
Raggiunto un colletto che si affaccia sul lato valsusino del colle delle Finestre, si prosegue a sinistra poso sotto il filo di cresta, sempre per traccia che sale su zolle erbose non molto stabili. Le recenti piogge hanno un po' rovinato l'ulitmo tratto di sentiero (che tra l'altro presenta pioli di ferro per sostegno e piietrre messe per far defluire l'acqua), che è sempre facile ma non comodo, talvolta l'appoggio per i piedi è un po' precario. Tuttavia in assenza di neve non c'è nessun probema a giungere sulla cima, in altre giornate panoramica, mentre oggi si vedeva solo il vicino Francois Pelouxe. Eravamo tentati di proseguire per cresta ma la poca visibilità ce lo ha sconsigliato, sarà per la prossima volta.
In compagnia de due toscani Matteo e Federica, reduci del Kilimnjaro, e della new entry Dario.
Avvisati molti camosci in tutta la zona. Oltre a proseguire in cresta per il Pelouxe, altra alternativa per un anello potrebbe esere dal colletto sotto la vetta scendere per tracce di sentiero (segnato sulla carta ICG) nel selvaggio vallone laterale al colle delle Finestre, quindi raggiungere il colle e da qui a Pian dell'Alpe. Credo che per avvistare animali sia un ottimo percorso.

per le foto come sempre

[url] ?album=2494[/url]


[visualizza gita completa con 5 foto]
Splendida giornata di sole sopra i 2200m di quota. Percorso un bel giro ad anello con salita al Monte Pelvo lungo la via normale dal Forte Serre Marie, raggiunta per cresta la vetta del vicino Francais Pelouxe (attenzione alle roccette finali, piuttosto esposte sulla val di Susa) e poi scesi al Colle delle Finestre con ritorno al Forte Serre Marie lungo la carrozzabile sterrata.

[visualizza gita completa con 1 foto]
Escursione effettuata in una bella giornata di sole ma le condizioni meteo dei giorni precedenti hanno lasciato della neve che ci impedisce di raggiungere la cima dopo il colle a 20 mt. di dislivello della cima troviamo Verglass.
un ringraziamento al gruppo CAI Cumiana


[visualizza gita completa con 4 foto]
Terza volta sul Pelvo in occasione del IV corso di abilitazione per la caccia di selezione organizzato dal CATO1 e in compagnia di 9 aspiraranti cacciatori di ungulati. Osservati molti animali (cervi, camosci, mufloni) fra cui persino 13 cinghiali a 2500 m di quota!
Siamo poi scesi per la cresta SO facile ma no banale, tenendoci appena appena sul lato N nel primo tratto su ripidi sfasciumi mobili su lastroni, quindi disarrampicando un piccolo camino verticale sul lato sud (7-8 m, II grado), ben appigliato ma di roccia marcia. La cresta quindi spiana per un tratto ma diventa affilata, con ripidi pascoli sul lato sud e lastroni su quello nord, ma si può a questo punto abbandonare seguendo le traccie di animali sul lato meridionale. Si punta infine al ripetitore dove ci si ricongiunge con il sentiero della normale.

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 07/09/17 - elisafree
  • 24/06/17 - vittorio.balbiano
  • 03/07/16 - thelumberjack
  • Caratteristica itinerario

    sentiero tipo,n°,segnavia: Sentiero n° 369- bolli bianco/rossi
    difficoltà: E :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud
    quota partenza (m): 1894
    quota vetta/quota massima (m): 2771
    dislivello salita totale (m): 877

    Ultime gite di escursionismo

    15/03/20 - Tapuae O Uenuku dall' Hodder River per la Via Normale - panerochecco
    Niente neve sul percorso, molto sfasciume e salita faticosa. Consiglio a turisti provenienti da lontano di dedicare 3 giorni al tutto e di portare due paia di scarponi oppure di salire ai rifugi con [...]
    15/03/20 - Chestnut Park Loop Da Dairy Farm Nature Park a Mandai Rd per il Zhengua Nature Park e la Central Catchment Reserve - vicente
    Itinerario di notevole sviluppo, da non sottovalutare a causa della calura e umidita' tropicale. Il lato positivo e' che la maggior parte dell'itinerario si svolge in una fitta giungla e quindi si e' [...]
    10/03/20 - Sbaron (Punta) da Prato del Rio - bus
    09/03/20 - Grammondo (Monte) da Olivetta San Michele, anello per Sospel, le Cuore e Col du Razet - roberto vallarino
    Con una mattinata ben soleggiata, abbiamo seguito l'ottimo sentiero che costeggia la Bevera portandoci dal Pont de Cai e dopo il breve tratto di strada, a riprendere la mula fino al primo ponte. Attra [...]
    09/03/20 - Peretti Griva (Rifugio) al Pian Frigerola da Saccona per la Punta Prarosso, la Rocca Turì e la Rocca Frigerola - parinott
    Dalla Rocca Turì agli Alpeggi Frigerola utilissime le ghette. Dagli Alpeggi al Rifugio anche i ramponcini, Il traverso stamani si presentava con neve ghiacciata.
    08/03/20 - Sungei Buloh Wetland Reserve Anello completo - vicente
    Splendida giornata di relax in tempi difficili. Ci voleva proprio! La natura di questa riserva naturale e' meravigliosa. Ho ammirato numerosi uccelli migratori, oltre a diverse libellule rosse, un coc [...]
    08/03/20 - Bernard (Monte) da La Cassa - bengia