Barant (Col) o del Baracun da Bobbio Pellice, giro per rifugi Barbara Lowrie e Jervis

tipo bici :: front-suspended
Quando ho proposto la destinazione a Luca M speravo non accettasse... :-)))
Invece niente... Partiti alle 12.00 da Bobbio e saliti "con filosofia" senza patire il caldo (cielo coperto ma zero pioggia).
Strada in ottime condizioni. Anche la discesa sul Pra con fondo più che buono e belle cunette x saltare!
Info utili: fontana a metà asfalto asciutta, rifugi tutti aperti e ben forniti!
Ultimissima curva

[visualizza gita completa con 1 foto]
tipo bici :: full-suspended
Giro ripetuto dopo diversi anni...la salita verso il rifugio Barbara è sempre dura uguale!!! In discesa abbiamo cercato di seguire tutti i tagli possibili già dal col Barant, dal Jervis seguito il gta. In questo modo la difficoltà in discesa è un bel OC+, ovviamente fatto diversi tratti a piedi!!! Oggi con Monica, Andrea, Elena e tutto il numeroso gruppone dei Mai Basta!!

[visualizza gita completa con 5 foto]
tipo bici :: front-suspended
Sempre duretta la salita. Giornata fresca e nebbie che limitavano il panorama. Discesa fino al jervis su ottimo sterrato. Sosta per la merenda al jervis che consiglio.Parecchia gente per rifugi ,solo noi in mtb. Con Angela.

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Molto caldo durante tutta la salita, parte finale sterrata in buone condizioni. Discesa facile e ignorante. Dal Jervis proseguito lungo il sentiero più tecnico GTA che riporta a Villanew. Tanta gente sia al Barbara Streisand che al Jervis, un po più tranquillo il Barant, aperto.

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Bel giro un po' offuscato dalle nebbie nella parte alta, ma d'altronde non ci fossero state non sarebbe stata vera val pellice. Partito da Bobbio in 1h e 10 ero su al Barbara, sembra impossibile che nella cronoscalata ci sia gente che ci mette solo 40 minuti, che game. Fino al masso del pautas a q.1015m qualche tratto per rifiatare c'è, di lì in su invece è una tirata unica fino in cima, davvero una salita fantastica. Breve pausa al Barbara per un caffè e un saluto a Cinzia e poi su al Barant, su sterrato ripido ma con buon fondo. Al piano delle marmotte la strada spiana e poi con un ultimo strappo, ogni tanto con fondo un po' più pietroso, si arriva su al colle. Qui il pezzo forte di tutto il giro, quello che da solo vale la gita: maltagliati con sugo di gorgonzola e mirtilli del mio amico Pietro e poi genepy della casa, davvero da leccarsi i baffi. Discesa verso il jervis abbastanza fangosa e da fare con attenzione. Ultima breve risalita al jervis per una foto alla conca del pra e poi giù fino a bobbio lungo la strada.

[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
Percorso l'anello salendo ai Rifugi Barbara e Barant, in discesa ho scelto la variante sul bel sentiero che dalla colletta porta a La Gugliassa quindi ad Autagna.
Arrivato in prossimità della strada asfaltata Bobbio-Villanova, ho girato a destra prima del ponte e proseguito con alcuni saliscendi su sterrato fino a Bobbio Pellice, poi sempre sulla destra idrogr. del Pellice fino al Ponte dei Carboneri.
Ottima alternativa alla discesa classica sul Jervis, il sentiero come già descritto in relazione nella parte alta è prevalentemente su pietre, in alcuni tratti l'erosione dell'acqua ha rovinato il fondo, la parte inferiore nel bosco è più scorrevole, i tornanti costruiti su muretti a secco sono ben arrotondati mai a gomito escluso due nella parte bassa, inoltre di recente è stato manutenzionato con il taglio dell'erba.
In solitaria.
Allego traccia.


[visualizza gita completa con 3 foto]
tipo bici :: full-suspended
bella salita, la prima parte deve essere affrontata al mattino presto altrimenti con questo caldo si rischia l'ebollizione! discesa prima parte molto scorrevole con salti, poi bei sentierini tecnici fino a villanova e cercando qualche sterrato lo si trova ancora fino a bobbio
con kri


[visualizza gita completa con 3 foto]
tipo bici :: front-suspended
A distanza di 4 anni torno su questo itinerario, questa volta in compagnia (Beppe, Noemi, Andrea e Enrico) e con un allenamento specifico per la bici tendente allo zero...
Come sempre la salita (specie nel tratto finale) si fa ben sentire, ma la lunga discesa ripaga lo sforzo.
Ancora qualche lingua di neve nella parte alta del percorso e un po' di fango in discesa, ma niente di particolarmente fastidioso...
Il guado del Pellice alla conca è di certo il momento più divertente.
Rifugio Barant aperto. Trattamento spartano ma gradevole.


[visualizza gita completa con 6 foto]
tipo bici :: no suspensions
Salito da Bobbio-Villanova-Jervis e sceso per il Barbara. La strada che dalla Conca del Prà sale verso il Barant, presenta tratti fangosi nella prima parte, avvallamenti di scolo profondi e tratti piuttosto ripidi. Ben pedalabile la seconda parte.
Ho voluto provare il giro al contrario di come vien fatto di solito. Fino al Jervis direi che sale in maniera costante (salvo un tratto ripidissimo a circa 2km da Villanova). Però poi dalla conca del Prà son dovuto scendere dalla bici diverse volte, un po' per il fango e un po' per dei tratti davvero ripidi. Molto bella e panoramica la discesa sul Barbara. Solo un altro temerario al Barant, salito dal Barbara, che ringrazio ancora per il thè offerto.


[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
bellissimo anello
partire con calma perchè fino al Barbara sale di brutto(10 km da Bobbio),poi 6 km fino al Barant (rifugio aperto ottimo servizio),discesa al Jervis e poi fino a Villanova
il cellulare non prende per la maggior parte del percorso

[visualizza gita completa con 1 foto]
tipo bici :: front-suspended
giro impegnativo ma estremamente spettacolare. Ambiente superlativo. Salita durissima, non da un attimo di respiro.
discesa perfetta, fatta a bomba fino al jervis. da li in giù slalom tra gli escursionisti.
in totale 37.5 km.

con giro stefano e miky

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Anche questa era 1 chicca che tenevo in serbo da parecchio...e oggi causa perdurare delle ferie mi sono tolto!che dire...partito da Villar Pellice e poi su verso il Barbara...Tombino non indifferente!!! da li la strada diventa sterrata ma comunque bella,unica cosa bisogna ancora averne per altri 600mt e io sinceramente ero abbastanza alla frutta,diciamo che gli ho pedalati part-time alternando 1 po di sana escursione bici al seguito...a parte questo,giornata spaziale freschetta ma non fredda,clima ideale x salite di questo calibro in 3h al Barant,poi giu al pra x recuperare la "tuma"e giu...
Il if.Barant é chiuso nei giorni feriali ma dovrebbe essere aperto nei fine settimana...come sempre i soliti PORCI che lasciano immondizia x terra non mancano mai...!!!


[visualizza gita completa con 6 foto]
tipo bici :: front-suspended
Anello impegnativo e spettacolare .
Se l'itinerario fosse in Trentino sarebbe di fama mondiale .
Da Bobbio al Rif.Barbara l'asfaltata sale con pendenze notevoli in un ambiente alpino selvaggio ed integro. Poco prima del rifugio si imbocca lo sterrato a destra (indicazione) per colle Barant. La rotabile militare un tempo grossolanamente lastricata e' stata riassestata ed e' orapedalabile anche se su pendenze sostenute.Giunti al colle si ridiscende sul versante opposto raggiungendo il Rif. Jervis anche quì su strada restaurata.
Al colle la sorpresa e' il Rifugio Barant gia' Baracun APERTO!!!!Dei volenterosi "ragazzi" innamorati della montagna si sono armati di coraggio e buona volonta'rimettendo in sesto la struttura chiusa da sei anni.Il posto e' di grande suggestione , merita sicuramente di diventare un itinerario classico.



[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
salita bella dura, io ho trovato più impegnativo il tratto finale forse perchè ero bello cotto visto lo scarso allenamento in bici!
Discesa che immaginavo più impegnativa:sono sceso dalla bici solo in due brevi tratti e non sono certo un drago in discesa.
Al ritorno sotto Eyssarts abbiamo preso una bella strada che,sulla destra orografica della valle, prima in salita e poi con una interessante discesa, porta direttamente sulla piazza di Bobbio (si allunga una mezzoretta o poco più e si arrotonda un po il dislivello). In questo modo si evita quasi tutto l'asfalto ad eccezzione del tratto Villanova-Eyssarts.
Con Mulli,Alessio e Andrea.

[visualizza gita completa con 6 foto]
Scendendo dal col barant verso il jervis siam scesi in tre punti per troppi sassi sulla strada per il resto benone.

[visualizza gita completa con 4 foto]
tipo bici :: front-suspended
partiro da villar giusto per avere qualche km di riscaldamento ... confermo le rampe al 20% asfalto buono . sterrato al barant buono pendenze meno dure in 19 km si scollina . discesa in alcuni tratti non pedalabile a causa del divalamento . solo 2 tratti non ciclabili . Dal jervis in giu puro plasir di sterrato veloce !!!15 gradi al colle e nebbia fitta peccato .. sosta ristoratrice al jervis ottimo trattamento .... in solitaria

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Era da tempo che volevo fare questo bello e selvaggio anello, non a livello degli iron-bikers, ma per la famosa salita al Barbara e per abituarmi alle discese tecniche: obbiettivo raggiunto!!! Alle 8,30 partenza dalla piazza di Bobbio, con cautela salgo le prime rampe che portano nel vallone dei carbonieri, strada stretta con asfalto irregolare, sconsiglio per le bici da corsa, specie in discesa....pendenze toste con pochi tratti da prendere fiato. Breve sosta al rifugio, poi via per lo sterrato che porta al colle, in buone condizioni, con pendenze più accettabili, in un bell'ambiente silenzioso e selvaggio. Al colle già salivano le nuvole alle 11,00. Pochi minuti di pausa e via per la discesa, tecnica, ma non impossibile fino alla conca del Pra, pochi i tratti dove il portage è obbligatorio per non rovinare il mezzo!!!! Merita una breve sosta al giardino botanico, dove è presente un piccolo bivacco gestito da due simpatiche fanciulle!!! Dalla conca a Villanova, gran bella e veloce discesa, poi asfalto fino all'auto. Anche oggi, bella soddisfazione!!!!
Un saluto ai due amici bikers incontrati al colle con i quali ho condiviso la discesa fino alla conca del Pra. Grazie per avermi aspettato!!!

[visualizza gita completa con 6 foto]
tipo bici :: front-suspended
Salito al Barbara in poco meno di 1 ora e mezza, ho dovuto superare un... gregge di 800 pecore e capre che stavano salendo all'alpeggio! Fino al col Barant fondo in ottime condizioni. Peccato che dal colle il Viso fosse già avvolto nelle nuvole. La discesa alla conca del Pra è quasi tutta pedalabile, ho fatto a piedi solo 3 brevi tratti. Giornata fresca, perfetta per pedalare.

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Finalmente!!!
Al terzo tentavio riesco finalmente a chiudere il famoso anello Barbara-Barant-Jervis (il mio contachilometri ne segna 36 e non 50, come da relazione...).
Salito spedito nel primo tratto (su asfalto) ho parito un po' di più lo sterrato (molto ghiaioso nei primi 2 km), salvo poi riprendermi nel finale...
La nebbia tra i 1600 m ed i 2000 m ha mantenuto la temperatura gradevole, poi arrivato al pian delle marmotte si è aperto davanti agli occhi, oltre il mare di nubi, un cielo azzurro a 360° (vedi foto).
Discesa al jervis quasi tutta facile, tranne 4/5 tratti dove, essendo da solo, ho preferito scendere dalla bici per qualche metro... ma si possono fare!
Dal jervis in giù discesa facile e veloce per un rientro a casa giusto in tempo per il pranzo!
P.S. che tristezza il rif. barant desolatamente chiuso... che belle serate ci abbiamo passato!

[visualizza gita completa con 5 foto]
tipo bici :: front-suspended
Non ho fatto tutto l'anello partendo da Bobbio che deve essere un massacro. Partito dal rifugio Barbara, salito al colle Barant, sceso al Jervis e ritrovato compagna e macchina a Bobbio.
Giro molto bello, ci sono ancora alcuni punti con neve sulla strada, facilmente superabili.
Peccato le nubi dal colle

[visualizza gita completa con 1 foto]
tipo bici :: front-suspended
Ciclabile al 100% dal mio punto di vista, gran bella salita, impegnativa fino al Barbara più che altro per gli strappi ch rompono la continuità, ma da li in poi si puo prendere un buon ritmo. Non do la 5 stelle, solamente per la foschia nella seconda parte della gita. Discesa con un paio di tratti da prestare un pò di attenzione in quanto un pò di pietre mobili e qualche passaggio un pò più tecnico. Ottima compagnia di Mv56, Franco e Matteo. Alla prox ciao...

[visualizza gita completa con 9 foto]
tipo bici :: front-suspended
Giro superlativo nonostane un leggera foschia, in compagnia di Andrea (pluto79)siamo partiti all 8,45 circa e in poco più di 1,30 eravamo al bivio per col Barant, dopo una salita a dir poco epika (io devo aver visto anche qualche santo), piccola sosta alimentare quindi via di nuovo verso il colle che abbiamo raggiunto con un'altra oretta di pedalata (un pelino meno tosto). In cima ci hanno raggiunto gli amici incontrati a Bobbio Pellice, Franco e Matteo del CAI di Giaveno (nota: sono partiti dopo di noi). Altro rifornimento alimentare, qualche foto eppoi tutti giù per una discesa super. Qualche passaggio tecnico l'abbiamo incontrato, in alcuni tratti il fondo era sconnesso, ma perbacco, si va in mtb in montagna non ai giardinetti..., sennò il divertimento dov'è. Dai si scherza. Giornata ottima. La gamba ha risposto, la compagnia super, cosa chiedere di più?
Buona montagna a tutti.
Un saluto a tutti gli amici della gita.


[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
Bellissima giornata per affrontare questo bel giro che personalmente non trovo poi così malvagio, salita tutta pedalabile anche se dura, primo tratto fino al Barbara ripido ma asfaltato (sempre meno duro che con la bici da strada), secondo fino al Barant con qualche attimo di respiro. Discesa in qualche breve tratto trialistica causa alcune frane fino al Jervis (eventualmente si fa a piedi qualche decina di metri), poi sterrato comodo fino a Villanova, da qui in poi asfalto fino a Bobbio. Giro effettuato da solo incontrato però molta gente in particolare al Jervis.
Inserito traccia GPS completa

[visualizza gita completa con 2 foto]
tipo bici :: front-suspended
Non ve la consiglio molto di domenica. La salita al Barbara (a tratti molto dura) è una continua processione di auto. Poi inizia lo sterrato. All'inizio molto buono, ma la strada negli ultimi tornanti sotto la cima è a tratti rotta ed è duro restare in sella. Discesa verso la Conca del Pra... nella parte alta ci sono vari pezzi di strada ormai ridotti a pietraia. Poi via via diventa bella

[visualizza gita completa con 1 foto]
tipo bici :: no suspensions
Oggi io e il duz eravamo particolarmente aggressivi e abbiamo cambiato all'ultimo il nostro itinerario: invece di andare al jervis abbiamo azzardato la gita al barant... un po' in anticipo nella stagione... ed in effetti abbiamo dovuto arrenderci a causa della neve, ancora abbondante oltre i 2000 mt (credo ci vorranno un paio di settimane prima che la strada per il rifugio sia sgombra!).
Questo ha un lato positivo ed uno negativo:
POSITIVO = essendo rientrati in anticipo non abbiamo preso una goggia di pioggia!
NEGATIVO = ci toccherà tornare entro la fine della stagione per concludere la gita!
P.S. ho inserito la traccia GPS per rendere l'idea di dove inizia la neve...

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Salita da intraprendere solo con un po' di follia e un buon allenamento. I 9 km che da Bobbio portano al rifugio Barbara sono i più lunghi della carriera. In ogni caso i primi 2 km di salita sono abbastanza comodi, utili per spezzare il fiato, poi inizia l'inferno; rampe al limite del ribaltamento, lunghe ognuna qualche centinaia di metri con rari tratti più facili che le intervallano. In qualche modo con la lingua di fuori sono arrivato al Barbara. Da qui altri 7 km di una vecchia strada militare in buono stato, meno ripidi ma da non sottovalutar, specie i primi 3, se si è già un po' cotti. Momento di pausa al provvidenziale Piano delle Marmotte e poi i tornanti finali che portano all'intaglio del Colle, dove è presente il bel rifugio Barant.
La discesa sulla conca del Prà è inizialmente ottima, la strada è ancora buona nfino al giardino Peyronel, dove ho lasciato la bici e son salito in circa 15' sulla Punta Barant, 2425 m.
Ritornato in sella si prosegue con un lungo traverso ormai su un sentiero, fino a raggiungere il bosco, dove iniziano le note dolenti, la strada spesso non esiste più ed è simile al letto di un torrente, la ciclabilità della parte bassa non è molta. Direi discesa complessivamente pedalabile al 70%, variabile in base alla voglia di distruggere la bici. Raggiunto il Jervis, picchiata veloce e comoda prima su Villanova su sterrato e poi asfalto fino a Bobbio.
Itinerario che non avevo mai avuto il coraggio di fare, viste le pendenze importanti, ma di grande soddisfazione. Salito meglio del previsto sulle ripide rampe del Barbara, poi ho accusato un po' la stanchezza nel raggiungere il col Barant, salito con andatura blanda ma regolare. Peccato per le nebbie che mi hanno avvolto per lunghi tratti, poi anche un po' di pioggia ma gradevole. Tempo complessivo impiegato: 5 h


[visualizza gita completa con 1 foto]
tipo bici :: front-suspended
gita fatta al contrario, ma partendo da pinerolo-luserna-torre pellice-villanova; qui ho sbagliato e ho preso la mulattiera per il rifugio jervis al prà(2h30); dopo un'ora e mezza di lardo polenta e grappini vari risalita al col barant, ciclabile al 60% indicativamente. sentiero fortunatamente asciutto. dopo circa 1h30 passato il giardino botanico Peyronel si arriva al rifugio Barant,qui caffè corretto genepy per affrontare la discesa verso il rifugio Barbara, lungo questo sterrato ho bucato per ben 2 volte. trovato l'asfalto scendo veloce, e dopo un pò vedo miei amici ai tumpi, quindi 2 tuffetti nel gelido torrente ghicciard e poi giù per arrivare a pinerolo. partito da casa alle 9.30, arrivo a casa alle 18.30
da solo perchè mi hanno tirato pacco, ma ho trovato molti turisti gentili lungo il tragitto. effettuato in un sabato di rara serenità


[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
gita fattibile, il dislivello inizia ad essere interessante. il meteo non ci ha aiutato, ha piovuto e nebbione (visibilità 5m) da dopo il barbara fino al Barant e diluvio dopo Villanova. dai 2100m neve, ma strada pulita; sul versante verso il prà, subiro qualche lingua di neve sul percorso, ma si passano senza problemi; le "difficoltà" sono venute dopo, con frane umide e ruscelli sulla stradina..suggestivo il guado del torrente e la discesa nella pauta. avvistati 2 caprioli. peccato aver dimenticato la macchina fotografica
eseguito col mitico ottins. se ascoltate me, mangiate pranzo al rif. Barbara che voterò come piola d'oro 2007


[visualizza gita completa con 1 foto]
tipo bici :: front-suspended
Giro superlativo. Partito da Bobbio Pellice per raggiungere il rif. Barbara, una volta in loco decido, dopo congruo panino ristoratore, di partire per il col Barant e scendere al Jerwis per chiudere di nuovo su Bobbio. Ottima scelta. La gita, impegnativa per dislivello, è stata un'occasione per conoscere un zona nuova con diverse possibilità di gioco.
Alla proxima.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: MC+ :: MC+ :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 700
quota vetta/quota massima (m): 2373
dislivello salita totale (m): 1600
lunghezza (km): 36

Ultime gite di mountain bike

23/03/19 - Cornet (Monte) da San Damiano Macra, giro per i colli Birrone, Melle, Ciabra - Pik
Anche io ho fatto la versione soft, utilizzando la strada militare fra il colle Birrone e il colle della Ciabra; discesa dall'itinerario normale, via Roi, Mostiola e Podio. Comunque a prima vista si p [...]
22/03/19 - Pietraborga (Monte) da Piossasco - lucabelloni
Tornato al San Giorgio/Pietraborga con l’obiettivo di percorrere il Sentiero Chiantore, che non avevo mai fatto. Partenza da Sangano alle 10,30, salita dai Galli fino a San Valeriano su single track [...]
22/03/19 - San Giorgio (Monte) da Piossasco - biggy
Salito da sangano - bosco delle fate - sterrata normale. Poi traversato al col del prè e sceso dai Cinghiali, bellissimo tutto asciutto e in ottime condizioni. Clima tardo-primaverile...
18/03/19 - Morté (Colle del) ad Pianfei, giro per i Ruderi di Mirabello - Puma
Escursione divertente soprattutto per la presenza di un single track in mezzo al bosco, con curve, discese, drop vari, ecc.
17/03/19 - Superga (Basilica di) da Torino, giro con discesa sentieri 600 e 28 - lucabelloni
Breve giretto in collina per togliere un po’ di ruggine…partenza dal Ponte Sassi, pianura fino a San Mauro e quindi salita da Strada Moncanino fino a Villa Viale, dove ho preso un bel sentiero che [...]
17/03/19 - Garbagnate - Magenta - stellatelli
percorso sempre segnalato e protetto, salvo attraversamenti, numerosi punti di ristoro uscendo dalla pista e entrando nei paesi, fondo sempre ottimo (se asciutto), adatto mezze stagioni
16/03/19 - Cornet (Monte) da San Damiano Macra, giro per i colli Birrone, Melle, Ciabra - GIORGIOBI
Dal colle Birrone al colle della Ciabra abbiamo seguito la militare con meno fatica ma anche un po meno panorama. Da Mostiola questa volta abbiamo seguito il ramo che scende a Molineri di Pagliero...s [...]