Crabun (Monte) da Fey Dessus/Prà

note su accesso stradale :: Strada con divieto di transito a Fey
Salita fino al bivacco su sentiero segnalato dai bolli rossi della gara, ultima acqua (al bivacco no acqua) all'alpeggio Barmet.
Bivacco ok con coperte gas, fornelli, pentole, 6/8 posti.
Scesi in traversata dal colle Arche primo tratto di cresta con radi segni gialli, ma segnato dai passaggi, dal colle verso gli alpeggi discesa ripida e disagevole lungo la massima pendenza senza indicazioni,su erba e mirtilli fino alla traccia che in traverso verso SX che porta alle case, poi discesa semplice fino all'auto
Usato traccia gita Bubbolotti
SEGNALETICA
SENTIERO FACILE
BIVACCO CUCCETTE
BIVACCO CUCINA
DAL BIVACCO
BIVACCO CUCINA E VETTA
DALLA VETTA
DISCESA NON PIACEVOLE
BIVACCO CUCINA E DIETRO CUCCETTE

[visualizza gita completa con 9 foto]
A quanto pare le nuvole (oggi erano più che altro termiche) sono spesso presenti, leggendo i vari contributi. Oggi mi hanno accompagnato fino a pochi metri sotto la cima, ma è non mi è dispiaciuto. Sono rimasto nel "fresco" senza continuare a chiedermi quanto mancasse.. tanto non si vedeva nulla.
Ammetto che non capisco la presenza dei bivacchi e soprattutto a pochi passi dalla cima, ma è anche vero che non conosco bene la zona.
La salita, come già hanno scritto altri, è costante e non stacca quasi mai, tranne un veloce pianoro con una bella fontana. E proprio qui, complice le nuvole a altezza uomo e la mancanza di segnaletica mi sono chiesto dov'era finito il sentiero. La traccia gps è stata in questo caso utile!
In giro oggi nessuno che camminasse su due zampe...
...ah sono salito da Pra (il cancello è aperto)


[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: ok
Bei colori autunnali per questa gita che ho iniziato dal cumbal sotto (lasciata l'auto al torrente, poco dopo Marine, si va su' sulla sinistra orografica fino ad incrociare il sentiero numero 4, e poi lo si segue fino a Fey), per godere appieno del bosco dai mille colori. Vento frizzante in cresta. Sentiero comodo bivacco accogliente poco sotto la cima.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Strada consortile da Fey a Pra vietata alle auto dal 1/10
Sentiero sempre ben tracciato e numerose segnalazioni(bolli e cartelli)
Neanche una nuvola per tutta la giornata e caldo eccessivo visto il calendario;non fosse stato per i colori tipicamente autunnali sembrava agosto!
Saliti in maglietta grondando di sudore!
Partiti da Fey Dessus rispettando il (poco chiaro) divieto di transito sulla strada consortile che porta fino a Pra;1575 metri di dislivello per circa 14 Km.
Ottimo panorama in cima e bel bivacco poco sotto la vetta


[visualizza gita completa con 6 foto]
Sentiero bel segnalato. A maggior ragione oggi che c'era la corsa podistica.
Oggi di servizio cronometraggio alla gara podistica Pont-Crabun e dunque unito l'utile al dilettevole


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: in auto fino a quota 1.300, dove la sede stradale era ostruita da un camion per lavori
itinerario molto ben segnalato, ho solo perso per un attimo il sentiero a quota 2.100, seguendo una traccia verso destra. Puntando verso la cresta, là dove, a quota 2.200, inizia il lungo ed evidente diagonale ascendente in direzione della vetta, l'ho ritrovato dopo qualche minuto...
Giornata bellissima e panorama stupendo, anche se le dame di Challant nascondono buona parte del Rosa.

Solo, ho incontrato un unico escursionista, un tipo tosto che è salito da Challant, è passato dal Colle Dondeuil, dalla Cima del Lago e dopo il Crabun è sceso su versante di Gressoney per poi risalire al Colle ecc.
Non ho capito se l'ordinanza di percorribilità della strada consortile era in vigore o meno...


[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: Ottimo
Oggi meteo spettacolare non una nuvola e temperatura ottima im maglietta fino agli ultimi 100 m di dislivello.Lascita auto a Fey rispettando il divieto anche se è un pò assurdo incontrati solo 2 altri escursionisti sul percorso qualche placchetta di neve nella parte finale molto corte e eventualmente anche aggirabili attualmente si sale benissimo con scarpe da trekking basse. Un attimo di attenzione verso le ultime baite verso la cresta oppure le varie tracce gps.

[visualizza gita completa]
mai nessuna montagna aveva avuto nome più brutto , quando l'escursione è molto bella.
saliti da Pra . Sopra le ultime baite bisogna fare attenzione a non farsi distrarre dai tratturi delle mucche e perdere il sentiero
Giornata bella perché serena e non calda. La cosa da non sottovalutare è lo sviluppo soprattutto dalla cresta alla vetta.
Panorama di tutto pregio.



[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: La sbarra è aperta, anche se c'è il divieto....
Bella salita, niente neve e ghiaccio sui versanti a sud, a nord sotto la vetta ci saranno 10 cm di neve recente.
Bella, bella, bella ! Prima volta da queste parti e sicuramente ci tornerò. Scorci molto suggestivi con il via vai di nuvoloni. Peccato solo non aver visto il Monte Rosa


[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: strada poderale chiusa dal 1° di ottobre
Due stelle per la nebbia! Nebbia che ha imperversato per tutta la durata dell'escursione, il sole non si è quasi mai visto e naturalmente non nel momento in cui ero in vetta. Salita in solitario, mulattiera prima e sentiero poi in ottime condizioni. Attenzione solamente sul pianoro a ca. mt. 2300, nei pressi di un alpeggio, dove l'erba alta lo nasconde un po'! Io qui l'ho perso per poi rientrare dopo un lungo traverso. Bello e caratteristico il crocefisso ligneo in vetta. E bello anche il bivacco poco sotto la punta.
Salito in h. 2,20
Km. di salita 5,600

[visualizza gita completa con 8 foto]
Sentiero ben segnalato e ottimo panorama. Raccomandabile quando la strada è aperta fino in cima (da verificare).

[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: ok fino a Prà. ampio parcheggio
Purtroppo gita condizionata dalla copertura nuvolosa e dalla nebbia, quindi con panorami pressochè nulli (peccato perchè il posto è molto bello). La salita è molto costante e piuttosto dura, tanto è vero che in poco più di 5 km di sviluppo si coprono 1400 m di dislivello. I passi percorsi su terreno pianeggiante non superano credo i 50 m lineari! Ciò permette quindi una salita molto veloce, dapprima su mulattiera fino a Plan, poi su sentiero terroso passando nei pressi di alcuni alpeggi (qui a tratti si perde un po' di vista la traccia, ma basta salire sempre in linea verticale). Ultimo tratto con un lunghissimo traverso che poi raggiunge il filo della comoda cresta, toccando i bivacchi e infine la cima. Il sole ha fatto qualche timido tentativo di comparsa, ma le nuvole evidentemente salivano più rapidamente di quel che sono riuscito a fare io. Pausa pranzo all'interno del bivacco dove ho approfittato dei fornelli per un thè caldo. Discesa altrettanto veloce e scorrevole come la salita.
Incontrate altre 4 persone oltre ai numerosi pastori nei pressi degli alpeggi. Da rifare con clima migliore.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: strada asfaltata fino a Pra
Confermo la possibilità di raggiungere Pra in auto, la strada è percorribile fino al 30/09/2015 (vedi ordinanza comune di Perloz n. 11/2015 del 27/05/2015).
Sentiero ben tracciato, con gradoni e parapetti in legno nei tratti più esposti.
In prossimità di una baita diroccata, prima dell'ultimo tratto che conduce alla cresta, occorre imboccare il sentiero sulla sx e prestare attenzione a non seguire una traccia che conduce ad un alpeggio.
Tempo di salità da località Pra 3 h e 1/2.
Salita pomeridiana per osservare il tramonto e godere della luna piena - pernotto al bivacco (in ordine!)
Con Gian, Luca e Bridget


[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: Aperta fino a Fey dessus
Salito in mtb da Settimo Vittone sino alla frazione Pesse , poi a piedi sino in cima su ottimo sentiero. Incrociato solo 4 escursionisti ed in cima una trentina di pecore che hanno disseminato una quantita' notevole di escrementi.....tempo buono temperstura ideale

[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: Possibilità di parcheggio anche a Fey Dessus e/o Pesse
Ottimo sentiero, due possibilità di acqua a Pra e Pian, poi basta. Giornata molto calda. Dalla cima la vista è spettacolare. Bivacco confortevole ma piuttosto piccolo. No acqua nelle vicinanze. Per il ritorno ho optato di scendere la cresta Ovest verso il col d'Arche perché salendo avevo cisto un cartello indicatore. Purtroppo ho dovuto constatare che la natura si è rimpossesata del sentiero e quindi la discesa è stata abbastanza avventurosa

[visualizza gita completa]
finalmente una bella gita! ottimo sentiero, tantissimi fiori, bel panorama.
un consiglio: siccome il percorso dall'inizio alla cresta e' piuttosto monotono,
conviene fare la gita col bel tempo, per non privarsi del panorama, che arriva
dopo 1100 metri di dislivello
con Toni


[visualizza gita completa]
Ultima giornata di stampo estivo/autunnale con inversione termica della temperatura: giù in valle 3 gradi ed alla partenza di Pessey 10 gradi.
Abbiamo sfidato il divieto e ci è' andata bene.
Saliti i 1300 m. e poco più di dislivello in 3 ore esatte e scesi in 2 ore.
Incontrati solo un escursionista in arrivo sulla cima quando stavamo per scendere ed una coppia in salita. Da provare senz'altro tramonto e alba pernottando nel bivacco in cima.
Per l'escursionismo/alpinismo quest'anno stop.


In compagnia del colonnello Umberto.





[visualizza gita completa]
A Fey Dessus non abbiamo sfidato il divieto di transito (in loco non sono riportate deroghe) e quindi siamo partiti come da descrizione dalla mulattiera che si stacca dalla strada un tornante prima della frazione (1080m). Bella e ripida la salita di questa mulattiera che porta a ricongiungersi alla strada poco prima di Pessey. Proseguito come da descrizione. Al Piano degli alpeggi fontana funzionante. Sempre bel sentiero fino alla vetta raggiunta in 3h30. Scesi per la cresta sud (riportata in cartina), traccia un po' da cercare (4F - EE): alcune, poche, frecce gialle, aggirato tutto i salti rocciosi sul versante Est. Al Col d'Arche, memori di una bella indicazione splendente e nuova (1A - EE), ci aspettavamo una traccia o almeno una sequenza di frecce che ci permettesse di chiudere l'anello... Nulla! Scesi lungo il canalone e per vaghe, e intendo veramente vaghe, tracce abbiamo deviato gradualmente a NE fino ad incontrare alcuni alpeggi ed imboccare una traccia un pelino più marcata che ci ha portato proprio al bivio visto durante la salita! Boh... Assolutamente sconsigliato con nebbia. Rientro senza problemi fino all'auto. Proposto variazione itinerario: con partenza dalla mulattiera di Fey, come descritto, il dislivello sale a 1631m senza considerare i saliscendi (non molti per la verità). Da Pra in su incontrate solo cinque persone: quattro in vetta e una in salita sul tardi. Bivacco riverniciato di fresco e ancora molto puzzolente.
Con Bubbola


[visualizza gita completa]
Gita molto bella, non troppo luga, ma salita che non molla mai, noi siamo partiti dalla sbarra verde cioè in tutto sono 1600 metri di dislivello, ma nulla di inpegnativo tutto percorso su immensi pascoli.
Giornata davvero molto bella, non troppo caldo ne troppo freddo con simpatica inversione termica sulla pianura, ringrazio Matteo e Piero.


[visualizza gita completa con 4 foto]
A distanza di alcuni sono a rifare la vetta del Monte Crabun, una salita continua con poche zone dove rifiatare (d'altronde il dislivello c'è) ed una infinità di scalini - Percorso come da intinerario, lungo l'iniziale stretto vallone, per poi aprirsi nel pianoro superiore dove ci sono i vari alpeggi e lungo traverso che porta a raggiungere la cresta che divide dal vallone di Issime con i suoi laghi, raggiunta la cresta ancora due strappi e si arriva ai due bivacchi posti sotto la vetta sormontata da una croce ed una scultura di un Cristo in legno - Panorama dalla vetta veramente grandioso su una moltitudine di vette della Vda e sulle vette canavesane, con una visuale molto ravvicinata sulle Dame di Challant

[visualizza gita completa]
Oggi itinerario molto affollato in occasione della gara podistica da Pont saint Martin. Salito in mtn da Settimo Vittone fino a Pra ' poi ovviamente a piedi assieme agli ultimi concorrenti della gara. In vetta panorama quasi sgombro da nubi e the' caldo offerto dall'organizzazione

[visualizza gita completa]
Partenza mattutina da Pra per sfuggire al solito maltempo pomeridiano,scelta azzeccata anche se arrivati in vetta già arrivavano le nubi sulle cime circostanti più alte.A confronto della mia prima salita del 1997 ho notato un netto miglioramento dei sentieri,ora si sale senza problemi,l'altra volta dall'alpe Barmette non avendo trovato il sentiero su diritti per i ripidi prati fino a raggiungere la cresta.Lavori di manutenzione sulla mulattiera prima dell'alpe Pian,oltre belle fioriture prima di raggiungere la cresta.Con Giovanni,Piero e Mario.Buone gite a tutti.

[visualizza gita completa con 8 foto]
Meta a breve distanza da casa per sfruttare la mattinata di bonus meteo. Come già scritto si parcheggia a Pra risparmiando quella noiosa ora di avvicinamento. Sentiero 1 sempre ottimamente tracciato, con qualche ruscellamento sotto l'Alpe Pian. Utile fontana all'Alpe Pian. Qualche rischio di confusione all’Alpe Repian per le varie tracce di servizio all’alpeggio. Bella distesa di gigli intorno a quota 2000. Dalla vetta scesi per la facile cresta al Passo dell’Arche, aggirando alcune piccole elevazioni ora sul versante Nantay ora su quello di Arnad (tracce, qualche tacca gialla sbiadita del sentiero 4A proveniente da Le Pellouas). Dal colle, dove stanno fiorendo tantissime stelle alpine, discesa ripida e ravanosa per pietraia e distese di rododendri fino all’Alpe Barmet e poi congiunzione con il sentiero 1 presso l’Alpe Bec. Sole e aperture la mattina, poi nuvole montanti e gocciolamenti, ma la pioggia vera è arrivata che eravamo ormai quasi alla macchina.

Con Alf, una dozzina oggi le persone viste salire o scendere.



[visualizza gita completa con 8 foto]
Confermo che una recente ordinanza del sindaco di Perloz permette il transito, durante il periodo estivo, fino all' imbocco del sentiero a Prà. Il dislivello si può ridurre cosi' a circa 1350 m. in tre ore di cammino. Il bivacco a uso cucina è veramente molto sporco e con infiltrazioni d'acqua e andrebbe pulito e sistemato. Migliori le condizioni del dormitorio, utilizzabile con il proprio sacco a pelo.

[visualizza gita completa]
Torno sul Crabun dopo 32 anni anche per vedere il bivacco non presente allora.
Salito da da Fey de Sousse (cartello di divieto di transito),dopo i primi 30 minuti di percorso in parte su strada, salita molto diretta e redditizia con bel sentiero sino in cima.
Essendo in Val D'Aosta mi aspettavo di trovare il bivacco in migliori condizioni (molto umido e sporco)peccato perchè la posizione meriterebbe una nottata per vedere l'alba.
Tempo molto variabile ma non ho preso pioggia e di questi tempi è già tanto.

[visualizza gita completa con 1 foto]
bella gita, come da esposto del sindaco, si puo' proseguanire oltre la sbarra di divieto fino ad un parcheggio evitando tutta la strada asfaltata, circa 3 km e guadagnando circa un ora,da li seguire in sentiero marcato fino alla cima
con Raffaella e il mitico Sergio


[visualizza gita completa con 1 foto]
Percorso di lunga durata con un buon dislivello da colmare. Il posto è magnifico la vista ancora di più..
Scendendo trovato un solo escursionista solitario che saliva ed un cacciatore a Fey. Con Patrick.


[visualizza gita completa con 5 foto]
Bellissima salita a questa cima non troppo conosciuta ma che mi ha sempre affascinato, il precedente tentativo lo abbandonai per la troppa neve e la mancanza di tempo. Sono previste nubi in arrivo per la tarda mattinata, per cui decido di partire prestissimo ed alle prime luci sono già in cammino verso Prà. Zeus è visibilmente affaticato dalla salita al Mantova di due giorni prima, per cui tengo un passo tranquillo ma costante. L'ambiente è aspro e solitario ed il primo sole mi illumina che sono poco sopra l'Alpe Ibec, alla base del grandioso circo sommitale a quota 2180 m. Il cielo è meravigliosamente terso ed arrivo in vetta in mezzo alle capre senza difficoltà dopo 3 ore dalla partenza. Panorama splendido su Monviso, Bianco, Gran Paradiso e Combin, oltre che sulle Dame di Challand che coprono quasi interamente il Rosa; una menzione anche alla pregevole vista sui laghi sottostanti. Incontrato solo un pastore col suo cane lungo la salita ed altre quattro persone che salivano mentre scendevo. Le nuvole arrivano come da previsioni che sono già all'Alpe Pian.
Un saluto particolare al runner di Ivrea con cui ho condiviso parte della discesa ed un grazie a Zeus per la compagnia e la tenacia, nonostante le zampe doloranti non ha mai mollato.


[visualizza gita completa con 7 foto]
Bella gita, abbastanza lunga (oltre 16 Km per 1600 m di dislivello), complice il lungo tratto di strada asfaltata, a transito vietato.
Impossibile non stigmatizzare una strada costruita con una montagna di soldi pubblici, ma riservata a pochissime case, pressoché senza alpeggi e per lo più di non residenti. Forse ci conveniva mantenere stabilmente questi fortunati alle Seychelles :(


[visualizza gita completa con 7 foto]
partecipato alla corsa del campionato avmap 2012. che dire...organizzazione impeccabile come sempre peccato solo per la concomitanza di eventi (vicina corsa ai piani) che hanno ridotto il numero dei partecipanti su questo bel tracciato.

[visualizza gita completa]
Salito ieri pomeriggio con caldo atroce nella parte bassa e nella nebbia più in alto, riposato nel bivacco in mezzo a grandine e temporale, sceso questa mattina presto con un vento che mi sbatteva in terra, sembrava dovesse ribaltare il bivacco. Ho cercato di sfruttare al meglio la pausa tra le perturbazioni facendo questa gita di buon allenamento che permette di dare un'occhiata alle dame di challand prima di un eventuale tentativo di salita : al momento risultano ancora innevate. Il sentiero è ben segnato ed evidente, ma in presenza di nebbia e con erba alta come ieri, nella parte centrale, diciamo vicino agli alpeggi, si rischia di perdere la traccia se non si conosce il percorso. Bella la tirata finale sotto la cima ed il panorama nei valloni sottostanti e sulle creste. I bivacchi sono puliti ed in ordine. Giunto ai bivacchi, il minimo che potevo fare era di salire alla cima sul filo di cresta evitando la traccia. Avvistato alcune marmotte. Mentre salivo, tra le altre persone, ho incontrato un giovane atleta salito da Pont che si allena per il famoso Tour de Géants.

[visualizza gita completa con 6 foto]
note su accesso stradale :: In macchina fino a Fey
Partiti a piedi sulla strada asfaltata bloccata al traffico e raggiunto l'inizio del sentiero dopo mezz'ora. Da qui si prosegue su ampia mulattiera e poi su sentiero che esce in cresta in corrispondenza degli ultimi nevai residui. Si raggiungono quindi i bivacchi e la vetta in un tempo totale di circa 3 ore 45 min con buon passo.
Il bivacco in legno è ad oggi ancora bloccato dalla neve, mentre il bivacco a botte ci ha permesso di entrare per mangiare al riparo dal vento che si è alzato in quota.
Giornata comunque calda e soleggiata nelle prime ore e poi caratterizzata da nuvole di passaggio ad alta quota.
L'esposizione a sud permette di raggiungere la meta senza problemi anche in questo periodo primaverile. Peccato per il divieto di transito lungo la strada che obbliga gli escursionisti ad un noioso avvicinamento su asfalto.
Grazie a Simone per questa gita di apertura della stagione


[visualizza gita completa]
La giornata ..."spaziale"...(e mite) di oggi, ha propiziato questa bellissima escursione, su questa bella montagna che finora avevo visto tante volte, anche dalla strada all'ingresso della "Vallè"..., e quindi "lacuna" colamta... Oggi solitario (e solo un altro escursionista che scendeva mentre io completavo la salita, sulla vetta), ma parafrasando un'espressione (da "antologia") di un amico gulliveriano oggi su altri monti, in "beata solitudo, sola beatitudo"...

[visualizza gita completa con 2 foto]
Si percorre sempre il sentiero n.1 che taglia la poderale asfaltata e supera le varie frazioni abitate,si inerpica per lo stretto vallone raggiungendo i vari alpeggi ed infine la vetta dopo un lungo traverso.
Tempo di percorrenza: ore 3,30 -4 secondo il passo e le soste.
Bella gita in compagnia di Stefania e Giancarlo che l'hanno proposta , giornata quasi estiva per il caldo ma con colori autunnali ,nessun altro in circolazione ,nemmeno animali ,ambiente suggestivo e selvaggio e panorami estesi .


[visualizza gita completa con 6 foto]
In 2h 52' da Fey Dessus. Mattinata soleggiata con nubi da calore a partire dalle 11 (quando ho iniziato la discesa). Dalla cima bel colpo d'occhio sui laghetti sottostanti e sulle Dame di Challant. Nessuno in giro, a parte un pastore.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: ottimo fino a fey dessus
dal parcheggio seguire l'ottimo sentiero n.1.che taglia i tornanti della strada asfaltata e fa guadagnare circa 30 minuti.Salita veloce perche' il sentiero sale su pendenze costanti.In cresta un venticello gelido ha favorito la salita.With my Soul sia in salita che in discesa.il tempo e' stato in salita sereno poi si e' coperto in discesa.I Colori in quota sono gia' di color ocra.Che l'Armonia Vi accompagni.

[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: Strada inspiegabilmente chiusa a Fey..
Va bene il divieto di transito quando si tratta di strade sterrate di servizio per i vari alpeggi (agro-silvo-pastorali, molto di moda in Vda), ma il divieto di circolazione su di una strada asfaltata che porta a due piccoli paesini proprio non riesco a capirlo. Comunque mi sono adeguato lasciando l'auto a Fey e sciroppandomi la strada per una buona mezz'ora a passo svelto sino alla partenza del sentiero a Pra'.Prima parte noiosetta e tutta all'ombra , poi decisamente meglio,con il sole e pittoreschi scorci con le piante monumentali dei paesini vestite d'autunno. Da Pra' sentiero ben segnalato e "molto deciso" nel salire sino in cima.
Cielo blu al mattino sul mare di foschia della pianura ; al pomeriggio invece il cielo si e' piano piano coperto mentre in basso la foschia lasciava il posto ad un pittoresco mare di nubi.
Incrociati solo 3 escursionisti e 1 camoscio.
Con Claudia 4wd.


[visualizza gita completa con 2 foto]
Giornata di pieno sole e celo sereno- fresca al mattino e molto limpida su ottimo sentiero ben curato e segnalato (con evidenti segni di recente risistemazione) con ottimo panorama a 360°.

Bella escursione, organizzata da Adriano Scavarda per la GM di Ivrea; 12 i partecipanti dell’ottima compagnia: Ivo Iride Adriano Fulvio Massimo (max49) Elio@C francesca Adriano@D Alberto Sergio Emma.
Percorsa in poco più di 3 ore da Pra.



[visualizza gita completa con 6 foto]
Bella gita in un angolo sinora sconosciuto della Vallè. Dalla punta ottimo colpo d'occhio su Gran Paradiso, Bianco, Velan, Gran Combin e Cervino.

[visualizza gita completa con 2 foto]
Considerate le previsioni poco incoraggianti, e soprattutto fidandoci di 3Bmeteo, abbiamo scelto questa gita perchè abbastanza vicina. Ci è andata benissimo, con sole e cielo praticamente sereno per tutta la mattinata. Arrivati in cima sono comparsi i primi vapori. Siamo comunque riusciti a fare tutta la discesa tra sole e passaggi nuvolosi, ma senza pioggia. Ambiente migliore di quanto tutti ci aspettassimo e buon colpo d'occhio sulle montagne intorno, soprattutto sulle "Dame". Escursione piuttosto lunga e con alcuni tratti ripidi ma sempre su ottimo sentiero e con perfetta ed abbondante segnaletica. Peccato per il lungo e fastidioso tratto su strada asfaltata (perché mai non è transitabile?).
In ultimo un saluto da tutti alla gulliveriana betty boop, che ama moltissimo questa montagna. Con Marta, Piero, Fausto ed Elio.

[visualizza gita completa con 2 foto]
gara pont-bivacco crabun
partenza da pont
2350 m di dislivello dichiarato (più un saliscendi)

ottima compagnia di tanti atleti
grazie a chi ha offerto da bere sul percorso e i buoni cibi all'arrivo in cima
organizzazione impeccabile
unica pecca (per me non è una pecca): niente cronometristi



[visualizza gita completa]
Bella salita,pallosa la prima parte su strada ma visitare Pessé e Pra con i loro alberi secolari merita.Il sentiero/mulattiera sempre ben segnato sale ben diritto,infatti in meno di 3h. ero in cima.Tempo bellino alla partenza,poi molto coperto e freddo dopo.Toccata e fuga per evitare di prendere acqua.

Foto e relazione:
Pan e Pera



[visualizza gita completa]
Partiti non presto dal parcheggino prima del divieto di transito, con vento forte che faceva temere una gita assai poco divertente ma di fatto ha dato fastidio solo a tratti lungo il percorso e poi in vetta, dove abbiamo sostato pochissimo. A Pra, un'ordinanza del sindaco datata luglio 2008 vieta il transito lungo il sentiero comunale che porta alla località Alp (che è anche il sentiero di salita per il Crabun) a causa di una frana. Mentre ci chiedevamo che senso avesse dare pubblicità all'ordinanza a un'ora a piedi da dove si deve lasciare l'auto, una signora del luogo, da un prato in distanza, ci rassicurava. "Potete andare! E' bella, è bella!". Infatti la mulattiera è stata ripristinata ed è perfettamente transitabile. Panorama notevole dalla cima, anche grazie al bassissimo tasso di umidità odierno nell'atmosfera.

[visualizza gita completa con 6 foto]
Neve a chiazze a partire dai 2100 m. circa, più continua lungo il tratto di sentiero sotto la resta est (versante erboso e molto ripido, scivoloso con neve marcia..prestare attenzione). Giornata buona e temperatura ideale. Incrociato vipera sul sentiero vicino ad una pietraia poco dopo pra..occhio! Visto il dislivello bella gita di allenamento. L'auto si può lasciare anche vicino all'inizio della mulattiera; noiosi i tratti sull'asfalto ma visto il divieto parcheggiare a Pra potrebbe essere rischioso.

[visualizza gita completa]
Nebbia sino a quota 2500 poi cielo azzurro e sole caldo, ritorno nuovamente nella nebbia, da solo

[visualizza gita completa]
Saliti in tre ore. Vetta panoramica e meritevole sicuramente... sentiero di attacco vero e proprio alla montagna piuttosto ripido
Con Renato


[visualizza gita completa]
bella gita ma un po' lunga, effettuata con una giornata da cartolina
ancora una volta, grande sergio


[visualizza gita completa con 1 foto]
Assenza totale di neve, tempo buono ma molta foschia a limitare la visibilità dalla cima.
Sentiero ottimamente tracciato e segnalato.

Rispettosi del divieto di transito, siamo partiti a piedi da Fey Dessus. Lunga salita ma molto interessante e varia attraverso un vallone molto selvaggio.


[visualizza gita completa con 1 foto]
con gli amici corrado ed elio. in un ambiente bellissimo abbiamo sfruttato la mezza giornata di bel tempo x salire al mont crabun. bellissimi i masi o rascard (x i canavesani) da san grato alla chiesetta di munes e molto pittoresco il lago di siawa (o piccoli laghi x la cartina che oltre al lago non indica piu' un bel niente mentre il sentiero x il crabun sale ripido fino alla cresta indicato da visibili tacche rosse, molto belli anche il rifugio ed il bivacco ed il cristo sulla croce della vetta. un saluto ed un grazie all'amico corrado martiner testa grande conoscitore delle montagne valdostane e piemontesi x averci portato e guidato in questa bellissima gita.

[visualizza gita completa con 1 foto]
Sgambata di allenamento con il socio Mario, peccato per il vento freddo.

[visualizza gita completa]
Salita di allenamento, tanti cacciatori, tempo molto bello, un pò freddo.

[visualizza gita completa]
Salita serale al Crabun dal Pra', trovato 3 persone che pernottavano al bivacco, discesa sino a Marine poi auto sino a PSM, bella gita.

[visualizza gita completa]
Consapevole degli imprevisti che l'andare in alto in questa stagione a piedi comporta, ghiaccio un po ovunque e molta neve da pestare, mi sono trovato qui non so come a Fey Dessus alla vigilia di Natale a salire il Crabun. Stando attento a non scivolare su fondo vetrato quasi ovunque, e resistere fino alla cima affondando a ogni passo nella neve alta. Pero' una volta in vetta la vista sulle Dame di Challant era un premio a ricompensa della fatica fatta per arrivare fin quassu'. Qualcuno potrebbe ipotizzare che una gita del genere se fatta con le ciaspole allevierebbe di molto la fatica, ma non tutti condividono il fare montagna con questo tipo di attrezzi a cui non sono abituato e di cui non dispongo.

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1370
quota vetta/quota massima (m): 2710
dislivello salita totale (m): 1340

Ultime gite di escursionismo

21/04/19 - Maletto (Alpe) da Carema, anello - Giagi
Effettuato l'anello in senso antiorario, salendo direttamente per la mulattiera che si presenta pulita e in buono stato, con indicazioni in giallo per l'Alpe Maletto abbastanza frequenti. Altrettanto [...]
21/04/19 - Cornet (Monte) e Monte Rocceré da Sant'Anna di Roccabruna, anello per Colle della Ciabra e Balmascura - annagarelli
sono partita in bici da dronero; poi a una certa mira, l' ho lasciata lì per prendere, a piedi, un sentiero che mi ha portata a s anna; in alto si può salire di fianco alla neve e quindi anche con l [...]
20/04/19 - Monega (Monte) e Carmo dei Brocchi dal Passo della Teglia - daniele64
Anello lungo ma non difficile . La salita si è svolta in pratica su sterrata ben segnalata e la discesa lungo il crinale . Unici tratti con qualche difficoltà la ripida discesa da Cima Donzella al P [...]
20/04/19 - Vaccherezza (Sacrario di) da Prato del Rio, percorso dell'eccidio - erba olina
Partita da Condove (lasciata l'auto nei pressi della Piazza del Municipio) e seguito fino a Mocchie l'itinerario per il Truc Castelletto descritto su gulliver: per questa parte mulattiera in condizion [...]
20/04/19 - Aighiera (Monte) e Il Pelvo da Vinadio, anello - massimo66
Fatto giro come descrittto...quota neve appena sopra le 3 cime..intorno ai 180 metri...Ambiente selvaggio, dopo il monte Aighiera non ho trovato tracce ma la Punta del Fo è sempre in vista ....poi il [...]
20/04/19 - Grosso (Monte) da Valdinferno, anello per Colla Bassa e Monte Berlino - gianmario55
L'idea originale sarebbe stata di salire l'Antoroto e poi compiere la traversata fino al Berlino. Purtroppo la giornata non delle migliori, con molte nubi, specialmente al mattino, ma soprattutto l'in [...]
20/04/19 - Ovaga (Bec di) o Res da Alpe Casavei - Franco1457
Rifugio chiuso. In discesa ho fatto un anello: nei pressi della cappelletta ho preso il sentiero 604. Opzione poco consigliata: tante foglie nella faggeta e sentiero un po’ invaso dai rami ma comunq [...]