Agneaux (Montagne des) Couloir Piaget

osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: Farinosa
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa compatta
quota neve m. :: 1400
In sintesi il nostro lungo giro da circa 10 h e 3300 D+, su terreno ad oggi totalmente vergine (!):
Monetier 1495 mt. > Pic de Dormillouse per il Tabuc > Discesa couloir Ovest > Crête de Paveous > Re-couloir Ovest > Risalita all
Agneaux per il couloir Sud fino a quota 3630 mt. circa, quindi cambio d'assetto e mega discesa per il Couloir Piaget in polvere 5* > Risalita alla Pointe du Reou d’Arsine > discesa su le Casset ancora in farina pressata > rientro a Monetier per la pista di sci di fondo.
Sci ai piedi dal park di Monetier ovviamente, da cui siamo partiti con frontale alle 6.20...
Nonostante le varie esposizioni affrontate, la neve si è presentata sempre molto ben sciabile. Il Piaget una gran libidine !! Peccato solo le molte pietre affioranti nella parte alta che non consentono di calzare gli sci dalla cima, ma da quanto ho capito qui è una cosa abbastanza usuale purtroppo (ghiaccio o pietre)...
Versanti Sud molto caldi (temperature alte per il periodo), Nord e Nord Ovest a posto, ma da valutare la presenza di eventuali accumuli da vento. Nel tracciare abbiamo cercato di fare scelte sicure (nei limiti del termine...).
Gran bel tour con Jerome e Feis, in una giornata Top!
Jerome nella prima discesa. Pelvoux sullo sfondo
polvere
Feis
verso la terminale dell Agneaux
verso la vetta
cambio assetto
giù per il Piaget

[visualizza gita completa con 10 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Con giova che scava la trincea, condizioni eccezionali. Nella notte scese due/tre spanne di neve del canale cha hanno aderito bene sul vecchio strato di neve (non ben rigelato, deve aver fatto molto caldo in alta quota). Canale bello gonfio, innevamento ottimo. Ci siamo fermati sotto il colletto, prima della calotta.
gran sciata


[visualizza gita completa con 2 foto]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Quando la fortuna aiuta gli audaci! Nuvolo da le casset fino al col d'arsine poi tutto aperto e attacchiamo! Dai 30 ai 50cm di polvere notturna sul conoide e nel canale. Un culo atomico a battere ma discesa da sballo! Siamo usciti sulla cresta ma non abbiamo raggiunto la calotta perché era nella bufera, nel canale solo intonsità e godimento! Partiti con calma alle 6.50 arrivati alla spalla alle 12. Gran giornata con andre franz e lucia sul pic du lac al sole!

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m. :: 2200
Niente neve fino al Col D'Arsine, quindi contate 2h di portage sia in salita che in discesa.
in realtà la nostra salita è stata un pò più complessa del Piaget "standard"..
Prendiamo il primo accesso alla parete anzichè il secondo e superiamo una stretta ed incassata goulotte su neve dura e ghiaccio. Da qui passa in testa Sborderzena che batterà traccia fino alla fine (chapeau!).
Prendiamo una variante di dx, che solamente dopo, sbirciando su skitour, si rivelerà essere Transhumance Hivernale (5.3) che "muore" sotto una cresta.
Giorgio forza il passaggio e con un aereo traverso a sx, su neve inconsistente, appoggiata a rocce molto ripide, ci portiamo sull'uscita della Diretta e da qui per cresta in cima.
Prime curve sulla Calotta su neve recente un pò pesante, poi ci buttiamo nel Piaget. Neve varia: portante, un pò di crosta e a tratti farina densa, complessivamente sciabile.
In uscita, prendiamo il canale di accesso corretto, superiamo la terminale e ancora qualche curva sul conoide.
Rientro al Col D'Arsine su marcione da paura, cercando di stare il più alti possibile sulle morene, per evitare di dover spingere, dopodichè "passeggiata" fino a Le Casset..
Partenza alle 5:15 ..rientro alle 17:15 !!
Complessivamente 2140 mt di dislivello.. Una gran gita, non c'è che dire! Forse per me il più lunga e impegnativa mai fatta in giornata e non al 100% delle mie condizioni.
Grazie al mitico Sborder per la tenacia in battitura e per l'esperienza nella valutazione delle condizioni.. Con lui c'è sempre da imparare.

[visualizza gita completa con 17 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m. :: 2000
Ci siamo fermati sulla cresta senza raggiungere la cima. A monte della strettoia posta ad un centinaio di metri dall’ uscita, sulla parte destra del pendio, strato superficiale di farina scarsamente coeso alla neve sottostante che, a me, ha richiesto attenzione. Sciata più rilassata su farina abbondante, ma leggermente appesantita dalla strettoia in giù.
Con Enrico, forse alla sua ultima uscita sul ripido.


[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: ok
quota neve m. :: 1800
Gita che non mi è piaciuta, per sciare 600 metri di parete/canale, occorre fare 1400 metri di avvicinamento che sono veramente poco sciabili. Dal conoide a sotto il col d'Arsine le curve sono veramente poche e si tratta di quasi 1000 metri di dsl. Portage di 30 minuti circa.
Parete in condizioni ottime 30 cm di farina abbastanza leggera sicura e divertente, fermati sulla cresta oltre il termine del canale poichè la calotta non ci è sembrata in condizioni pietre nel primo tratto e un leggero strato di polvere appiccicato al ghiaccio nel secondo.
Come detto dal conoide in giù poche curca su neve un po' più lenta perchè toccata dal sole. Andando a reperire il filo della morena e seguendola fedelmente si evita di spingere.
Visibilità che andava e veniva, ma sempre buona per sciare.
Con Feis


[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Partiti con il bel tempo, arriviamo rapidamente alla base del luungo couloir. Era già tracciato, ma gran fatica a ribattere la salita. Crepaccia terminale appena visibile.
A metà couloir, arriva la preannunciata forte nevicata; usciamo, si vede molto poco, e verso la Calotte ci sono 60-70 cm di neve fresca.
Quindi a malincuore (e con le gambe distrutte) ci avviamo alla discesa, partendo più a destra rispetto alle precedenti partenze, troppo strette: discesa bella, sostenuta, con il tratto più ripido alla strettoia centrale.
Fino all'uscita sono (da altimetro) 1930 m circa di salita da Le Casset.
Neve: in alto farina, in mezzo crosta che tende a partire sotto lo sci alternato a neve dura, ultimo tratto in 20 cm circa di farina caduta nelle poche ore in cui abbiamo occupato il canale.
Il tratto chiave è sicuramente la strettoia centrale, punto più ripido (molto divertente).
Fuori dal conoide visibilità zero, seguiamo le tracce poco visibili dei predecessori che ci riconducano al col d'Arsine (tratti di crosta) e quindi nel vallone di Le Casset, su 5 cm di farina sopra neve primaverile precedente.
Si arriva in sci a 5 minuti dal ponte.
Con Andrea, che ha proposto il gitone che mi aveva "ossessionato" un mesetto fa, e che ha fatto finta di farmi le foto tutto il giorno.
Per me, questo era l'obiettivo numero 1 della stagione sciistica, grande soddisfazione.


[visualizza gita completa con 11 foto]
note su accesso stradale :: si arriva fino alla sbarra presso il ponte
oggi il Piaget non era al meglio, diciamo che dopo un così lungo avvicinamento uno ha delle aspettative,la parte bassa è praticamente insciabile per le rigole ghiacciate, in alto sulle contropendenze cè un buon firn ma nel centro e decisamente rovinato.Andare sulla calotta non l' ho preso in considerazione.Molto bello l' ambiente oggi non cera nessuno
in tutto il vallone. Il canale del Nege Cordier dovrebbe essere migliore ma è completamente al sole già alle 7, bisogna essere veloci! dal conoide fino al col arsine firn
velocissimo da li in giù si salvi chi può.
forse domani metto le foto

[visualizza gita completa con 3 foto]
Davide ha già detto molto. Sottolineo solo la criticità dei primi 50 m; neve che "scappa da sotto", nulla di peggio per lo snowboard. Poi progressivamente meglio fino alla decantata farina compressa. 3,5 h circa per arrivare al conoide con spostamento spaziale, ma poi in discesa non si spinge nulla tenendosi alti sulla destra (faccia a valle). Le foto prossimamente, ora nanna.
Oggi orfani di Andrea......


[visualizza gita completa]
visto il tempo alla mattina non ci speravamo, poi qualche schiarita ci ha invitato a provare.Salita lunga lunga,tantissima neve ovunque,canale da tracciare(solo in due e un pò di più il grande alf); neve nel canale a tratti puoder compressa , a tratti dura e in alto farina sempre più inconsistente fino ad essere praticamente appiccicata alle rocce senza molto fondo.Usciti in cresta nella maniera classica ma rispetto alla linea riportata nella foto siamo usciti decisamente più a destra(verso la vetta) sfruttando una diagonale di una ottantina di metri piuttosto ripida. Oltre la cresta oggi prorio non conveniva andare, la calotta è verde.In discesa primo tratto impegnativo per visibilita' e per neve che tendeva a svalangare..dopo tratti esaltanti di polvere,neve smossa ma morbida..molto divertente.sotto ottimi pendii con tratti di scarsa visibilita',poi scivolamento no problem fino alla macchina.
nb: in alto abbiamo portato via parecchia neve, ma si può uscire in cresta prima.io,alf(oggi niente cugino) e un francese incontrato in solitaria di nome Jerome che dormiva di nuovo al ricovero al col d'arsine e domani farà un'altra salita.Ambiente e discesa di alto livello estetico.
alle prossime.

[visualizza gita completa con 1 foto]
foto agli Agneaux e al Piaget lo stesso giorno, dalla Breche Cordier

[visualizza gita completa con 2 foto]
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
Si calzano gli sci in vetta alla Montagne des Agneaux: Calotte in 20-30 di farina ma che gaz, Piaget in farina pressata con solo una strettoia in alto dura e segnata dai passaggi di lunedì ma comunque nessun problema, poi pendioni commoventi. Praticamente top condizioni contando che si scia la Calotte (quasi 1000m di sciata sostenuta). In giornata rimane bella lunga (canale da ritracciare) ma ambiente Ecrin. Con Jerome (che ringrazio per l'ospitalità), il Cobra ed Enrico.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
Gita effettuata in giornata partendo da Le Casset.
Notevole sviluppo in un' ambiente superlativo.
Tracciata tutta in salita, su neve molto difficoltosa su tratti sfondosa, con fondo non perfettamente omogeneo, dovuto credo all'esposizione prevalentemente a ovest, e da slugie sul tratto iniziale vecchie
Sciisticamente non molto appagante proprio per la qualità della neve troppo sfondosa, ma si tratta pur sempre di una notevole linea, a mio giudizio meno impegnativa del dovuto.



con Flavio e Lodo, e 4 giovani spagnoli davanti a noi che si sono subito arresi, a batter traccia... pelandroni


[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 07/04/07 - walter
  • 07/04/07 - massimopodio
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: canale
    difficoltà: II :: 5.2 :: E2 :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Nord-Ovest
    quota partenza (m): 1569
    quota vetta/quota massima (m): 3669
    dislivello totale (m): 2100

    Ultime gite di sci ripido

    18/02/20 - Flassin (Mont) Versante Nord - chicca
    Bella salita e discesa diretta dalla punta non sempre fattibile lungo il versante Nord del Mont Flassin, necessita di condizioni di neve sicure. Parte del percorso è in comune con l’itinerario per [...]
    17/02/20 - Bissort Rocca o Cheval Blanc Canali Sud Est - popino
    Condizioni non al top. Vento alla partenza, che cala nel vallone ma si fa sentire impetuosamente in cima. Le velature si trasformano rapidamente in copertura nuvolosa , con solo qualche lamata di luce [...]
    17/02/20 - Citrin (Cote du) Canale della virgola - rebatta bousa
    Oggi ero sicuro di trovare condizioni migliori per scendere questo canale, partiti alle 8.45 da Pleney con ottima neve farinosa, salita senza problemi nel bosco con ottimo grip e poi iniziato a tracci [...]
    16/02/20 - Pierre Andrè (Aiguille) Couloir des Militaires - jonny_bravo
    Partiti per andare a vedere Jean Coste e dintorni, ci rendiamo presto conto che le condizioni da sogno trovate ieri sul Vallonasso sono già un lontano ricordo, evidentemente la zona non ha beneficiat [...]
    16/02/20 - Oronaye (Monte) Canale sud di Sinistra (Via Normale) - teob
    Parte alta del canale proprio magra come già segnalato da mv_free con numerose pietre affioranti e passaggi obbligati. In discesa sopra la strettoia neve dura e impegnativa. Sotto la strettoia trasfo [...]
    16/02/20 - Oronaye (Monte) Canale sud di Sinistra (Via Normale) - mv_free
    Parte bassa del canale ben innevata purtroppo la parte alta molto magra e stretta. Sceso alle 11.20 con vento patagonico che non ha fatto mollare per niente la neve nella parte alta (alla faccia dello [...]
    16/02/20 - Piure (Punta) Canale Nord - brusa
    Sono salito a Mascogna passando dal sentiero a piedi. Si pestano 20 cm di fresca che posano sul terreno (non suff per salire con gli sci fin tanto che non si esce dalle piante). Questo tratto, in disc [...]