Stolenberg, Stralin, Passo Uomo Storto traversata cresta Nord-Sud

Stolenberg, Stralin, Passo Uomo Storto traversata cresta Nord-Sud

Dettagli
Dislivello (m)
800
Quota partenza (m)
3200
Quota vetta/quota (m)
3260
Esposizione
Varie
Grado
PD+

Località di partenza Punti d'appoggio
Ristori Passo dei salati e Funivie

Note
Itinerario classico molto interessante e mai troppo impegnativo, panorama assicurato tra le due Valli colonizzate dalle popolazioni Walser ed il massiccio del Monterosa. Tale traversata, effettuata da nord verso sud acquista senso se si utilizzano le risalite su fune altrimenti a piedi dalle valli laterali è consigliabile la percorrenza inversa. Ottima alternativa di ripiego con condizioni avverse su ghiacciaio.
scarponi, imbracatura, corda 30mt, qualche friends medio e piccolo, cordini e attrezzi di calata.
Avvicinamento
Partenza da Staffal (Gressoney La Trinité) o Alagna (Valsesia) tramite Impianti di risalita direzione Passo dei Salati poi Funifor di Indren.
Dalla nuova stazione di Indren dirigersi verso la Vecchia funivia di Punta Indren e tramite sentiero segnalato dirigersi a Sud verso la spalla che conduce alla Punta Stolenberg 3260, prima tra le innumerevoli cime e "gendarmi" che verranno saliti lungo l'itinerario.
Da qui inizia la traversata verso sud della cresta che separa la Val di Gressoney (Vallée D'Aoste) dalla Valsesia (Piemonte).
Descrizione

Attaccare lo Stolenberg dapprima su sentiero e poi mantenendo il filo di cresta fino a raggiungerne la vetta 3260 (passaggi di 2°/3°). discesa spostandosi sulla dx x riprendere sentiero fino passo Salati. Risalire per comodo pendio il facile Corno del Camoscio 3024mt. discesa mantenendo la sx per sentiero fino al Col d’Olen, storico luogo di passaggio. Da qui attaccare direttamente la frastagliata cresta del Corno Rosso, alcuni passaggi di 2° e 3° grado fino al caratteristico passaggio tra le rocce attraverso una finestra naturale che conduce alla vetta 3023mt. facile discesa sulla sinistra mantenendo il filo di cresta superare una punta (?)2962mt con passaggi di 2°/3° grado sia in salita che in discesa fino al passo di zube 2871mt. Salire la cresta successiva punta (?), 3018mt, aggirando un gendarme, discesa leggermente sulla sx su ripidi pendii erbosi e salti di roccia, eventualmente corta calata in corda per poi trovarsi al caratteristico Passo della Civera (“gerla” rovesciata)2938mt. Attaccare la Stralin con alcuni passaggi più delicati che forse sfiorano il 4° grado, superare un gendarme con eventuale corta calata e continuare per facile e suggestiva cresta fino in cima 3115mt. proseguire per guadagnare altre 2 cime a quota 3059 e 2957 mt. per poi ritrovarsi al passo della Coppa 2914mt. da qui per evitare il tratto forse più impegnativo si può scendere da entrambe i versanti. La salita per cresta al Corno Grosso 3042mt presenta tratti più impegnativi ed aleatori (alcuni passi di 4°+). oltre proseguire per cresta superando altre due cime, 2072 e 2958mt per scender al Passo dell’Uomo Storto 2880mt. rientro da entrambe le Valli.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
davide-frachey
21/06/2015

Nelle vicinanze Mappa

6 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Link copiato