Rimà (Testa) dalla Diga di Rio Freddo

Rimà (Testa) dalla Diga di Rio Freddo

Dettagli
Dislivello (m)
1642
Quota partenza (m)
1156
Quota vetta/quota (m)
2506
Esposizione
Nord
Grado
E

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Percorrere la valle Stura di Demonte fino a Vinadio deviando, un chilometro dopo il paese, verso il colle della Lombarda e il Santuario di Sant'Anna di Vinadio. Al termine della lunga serie dei tornanti, nei pressi della ex dogana, uno stretto bivio verso sinistra segna l’inizio del vallone di Riofreddo; percorrere il tratto che porta verso la diga di Riofreddo fino a raggiungere il ponte che la precede parcheggiando nei pressi.
Descrizione

Dal parcheggio seguiamo la strada asfaltata che conduce verso la diga di Riofreddo per poche decine di metri svoltando poi a sinistra (indicazione) sulla sterrata per il forte Piroat. Entriamo ora in un’ombrosa faggeta seguendo un lungo percorso che taglia un boscoso versante ovest. Dopo un po’ raggiungiamo il forte Serziera abbandonato tra le erbacce. La strada prosegue ancora un po’ fino a alcune postazioni militari. Da lì seguiamo un sentiero che, a zig-zag, continua in salita nel bosco di faggi. Molto più avanti, deviando qualche metro dal sentiero, abbiamo la possibilità di avere una splendida visuale dall’alto di Vinadio. Proseguendo ancora oltre il bosco inizia a diradare mentre si fanno più vicini la punta Ciarnier (2573 m) e il monte Ciastella (2313 m). Quando il pendio si attenua raggiungiamo il magnifico pianoro di punta Crosa (1905 m) con la sua croce di vetta. Alle spalle di punta Crosa proseguiamo nella radura (direzione sud-est) che viene ravvivata da genzianelle, rododendri e alcuni larici fino a raggiungere un numeroso gruppo di trune abbandonate poste sul versante est della cima Trent. Dalla cima Trent parte un percorso ben tracciato che si allunga verso sud lungo la cresta erbosa in direzione della Testa Rimà (2536 m). È un tracciato molto bello e invitante che taglia le pendici sul lato Riofreddo. Testo by cuneotrekking.com

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
superoute66
29/09/2019
1 anno fa
Link copiato