Poca e Tejè (Colli) da Dronero

Poca e Tejè (Colli) da Dronero
La gita
andrea81
3 01/10/2022
Equipaggiamento
Front-suspended

Ho fatto un giro assimilabile a questa descrizione ma molto più ampio.
Partito da Dronero, salito su asfalto a Montemale di Cuneo, quindi proseguito sino alla frazione Piatta dove inizia lo sterrato, dal Colle di Piatta.
Qui fitto bosco, umido ma non fangoso, fino al Colle Traversera.
Portage in discesa su sentiero un po’ sporco, fino a Biut dove ricompare la sterrata che mi ha portato alla frazione Sant’Anna di Piossasco. Qui ho deciso di scendere a Tetti, per poi riprendere la salita da Cartignano verso Santa Margherita passando per Ruata del Prato.
Asfalto fino a Santa Margherita, a tratti ripido, dove si scollina.
Sono salito a piedi fino al Monte Tejè (200 m di dislivello dal Rifugio Margherita).
Dal quadrivio seguente ho continuato per Colle Poca, scendendo alla borgata Cuccetto e poi per un tratto di portage in discesa nel bosco, fino a intersecare un meraviglioso single track a mezza costa. Continuato verso destra fino a raggiungere il Colle Poca (ciclabile al 99% in salita). Brvee divagazione a piedi per la vicina Punta Gordan, bel panorama.
Ritornato indietro con il single track fino a Moschieres, perfettamente ciclabile.
Strada sterrata fino a incontrare l’asfalto nel vallone di Combamala, dove ho deciso di salire a Paglieres e poi proseguire fino a Celle di Macra, anche se una volta scollinato oltre Paglieres alla borgata Serre, mi son reso conto che sarebbe ancora stata lunga per Celle Macra, così sono ridisceso in modo più rapido da Paglieres per Combamala, fino a incontrare la strada provinciale della Valle Maira, discesa molto blanda fino a Dronero, condita con aria contraria.

Giro che così effettuato ha portato 2300 m di dislivello e 70 km, in posti davvero dimenticai tra borgate abbandonate, boschi infiniti e un dedalo di sentieri/sterrate, meglio avere una traccia gps altrimenti qualche errore è inevitabile.

Link copiato