vigiutribula


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: snowboard
Gita di grande soddisfazione, con poco sviluppo (rifugio-rifugio sono meno di 12km) ma con un impegno da non sottovalutare.
La cresta, a seconda delle condizioni può portare via più tempo del prevedibile, stesso discorso per quanto riguarda il canale.
Ottima la sistemazione all'invernale del rifugio Malinvern nel caso questo fosse chiuso. Equipaggiato con 5 letti a castello (10 posti) ed un piccolo tavolo. Acqua solo scendendo al torrente o sciogliendo la neve nei pressi del rifugio.
2a uscita del corso SA3 CAI di Chiavasso.
Saliti nel pomeriggio all'invernale, comoda e confortevole nottata, con vista veramente fantastica dalla vetrata del rifugio.
Partiti molto presto al mattino, canale in ottime condizioni, senza ghiaccio, solo una strettoia un po' più ravanosa ma niente di che.
Percorsa la cresta attrezzando 3 tiri nei punti più delicati, due all'inizio su misto ed il terzo nel traverso a metà del percorso di cresta circa.
Bellissima gita, solo "disturbata" da un vento gelido che ci ha accompagnati tutto il giorno.
Grazie Fabio che ha tirato fuori questa splendida idea !

Il Malinvern davanti a noi raggiungendo il rifugio

Rifugio Malinvern e locale invernale...in cima alla scala !!

In canale Dufranc che appare visibile a circa 2400mt

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Strada aperta fino alla diga
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: snowboard
Abbiamo approfittato di questa stagione avara di neve per raggiungere in auto il lago di Teleccio cosa che normalmente non è possibile fino a primavera inoltrata.
La solita slavina bordo lago è decisamente ridotta rispetto al solito ma molto inisidiosa in quanto, stamattina, completamente ghiacciata.
All'andata abbiamo preferito aggirala dal basso, mentre al ritorno l'abbiamo affrontata diretta, con non pochi patimenti, ma in entrambi i casi si perde parecchio tempo.
Sentiero che sale pulito occhio solo ai frequenti tratti ghiacciati. Purtroppo siamo stati accompagnati da un vento patagonico fino al Pontese che ci ha costretto a trovare riparo nell'invernale.
Dopo un'ora di attesa siamo ripartiti visto che si era attenuato molto a parte alcune raffiche violente, ma saltuarie.
Neve continua dal rifugio in poi che oggi non ha mollato mai viste le temperature dovute al vento gelido da N-NO.
La meta doveva essere il Blanc Giuir ma vita la tarda ora ed il vento ci siamo fermati al cole dei becchi.
Discesa molto bella, parte alta su farina pressata, poi crosta portante ma godibile fino al piano che abbiamo guadagnato scendendo dal canale diretto che porta al piano delle Muande.
Nei prossimi giorni se trasforma un po' il firn non dovrebbe mancare.
Oggi in sempre ottima compagnia di Frank.

In arrivo a Pontese

sopra al rifugio

tracce di discesa parte alta

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: snowboard
Bella e semplice gita che permette di raggiungere un'altura nei pressi del Col d'Arsine.
La sciabilità è limitata (sopratutto con lo snowboard) in quanto i pendii davvero godibili sono giusto un paio per il resto le pendenze sono modeste.
La gita pur essendo solo 1.000mt ha uno sviluppo di circa 15km A/R ma si svolge in un bell'ambiente.
Vento in quota ma niente di insopportabile.
Buone le condizioni di innevamento (considerando l'annata infausta), farina pressata nella parte alta, non si toccano pietre ed al momento si arriva comodamente alla macchina.
Oggi in ottima compagnia di un allegra comitiva del CAI di Giaveno.
sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m. :: 1300
Condizioni del canale più che buone, con ottima traccia di salita, solo gli ultimi 70mt sono su neve dura/trasformata in quanto in alto prende un po' di sole.
Nella strozzatura che c'è un 100 mt prima della cima, ci sono un po di pietre cadute dalle rocce soprastanti ma in discesa si riescono ad evitare abbastanza facilmente.
In discesa, a parte il primo tratto sopra descritto, farina pressata godibilissima con brevi tratti in polvere, alle condizioni attuali una signora discesa.
Dal conoide in fondo al canale c'è ovviamente di tutto, crosta, ventata, primaverile... ma comunque ben scorrevole fino al parcheggio di Flassin. Allego traccia di salita.
Grazie ai mie compagni di oggi, Luca, Giò e Frank che mi hanno condotto al mio battesimo di sci ripido.

Parte bassa del canale

Pendenze sostenute

parte centrale

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: snowboard
Salita di un certo impegno per sviluppo e dislivello.
Buon rigelo notturno, al momento c'è un bel traccione fino in vetta per cui non è stato necessario mettere i coltelli.
Dal rif. degli Angeli in poi la neve non è ancora trasformata, ma non durerà molto, oggi gran caldo su tutto il percorso.
Il pendio finale che conduce alla madonna di vetta è un bel supplizio, complice l'orario tardo si sfondava fino al ginocchio. Salito e disceso a piedi, la qualità della neve non meritava di portar su tutta la mercanzia.
Discesa su buon fondo fino all'auto. Neve ancora asciutta/polverosa nei pendii superiori e poi bella primaverile dal rifugio in giu.
In definitiva, bellissima gita, in ottima compagnia di Giuliano e Paolo.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: snowboard
Viste le condizioni nivo-metereologiche ed il forte vento previsto, non era il caso di andarsi a cercar grane in giro, per cui abbiamo optato per questa gita semplice ma comunque piacevole.
Saliti per il sentiero del bosco e discesi seguendo invece la strada fino ai pratoni sopra l'abitato di Bousson.
Al momento la strada di rientro è godibile con bella neve e zero ghiaccio.
Nella Notte una spruzzata di neve in basso che al lago Nero si sono trasformati in 10-15cm, vento assente fino al colletto (150mt prima della vetta) dove era veramente impetuoso.
Oggi in compagnia di Frank, che stranamente non ha dimenticato nulla....o non me lo ha detto !??..boh :-))
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: nessun problema
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: snowboard
Partenza dal parcheggio di Bruil poco prima delle 9 con -14, ma fortunatamente senza vento.
L' obbiettivo odierno era l'Entrelor ma dal pianoro delle baite Entrelor in poi non è battuta ed inoltre ci sono accumuli davvero importanti che ci hanno sconsigliato di proseguire.
Per cui deviazione verso il col Gollien, il cui percorso è battuto. Siamo rientrati per lo stesso percorso di salita in quanto la discesa nel vallone di Sort non ci ispirava sia per qualità della neve che per la sicurezza del percorso.
Mai scelta fu stata più azzeccata....discesa favolosa in 50cm di polvere.
Delicati solo gli ultimi 150mt di bosco dove, anche se la neve è bella e abbondante, non ha fondo per cui bisogna "andar leggeri" comunque, con un po' di mestiere, si arriva all'auto senza grossi problemi.
Oggi in allegra compagia di Cecu, Frank, Giorgio e Paolo

Salendo nel pianoro appena sopra al bosco

In vista della meta, sullo sfondo

In cima

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: snowboard
Saliti partendo dall'Alpe Rebelle (loc Chez-Chenoux), sci ai piedi, dove abbiamo seguito la poderale fino alla località Chalon (2.011mt) da li si sale nel bosco e si guadagna rapidamente il pianoro superiore.
Oggi condizioni della gita eccezionali, con ottima traccia.
Giunti al colle siamo saliti in vetta per la cresta (ramponi necessari !!), poi scesi nel vallone rivolto a NO che porta nella Comba di Grand Chamin, su pendii favolosi in polvere.
Giunti alle baite Grand Chamin, si scende agevolmente lungo la poderale ben innevata e divertente fino a Chamin, da li la strada statale è innevata, ma c'è da spingere.... fino alla località La Ferrera da cui inizia l'asfalto.
Da Chamin all'Alpe Rebelle sono 2,5km circa, ma scorrono via velocemente e comunque la discesa fatta li vale tutti !!
Si può rientrare ovviamente anche dallo stesso vallone di risalita ma essendo esposto a sud la qualità della neve ne ha risentito.
Oggi in ottima compagnia di Frank e Giuliano
...Frank l'acqua !!!

Pianoro superiore, uscito dal bosco

La parte centrale della salita

La crestina che dal colle raggiunge la vetta
Sciabilità :: ** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: Con un 4x4 e 4 buine gomme invernali volendo si arriva fino a Plan Debat
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: snowboard
Lasciata l'auto un centinaio di mt sotto a Plan Debat a quota 1970, da cui si trova neve continua.
Fin li si arriva senza grossi problemi con qualsiasi vettura con 4 buone gomme invernali.
Oggi da solo fino al colle.
Dal rifugio al colle si sale senza grossi problemi su neve compatta lavorata dal vento e sastrugi per fortunatamente non gelati per cui si rompono al passaggio.
Sceso alle 13,00.... bella surfata fino al rifugio da li in poi crosta non portante un po' faticosa.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: nessuno
Traversata in condizioni eccellenti.
Al momento crepacci per lo più chiusi o cumque ben individuabili/traversabili.
Cresta di risalita alla Midì sempre delicata e molto esposta, anche se al momento meno del solito data la grande quantità di neve.
Occhio che gli ovetti di rientro non sono funzionanti per tutto il 2018, per cui si deve scendere a Chamonix e prendere il bus (15€) fino a Courmayeur.
Oggi in ottima compagnia di Frank, che se avesse avuto la macchina fotografica a pellicola gli sarebbe servito uno zaino solo per i rullini ! :-))
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Malinvern (Monte) dal Vallone di Riofreddo, salita dal canale Dufranc e discesa dal colletto di Valscura (12/05/19)
    Becchi (Colle dei) dalla Diga di Teleccio (18/03/19)
    Pradieu q. 2571 da Le Casset (09/03/19)
    Fallére (Mont) spalla 2973 m Canale NO (25/02/19)
    Rutor (Testa del) da Bonne (17/02/19)
    Fournier (Cima) da Bousson (11/02/19)
    Gollien (Colle) da Bruil, traversata valloni Entrelor - Sort (04/02/19)
    Tsa (Tour de la) da Bionaz, per versante S e possibile traversata su vallone di Sassa (20/01/19)
    Champillon (Col) da Chatelair (31/12/18)
    Vallèe Blanche traversata Punta Helbronner-Aiguille du Midi (09/07/18)
    Aigle (Aiguille de l') da la Visaille (03/06/18)
    Blanchen (Gran Becca) da Chamen (19/05/18)
    Furggen (Cima del) o Tète de la Forclaz da Cervinia (22/04/18)
    Serena (Col) da Mottes (01/04/18)
    Arno (Bivacco) da Pila (30/03/18)
    Rocca Nera (Punta) da Cortavetto (25/03/18)
    Corquet (Mont) da les Druges (11/02/18)
    Champillon (Col) da Chatelair (01/02/18)
    Gnifetti Giovanni (Rifugio) da Indren (22/08/17)
    Palù (Piz) Cima Orientale e Cima Centrale Via Normale svizzera dalla Chamanna Diavolezza (02/08/17)
    Giordani (Punta) Via Normale da Indren (17/07/17)
    Rocciamelone da Malciaussia per il Rifugio Tazzetti e il Colle della Resta (13/07/17)
    Rechasse (Pointe de la) da Pralognan la Vanoise (04/07/17)
    Carrel (Croce) e Rifugio Duca degli Abruzzi all'Oriondé da Cervinia, anello (30/06/17)
    Coin (Testa del) dal Ponte d'Almiane (20/05/17)
    Trécare (Becca), spalla Ovest da Cheneil (13/05/17)
    Jervis Guglielmo (Rifugio) da Villa (22/04/17)
    Viou (Becca di) da Blavy (03/11/16)
    Vallèe Blanche traversata Punta Helbronner-Aiguille du Midi (13/09/16)
    Invergneux (Colle) da Cogne, giro valloni Urtier - Grauson (06/09/16)
    Gran Costa (Monte) da Sauze d'Oulx, giro (01/09/16)
    Filon (Tète du) da Glacier (28/08/16)
    Crou de Bleintse (Mont) e Mont Saron da Plan Debat, anello per il Col Champillon (14/08/16)
    Filon (Tète du) da Glacier (19/07/16)
    Zumstein (Punta) Via Normale da Indren (07/07/16)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (06/07/16)
    Salliaousa (Col de la) da Vaud (03/07/16)
    Goletta (Lago) da Thumel per il Rifugio Benevolo (30/12/15)
    Crete Seche (Colle di) da Ruz (06/12/15)
    Aosta (Rifugio) dalla Diga di Place Moulin (20/08/15)
    Reboulaz Luca (Bivacco) da Praz (02/08/15)
    Superga (Basilica di) da Settimo Torinese (20/06/15)
    Borroz Egidio - Rotary (Bivacco) dalla Val Clavalitè (01/09/14)
    Blanche (Tète) da Glacier e il Rifugio Chiarella all'Amianthe (22/08/13)
    Faceballa (Monte) da Ollomont per il Col Breuson (17/08/13)
    Fourchon (Mont) da Montagna Baus (13/08/13)
    Gontier Mario (Bivacco) da Vieyes (14/07/13)
    Leonessa Lionello e Lucio (Bivacco) da Valnontey, anello per Rifugio Vittorio Sella (06/07/13)
    Croce (Punta della) da Colle San Carlo (30/05/13)
    Sià (Colle) e la Merola da Moies (22/05/13)