steocasag


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: Invernali indispensabili
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: free-rando
4 stelline abbondanti.
Saliti solo poco oltre il colle delle Vallette a causa della visibilità diventata nulla in pochi metri.
Scesi tenendoci a sinistra (senso di discesa) della cresta di naia in un vallone intonso e con una neve stupenda e abbondantissima
Neve che si mantiene buona fino a poco meno di 100 metri sopra la strada che riconduce alle auto.
Solo noi sull'itinerario discesa
Con Ale, Cri, Enry e Franz
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva fino a 1750 m circa
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
4 stelle e non cinque solo perché, come dice Ale "mica era in farina"...
Si lasciano le auto a circa 1750 metri, a causa di un paio di slavine non ancora liberate, ma si cammina su asfalto fino alla diga.
Da qui, prima su valanghe e poi su sentiero, si arriva al rifugio, contare 1h30m tranquilli per arrivarci
Pernottato al Pontese, sempre un gran bel posto. Ovviamente strapieno, ma oltre a noi solo altri 6 sul percorso.
Partiti alle 06.30, condizioni perfette per tutta la salita: ottimo rigelo al mattino e salito il canale in condizioni fantastiche , neve morbida il giusto per consentire una progressione sicura e comoda.
Canale magro, con qualche punto ben gelato duro, ma sciabile senza problemi (da quelli più bravi di me ovviamente...)
L'arrivo in vetta è veramente stupendo, con tutta la VDA che di colpo si apre allo sguardo
Gran discesa su neve che aveva mollato il giusto e che era ancora decisamente buona anche in basso, la settimana di freddo le ha fatto un gran bene.
Con Ale, Cri, Fede (direttamente dalla Finlandia, alla sua seconda gita, senza parole) e Matteo
Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada pulita
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Si calzano gli sci alla partenza della seggiovia, bordo strada e si arriva alla strada con gli sci ai piedi. Neve continua lungo tutto il percorso
Purtroppo la stradina di raccordo è abbastanza alla frutta, gita da cogliere al volo.
Stando nei tempi (essenziale con questo caldo anomalo) la gita è da quattro stelle abbondanti.
A salire utili i coltelli
Discesa iniziata poco dopo le 11,scegliendo di percorrere il canale che porta direttamente al Col des Trois Frerers, più impegnativo ma senza valanghe a disturbare, a differenza del pendio di salita.
Prime curve sotto la cima su un velo di farina cotta su fondo duro, imbocco del canale duretto ma poi un velluto fantastico fino al pianoro della seggiovia. Solo in quest'ultimo punto si sfondava in qualche tratto (ecco il motivo della stella mancante).
Con un paio di tratti in leggera spinta sulla stradina si arriva senza problemi all'auto.
Con Alberto e Cristina
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Indispensabili termiche
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: free-rando
Arrivati fino a Thures sotto una fitta nevicata e con la strada completamente innevata (catene o 4x4 indispensabili stamattina a salire). Al mattino un 20-25 cm già presenti, aumentati durante la durata della gita di qualche cm, in alto direi un 30 cm abbondanti dove Eolo non si è divertito.
Temperatura di -4 alla partenza ore 09.15 e assenza di vento
Saliti sotto una stupenda nevicata, in alcuni momenti davvero intensa, che faceva pregustare quello che avremo trovato.
Ultimi 100 metri della gita con un vento patagonico, ma per fortuna ci si può cambiare e rilassare nella cappelletta in cima.
In discesa, i primi metri con scarsa visibilità e neve già lavorata dal vento, alternanza di accumuli e zone spelacchiate, mai poi un sogno di polvere impalpabile da urlo fino alla macchina...con la gradita sorpresa di una luce che andava velocemente aumentando, fino a rientrare a Thures con un bel sole.
Neve bellissima, si avvertivano appena le tracce precedenti e neanche un "diversamente magro" come me ha mai toccato qualcosa.
La stellina in meno è per i 100 metri iniziali.
Poche persone in giro oggi, circa una dozzina, quindi ampi spazi ancora da tracciare.
Con Ale, Cri e Marta.
Al rientro lo spazzaneve era passato, quindi strada bianca ma ben percorribile.
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: Termiche utili al mattino
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: free-rando
Ogni tanto 5 stelle sono poche, e oggi è stata una di quelle volte.
Entrelor perfetta da cima a fondo, anche il bosco era divertentissimo, praticamente senza tracce e ottimamente sciabile.
Mattinata fredda ( soliti -10 poco prima delle 08) e arietta frizzante lungo tutto il percorso, non dico piacevole ma nemmeno così fastidiosa,
Ritracciato tutto il bosco, poi altri ci hanno raggiunti e superati al fondo del pianoro., facendo un ottimo lavoro
Forse la neve i primi 200 metri era stata un po' compattata dal vento, ma con assi strutturati è una pura formalità...
Scesi, a differenza di quelli che ci hanno preceduto, tenendoci tutti a destra (senso di discesa) nell'intonsità più totale fino all'inizio del boschetto. Arrivati afoni alle baite...
Ad avere le gambe, sarebbe stato da ripellare...
Tanta gente sul percorso, quindi purtroppo da domani sarà tutto molto ravanato.
Con una grandissima Cri



Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: Al mattino termiche indispensabili
quota neve m :: 800
attrezzatura :: free-rando
Cinque stelle oggi sono poche per valutare la bellezza della discesa del bosco del Menouve, oggi direttamente importato dalle montagne del Colorado
A patto di avere gli assi giusti ( visti i 60-100 cm di neve fresca) e di essere tra i primissimi a scendere...
Partiti alle 08.30 con davanti un paio di persone, siamo arrivati in vetta tra alternanze di neve (a tratti anche forte) nebbia e belle schiarite. In cima abbiamo aspettato una di queste con gli sci ai piedi e poi, insieme a 3 o 4 altri sciatori ci siamo buttati a capofitto nel bosco, inaugurando le discese, mentre dalla spalla un fiume di gente continuava a salire
Una delle nevi più belle che si possano immaginare nel bosco perfetto per lo sci, talmente abbondante che in alcuni tratti anche 97mm sotto ai piedi sembravano pochi. Curvato ed ululato senza soste fino ad incontrare la poderale in basso.
Visibilità sempre ottima, tranne un piccolo pezzo nella nebbia.
Peccato che il sogno finisca così presto...
Con Ale, Cri, Marco e Marta
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: Termiche indispensabili
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: free-rando
Viste le nevicate e le previsioni del tempo, serviva trovare una gita sicura, nel bosco e possibilmente con bella neve.
E quindi decidiamo di provare questa gita che, almeno in teoria, avrebbe tutte le carte giuste.
In partenza, 20-30 cm di fresca, che salgono presto fino ai 40 abbondanti all'uscita del bosco, dove ci siamo fermati, vista anche la scarsa visibilità e la nevicata ( a tratti anche intensa...) che ci ha accompagnato in salita.
Per fortuna, due sbuffi di vento hanno ripulito in fretta il cielo, regalandoci una ottima discesa.
Su tutto il percorso neve semplicemente stupenda, che è rimasta tale fino alla fine.
Vista la mancanza di fondo, ( anche se alcuni di noi hanno provato a scendere e non hanno toccato...) a circa 1600 metri conviene prendere la poderale che porta rapidamente al parcheggio.
Il motivo della stella mancante è quello, la neve in alto è bellissima.
Con i due Andrea, Luigi, Gianfranco, i due Max e Simona
sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva a Bout du Col
quota neve m. :: 2000
Si arriva senza (troppi) problemi a Bout du Col. La strada è discreta...basta non avere un'auto troppo bassa e andare piano.
Gli sci si calzano dopo circa 35' di portage, a quota 2.000 circa.
Discreto rigelo su tutto il percorso, solo qualche breve sfondamento ogni tanto.
Il traverso dell'Eintrangoulòu, a quota 2.100, richiede coltelli e/o passo molto sicuro.
Salito il canale di destra ( senso di marcia) su buona neve, appena mollata ( i canali sono più esposti ad Est che a Nord...prendono il sole già all'alba), anche qui solo in qualche punto si sfondava un po' troppo. Calzati i ramponi per sicurezza, ma domani con le nostre peste si farà molta meno fatica. Scesi attorno alle 11.15 su neve rinvenuta il giusto e con gran divertimeno fino alle ultime curve.
Consigliata ancora per qualche giorno, se ci sarà un buon rigelo.
Con Emanuele, Marco ( sceso a telemark, grandissimo!!) e Matteo
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Pulito, ma pieno di buche
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: free-rando
Stupenda compagnia, stupenda gita e stupenda giornata.
Partiti da Bessen Haut per evitare troppo portage, la neve sulla stradina inizia dopo circa 15 minuti a piedi e, tranne due brevi tratti, è sempre continua.
Dopo le 7 fontane abbiamo preso il primo dei canali a sinistra ( senso di marcia) che portano ai ripiani superiori.
Ripido per circa 300 metri, ci ha obbligati a mettere i coltelli. Passato questo tratto il vallone si apre e diventa più dolce. Abbiamo proseguito fino a poco sopra il colletto, in quanto la pala terminale non era sciabile ( roccia scoperta e placconi gelati)
Aspettato il giusto che la neve rinvenisse, ci siamo poi buttati a valle su un velluto da sogno, fino a riprendere la strada. I tre telemarkers hanno dato sfoggio di tutte le loro notevoli capacità e la maestra ha fatto vedere cosa vuol dire condurre uno sci...chapeau
Con Ale, Andrea, Cri, Enrico, Iaia, Marco (l'ideatore) e Virginia
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva ai rifugi in auto
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: free-rando
Previsioni meteo toppate, per fortuna, e quindi bellissima giornata.
La strada della valle stretta è tutta pulita, tranne per due brevi tratti su cui si passa su neve dura...meglio non avere l'assetto troppo basso ( non serve un fuoristrada comunque)
4 stelline e mezza, semplicemente per il portage e il ravanamento degli ultimi 50 metri prima del piano della fonderia (in discesa, in salita si passa con qualche brevissimo tratto su aghi di larice)
Ma se si fa poco caso a questi piccoli fattori, la gita è stupenda e di gran soddisfazione, sia per il percorso che per l'ambiente dolomitico in cui è inserita.
In salita, a mio avviso, coltelli indispensabili in un paio di tratti, almeno stamattina con l'ottimo rigelo trovato, poi si sale bene anche senza.
La traccia sul traverso dopo il cengione sospeso attraversa per due volte 5-10 metri di ghiaione,(evitabili in discesa stando più bassi) poi tutto splendido fino all'attacco della cresta ( oggi molto trafficata e quindi lunga da percorrere )
In discesa, stando sulle contropendenze e fuori dal percorso più battuto e tritato, ( e partendo non troppo tardi ) neve semplicemente favolosa dall'inizio alla fine...un velluto morbido su un bel fondo duro...spettacolare.
Si arriva benissimo (facendo occhio alle pietre negli ultimi 50-100 metri) poco sopra il ponte della fonderia...poi un po' di boschinismo e di gava e buta e infine sci a spalla.
Viste le temperature, domani sarà forse l'ultimo giorno buono prima che escano fuori troppe pietre.
Con Andrea e Matteo
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Vallette (Cima delle) da Frais (24/03/18)
    Gay (Becca di) dalla Diga di Teleccio (23/04/17)
    Rochers Charniers (Pointe des) da Montgenèvre (19/03/17)
    Bosco (Cima del) da Thures (04/02/17)
    Entrelor (Cima di) da Bruil (06/03/16)
    Paglietta (Monte) da Prailles (14/02/16)
    Melezin (Cime du) da Villar-Saint-Pancrace (13/02/16)
    Gran Guglia Canali NE e N (08/05/15)
    Platasse (Monte) da Ponte Terribile (12/04/15)
    Baldassarre (Punta) dalla Valle Stretta per il Vallon des Sables (10/04/15)
    Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina (27/03/15)
    Ferra (Monte) dal Rifugio Melezè (08/03/15)
    Riba del Gias (Monte) da Becetto (07/03/15)
    Meira Garneri (Rifugio) da Sampeyre (06/03/15)
    Piovosa (Punta la) da Tolosano per il Versante Ovest (19/02/15)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (15/02/15)
    Valletta (Punta) da Cerisey, anello valloni Citrin e Serena (07/02/15)
    Cobre, cima Sud Canale Nord (25/01/15)
    Ventasuso (Monte) dal Colle della Maddalena (24/01/15)
    Tsa Sèche (Colle) da Pila (28/12/14)
    Crosa (Fortini di) da Meire Bigorie (26/12/14)
    Rascias (Mont) dalla strada per Dondena (08/12/14)
    Petit Tournalin da Cheneil (07/12/14)
    Fluchthorn Traversata dalla Britanniahutte al Lago Mattmark (25/05/14)
    Allalinhorn da funivia Felskinn (24/05/14)
    Merciantaira (Punta) o Grand Glaiza da les Fonds (17/05/14)
    Giasson (Becca di) da Surrier (04/05/14)
    Banchetta (Monte) da Sestriere Borgata (03/05/14)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (01/05/14)
    Ormelune Ovest (Punta) dalla Valgrisenche (24/04/14)
    Noeud de la Rayette da Ruz (06/04/14)
    Chaberton (Monte) da Montgenèvre (05/04/14)
    Noeud de la Rayette da Ruz (29/03/14)
    Asti (Sella d') da Chianale (24/03/14)
    Traversiere (Becca della) da Thumel (23/03/14)
    Palettaz Sud (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (21/03/14)
    Conoia o Conoja (Bric di) Canalone SO (16/03/14)
    Mongioie (Monte) da Viozene (15/03/14)
    Periades (les) dalla Vallee Blanche per la Breche de Puiseux (09/03/14)
    Gran Roc (Monte) da Ponte Terribile (02/03/14)
    Gura (Ouille de la - Uja della) da l'Ecot per il Glacier du Mulinet (22/05/11)
    Colmet (Mont) da Arpy (07/05/11)
    Rognosa del Sestriere (Punta) da Borgata Sestriere (01/05/11)
    Furggen (Cima del) o Tète de la Forclaz da Cervinia (16/04/11)
    Vincent (Piramide) da Indren (09/04/11)
    Teleccio (Colle di) da Diga di Teleccio (03/04/11)
    Becchi (Colle dei) dalla Diga di Teleccio (02/04/11)
    Chersogno (Monte) da Lausetto per il Vallone di Verzio (26/03/11)
    San Sicario Vari (12/03/11)
    Pintas (Monte) da Fontana della Batteria (06/03/11)
    Croce (Monte) o Brun da Saint Jacques (05/03/11)
    Albergian (Monte) da Soucheres Basses (26/02/11)
    Flassin (Mont) da Parcheggio Flassin (20/02/11)
    Sestrieres Pali della luce, Sotto Rognosa, Colombiere (19/02/11)
    Grand Etret (Testa del) da Pont Valsavarenche (06/02/11)
    Sestrieres Boschi (05/02/11)
    Maderhorn da Rothwald (30/01/11)
    Le Monetier les Bains Vari (29/01/11)
    Facciabella (Monte) quota 2619 m da Mandriou (23/01/11)
    Auto Vallonasso da Chialvetta (22/01/11)
    Sant'Anna (Vallone di) da Sampeyre (19/01/11)
    Orel (Rocca d') e Monte Pianard da Palanfrè (16/01/11)
    San Sicario Vari (15/01/11)
    Meja (Rocca la) quota 2506 m cresta N da Preit (03/01/11)
    Bert (Monte) da Preit (02/01/11)
    Piovosa (Punta la) da Tolosano per il canalone NO (01/01/11)
    Champillon (Col) da Chatelair (26/12/10)
    X-Ice La Falesia dei Mutanti (19/12/10)
    Serena (Col) da Mottes (18/12/10)
    Croce (Punta della) da Arpy (11/12/10)
    Rossa (Cimetta) da Chardonney (08/12/10)
    Briccas o Trucchet da Brich (05/12/10)
    Boscasso (Bric) da Chialvetta (04/12/10)
    Bert (Monte) da Preit (28/11/10)
    Sagneres (Colle delle) da Chiazale (27/11/10)
    Sises (Monte) da Sestriere (23/11/10)
    Agnello (Colle dell') da Chianale (20/11/10)
    Plateau Rosa da Cervinia (06/11/10)
    Bersezio (area impianti) quota 2319 m da Bersezio (01/11/10)
    Argentera (Cima Sud) Cresta Sigismondi (29/08/10)
    Breithorn Occidentale Via Normale da Plateau Rosà (22/08/10)
    Roma (Punta) - Punta Udine Traversata Gagliardone (19/08/10)
    Lagginhorn Via Normale della Cresta Ovest (18/07/10)
    Tacul (Mont Blanc du) Contamine-Negri (05/07/10)
    Gran Paradiso da Pravieux per il Rifugio Chabod (27/06/10)
    Bucie (Bric) Via Don Bessone (13/06/10)
    Argentera (Cime Nord e Sud) Traversata della Serra dell'Argentera per il Canale di Lourousa (06/06/10)
    Castello (Rocca) Cresta nord-ovest integrale (29/05/10)
    Ormelune Ovest (Punta) dalla Valgrisenche (22/05/10)
    Tsa (Tour de la) da Chamen, versante NE (10/04/10)
    Grand Neyron (Colle del) da Praviou (19/03/10)
    Vaccare (Trucco delle) e Pilone Madonna della Neve da Frais (14/03/10)
    Feluma (Punta) da Valgrisenche (13/03/10)
    Durand (Cima) da Artesina (14/11/09)
    Sigaro (Il) da Valgrisenche (22/12/07)
    Lose (Cima delle) da Argentera per il canalone NE (02/12/07)
    Envie (Cappello di) da Prali (25/11/07)
    Emilius (Monte) da Pila per il Rifugio Arbolle (09/09/07)
    Trélatéte orientale (Aiguille de) Via Normale Italiana da la Visaille (26/08/07)
    Mongioie (Monte) da Viozene per la Gola delle Scaglie (24/06/07)
    Trouma des Boucs da Ruz (18/03/07)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (10/03/07)
    Falinère (Punta) da Cheneil per la cresta Ovest (06/03/07)
    Rateau (le) - Cima Ovest Cresta Ovest (01/09/06)
    Verte (Petite Aiguille) Normale - Cresta N/O (23/08/06)
    Roccia Nera - Breithorn Occidentale traversata dei Breithorn da Plateau Rosà (03/08/06)
    Roma (Punta) - Punta Udine Traversata Gagliardone (09/07/06)
    Rochefort (Aiguille e Dome de) Cresta di Rochefort (02/07/06)
    Asti (Pic d') Via Normale della Cresta SE (25/06/06)
    Espic (Bec l') Cresta SO (18/06/06)
    Orsiera (Monte) da Saret del Campo per la Cresta Sud (11/06/06)
    Combeynot anticima 3072 parete-couloir NNE (04/06/06)
    Tour Ronde Couloir Gervasutti (28/05/06)
    Bellavarda (Uja di) e Punta Marsè da Lities (20/05/06)
    Barracco (Colletto) Canale NE (01/05/06)
    Venezia (Punta) Canale N e Cresta NO (23/04/06)
    Pian Paris (Punta) da Travers a Mont (08/04/06)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (02/04/06)
    Verra Superiore (Piano di) da Saint Jaques (11/03/06)
    Tibert (Monte) da Santuario di San Magno (31/12/05)
    Arpiol (Bric) o Monte Tivoli da Porcili (04/12/05)
    Matto (Monte cima Est, cima Centrale) da Sant'Anna (17/08/05)
    Lamet (Pointe du) da Plan des Fontainettes per il Versante NO (18/06/05)
    Tsanteleina (Punta) Parete Nord da Thumel (05/06/05)
    Viou (Becca di) da Blavy (29/05/05)
    Coulour Bianco (Colle del) Canale NE (15/05/05)
    Due Dita (Passo) da Pian della Regina, canale NE (08/05/05)
    Armoine (Col d') o Dar Moine da Pian della Regina (22/04/05)
    Trois Evechés (Pic des), spalla 3092 m da Col du Lautaret (28/03/05)
    Entre Deux Sauts (Tète) da Planpincieux (20/03/05)
    Merqua (Monte) da S.Bernardo di Desertetto (12/03/05)
    Tibert (Monte) da Santuario di San Magno (06/03/05)
    Serena (Col) da Mottes (29/01/05)
    Valasco (Piano del) da Tetti Gaina (16/01/05)
    Verra Superiore (Piano di) da Saint Jaques (04/01/05)
    Flassin (Mont) da Flassin (28/12/04)
    Fontana Fredda (Punta) da Cheneil (21/12/04)
    Palon (Monte) dall'Alpe Arcella (04/07/04)
    Marguareis (Punta) Canale dei Genovesi (27/06/04)
    Falinere (Punta) da Cheneil (20/12/03)
    Argentera (Cima Sud) Via Normale per il Rifugio Remondino (24/08/03)
    Entrelor (Cima di) da Pont Valsavarenche (23/04/03)
    Grand Etret (Testa del) da Pont Valsavarenche (05/04/03)
    Créte Séche (Rifugio) da Ruz (08/03/03)
    Serena (Col) da Mottes (01/03/03)
    Jervis Guglielmo (Rifugio) da Chiapili di sotto (09/02/03)
    Trois Freres Mineurs (Col des) da Monginevro (01/02/03)