Gulliver outdoor - arrampicata, escursionismo, scialpinismo, sci alpinismo, alpinismo, canyoning, trekking, MTB, Cicloturismo

savarino


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Bellissima la salita, bella anche la discesa, in una zona selvaggia,certo bisogna pensare di portare la bici parecchio ma vale comunque la pena provarlo, non andate però da soli perchè se vi succede qualcosa il luogo è molto selvaggio ed impervio.
Con Aldo
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Giro molto bello! secondo mè non è approppriato chiamarlo Giro della Tempesta, ma sarebbe più giusto chiamarlo Giro del Monte Tibert perchè è a lui che gli giriamo attorno!! giornata bella ma vento gelido su tutto il percorso, dal Colle Sibolet puntato direttamente al Colle Intersile e poi saliti al Monte Tibert.
Con Aldo

in prossimità della punta del tibert
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Estratto da relazione di Bottalo su mtb Peverada
Da Cervières si risale al Colle dell’Izoard (m 2360), si scende poi per circa 3 km fino a quota 2200 circa all’altezza di una piazzola molto panoramica sull’anfiteatro desertico dall’aspetto quasi dolomitico della “Casse Deserte”. Sul lato opposto della strada si stacca in diagonale il pedalabile e ottimo sentiero della G.R. 58 che taglia e risale inizialmente l’ombroso “Bois Noir”. Dopo 1,5 km dall’inizio in ambiente più aperto si arriva ad un bivio che, con una non lunga risalita, in parte con la bici al fianco, si raggiunge la conca che ospita il Lago di Souliers .. Una volta raggiunto il Lago si scende per il sentiero che scollina verso Est e inizia una lunga discesa che salvo un breve tratto un po’ troppo ripido, si fa tutto in sella alla bicicletta . Più sotto ci si ricongiunge al sentiero che scende dal Col Tronchet e più in basso una stradina ci conduce dritti al piccolo centro di Souliers Per il Colle di Péas si sale direttamente per il sentiero che parte in forte salita a monte del posto tappa del G.T.A.; entra subito in una grande pineta e con alcuni regolari e lunghi tornanti ancora volendo in parte e con fatica ciclabili, guadagna rapidamente quota. Più in alto dopo circa 300 metri di dislivello il sentiero si addentra a mezza costa tenendosi alto nel Vallone di Peas, diventando adesso più facilmente e per lunghi tratti ciclabile. Nella parte finale la pendenza aumenta di nuovo e bisogna nuovamente spingere la bici fino in prossimità del Colle, ma sempre in maniera abbastanza agevole bella la vista dal colle sulle montagne del Queyras, e finalmente si vede anche la cima vera e propria del Pic di Rochebrune; ma vista da qui con tutta una serie di contrafforti rocciosi sovrapposti e intersecati tra loro, non ricorda l’elegante e ardita cima che di solito vediamo dal versante italiano. Discesa molto bella e solo per un breve tratto ripido, e dal fondo ricoperto di detriti instabili bisogna scendere con la bici al fianco, poi è tutta una lunga discesa attraverso valloncelli e praterie Quando appaiono le caratteristiche case di “Les Fonds” siamo ormai a buon punto, non resta poi che la facile e rilassante discesa nella stupenda Valle di Cerveyrette per ritornare in circa 12 km al punto di partenza. Da Les Fonds volendo possiamo ancora fare 3-4 km di sterrato su una stradina che costeggia il torrente tenendoci sulla sinistra idrografica della valle Cerveyrette.

Con Aldo

un tratto del sentiero nel vallone del Peas
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Fatto il giro completo, la discesa nonostante l'alluvione e franata solo in due tre punti ma si passa tranquillamente con bici in spalla e un pò di attenzione, la strada di fondovalle è stata sistemata, discesa quindi di grande soddisfazione. Aldo e Fabio sono rimasti entusiasti!!. Se non peggiora è da rifare sicuramente il prossimo anno.
Con Aldo e Fabio

arrivo al Lago delle Savine, la salita è quasi finita!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Giro molto bello con qualche tratto ripido e con fondo brutto, ma sempre pedalabile con un buon allenamento, giornata stupenda e strada ben pulita e asciutta.
Con Aldo

tracciato del giro


[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: front-suspended
Giro sempre bello, da farsi quando la neve è a quote alte e il tempo è asciutto, effettuabile facilmente da tutti (o quasi). La giornata era fredda ma splendida.
Con Aldo
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: front-suspended
: Giro molto interessante con una bella salita, diciamo che la salita è pedalabile al 90% e la discesa al 40% circa seguendo l'tinerario descritto. Per la discesa dalla cima del Monte Musinè, si consiglia di tornare da dove si è arrivati che è più lunga ma ciclabile, e poi anche perchè il sentiero di discesa sul Santuario di Sant'Abaco e Caselette oltre che assolutamente non ciclabile, deve essere percorso in giornate molto asciutte, perché con terreno bagnato diventa molto scivoloso e di conseguenza pericoloso, nel caso seguiste questa scelta, prestare molta attenzione!.
Con Aldo


in salita sulla pista tagliafuoco

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: front-suspended
Gita non lunga ma con discesa alquanto impegnativa, con dei tratti che richiedono tecniche trialistiche per poterlo ciclare tutto. In salita poi dal Colle di Prè, se seguiamo la seconda opzione dobbiamo portare la nostra bici in condizioni non proprio agevoli, ma vale la pena perché per raggiungere la Montagnazza il tracciato transita in luoghi poco battuti e molto suggestivi
Con Aldo sempre alla ricerca!

discesa su sentiero tecnico
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: front-suspended
Giro molto interessante, e molto panoramico, la discesa dalla punta sul costone sud almeno fino alle Meire Maggiorino, è poco ciclabile ma vale comunque la pena scendere perchè poi darà soddisfazione fino al bivio per Lemma.
Con Aldo e Angelo che ogni tanto pizzichiamo nei nostri giri di esplorazione nel saluzzese.

in vista della croce di vetta
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: front-suspended
Giro non tanto lungo ma di ottima soddisfazione merita una visitina, specialmente in giornate invernali corte quando in alto non si può più andare, e in assenza di neve a quote basse, il tracciato e tutto ciclabile MC/MC+ (mi raccomando indossate sempre il casco, vi può salvare la vita!!)
Con Aldo
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Cialancia (Alpe) e Lago Lauson da Trossieri, giro (24/10/08)
    Tempesta (Punta) da Castelmagno, giro (16/10/08)
    Péas (Col de) da Cervieres, giro del Pic de Rochebrune (11/10/08)
    Clapier (Col) da Venaus, giro Grange Prapiano, Alpe Tour, Lac Savine, discesa Val Clarea (25/08/08)
    Madonna della Bassa (Santuario) da Caselette. giro per Pilone della Costa, Pascaletto, Almese (21/02/08)
    Sette Confini (Monte) da Pinerolo, giro della Val Lemina per i Colli Crò, Ciardonet, dell'Eremita,Infernetto (13/12/07)
    Musinè (Monte) da Caselette, giro (11/12/07)
    Montagnazza da Piossasco, giro per i Colli Damone e Frasca (15/11/07)
    San Bernardo (Monte) da Rossana, giro per i Colli Liretta e Valmala (13/11/07)
    Pietraborga (Monte) e Monte San Giorgio da Trana, giro (09/11/07)
    Palazzina Sertorio - Rifugio Osservatorio per l'Ambiente da Pontepietra, giro per il Colletto del Forno (16/10/07)
    Orso (Pian dell') da Sant'Antonino, giro (12/10/07)
    Noire (Col de la) giro del Roc della Niera da Chianale per i Colli dell'Agnello e Longet (21/09/07)
    Rodoretto, Thuras, Croce, Giulian, Balma (Colli) da Rodoretto, giro della Punta Ramiere (06/09/07)
    Puriac (Colle del) da Bersezio, giro (02/09/07)
    Buffère (Col de) da Val des Pres, giro per il Col du Granon e Nevache (31/08/07)
    Sautron, Portiolette, Vallonet, Maurin (Colli) giro da Saretto (2 gg) (25/08/07)
    Chiot del Cavallo (Colle) da Torre Pellice, giro per l'Alpe della Sella (17/08/07)
    Esischie, Intersile (Colli) giro della Punta Tempesta da Macra (13/08/07)
    Gardetta (Passo della) e Bric Cassin da Ponte Marmora giro per il Colle del Preit e Vallone di Unerzio (01/08/07)
    Bagnour (Rifugio e Lago) da Sampeyre, giro per la Croce Ciampagna (29/07/07)
    Chaberton (Monte) da Fenils, giro per Claviere ITINERARIO NON PERCORRIBILE (27/07/07)
    Gran Guglia (Colletto della) da Prali, giro della Gran Guglia per il Rifugio Lago Verde (24/07/07)
    Assietta (Testa dell') la Strada dell'Assietta da Depot a Sestriere (19/07/07)
    Bosco (Cima del) da Bousson, giro per Thures (17/07/07)
    Valanza (Ex Rifugio) da Luserna San Giovanni, giro (12/07/07)
    Castelletto (Monte) da San Germano Chisone per il Colle Vaccera (10/07/07)
    Ciantiplagna (Cima) e Colle dell'Assietta da Pourrieres per il Colle delle Finestre, discesa per il vallone Gran Cerogne (05/07/07)
    Cialancia (Passo) da Perrero a Prali per i 13 Laghi (04/07/07)
    Sette Confini (Monte) da Pinerolo, giro per i Colli Prà Martino, Crò, Ciardonet, Eremita, Infernetto (28/06/07)
    Prà Martino (Colle di) da Pinerolo, giro (26/06/07)
    Sbaron (Punta) da Condove, giro per Colle del Colombardo e Alpe della Portia (24/06/07)
    Tivoli (Monte) o Bric Arpiol da Paesana, giro (21/06/07)
    Arpione (Colle dell') da Valdieri (19/06/07)
    Tibert (Monte) da Valgrana (14/06/07)
    Alpe (l') o Alpe di Rittana da Caraglio per la Rampignado (31/05/07)
    Ostanetta (Punta) e Punta Selassa da Calcinere, giro (27/05/07)
    Assietta (Testa dell') la Strada dell'Assietta da Depot a Sestriere (24/05/07)
    Valanza (Ex Rifugio) da Luserna San Giovanni, giro (18/05/07)
    Tivoli (Monte) o Bric Arpiol da Paesana, giro (17/05/07)