rug5481


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: .
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Gita perfetta per la visibilità variabile e per il rischio valanghe.
Primi tre quarti di percorso perfetti sia in salita sia in discesa, il bosco garantisce ottima fresca.
Ultimo quarto in salita esposto a vento moderato che ha iniziato a fare piccoli accumuli.



Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: termiche
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
In salita nulla di rilevante a parte tracce cancellate dal vento nella parte terminale.
Il primo quarto di discesa con neve riportata e crosta da vento; il secondo e terzo con bella polvere. Ultimo quarto di discesa consigliabile su poderale.

Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: termiche
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
neve fresca e di ottima qualità su tutto il percorso, solo alcuni "fazzoletti" di crosta da vento su zone esposte nei tratti alti. Visto il traffico per la Testa dei Frà ho optato per il colle e la conseguente discesa sul pendio immacolato. Di neve ce n'è molta per cui la velocità è minima.
Condizioni ideali per essere ripetuta anche nei prossimi giorni.


al colle
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: .
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
discreto innevamento nella parte basse ma con carrozzabile perfettamente percorribile con gli sci. oltre il bosco innevamento perfetto, polvere su praticamente tutto l'itinerario; solo qualche pietrolina sulla dorsale finale, facilmnete evitabile.
Apparentemente nessun danno da vento.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: .
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Ormai i primi 200 mt di D sono da fare a piedi sia in salita sia in discesa a causa della mancanza di neve. Più in alto invece ce n'è parecchia e di ottima qualità, senza crosta e trasformazioni varie. Solo ancora qualche pietra mimetizzata nella parte finale della discesa nel boschetto.


Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti ore 5.30 dalla macchina.
Saliti i primi 150 metri sul sentiero privo di neve.
Salita (tutta con i coltelli) senza grossi problemi fino al colle del Leynir, temperatura perfetta.
Ultimo ripido pendio con iniziale traversone in direzione dell'anticima un po' patito per la pendenza e il passaggio du valanghe a pera esistenti.
Arrivati in cima alle 11.30, zero vento e visto stupenda sul Gran Paradiso.
Discesa lungo l'itinerario di salita; questa opzione ci ha permesso di goderci a pieno la splendida neve primaverile trasformata al punto giusto dalla cima fino al sentiero di rientro.
Due ski-alper sono saliti, penso con picca e ramponi, direttamente dal breve tratto ripido esposto a nord. Questa opzione accorcia notevolmente il percorso di salita evitando di passare al colle Leynir ma riduce anche drasticamente le curve in discesa.

Con il Maestro Paolo V.

Tracce nella parte intermedia della discesa.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Partitio in solitaria alle 8.30 per fare la Bec di Nana. Durante la salita ho scoperto che nessuno aveva tracciato per cui ho optato per mantenermi su un itinerario già tracciato.
Molto caldo, fino a 2200 .
Sono sceso alle 10.15 con neve trasformata decisamente divertente nella parte superiore della gita, un po' più pesante nella parte inferiore dove è necessario andarsi a cercare le lingue di neve rimaste per arrivare fino alla macchina.
Neve ben assestata anche sulla Bec di Nana....per chi volesse tracciare in questi giorni.....
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: altro
attrezzatura :: scialpinistica
Viste le condizioni neve e meteo ancora in assestamento, ho optato per giretto pomeridiano tranquillo.
Giornata primaverile anche se con frequenti annuvolamenti. Risalito dall'arrivo degli ovetti lungo le piste con quasi assenza di discesisti. Ultimo tratto sotto alla seggiovia couis 2 con parecchia neve ventata. Dal bivacco ho attraversato in discesa con un lungo traverso l'ampio anfiteatro ormai ben tracciato. Scollinato poi per i divertenti pendii con ancora bella fresca fino alla fine del boschetto. Ovviamente tratto finale da fare in pista.
Grazie a Paolo (pisteur) per le indicazioni....

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Fatti i primi 500 mt circa con la seggiovia. Dal suo arrivo si parte con la stradina e poi il lungo avvicinamento verso il rifugio Margaroli e il vicino lago. In corrispondenza del rifugio si inizia il vero dislivello con i primi pendii, sempre più ripidi fino al colle. Ottima traccia di salita e molti passaggi. La parte più faticosa è dal colle alla cima, un po' per la quota e un po' per l'importante pendenza; decisamente da intraprendere solo con neve ben assestata.
Arrivati fin in cima con gli sci senza bisogno di coltelli; praticamente assenza di vento.
In discesa (circa alle 15.00) la neve era decisamente trasformata nella parte alta e molto divertente da sciare, un po' umida nella parte bassa e parzialmente già righiacciata dove ha fatto capolino l'ombra. In alcuni tratti abbiamo incontrato, soprattutto nella parte centrale, un po' di crosta non portante, in corrispondenza dei riporti da vento.
Gita molto lunga a causa dello sviluppo iniziale. Si scende fino alla macchina con gli sci usando la pista, saltata in salita con la seggiovia.
Attenzione ai ripidi pendii superiori, da fare solo con buone condizioni !!!!!
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Fatti i primi 100 mt a piedi sulla carrozzabile non più ben innevata. Messo le pelli in corrispondenza del primo pianoro,finito l'avvicinamento lungo il corso d'acqua e in corrispondenza dell'inizio dei pendii più ripidi messi i coltelli e non più tolti fino in cima.
Neve dura e lenta a trasformarsi in salita. Vento quasi assente e molto caldo. All'anticima messi i ramponi e saliti in cima con accesso non pericoloso.
Discesa su neve parzialmente trasformata, il sole tra le velature non aveva fatto completamente il suo dovere.
Visti accumuli pericolosi su cambi pendenza nei pendii finali prima dell'arrivo al corso d'acqua.