pelle2005


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: un po dissestato
Partiti alle 4 dal Rifugio Donegani, attaccato alle 6e15, in vetta alle 16e30. 1h per scendere.

Consigli:
Occhio alla partenza del sentiero, non è evidentissima.
La ferrata non è banale, spesso esposta, stare attenti.
La pietraia da risalire è "libera" e quindi può risultare faticosa.
La parete scarica di suo, se c'è qualcuno davanti è ancora peggio (può anche essere delicato, ma la corda sulla ghiaia..non è educata).
La via non è così facile da trovare. La parete è grande e senza punti di riferimento (beh ok, tranne quando sei dentro ai camini e tranne le scritte "Lotta Continua" e "Potere alle masse").
I chiodi non sono sempre rassicuranti, anche quelli di sosta.
I tiri sono lunghi e tortuosi, la corda tira: allungare le protezioni.
Sul duro i chiodi ci sono, sul facile..aspettatevi un R3.
Il casco serve: io il mio ora lo devo buttare.
Se i camini sono bagnati, sono cazzi.
La ritirata mi pare quasi impossibile già dopo pochi tiri.
Andrea+Giorgio

Qui racconto:
andreaintrip.blogspot.com/2018/06/viaggione-sulla-nord-apuana-via-oppio.html

Qui altre foto:
photos.app.goo.gl/5iqVMhfQMeLLaDk68

Relazioni..non mi sento di consigliarne. Noi ci siamo affidati a quella dei Sass Baloss, ma trovando tiri di differente lunghezza, soste diverse, gradi diversi. Spesso siamo andati a naso e saliti grazie alle indicazioni di una cordata di amici trovata per caso. Tra l'altro quello che per i Sass Baloss è il tiro chiave, non è il tiro chiave. Questa via è un viaggione da interpretare, punto. Qui in ogni caso qualche nostro appunto (non abbiamo modificato gradi, anche se..):
drive.google.com/open?id=1NB-k7yRoicduAWkFRBkkALSBpt9pE76f
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: qualche lavoro in corso
Risolta in 6 tiri, concantenando L4 e L5.
Giunti sulla cengia rossa, si va destra per uscire (conviene rimanere legati..).
Discesa sulla destra faccia a monte, alpinistica e con tratti con corde fisse e piedi su placche unte e scivolose. Meglio tenere il casco.
Andrea+Giorgio

Qui racconto, altre foto, relazioni, guide:
andreaintrip.blogspot.it/2018/05/il-santo-col-manganello-cengia-grassa.html
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: parcheggi esigui
Chiodi inutili, il resto serve. Occhio alla lunghezza dell ultima doppia.

Giorgio ha già salito questa via qualche anno fa, e l'ha trovata molto più ricca di cordoni in loco, più addomestica, ma svariati punti anche duri sono ancora da ammaestrare personalmente.

In uscita dal 4 tiro c'è uno spuntone-lamone crepato alla base
Andrea+Giorgio

Qui racconto, foto, relazione, guida:
andreaintrip.blogspot.it/2018/04/lisci-nellafa-esculapio.html
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: nessuna
Via con possibilità (e necessità a volte) di integrazione. Soste su due punti.
Nulla da aggiungere alle relazioni che si trovano, tranne che l'ho trovata ben più dura di altre vie che presentano più passaggi di VI.
Noi dopo il tiro della placca sullo scudo, siamo usciti per la via Michele, che dalla sosta va a sinistra e sale una placconata, per poi però uscire su ghiaia, erba sassi..insomma terreno delicato. Dopo la piccola boscaglia si punta a destra verso la placconata finale di Luna Argentea, evitando però la prima parte (la più dura credo).
Caldo fuori stagione, al limite come percorribilità.
Andrea+Stefania

Qui racconto, foto, relazioni, guide:
andreaintrip.blogspot.it/2018/04/al-via-il-circo-o-il-circo-in-via-luna.html
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: lavori in corso senza problemi
Giornata che parte fredda (il sole fa il timido) ma che poi si scalda verso metà.
Sulla guida di Filippi S2 sembra appena fuori dal diedro, invece non è così, meglio seguire la relazione di Grill che fa salire un altro po' verso dx e poi deviare a sx.
Su L3 il cordone viola iniziale farebbe tendere a salire e traversare "in alto", ma si può evitare.
Su L4 la parte finale è un traverso di VI non azzerabile, che tra un po' sarà talmente unto da aumentare notevolmente il grado (la guida non riporta la placca e grado, Grill si).
Occhio che ci sono delle belle prese per le mani crepate alla base..
Andrea e Giorgio

Qui racconto:
andreaintrip.blogspot.it/2018/03/tetti-e-placche-via-selene-san-paolo.html
Qui altre foto:
photos.app.goo.gl/CDtCy2OjuW97IK3B2
Qui la guida:
-pareti/
Qui la relazione:
-arco.com/via-selene.html
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: discrete
tipo ghiaccio :: freddo, rigido
note su accesso stradale :: necessaria dotazione invernale
quota neve m :: 1000
S0: cordino in abalakov trapanato in roccia più frined BD N°1
L1: 30m, 2+, sosta spit con catena
trasferimento 70m su neve
L2: 50m (saltate sulla dx faccia a monte una sosta a spit con catena arrugginiti, e più su una nuova) , 3+/4, SG
L3: 30m, 2+, sosta spit con catena
tracce che escono in alto verso sx faccia a monte fuori dal canyon
L4: 40m, "salto" della poccia, rampa di neve farinosa, e si approda nel largo alveo del torrente, SA di traverso
L5: dopo una camminata ravanosa prima in pari poi in semitraverso di 60m, si giunge alla base di un muretto di 10m di 3+/4, marciotto e intriso di neve, con uscita su ripida neve inconsistente. Altri 20m di ravanata un po meno ripida per arrivare a SA.
Altri 80m per arrivare sul sentiero.
Andrea+Federico

Qui racconto:
andreaintrip.blogspot.it/2018/02/ravanate-febbrili-tristenbach.html
Qui altre foto:
photos.app.goo.gl/ONs1aUb3UYq78kz22
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: parte finale innevata
Per fortuna è tutto tracciato e gradinato, altrimenti la neve non del tutto trasformata sarebbe molto faticosa.
In cammino alle 7e40 dal Passo Cainallo, in 1h si arriva a Bocca di Prada, e un'altra ora per il RIfugio Bietti: pochi tratti senza neve, ma alcuni ce ne sono. Seguiamo il traccione che continua a tagliare la montagna, e in mezzo ai mughi si impenna verso l'alto. Il traccione principale porta però all'attacco alla Magic Line: la sopresa di scorgere difficoltà ben al di sopra del programmato, l'ora tarda (10:45) e la nevicata in atto (cielo non plumbeo, ma quella nuvola scairca) ci sconfortano e fanno optare per scendere.
Poche decine di metri a ritroso, e scorgiamo una traccia che va verso destra (faccia a valle), frutto di tanti altri che come noi si sono sbagliati: questa ci consente di risalire il paretone ovest (piuttosto labirintico), per poi puntare verso destra a infilarsi dentro lo scivolo finale, e alle 12e30 essere fuori dal canale. 3 tratti di misto e uscita a destra in quanto quella a sx è un po secca. Cornicioni ovunque.
Pausa cibo al rifugio, alle 13e15 inizia la discesa per la Via della Ganda, alle 14e30 siamo al Bogani, neve continua. 1h30 e risiamo alla macchina.

Varie persone sul percorso, cordate sulla prima parte della Magic Line, altrove non so.
Andrea+Federico+Stefania+Tommaso

Qui racconto:
andreaintrip.blogspot.it/2018/02/chi-la-studia-la-vince-canalone-ovest.html

Qui altre foto:
photos.app.goo.gl/MB5SPGDh3jCAgKCH3

Qui guida:
versantesud.it/shop/ghiaccio-delle-orobie/

Qui traccia gps:
drive.google.com/open?id=1_v1zMY26EnV4fIUekwzko4To5Kt7g5V6
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok parcheggiando prima del primo tornante, a fianco dell autostrada
Via divertente, peccato la discontinuità.
Maledetto (il nostro) l'avvicinamento!

Per noi l'avvicinamento è stato problematico, complice anche una descrizione dell'accesso non corretta (non vogliatemene sassibalossi, fate già un lavorone, ci sta non esser sempre precisi!). Rispetto alla relazione, dopo esser passati sotto l'autostrada si gira a dx dopo 1,5km circa, e NON 3,5km. Si ripassa sotto l'autostrada (galleria) e poi noi abbiamo parcheggiato a dx prima del tornante dopo il quale la strada diventa sterrata.
Partiamo a piedi, un tratto torna asfaltato, si arriva a un tornante verso dx e a sx del quale parte una forestale che scende. Ecco, questo sarebbe il parcheggio.. Da qui si prosegue sulla strada sterrata (che altro non è che la vecchia strada di accesso alla cava), si passa una sbarra e poi si sale sulla sinistra in corrispondenza del cartello "Falesia dei tre porcellini".
Noi invece siamo saliti troppo presto a sx, seguendo una traccia marcata a terra ma giuglosa dalla caviglia in su: graffi, sangue, sudore, spine, tronchi secchi da rompere, per quasi un'ora di intensa e appassionante ravanata. Fuck.
Rispetto alla relazione dei sassbaloss, S1 l'abbiam fatta a metà tra L1 e L2, e da qui siamo arrivati con un unico tiro (tirando) a S3. Concatenati anche L6 e L7. Spigolo davvero unto.
Andrea+Stefania, Francesca+Marco

Qui racconto:
andreaintrip.blogspot.it/2017/09/quando-la-parte-dura-e-arrivarci.html
Qui altre foto:
photos.app.goo.gl/YkYjFJeKMAGIBYBj2
Qui relazione:
sassbaloss.com/pagine/uscite/finale/finale.htm
Qui la guida:
ibs.it/finale-80-rock-climbing-a-libro-andrea-gallo/e/9788895224091
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok
Salita la via originale.

Parcheggio scarno e lato strada.
Il sentiero d'avvicinamento parte proprio dalla cappelletta, poi appena si incontra la roccia, la si costeggia in discesa verso destra (corda fissa per un passaggio impervio). Si prosegue, si passa un non marcato impluvio e si risale qualche roccione facile fino ad afferrare un alberello che sul tronco in verticale ha inciso "LUNGA". Si continua a salire quello che sarebbe il canale tra i missili (non molto marcato) fino a una forcella con cartello "Divieto di arrampicata". Una debole traccia si solleva qualche metro fino a un piccolo spiazzo, sporgendosi sulla placconata a destra si nota un chiodo in alto.
Noi abbiamo concatenato i primi due tiri (S1 sotto la placca), ma la partenza di quello che sarebbe L2 non è un 4c, di più. Dalla sosta nella grotta con la catena, occhio a deviare a destra al momento giusto e non proseguire dritti. Nel tiro che parte dalla sosta da cui partirebbero anche le varianti, attenzione a prendere bene a destra (io ho seguito gli spit ed è più dura) e poi uscire a sinistra degli alberelli dietro i quali si trova la sosta. Il tiro chiave non è facilmente azzerabile, e la partenza è davvero un bel boulder.

Bella via, varia, anche se sopratutto nel primo tratto comprende molti tratti di camminamento.
Andrea+Francesca, Stefania+Marco

Qui racconto:
andreaintrip.blogspot.it/2017/09/cose-liguri-e-molestie-su-roccia-via.html
Qui altre foto:
photos.app.goo.gl/wBORbL55LiPMYWLB3
Qui la guida:
ibs.it/finale-80-rock-climbing-a-libro-andrea-gallo/e/9788895224091
Qui e qui relazione:
gambeinspalla.org/gruppi_montuosi/alpinismo/alpi_liguri/bric_pianarella_-_via_lunga.htm
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
via spittata, portarsi almeno 14 rinvii (anche lunghi), cordini per allungare
Ristoro da Il Vinaio a Noli, e la gastronomia di Irene e Paola a fianco!

Via molto ben attrezzata, con alcuni cordoni sul primo tiro per azzerare meglio (oltre forze qualcosa c'era ancora ma no ricordo). Tuttavia anche azzerando del 5c tocca farlo, e per il secondo tutto ciò, combinato al fatto che si è quasi sempre in traverso (o in discesa)..rende la sua vita non facile come se si arrampicasse in salita.
Seguire la linea degli spit, sempre presenti, anche l'uscita la si capisce bene seguendo con essi (e non il chiodino arrugginito). Pochi tratti sono lungamente protetti, ma in questo caso si segue la logica e lo spit si troverà! Nei passaggi duri, spesso lo spit è appena dietro l'angolo.
Occhio alla lunghezza dei tiri riportati in certe relazioni, sono nettamente abbondanti, e con una corda da 60m di rischia parecchio. Dopo uno scherzetto del genere (la sosta dopo il tetto giallo per me è stata la S3), ho successivamente fatto sosta ogni volta che ne trovavo una! Probabilmente è stata riattrezzata dopo la scrittura delle relazioni.

Via assolutamente da consigliare, eccezionale esperienza arrampicare in traverso, raramente in salita, spesso in discesa, sopra il mare, su roccia eccezionale e varia (compatta, lavorata, fessure, buconi, placche, quarzo, roccia grigia, rosa, salsedine, colate di non si capisce cosa).
Anche l'arrampicata è spesso di fiuto: il passaggio più logico non sempre è quello giusto, belle presone portano a nessun piede.

Enjoy!
Andrea+Stefania

Qui racconto:
andreaintrip.blogspot.it/2017/09/figatissima-emacarena-sul-ribollire-del.html
Qui altre foto:
goo.gl/photos/6JWA4Gkhy8n8JRGa6
Relazioni:
Su web ce ne sono tante, ma come detto le lunghezze e le soste mi sembrano diverse: nelle mie foto si vede bene dove cercare la calata, per il resto seguire gli spit e fare sosta quando la si trova.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Uccello (Pizzo d') Oppio - Colnaghi (10/06/18)
    San Paolo (Parete di) La Cengia rossa (06/05/18)
    Padaro (Parete del) Esculapio (25/04/18)
    Anglone (Coste dell') Luna Argentea (21/04/18)
    San Paolo (Parete) Selene (25/03/18)
    Tristenbach (24/02/18)
    Grigna Settentrionale o Grignone Canalone Ovest (04/02/18)
    Perti (Rocca di) Simonetta (17/09/17)
    Pianarella (Bric) Via lunga originale e variante diretta di uscita di sinistra (16/09/17)
    Noli (Capo) In sciu u bulesume (03/09/17)
    Perti (Rocca di) Via col vento (02/09/17)
    Perti (Rocca di) Consolando consuelo (02/09/17)
    Perti (Rocca di) Falesia del Grottino del Bric della Croce (02/09/17)
    Madonna (Cima della) Spigolo del Velo (05/08/17)
    Odla di Cisles Parete sud - Fessura Dulfer (23/07/17)
    Ciavazes (Piz) Piccola Micheluzzi (22/07/17)
    Ciavazes (Piz) Rossi Tomasi (07/07/17)
    Ortles Hintergrat o Cresta del Coston (24/06/17)
    Sass d'Ortiga Spigolo Ovest Wiessner (18/06/17)
    San Paolo (Parete di) Aphrodite (24/04/17)
    Anglone (Coste dell') Via Scalette dell'Indria (23/04/17)
    Anglone (Coste dell') Profondo rispetto dell'indria (08/04/17)
    San Paolo Sud (Parete di) Calliope (02/04/17)
    San paolo (Parete di) Helena (25/03/17)
    Corno alle Scale Canale dei Bolognesi (18/03/17)
    Bullaccia (Cascata) (08/02/17)
    Presanella (Cima) Cresta NE (29/12/16)
    Foppa (Monte) Canale Teobaldo (11/12/16)
    Dain (Piccolo) Moonbears (22/10/16)
    Allalinhorn Via Normale dal Mittelallalin (03/09/16)
    Alphubel (cresta) e Feechopf da Mittelallalin (03/09/16)
    Sas de Mezdì Spigolo sud-ovest, via Dibona (26/08/16)
    Prete (Rocca del) Indiana Giones (20/08/16)
    Prete (Rocca del) Spigolo Nord (20/08/16)
    Weissmies Via Normale da Saas Grund (17/07/16)
    Lagginhorn Via Normale della Cresta Ovest (16/07/16)
    Grand Combin de Valsorey Parete NO (03/07/16)
    Uccello (Pizzo d') Diedro Sud + Tiziana (26/06/16)
    Baffelan (Monte) Via Carlesso (28/05/16)
    Anglone (Coste dell') Piccola Piramide (21/05/16)
    Zucco di Pesciola Cresta Ongania (25/04/16)
    Placche Zebrate Via teresa (03/04/16)
    Placche Zebrate Rita (02/04/16)
    Pisgana (Cascatone del) (26/03/16)
    Tristenbach (19/02/16)
    Perla azzurra (Cascata) (30/01/16)
    Occhio di Bue (Cascata) (16/01/16)
    Sorgazza di destra (Cascata) (31/12/15)
    Hochferner Ghiacciaio dell'Hochferner (27/12/15)
    Wagnis und Glück (Cascata) - Riva di Tures (19/12/15)
    Coste Sud (Cima alle), Piramide Lacsmi Il mercurio serpeggiante (12/12/15)
    Nero di Presanella (Monte) Couloir dell'H (12/11/15)
    Moregallo (Monte) Cresta OSA (01/11/15)
    Moiazza - Pala Del Belìa (2295m) Spigolo Sorarù (26/09/15)
    Vajo Stretto (Pilastro est del) Spigolo Noaro, attacco diretto (19/09/15)
    Stabeler (Torre) 2805 m - Catinaccio Diedro Fehrmann (30/08/15)
    Catinaccio Parete Est - Fantasia (29/08/15)
    Bismantova (Pietra di) Via Pincelli con Variante Mediana (04/08/15)
    Pendice (Rocca) Via Carugati (01/08/15)
    Rifugio (Pala del) E.Castiglioni-B.Detassis (18/07/15)
    Gran Paradiso Parete N (02/06/15)
    Uccello (Pizzo d') Heidy (30/05/15)
    Uccello (Pizzo d') Dinko (30/05/15)
    Dinosauri (16/05/15)
    Bureloni (Cima dei) Canale Nord (10/05/15)
    Bismantova (Pietra di) Mussini Iotti (02/05/15)
    Bismantova (Pietra di) Via del Diedro (25/04/15)
    Val d'avio Cascata funicolare (28/03/15)
    Lujanta (21/03/15)