nihil


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Partiti dal rifugio Mongioie alle 5:40, alle 7:20 abbiamo attaccato il canale prima del sole. Neve dura e portante sempre e dovunque, vista l'ora, fino all'ingresso tra le due pareti. Da lì fino in cima un pò variabile ma sempre buona. Primo passo di misto coperto di neve, neppure visibile, secondo passo più complicato e aleatorio a destra, a sinistra molto bello, da fidarsi ma le condizioni di neve e ghiaccio erano ottime. Per chi volesse farlo legato non mancano i punti di protezione nè prima nè dopo. Nel caso in cui non risultasse fattibile il passo vi è una alternativa di uscita deviando a destra poco prima, che era tracciata. Dopo il misto la neve prende un pò più di sole a destra quindi, a seconda dell'orario, può convenire più a dx (presto, più compatta) o più a sx (tardi, meno molla). Usciti in vetta, traversato verso la Garba e scesi dal canale delle Scaglie. Di nuovo a rifugio alle 11:15, dove ho ritrovato il telefono che avevo lasciato posato sul tavolo da vero genio.
Nella prima parte del canale, sulla parete di destra, si stacca una goulotte di ghiaccio piuttosto sottile ma solidissimo a dir poco splendida... meriterebbe un tentativo. Giornata e condizioni da panico, in discesa un caldo bestia. Diverse cordate dopo di noi in tarda mattinata. Con albe. Ciao ai ragazzi con cui abbiamo diviso il rifugio!

L'attacco del canale

La goulotte che devia sulla parete di dx

Sopra al passo di misto

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale ::
Dormito al rifugio Mongioie, partenza alle 5:50. Al bocchin dell'Aseo per le 7.30. La neve inizia poco sotto pian dell'Olio, e dal pian in poi è dura e portante fino alla base della via. Consigliabile ramponare presto perché ci sono lastre di ghiaccio in alcuni punti. Conoide poco portante nella parte bassa, discontinuo sopra. Passo di misto asciutto il giusto. Sostato su nut e maillon prima del traverso. Traverso non così ben messo, la neve sfarinava un po'. Due tironi su neve non fantastica, abbastanza improteggibili, fino sotto al secondo passo di misto che abbiamo trovato molto asciutto. Masso incastrato passato bene, ben proteggibile sia prima che dopo e con neve un po' migliore. In vetta alle 12:30. Discesa dalla normale sulla est.
Rifugio del tutto libero, follia! Primi sulla via, due o tre cordate dietro di noi e una sulla Comino. Quelli subito dietro pistavano a bomba, ci siamo un pò sovrapposti, scusateci se avete dovuto fare un pò di freddo extra... Via molto bella oserei dire solo nella metà superiore, quella inferiore non splendida, forse anche per le condizioni trovate. A mio parere è migliore, sebbene meno spettacolare, la Comino-Garelli. Giornata super, clima grandioso, molto molto vento. Con Albe, e saluti a Pavo e Andrea incontrati assurdamente in cima.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Da Viozene, Ormea
Arrivo notturno al rifugio mongioie, ricovero invernale zeppo di gente, pernotto sul cemento. Grazie a dio avevamo il materassino. Partiti alle 7:00 siamo saliti al bocchin dell'aseo dove ci siamo ramponati. A differenza della Biancardi su cui c'era la fila avevamo solo una cordata molto avanti a noi quindi neve quasi vergine, rigelata e ottima su buona parte della via, ma quasi nessuna possibilità di proteggersi. Siamo andati slegati fino al tiro di cresta prima del canale di uscita, che presentava passi di misto con neve peggiore (controllare i chiodi delle due soste, 30 m, molto poche le protezioni buone possibili). Arrivati in vetta poco dopo le 13:00. Via bellissima, non troppo impegnativa ma sempre esposta.
Grande giornata, clima da record! Una vista da paura dalla cima, solo un pò di affollamento sulla cresta sommitale.
Con Albe.