mozart


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Nulla di rilevante
All'attacco non farsi condizionare dalle indicazioni per il colle della chabra: seguire la relazione alla lettera, ossia prendere le mulattiera che dalla chiesa (lato campanile) sale ripida verso il rifugio partigiano.
Il prosieguo nella pineta è alquanto malagevole a causa della strage di pini ad opera della neve (hanno centrato tutti la strada, sbarrandola).
Dal colle della chabra inozia la gita che merita, su cresta, panoramicissima, in lunga cavalcata verso il Birrone (bellissimo balcone sulla Sud del Viso).
Dalla cima traversata verso il colle del Birrone e poi lento rientro sulla storica strada dei cannoni. Non contento, ho concatenato anche il Roccerè. Dalla croce piegato di nuovo verso la pineta che adduce a Sant'Anna di Roccabruna.
Piacevole sgroppata in solitaria.

L'itinerario di cresta.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Nulla di rilevante
E' una bella salita, ma un tantino corta.
La salita di Rocche Calera e Rocciaia offre comunque un minimo di sfogo e anche l'anello che ne consegue è piacevole.

In solitaria
Giudizio Complessivo :: ** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Nulla di rilevante
Durante la salita seguito da moiola l'itinerario proposto nella relazione.
In discesa mi sono rifiutato di ripetere il lungo nastro di asfalto e, passando per tetti Masuè e Veglia, ho raggiunto la cappella della coronata seguendo strade forestali e sentieri. Da qui ho avuto gioco facile per rientrare a Moiola.
Ne esce un anello di discreta soddisfazione per chi, come me, deve riprendere l'allenamento da zero.
Bello il panorama dalla punta Croce dell'Ubacco.
Neve assente.
In solitaria.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Nulla di rilevante
Partiti da Ponte Pelvo e ridiscesi per lo stesso itinerario, tutto il giorno avvolti da una nebbia a tratti fitta.
Ad ogni modo il sentiero spesso diventa poco marcato e richiede un minimo di concentrazione per non perdere l'itinerario (non come noi che blateriamo tutto il giorno!).
Il canale è ben segnalato e protetto da catene, non richiede attrezzatura particolare(max il casco se si è in tanti) ed è valutabile F. Una volta fuori dal couloir gli ometti conducono facilmente in vetta, ornata da una bella croce.
Il Pelvo noi lo abbiamo letteralmente strappato alla nebbia.

Ho portato su le mie bandierine/preghiere tibetane e le ho attaccate ad un braccio della croce. Speriamo mi portino bene insieme alle preghiere di vetta.

Con Sanders e Eli.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Nulla di rilevante
Bella cresta, con uno sviluppo importante (da qualche parte ho letto circa 1000 metri). La roccia è buona, anche se gli appigli vanno costantemente valutati per la presenza di blocchi instabili. Traversata che risulta varia, offrendo passaggi su placche compatte, muri articolati e belle lame di coltello, assai ben proteggibile con fettucce, anche se noi abbiamo usato anche qualche nuts e qualche friends. La via è da percorrere in conserva e richiede un buon ritmo e affiatamento per essere percorsa in tempi ragionevoli.
L'anello di calata con maillont alla fine della cresta è pressoché nuovo.
Cresta che fa molta scuola, assai didattica. Se si decide di percorrerla con un principiante contare allungamento dei tempi, che verrà ricompensato con una lezione completa e formativa.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Gita rilassante, ma allo stesso tempo di buon sviluppo: l'ideale dopo il ravanaggio di ieri sul claus. L'itinerario è sempre evidente e piacevole e non oppone difficoltà di sorta.
La cresta dopo il Colle di Barbacana è abbastanza panoramica.
In generale, come già detto, itinerario consigliato.
Con M., che saluto e ringrazio per la bella giornata!

Il panorama dalla cima.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Parcheggio a pagamento dopo Terme
Da tanto tempo desideravo questa montagna, ora la raggiungo e pure con la compagnia delle di Isa (Eli e Alessia hanno optato per il malinvern).
Cima poco frequentata ma alla fine se ne capisce il perché: rispetto al malinvern offre un itinerario d'antan: lungo, tosto, severo,a volte repulsivo, ma sempre appagante.
Una volta imboccata la traccia verso la bassa della lausa, dopo qualche minuto si incontra un bivio: prendere la diramazione a sinistra... quella a destra porta in una serie di risalti lisci e franosi, che oltre ad essere pericolosi fanno anche perdere molto tempo.
Una volta raggiunta la bassa del claus, l'itinerario prosegue verso il claus quasi orizzontale, fino ad imboccare un camino che porta in cresta. Gli ometti ci sono, ma non sono sempre evidenti.
La severità della montagna è compensata da appigli generalmente buoni, anche se da verificare costantemente.
Ora la cima è impreziosita da bellissimi lenzuoli di neve.
Consigliata per chi ama le salite solitarie e aspre.
Grazie a Isa per la bella salita (molto didattico il claus:-)) e a Eli e Alessia per averci aspettato alla caserma!

Il Claus, impreziosito da bei lenzuoli di neve, con l'itinerario di salita.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Nulla di rilevante
Per cercare il IV- mi sono ficcato su per un diedro che si perdeva in placconate carine, ma, avendo solo fettucce e zero nuts ho dovuto rinunciare alla variante della variante...
Quindi abbiamo seguito le grosse indicazioni gialle ficcandoci, corda nello zaino, nella variante vera, prendendola però per la normale. CI siamo resi conto dell'errore solo trovandoci la cima a sinistra (d'altronde la tour è turrita ed è facile, da sotto scambiare la cima per anticima.
Poco male, siamo scesi poi dalla normale sfruttando i bei chiodoni in loco per mettere delle corde fisse nei punti più ostici. Ne è uscita una traversata carina, su una montagna assai caratteristica.
Con Elisa, che questa volta scese ordinatamente, ma correndo il rischio di incastrarsi come un nut tra fessure e spaccate.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Saliti dalla variante e scesi dalla normale, la quale si presenta completamente pulita da neve, anche nel diedro. Il passaggio esposto è molto ben chiodato e si affronta in sicurezza con una trentina di mt di corda.

Direi che la variante ha il primo tratto in comune con la via dei diedri, poi quest'ultima, raggiunta la cengia terrosa, va ad afferrare il secondo diedro a dx.
La variante invece sale diretta alla forcella tra le due cime, con divertente ginnastica.
La via è ben attrezzata con maillont su spit (saranno ad una ventina di metri l'uno dall'altro), noi comunque per sfizio abbiamo messo qualche nuts, anche per fare una piccola variante che esce un pochino più a destra.
Complimenti a Elisa alla sua prima alpinata... da migliorare però l'ordine dell'attrezzatura raccolta... per non sembrare salami.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok fino tetti Ziton
Salita rilassante, veloce, senza difficoltà alcuna.
La stagione perfetta cade tra aprile e maggio, poi l'erba secca o cresce e dismisura e i fiori scompaiono.
Salito da solo su un tappeto di fiori: genziane, orchidee, spinaci di montagne ed erba verdissima. Ho preso il sole in faccia, mi sono rilassato e ho rivisto la piana di Cuneo dall'alto.
Dedico a te questa gita e a Dio, perché ci aiuti a superare questa prova. Di mamma che n'è una sola.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Birrone (Monte) da Sant'Anna di Roccabruna (25/04/16)
    Tagliarè (Monte) o Tajarè da Chiotti, anello per Rocca Calera, la Rocciaia e il Colle della Gorgia (19/04/16)
    Croce dell'Ubacco (Monte) da Moiola (10/04/16)
    Pelvo d'Elva da Chiazale, traversata a Bellino (07/09/13)
    Autaret (Serriera dell') traversata integrale per cresta (11/08/13)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo, anello per Vallone dei Dossi e Passo di Barbacana (04/08/13)
    Claus (Testa del) Via Normale dalle Terme di Valdieri per la Bassa della Lausa (03/08/13)
    Real (Tour) da Chianale, via Normale e variante diretta (28/07/13)
    Niera (Roc della) Via Normale e Via dei Diedri da Chianale (21/07/13)
    Vecchio (Monte) da Tetti Ziton (26/05/13)
    Omo (Cima dell'), o le Crest de Gibert da San Giacomo (07/01/12)
    Lobbie (Cima delle), cima NE da Castello per il Vallone del Duc e la Via Normale per il Canale NO (17/09/11)
    Pienasea (Cima di) da Genzana, anello per il Vallone di Fiutrusa e i Laghi Blu (10/09/11)
    Fourion (Rocce) da Pian del Re (07/09/11)
    Aiguillette (Monte) e Pic Brusalana traversata delle creste S e O dalle Grange del Rio (24/08/11)
    Emilius (Monte) da Pila per il Rifugio Arbolle (21/08/11)
    Berrò (Cascata di) (16/01/11)
    Aquila (Rocca dell') da Preit per il Colletto Sud del Monte Giobert (02/01/11)
    Gardiola (Cima la) da Certosa di Pesio (30/12/10)
    Alpet (Monte) da Serra di Pamparato (26/12/10)
    Ciucchinel (Cascata di) (19/12/10)
    Ciaperet (Cascata del) (06/01/10)
    Bonvin (Cascata di) (03/01/10)
    Alpe (l') o Alpe di Rittana da Gorrè (23/12/09)
    Creusa Occidentale (Monte) da Tetti Folchi (20/12/09)
    Alpet (Monte) da Serra di Pamparato (19/12/09)
    Perti (Rocca di) Gioco - gioco (13/12/09)
    Perti (Rocca di) Il vecchio (13/12/09)
    Faggi/Fò (Rocca di) Via Andrea e Paolo (28/11/09)
    Durand (Cima) da Artesina (15/11/09)
    Pernante (Forte) da Limonetto (14/11/09)
    Bracco (Monte) Via dell'Unione (25/10/09)
    Bracco (Monte) Via della Perdizione (24/10/09)
    Carmelina, Ernesta, Emma (Punte) Traversata Colle del Pas - Colle Bistè da Carnino Superiore (04/10/09)
    Cervino o Matterhorn Cresta del Leone (14/08/09)
    Asti (Pic d') Via Normale della Cresta SE (04/08/09)
    Pelvoux Traversata Couloir Coolidge - Glacier des Violettes (31/07/09)
    Agnel (Cima dell') Canale Nord-Ovest dal Lago della Rovina (23/06/09)
    Agnel (Cima dell') Canale Nord-Ovest dal Lago della Rovina (21/06/09)
    Argentera (Cima Sud) Canale della Forcella (13/06/09)
    Lausa Bruna (Contrafforti di) Calma Baby (02/06/09)
    Lausa Bruna (Contrafforti di) Open your mind (02/06/09)
    Colme (Cima delle) da Viozene, Canale dello Scudo (17/05/09)
    Antoroto (Monte) Parete NE (10/05/09)
    Marchisa (Rocca la) da Sant'Anna (25/04/09)
    Faraut (Monte) da Sant'Anna (18/04/09)
    Perti (Rocca di) Consolando consuelo (04/04/09)
    Perti (Rocca di) Via col vento (04/04/09)
    Pelvo (il) o Pic de Caramantran da Chianale (22/03/09)
    Tre Chiosis (Punta) da Genzana per la Costa Savaresch (21/03/09)
    Freide (Monte) da Chiappera, per i colli Gregouri e Rui (12/03/09)
    Piovosa (Punta la) spalla NNE quota m 2288 da Tolosano per la spalla NNE (08/03/09)
    Martinet (Anfiteatro del) Martinet Originale (27/02/09)
    Martinet (Anfiteatro del) Bianca Sirena (27/02/09)
    Chandelle Gàstok (13/02/09)
    Garbella (Costa della) quota 2253 m da Palanfrè (18/01/09)
    Canosio (Cascata di) (05/01/09)
    Salto del Cinghiale (Cascata) (05/01/09)
    Chialmo (Monte) da Combamala (20/12/08)
    Fuori pista di Limone (05/12/08)
    Giobert (Monte) da Preit (04/12/08)
    Giosolette (Cima) da Limonetto (28/11/08)
    Durand (Cima) da Artesina (22/11/08)
    Sbarua (Rocca) Settore Normale - Prenota la polenta (14/11/08)
    Agnel (Cima dell') dal Lago della Rovina (20/09/08)
    Bianco (Monte) Via Normale dal Refuge des Cosmiques per il Col du Maudit (29/08/08)
    Monviso Cresta Est (29/07/08)
    Provenzale (Rocca) Via Bonelli (06/07/08)
    Tablasses (Testa di) canalone NO (20/06/08)
    Coolidge (Colletto) Canale di Lourousa (13/06/08)
    Provenzale (Rocca) Cresta Figari (13/05/08)
    Oronaye (Monte) Via Normale del Canale Sud di Sx (classico) e la Cresta Ovest (06/04/08)
    Caprera (Triangolo della) Goulotte del Triangolo (28/03/08)
    Agnellino (Bric dell') - Costa Balzi Rossi Ferrata degli Artisti (14/02/08)
    Comtes Lascaris (Via Ferrata des) - Tende (12/02/08)
    Garbella (Costa della) quota 2253 m da Palanfré (12/02/08)
    Losetta (Monte) da Chianale per il Vallone di Soustra (28/01/08)
    Chialvetta (Cascata di) (25/01/08)
    Torrette (Cascata di) (09/01/08)
    Ciotto Mieu o Mien (Monte) da Limonetto (29/12/07)
    Tempesta (Punta) da Tolosano per la Comba Castellazzo (02/12/07)
    Castello (Rocca) Solo per Bruna (24/09/07)
    Castello (Rocca) Diagonale Est (12/09/07)
    Argentera (Cima Sud) Cresta Sigismondi (04/09/07)
    Nasta (Cima di) Lupo Alberto (20/08/07)
    Ecrins (Barre des) Via Normale da Pré de Madame Carle (14/08/07)
    Ghigo (Punta) Via Super Ellena (12/08/07)
    Abisso (Rocca dell') Sperone ONO (31/07/07)
    Neige des Ecrins (Dome de) Via Normale da Pre de Madame Carle (31/07/07)
    Castello (Rocca) Spigolo Maria Grazia (28/07/07)
    Lausfer (Testa Auta del) Don Gino (21/07/07)
    Gran Paradiso da Pravieux per il Rifugio Chabod (18/07/07)
    Castello (Torre) Spigolo Castiglioni o SE (12/06/07)
    Viridio (Monte), Cima Viribianc e Punta Parvo dal Gias Cavera (12/05/07)
    Sbarua (Rocca) Sperone Rivero - Via Rivero (10/05/07)
    Agnel (Cime Est e Ovest de l') da Casterino (29/04/07)
    Castello (Rocca) Spigolo Maria Grazia (15/04/07)
    Sbarua (Rocca) via Gervasutti-Ronco (07/04/07)
    Sbarua (Rocca) Sperone Cinquetti - Via Normale (17/03/07)
    Sbarua (Rocca) Via Normale (10/03/07)
    Tibert (Monte) da Santuario di San Magno (25/02/07)
    Tenibres (Monte) Via Normale da Pian della Regina (14/08/06)
    Scaletta (Monte) dal Colle della Maddalena (01/07/06)
    Maledia (Cima della) da San Giacomo per il Rifugio Pagarì e il canalino della Maledia (18/06/06)
    Castello (Rocca) Diagonale Est (18/06/06)
    Nasta (Cima di) Via Normale dal Pian della Casa per il Colle della Forchetta (27/05/06)
    Marguareis (Punta) Canale dei Torinesi (21/05/06)
    Clapier (Monte) da San Giacomo (24/04/06)
    Cialancia (Cima) da Desertetto per il Colle Arpione (25/02/06)