michele pagani


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Assente
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Dopo varie gite fatte sul versante italiano intorno a Dobbiaco ci siamo spostati in Austria per questa bella gita.
Abbiamo lasciato la macchina ad un tornante a circa 1500 m, per cui la gita ha superato i 1000 m. di dislivello.
La stradina iniziale, per quanto apparentemente innevata, era piena di pietre e rami per cui ci siamo portati gli sci in spalla sino a circa 1700 m. quando la neve è diventata continua e praticabile. In tutta la zona, anche sul versante italiano ci sono molti alberi abbattuti penso dal vento dell'anno precedente.. La valle si allarga e la gita è diventata molto piacevole. Verso la vetta abbiamo messo i rampant perché ad alcuni tratti di neve fresca riportata dal vento si alternavano tratti di neve compatta e scivolosa.
Bel panorama dalla croce di vetta anche se con molto vento freddo che scendendo di pochi metri si attenuava. Molto divertente la discesa con percorso libero
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Crosta da vento/Sastrugi
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
note su accesso stradale :: strada pulita
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Bella gita in ambiente selvaggio non di semplicissima individuazione. Infatti dopo la Grangia Mazzagliera ci siamo tenuti un po' troppo a sinistra per poi fare un traverso a destra. Cmq la neve ben assestata ci ha poi permesso di salire direttamente per la cresta innevata sopra quota 2090. Tempo splendido e discesa con neve variabile ma con tratti divertenti. La stradina di rientro fino a Chialvetta è in buone condizioni ben innevata anche se in alcuni tratti comincia a vedersi l'asfalto
In buona compagnia di Roberta che viene giù con tranquillità anche nei tratti più ripidi e i simpatici Paolo e Roberto.
Infine con l'amico di sempre Francesco
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Crosta da vento/Sastrugi
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: strada pulita
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Bella giornata. Inizio su stradina ghiacciatina ma sciabile. Poi ampi pendii con neve trasformata in alto ventata con tratti duri ma mai messo rampant. Giornata primaverile con divertente discesa soprattutto nella seconda parte esposta al sole e scendendo alle 14.
Bel gruppo simpatico con Roberta, Marina, Lorenzo, Paolo, Roberto, Riccardo, Francesco e Ale,
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti alle 9 di mattina con neve dura. Passati dal Monte Pianard e poi saliti per il crestino est della Rocca sino alle roccette dove abbiamo messo i ramponi sino alla vetta-. Ritornati agli sci siamo scesi direttamente sul versante a sinistra su ottima neve trasformata molto divertente
In vetta in compagnia del giovane Martino e del simpatico Roberto. Al colle ci ha aspettato Mario
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Personalmente darei almeno 4 stelle perché la discesa è stata tutta godibilissima con l'osservanza di stare sul versante più soleggiato e di non scendere troppo presto.
Arrivo senza problemi sino alla macchina. Già che eravamo lì siamo saliti anche sul Ciotto Mieu.
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Gita azzeccata. Neve dura la mattina che ha tenuto bene per tutta la gita. Meglio essere scesi non troppo presto per godersi un magnifico firn. Magnifica vista su tutti i monti.
In buone condizioni il lungo traverso soli con piccoli scivolamenti di neve da sotto le rocce alte quando si sono scaldate.
Visto un gruppo numeroso scendere dal Piccolo Tournalin.
Un bel gruppo di 12 persone anche se un poco eterogeneo nella preparazione fisica. Ma oggi era ottimo per tutti.
Un grazie di cuore a Roberto che ci ha ospitato nella bella casa a Valtournanche
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: strada pulita
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Neve sin dall'inizio della stradina con qualche interruzione nella prima parte. Tempo prima a tratti nebbioso per poi migliorare con discreta visibilità. Saliti per la parte sinistra e poi scesi direttamente a nord con neve fresca ben sciabile. Anche la parte inferiore era sciabile anche se lenta per la neve umida ma ormai levigata dal passaggio dei numerosi skialper presenti nella giornata. Quando ripartivamo stavano scendendo i primi fiocchi preannunciati
Comodo dormire sul camper dell'amico Andrea e partire la mattina belli freschi
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Si arriva a Thures
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Due giorni prima avevamo fatto la cresta della Dormilleuse trovando ancora neve fresca che ora era già diventata crosticina in ombra mentre sui versanti soleggiati è quasi primaverile. In altri tratti è compatta da vento. Insomma si riesce a sciare meglio del previsto e si arriva a Ruilles con un poco di attenzione nella parte bassa e ci vuole una bella nevicata. Giornata splendida.
Con Marina Roberta Lorenzo Paolo e Giorgio. Ringraziamo i gestori de rifugio Fontana di Thures dove ci siamo trovati molto bene nei tre giorni di soggiorno
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Buono
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Si parte dalla stradina subito innevata. Superato la partenza della seggiovia e dopo il pianoro messi i rampant tenuti per tutto l'itinerario in quanto la neve è molto dura e bisogna fare molta attenzione. In alto la neve è in parte ventata compatta e in alcuni tratti anche abbastanza morbida. Cmq si sale bene. Abbiamo lasciato gli sci al forte per fare gli ultimi 80 m. di dislivello con i ramponi. Altri due skialp sono arrivati in vetta con gli sci ma cercando un pò il percorso. Giornata spettacolare e discesa godibile nonostante i diversi tipi di neve. Noi siamo subito scesi sul versante verso l'Italia per poi portarci a sinistra puntando al colle dello Chaberton
Ottima compagnia nonostante che per alcuni fosse la prima gita insieme. Presenti Barbara, Roberta Paolo, Lorenzo e Giorgio. Marina con un rampant rotto e rimasta sul fondo valle salendo al più semplice Col des trois freres mineurs