matteopoli


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: buono, secondo tiro magro
tipo ghiaccio :: plastico
tutto secondo relazione, ghiaccio plastico abbastanza bagnato. Secondo tiro magro. Uscita dell'ultimo tiro non formata, bisogna scendere al termine del penultimo districandosi tra mille tracce che a volte si perdono..
Gran bella giornata con l'ultima uscita del corso di ghiaccio del CAI UGET Torino


Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: abbondante
tipo ghiaccio :: plastico
Tutto in ordine, ghiaccio abbondante e plastico.
Bella giornata in compagnia del corso di ghiaccio CAI UGET TORINO. Poca gente sulla cascata (6 cordate comprese le nostre 2), che dire , molto molto bello!

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: Buono
tipo ghiaccio :: Duro a tratti spaccoso
Ghiaccio duro a tratti spaccoso, a tratti magro (nel primo tiro) ma che permette sempre una buona protezione. Scesi con 3 doppie
Finalmente questa grande classica! Con corso di ghiaccio scuola CAI UGET Torino


Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: Buono
tipo ghiaccio :: Plastico
Cascata magra ma ben proteggibile. Ghiaccio plastico
Bella salita mai troppo difficile. Con Fabrizio.
Peccato per l'incidente a chi ci seguiva, spero la ragazza si riprenda in fretta..

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Partiti su mandibola ma sul primo tiro dopo la prima cengia ci siamo tenuti troppo a destra finendo alla prima sosta di Serpente e Rabdomanti (quella con il cordone), tratti in inganno anche dal fatto che la linea corretta è molto lichenata...Continuato tenendo al destra su quella che abbiamo poi scoperto essere Rabdomanti.
con Fabri, giornata da maniche corte in Sbarua!
Sciabilità :: ** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: buono
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Vista la poca neve non siamo partiti dagli impianti ma poco più sopra, seguendo la traccia pubblicata da otaner (1850m), che consigliamo se si vogliono evitare gli impianti. Ogni tanto qualche sasso affiora, ma non crea problemi. Crosta non portante ma grazie alle temperature alte abbastanza sciabile, anche se pesante! Ultimi 50m crosta dura. Tanto vento in cima, assente sotto.

Con Elisa, prima di questa stagione
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tutta la salita è su neve compatta, no crosta. Negli ultimi 50 metri (prendono sole presto) inizia ad affiorare ghiaccio, ma per ora non disturba. Come consigliato dal rifugio partenza alle 3, per poi prendercela con più calma una volta in parete.
Gran bella avventura! Solo noi 4 per una giornata super!
Con Fede, Ale e Fabrizio!



[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
condizioni ghiaccio :: Discreto
tipo ghiaccio :: Crosta e ghiaccio plastico
note su accesso stradale :: Ottime
Centrale e destra salibili. Prima sosta cascata destra raggiungibile su neve, non il massimo. Linea di sinistra della cascata destra fatta fino a meta, occhio che in certi punti si sfonda


Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Bella via, tutto come descritto, gradi forse leggermente più alti (come indicato anche nell'ultima guida di
Finale di Tomassini).
Due note:
Il penultimo chiodo del primo tiro balla a dir poco, andrebbe sistemato... (OCCHIO!, è già un punto chiodato lunghetto)
Per la discesa, per non avere dubbi come noi: si arriva alla croce uscendo a sinistra dalla via, quindi si segue il sentiero indicato sulla destra (indicazione per cianassi), quindi continuare su sentiero principale che gira sempre tenedo la sinistra attorno alla nord passando per falesia grottino etc...

Bella fresca giornata in compagna del corso Roccia CAI Uget Torino
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Tutto già ben descritto nella descrizione dell'itinerario, non esiste una traccia obbligatoria ma se si punta prima all'intaglio, quindi al passo del Porcellizzo sud non si può sbagliare. Gita dall'importante dislivello ma di sicura gratificazione per il panorama sul Badile e Cengalo! Noi siamo partiti dai bagni di Masino verso le 7.15, rifugio verso le 10 e la cima verso le 12. Siamo scesi fino al sentiero Roma tagliando per sassi evitando di passare nuovamente dall'intaglio, percorso che può anche essere percorso in salita, consigliato se si arriva dal rifugio Omio, salendo dopo un enorme omino (vedi foto).

itinerario dal rifugio fino all'intaglio

intaglio

Badile in lontananza

[visualizza gita completa]