lorry62


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Dopo i primi due-tre tiri (i primi due sono concatenabili, 30 metri in due) è una discreta cresta alpinistica.
I tiri sarebbero da 30 mt al max ma è facile perdersi qualche spit e anche qualche sosta: gli spit ossidati sono ancora saldi ma si confondono sullo sfondo della roccia. Noi siamo saliti bene con la corda da 50 saltando, senza volerlo, un paio di soste (credo quella di L3 e poi L5).
La parte intermedia, da L4 in poi, è continua sul facile, forse si sale meglio con le scarpe da avvicinamento.
Chiodatura nella parte alta veramente bizzarra: non che gli spit non ci siano, ma ci sono sul facile e non sui due passaggi chiave (per fortuna non difficili). Le soste a spit singolo sembrano fatte apposta per essere integrate con friend (dal medio piccolo al 2 BD).
Arrivo un po' deludente. I due ultimi tiri, gradati molto generosamente (avendo saltato due soste senza accorgercene, abbiamo cercato per un po' dove continuasse la via, non ci eravamo neanche accorti di avere fatto due 5b ..), non arrivano in cima.
Ritorno da fare con attenzione sull'erba ciularina, ma ben segnato con ometti nella parte alta. La parte bassa del sentiero fa un po' di zig zag sul torrente e non sempre si capisce subito di dovere attraversare, perciò se vi trovate impantanati provate a tornare indietro di qualche passo e gettare l'occhio dall'altra parte del rio.
con Andrea
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Forse la vetta più panoramica di tipo escursionistico delle Alpi Occidentali.
Il tratta EE è limitato a quei pochi metri di muretto poco dopo il Colle Leynir (variante destra della salita) .
Detto muretto è risalibile in 3-4 passi su ottima roccia. In alternativa, si può seguire una cengia orizzonatale verso sinistra, che dopo pochi passi porta a un diedro-canalino che si risale camminando (stesso percorso in discesa), sempre su ottima roccia (il che, sul Taou, è una vera rarità).
Attenzione: se , seguendo una falsa traccia, ci si viene a trovare su un muretto -crestina di roccia putrefatta e che si spappola in mano si è sbagliato strada ... tornare indietro ...
Al ritorno l'isolotto del lago Rosset merita una visita. Lo spettacolo del lago con le trote che saltellano e lo sfondo delle Levanne è meraviglioso.
Con Ovidio e Ionel.

Il muretto e i due modi di vincerlo

La via facile
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Al termine della prima placconata, circa in verticale sotto il rilievo al centro del colletto fra i due Malinvern, ho percorso una lunga cengia orizzontale verso destra, che mi ha portato a un secondo sistema di placche abbattute che a sua volta mi ha portato sul colletto, in corrispondenza dell'attacco della cresta del Malinvern. Nessun canale sfasciumoso, solo ottima roccia compatta e solida, gripposa e ricca di vaschette e appigli .la roccia degrada solo a pochi metri dalla cresta e poi sulla cresta, ma ormai è praticamente camminabile. Difficile proteggere, ma la roccia è così buona che non ce n'è bisogno

Con Ovidio e Ionel
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Ottimo
Non ho capito perché la relazione sconsigli di salire in auto a Polpiano, la sterrata è ottima e con un eccellente tassellatura per aumentare il grip sui tratti ripidi. Attenzione solo che non c'è nessun segno a indicare che la strada per Cleuro vada a Cleuro. La sterrata prosegue con divieto di accesso ancora per più di 1 km abbreviando l'avvicinamento .. sono foresto e non mi sono fidato a infrangere i divieti stradali elvetici .. ma ho visto che un bel po' di auto erano passate lo stesso ...
Il Pizzo Campo Tencia fatto su sentiero, passa leggermente a sx della cresta, è noiosissimo. Un po' meglio risalire per cresta integrale. In discesa una traccia che si stacca più o meno a metà del sentiero di salita riporta direttamente al ghiacciaio senza ripassare dal colletto, consigliato.
Fatto in giornata anche il Croslina, risalito per il canale a dx della cresta SE e ridisceso per la traccia a spit e bolli blu, più breve e divertente.
Con Noemi
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Cresta lunga, impegnativa, e l'AD+ ci sta tutto intero per i frequenti salti di IV e IV+. Da non sottovalutare, né come impegno né come tempi.
La traversata da Roma a Udine è più arrampicatoria e più di soddisfazione, ma in alcuni punti gli spit segnavia non sono ben visibili (li vedi guardandoti indietro ...), e un anello di calata o due in più non ci stavano male.
La traversata dalla Udine , oltre che più panoramica, è più evidente e forse un po' più semplice.
Il tempo di 4-5 ore è ottimistico. Calcolare fino al doppio se non si è in grado di superare in procedere in conserva dal III+ in su e/o se si è in cordata da 3, specialmente provenendo dalla Roma.
Se si arriva dalla Roma è però possibile , se si è in ritardo, aggirare due degli ultimi torrioni sul lato francese (non si riesce a scendere al laghetto, ma si può procedere a mezza costa su facili placconate e poi risalire in cresta), poi fare un ultimo tratto di cresta, infine evitare l'ultimo torrione come da relazione. Nessuna possibilità di scorciatoie in direzione Roma invece.
Corda da 50 sufficiente facendo attenzione (nodini al fondo della doppia). Non abbiamo avuto necessità di integrare. Indispensabili un po' di anelli lunghi (gli spuntoni non mancano) e un certo numero di anelli corti per allungare i rinvii.
Scarpette comode consigliate se non si è sicuri sul 4c/5a in scarponi (e aiuta a stare nei tempi). La roccia è molto lichenata perciò va fatta solo in condizioni assolutamente asciutte.
Roccia generalmente buona e gripposa, ma è d'obbligo la cautela. Qualche volta mi si sono staccati farmmenti anche di media grandezza, specie nei passaggi più "facili". Occhio, e non ditemi che non vi avevo avvertiti.


Con Graziano e Giovanni
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Avvicinamento a mio avviso molto più appagante che dal versante del Vittorio Emanuele. Anche la salita alla vetta (ghiacciaio e poi canalino) è più divertente.
Il guado adesso è in acqua profonda 80 cm. Consiglio risalire qualche metro rispetto al punto indicato dalla segnaletica, finché il torrente si sdoppia e diventa più largo e un po' meno impetuoso, e dei banchi di sabbia aiutano ad attraversare a piedi scalzi (per chi ha la pianta dei piedi delicata come me ...).
Bivacco piccolino ma asciutto, pulito e accogliente, complimenti al CAI Rivarolo. Acqua in quantità a pochi metri, dall'uscita laghetto. Spazio lì vicino per un paio di tendine se occorre.
Dal bivacco si prosegue su evidenti tracce di mulattiera con chiazze di neve fino ai piedi del ghiacciaio (vedi traccia).
Il tratto di cresta è decisamente Facile e non occorrono i ramponi, ma fare attenzione a non fare cadere pietre che poi vanno a finire nel canale di accesso.
Zero rigelo notturno questa volta. Discesa su marmellata delicata per la formazione di zoccoli sotto i ramponi,
forse conviene toglierli del tutto.

Un saluto al simpatico tabui Falco che ci ha accompagnati fino in cima .. se segue anche voi non preoccupatevi, la padrona è abituata alle sue escursioni, e lui sa la strada meglio di voi
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Salito dalla Val d'Angrogna e fatto solo il tratto Vandalino-Vantacul.
Fatta la cresta integralmente sul filo. Tutti i torrioncini sono scalabili, diff II (F), forse un paio di passi PD- (III). In qualche caso il torrioncino non è aggredibile di fronte, allora si fa qualche passo di lato per trovare la via di salita , a volta su un versante a volte sull'altro, percorso non segnato ma non difficile da trovare. La discesa dall'altro lato del torrioncino è sempre più facile della salita.
Utile una fettuccia lunga o simili per cinturare uno spuntone e aiutarsi a disarrampicare in un un solo punto.
Fatta così, la cresta, oltre che panoramica, è davvero divertente.
Cresta completamente pulita oggi, ecectto gli ultimi metri del Vantacul. Neve portante dalla cima del Vantacul fino a 2000 mt in discesa (ramponcini) sulla Piatta Basi. Finita la neve, tenersi un po' a sx (faccia a valle), non lasciarsi tentare da quello che sembra un sentiero e va a dx: è solo uno smottamento , porta in posti ripidi e pericolosi per l'erba olearia.
Casco consigliabile, c'è bisogno di dirlo?, oltre alla fettuccia non serve altro.
Avvistati un paio di galli forcelli e un ermellino fugace, fose stava facendo la posta ai galli ...
Fatta in solitaria.
Grazie a Dario, gestore del Sap, per avermi consgliato questa cresta
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 1800
Saliti con ciaspole e ramponi alla Vergia e poi via cresta (molto bella, facile, 1 solo breve passo di misto PD-) al Vantacul. In qualche punto tenersi leggermente verso la valle di angrogna per aggirare le rocce rotte, se no si passa tranquilli sul crestone.
Scesi per la cresta dalla Piattina come da itinerario in foto: itinerario ravanoso in mezzo alla boschina, da veri cinghiali. Fatevi un favore, riscendete per la piatta di Basì, il dolce costolone Nord-Est.
Il tempo coperto e lo ZT a 2200 hanno tenuto la neve portante, ma ormai siamo un po' fuori stagione .
Viste impressionanti scariche sul versante degli Invincibili
Con Ovido e Lionel
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
qui le nevicate degli utlimi giorni non sono arrivate.
Il canale è svalangato e difficilmente sciabile. In compenso le condizioniper la salita sono ottime, eccetto per qualche punto dovei sprofonda nella neve nn trasformata nel pendio-canale superiore, ma sono punti isolati superabili.
Discesa per la normale fantastica.
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
quota neve m :: 1800
Salito alla punta (no forte).
Neve caduta da poco non abbondantissima ma ottima. Ottima per ciaspole ma penso anche per ski.
Cresta lato impianti quasi asciutta, comunque i ramponcini in un paio di passaggi esposti facevano comodo. Cresta lato forte coperta di grosse cornici. Picca non indispensabile (io non l'avevo) ma non guasta.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Visconte (Rocca del) Cresta dell'Uranio (12/10/19)
    Taou Blanc (Monte) dai Piani del Nivolet (01/09/19)
    Malinvern (Monte) Versante SO e Cresta NO (21/08/19)
    Campo Tencia (Pizzo) da Dalpe per la Cresta NO (18/08/19)
    Roma (Punta) - Punta Udine Traversata Gagliardone (03/08/19)
    Monciair (Becca di) da Ceresole Reale (07/07/19)
    Vergia (Monte), Monte Vantacul e Monte Vandalino da Villar Pellice, anello (12/05/19)
    Vantacul (Monte) da Prà del Torno per la Piatta di Biasì (22/04/19)
    Mezzodì (Guglia del) canalino NE (14/04/19)
    Janus (le) da Montgenèvre (06/04/19)
    Granero (Monte) Canale Est (03/03/19)
    Rocciamelone da la Riposa (05/01/19)
    Caprera (Triangolo della) Goulotte del Triangolo (03/01/19)
    Frioland (Monte) da Brich per il Colle delle Porte (01/01/19)
    Gimont (Mont) da Monginevro per la Valle dei Mandarini (30/12/18)
    Lauzin (Pic du) da Montgenevre, anello per Col des Trois Freres Mineurs e Col Alpet (27/12/18)
    Pintas (Monte) dalla Fontana della Batteria (18/11/18)
    Muret (i) dalla Riposa per la Cresta SO (21/10/18)
    Monviso Cresta Est (23/09/18)
    Chatelet (Aiguille de) Velociraptor (08/09/18)
    Bastione (il) Via Normale da Pian della Casa del Re (30/08/18)
    Mondrone (Uja di) Cresta dell'Ometto (26/08/18)
    Fenestrelle (Roc di o Gelas) Cresta NE (21/08/18)
    Asti (Pic d') Cresta SO (11/08/18)
    Rateau (le, cima Est) dal vallone de la Selle (08/07/18)
    Laro (Cime du) dal Colle del Moncenisio per il Fort de la Petite Turrà (09/06/18)
    Lamet (Pointe du) da Plan des Fontainettes (03/06/18)
    Toraggio (Monte) dalla Colla Melosa per il Sentiero degli Alpini (12/05/18)
    Reopasso (Rocche del) - Biurca sud Via dell'amicizia (29/04/18)
    Zerbion (Monte) da Promiod per la cresta Ovest (04/02/18)
    Gran Guglia Pa Pi Que Cattre (26/11/17)
    Coudrey (Monte) Pilier del forte + Pa Raumer + Capitano Walker (12/11/17)
    Fourion (Rocce) da Pian del Re (03/11/17)
    Cristalliera (Punta) cresta SSO o delle Scuole (22/10/17)
    Rosa dei Banchi da Campiglia Soana per il Colle della Rosa (15/10/17)
    Avic (Monte) Via Normale da Villa per la Cresta Ovest (08/10/17)
    Fourà (Punta) dalla strada del Colle del Nivolet per la Punta Violetta (24/09/17)
    Mondrone (Uja di) - Contrafforti Via del quartino (02/09/17)
    Pelvo d'Elva Quoziente Intellettuale Zero (13/08/17)
    Maria (Punta) Cresta Nord-Ovest (06/08/17)
    Gura (Ouille de la - Uja della) da l'Ecot per il Glacier du Grand Mean (23/07/17)
    Renon (Bec) e Cima Battaglia da Scalaro, anello (02/06/17)
    Vallone (Testa del) da Prati del Vallone per il Ghiacciaio dell’Ubac (28/05/17)
    Rocciavré (Monte) e Monte Robinet da Molè per il Vallone della Balma (21/05/17)
    Lities (Rocca di) Adesso basta! (17/04/17)
    Chersogno (Monte) da Campiglione per il Colle di Chiosso (16/04/17)
    Musinè (Monte) Versante Sud - Virginia (15/04/17)
    Balma (Laghi della) e Rifugio Alpe della Balma da Molè (12/03/17)
    Coudrey (Monte) Doctor Jimmy (05/03/17)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (26/01/17)
    Tre Chiosis (Punta) da Genzana per la Costa Savaresch (05/01/17)
    Fenera (Costa) da Alpe le Combe, anello per il Colle delle Coupe e Colle della Croce di Ferro (18/12/16)
    Boragni Avancorpo (10/12/16)
    Ostanetta (Punta), Punta dal Razil, Punta Rumella da Meire Durandini (08/12/16)
    Lunella (Punta) da Andriera per la Cresta Nord da Cima Lusera (01/11/16)
    Tre Denti di Cumiana - Dente Orientale Spigolo Sud (30/10/16)
    Udine (Punta) Cresta Est (28/08/16)
    Asti (Pic d') Via Normale della Cresta SE (21/08/16)
    Bucie (Bric) Via Accademica da Villanova (16/08/16)
    Lou Nas Minnou (11/08/16)
    Chaberton (Monte) da Claviere per la Batteria Alta (10/08/16)
    Adamello (Monte) Via Normale per il Rifugio Garibaldi e il Passo Brizio (06/08/16)
    Mondrone (Uja di) - Contrafforti Sud Via Adriana (22/05/16)
    Lunella (Punta) Canale NO (21/05/16)
    Verezzi Cento corde (Falesia) (08/05/16)
    Gran Guglia Canali N e NE (29/04/16)
    Sella (Rocca) da Celle, sentieri vari di Rocca Sella (25/04/16)
    Selletta (Monte) da Rodoretto per il Colle della Fontana (19/04/16)
    Aquila (Punta dell') da Serre Moretto, anello per Monte Muretto, Cugno Alpet, Punta Meina, Merla, Cucetto (06/01/16)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (03/01/16)
    Calcante (Uja di) da Traves, anello (12/12/15)
    Lunelle (le) Cresta Nord (via Accademica) (08/11/15)
    Martin (Punta) Cresta Federici - Contrafforte Sud (29/10/15)
    Gastaldi (Punta) Via Normale da Pian del Re (26/08/15)
    Real (Tour) da Chianale, via Normale e variante diretta (04/08/15)
    Robinet (Monte) da Seleiraut, anello per il Vallone Vallette e Rifugio Selleries (18/07/15)
    Lunelle (le) Cresta Nord (via Accademica) (01/06/15)
    Borelli - Pivano (Rifugio, Ferrata del) da Peuterey (31/05/15)
    Moross (Rocca) Schiena del Drago - Cresta SE (10/05/15)
    Tre Denti di Cumiana da San Martino (26/01/15)
    Sella (Rocca) da Celle, sentieri vari di Rocca Sella (16/11/14)
    Martin (Punta) Cresta Federici - Contrafforte Sud (07/11/14)
    Orsiera (Monte) da Saret del Campo per la Cresta Sud (01/11/14)
    Niera (Roc della) Via Normale e Via dei Diedri da Chianale (25/10/14)
    Aquila (Becco dell') da Serre (19/10/14)
    Niblè (Monte) Via Normale da Grange della Valle, anello per il Rifugio Vaccarone (28/09/14)
    Provenzale (Rocca) Via Normale della Cresta Sud (20/09/14)
    Nasta (Cima di) Canalone Sud (13/09/14)
    Argentera (Cima Sud) Via Normale per l'Altopiano del Baus (07/09/14)
    Corborant (Cima di) da San Bernolfo per il Buco della Marmotta (24/08/14)
    Provenzale (Rocca) Via Normale della Cresta Sud (24/08/14)
    Levanna Occidentale da l'Ecot per il Refuge du Carro (21/08/14)
    Meja (Rocca la) Via Normale dal Colle del Preit (14/08/14)
    Mondrone (Uja di) Via Normale da Molera (10/08/14)
    Oronaye (Monte, Cima Est o Cima Dronero) Ferrata degli Alpini (27/07/14)
    Medale (Corna di) Ferrata degli Alpini (25/07/14)
    Grona (Monte) Ferrata del Centenario C.A.O. Como (18/07/14)
    Cristalliera (Punta) da Rifugio Selleries (29/06/14)
    Reopasso (Rocche del) Via Ferrata Deanna Orlandini (24/06/14)
    Clari (Rocca) Ferrata Mario Perona - Aldo Saglia (23/06/14)
    Bunker (Ferrata del) e Ponte Tibetano di Claviere (20/06/14)
    Guide di Gressoney (Ferrata delle) (14/06/14)
    Guide di Gressoney (Ferrata delle) (14/06/14)
    Jose Angster (Ferrata) (14/06/14)
    Rat (Corno) Trentannale Osa (28/05/14)
    Senghi (Rocca) Via Ferrata (27/05/14)
    Comtes Lascaris (Via Ferrata des) - Tende (18/05/14)
    Clari (Rocca) Ferrata Mario Perona - Aldo Saglia (16/05/14)
    Clari (Rocca) Ferrata Mario Perona - Aldo Saglia (16/05/14)