Gulliver outdoor - arrampicata, escursionismo, scialpinismo, sci alpinismo, alpinismo, canyoning, trekking, MTB, Cicloturismo

gianni.savoia


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Park impianti Iseran
attrezzatura :: scialpinistica
Abbiamo sfruttato questo bell'itinerario per fare un giro simpatico e istruttivo .
Dal park dell'Iseran si mettono subito gli sci e si sale il bel canalone che porta alla spalla del Signal. Nella parte alta abbiamo usato i ramponi per via della neve durissima.
Dalla sella panoramicissima verso Vanoise, Gran Paradiso e lato 'b' della valle di Rhemes, siamo scesi per circa 500 metri su ottima neve, traversando via via a destra. Poi abbiamo ripellato per poco per salire a una selletta da cui siamo scesi nel vallone sotto il colle Pers sino a portarci sulla verticale del colle.
Da qui ci siamo resi conto che la risalita al colle non era in condizioni sicure: la parte medio-bassa colata e svalangata dalle recenti nevicate e la parte superiore senza neve lasciava intravedere un cospicuo pendio di pietre all'uscita.
Considerato che avevamo invece trovato bellissimo il pendio di salita al Signal siamo tornati sui nostri passi risalendo sino alla sella nevosa su pendio ripido ma gestibile sci ai piedi.
Dalla sella discesa entusiasmante su neve ottima a mezzogiorno circa sino all'auto.
Due considerazioni sull'itinerario :
- probabilmente è più remunerativo al contrario per scendere sia il colle Pers che i pendii del canalone della selletta del Signal, invece di terminare il giro sulle piste.
- pur non avendolo risalito, così a occhio, se si passa dal colle Pers (tanto in salita che in discesa) occorre rivedere la gradazione in OS rispetto al BS indicato.



Con il fido Pier, soli. Saluti a Lakota.

Salendo alla calotta del Signal

Sullo sfondo la Grande Aiguille Rousse

Lato B della Val di Rhemes (e lato A del fido Pier)

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Parcheggio in piazzale chiesa a Pianetto
Partito per il Monfandì ho cambiato percorso quando ho visto la gran quantità di neve che ancora ricopre il versante nord dai 2500 metri in su. Ho quindi deviato per il colle Buffa e ho percorso la successiva cresta passando prima da Cima delle Candelle per poi arrivare sino alla Cima Orientale e Centrale delle Chiose. Ho rinunciato all'occidentale, di poco più bassa, per via del nebbione che intanto aveva inglobato le creste.
Gita piacevole in vallone solitario ma pittoresco. Bellissimi i pascoli della parte bassa e mediana, abbondantemente fioriti. Panoramica, fin che si è visto qualcosa, la parte alta.
Il sentiero si perde un po' dopo la Grangia d'Arlens superiore. Passa in alto a sinistra in mezzo alla pietraia, ma conviene scendere sul piano e salire a metà di esso verso il vallone a sinistra dove si ritrova una buona segnatura.
Su tutto il percorso occorre fare un po' di attenzione a non perdere la traccia, peraltro abbastanza segnata, soprattutto nei pascoli.
Neve dura da fondo di valanga nell'attraversamento del torrente sopra il piano d'Arlens. Avevo i ramponcini ma non li ho usati grazie alla terra che permetteva di avere presa. Occhio al torrente sottostante.
Dopo il bivio per il Monfandì, poco riconoscibile, si va a sinistra, più che altro per intuito ma su terreno evidente, con molti meno segni.
Segnalo che la carta '25 Valle Soana' della Fraternali, normalmente più che attendibile, ha un'imprecisione nel segnalare la posizione della 'Croce aereo kg875' che viene posta troppo a sud, sotto cima delle Candelle, In realtà, come descritto nelle altre relazioni, si trova fra la cime Centrale e quella Orientale delle Chiose, poche decine di metri sotto cresta, ma soprattutto non esiste la traccia che viene indicata sotto cresta e che condurrebbe alla croce stessa. Probabilmente, considerato che la croce è stata posta nel 2013, gli iniziali progetti si sono dimostrati diversi dalla realizzazione e potrebbero ora indurre in errore costituendo, bene o male, un punto di riferimento evidente.
Anche la quota non è 2.500 come riporta la carta ma 2.585.
Di conseguenza, le segnalazioni orarie in partenza che darebbero 10 minuti dal colle Buffa alla croce sono probabilmente frutto dello stesso errore. Ne servono almeno il doppio, e anche di più.
Quindi, sia per le varie cime che per la croce, meglio percorrere la cresta.
Tornato poi a Pianetto senza fare il giro.

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Fioritura ragguardevole di narcisi e viole, che da sola vale la visita.
Salitella pomeridiana da Pian Audi con Bru per riguadagnare gamba, passando dal sentiero dei morti.
Tempo cupo, nuvole dal colle in su, un pò di pioggerella al ritorno; fin piacevole dopo tutto.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Si parte a piedi da Balme in quanto la strada, anche se libera, è ancora vietata al traffico.
Giunto davanti al Bricco ho deviato a sinistra per raggiungere il canale d'Arnas e dopo un quarto d'ora si arriva alla neve. Calcolare 1 ora e 20 minuti di portage.
Il canale d'Arnas è abbastanza ben innevato, come di consueto sporco nella parte sinistra orografica ma per ora le pietre sono poche ed evitabili. In salita, in corrispondenza della fascia rocciosa mediana è meglio togliere gli sci per un centinaio di metri ma in discesa si passa senza toglierli. Meglio comunque limitare la presenza sotto le rocce della sx. orografica al minimo.
Parte alta ottimamente innevata e solitaria. L'accoppiata virus e portage permette di assaporare solitudini antiche: affacciarsi dalla vetta sul Pian Gias e non vedere nè tracce nè persone è inusitato.
In discesa neve trasformata e marcetta il giusto in superficie, all'1 del pomeriggio. Ovviamennte lenta nel traverso sotto il Gastaldi per riaffacciarsi al canale. Nel canale compatta, a volte quasi estiva, divertente nel conoide e poi giù nel bosco fin che ce n'è.
Partendo da Balme (pakinò) il dislivello sale a 1.700 metri ma soprattutto lo spostamento diventa importante, sfiorando i 22 Km. A/R, ma, come dicono quelli andati a Punta Maria: "Che sudisfa!".

Le quattro stelle sono riferite, come di consueto, alla sciabilità, facendo astrazione dal portage.
Tutte le gite in zona appaiono in condizioni, salvo forse la Ciamarella con un innevamento non perfetto e da verificare, prima del traverso. Metto foto.

Canale d'Arnas

Condizioni Uja di Ciamarella 9.5.2020

Bessanese e Murari

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: No problem
Partito da Pian Audi per il solito ottimo sentiero, uscito dal bosco ho preso il sentiero dei morti per l'Alpe Mecio e ho raggoiunto il Soglio dalla cresta sud.
Poi per cresta ho seguito più o meno il tracciato del Trail del Soglio, con qualche variante: dopo l'Alpe Uja ho preso la traccia poco marcata che porta in vetta all'Uja di Corio. Da questa ho seguito fedelmente la cresta sino al colle Croce d'intror e poi in vetta all'Angiolino dove sventola gioioso un Jolly Roger.
Ancora in cresta alla Vaccarezza e da questa giù dritto per la cresta sud fino a prendere il bel sentiero che traversando a sinistra riporta a Frisarole. Da qui seguendo sempre il percorso del Tms giù sino a Cà 'd Picat, Ritornato, fondo della valle e risalita a Pian Audi.
Giro di gran soddisfazione con la bella giornata di ieri dopo due mesi di clausura. Tanta era la voglia di ripartire che mi sono sparato l'anello completo dal Soglio alla Vaccarezza.
Fioritura spettacolare, in certi punti epocale, di narcisi, viole e genziane.
Il giro fatto così cuba 22,5 km e 1800 metri. Ci ho messo 10 ore con tutta la calma del caso ma penso che potrebbero bastarne otto a passo spedito. Molti tratti sono ben poco redditizzi, come dal Soglio a Croce d'Intror, e si va piano per forza.
Nessun problema di neve che non ostacola il passaggio. Se ne trova solo un po' da pestare per una cinquantina di metri di dislivello sotto l'Angiolino ma qui la pendenza è ridotta e la traccia si fa bene.
Era ora!
Sciabilità :: **** / ***** stelle
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Gita che, a dispetto del dislivello non eccessivo, risulta molto piacevole, mai monotona, e offre scorci inconsueti sia sul vallone dell'Autour che sulla testata della Val d'Ala.
Neve continua con una spanna di farina recente in basso che aumenta via via che si sale. Sulle esposizioni a Nord anche un trentina di centimetri di farina recente e fredda. Neve comunque sempre bella e sicura. Pala finale molto bella esteticamente (fosse più lunga...!), un po' più mordiba vista l'esposizione, ma piacevole.
Discesa di soddisfazione, anche nella parte bassa dove si può agevolamente tagliare la stradina senza problemi.
Dalle vetta viste tracce che apparivano goduriose giù dalle Mangioire e due persone salire alla Gran Roccia.
Molto frequentata, almeno fino al Giasset, anche da ciaspolatori.
Consigliabile.
Giunto al park, vista l'ora insolitamente 'presta', ho ripellato verso il Piano e sono salito sino al Colle del Tovo dove, sbirciando dalla vetta, avevo notato interessante attività. Salito senza problemi dal canale, abbondantemente tracciato, poco oltre la Masinà. Qui di farina ce n'è anche di più, in alto particolarmente. Si scende senza problemi dritti sulla Masinà.
Saluti a Livioo incontrato al park che ha fatto lo stesso giro al contrario...



Parte bassa

Canale dopo Pian Gioè

Gran Roccia

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Gita lunga, complessa ma molto remunerativa, sia dal punto di vista tecnico che per lo splendido ambiente, giustamente quotata Osa. -5° alla partenza con neve continua sin da Pian del Colle, anche se tutto sommato in quantità minore di quanto mi sarei atteso.
Superato il ponte della Fonderia siamo saliti verso il gran canalone che caratterizza buona parte della salita, su neve fin da subito bella dura, (rampant pressoché indispensabili), sino a giungere, nella parte alta, sotto una barretta rocciosa. Qui si può scegliere se andare a destra verso il colle, ma abbiamo preferito calzare i ramponi e salire dritto per dritto i non difficili canalini che solcano la barretta.
Giunti nella conca superiore ci siamo diretti a sinistra verso i canali che scendono dalla vetta verso sud.
Qui la musica cambiava: circa 50 cm. di neve recente e umida per circa 200 metri di dislivello. Li abbiamo valutati abbastanza sicuri da salire a piedi ma quanto a scenderli in sci in cinque ci è parso azzardato anche perché la temperatura verso mezzogiorno era abbastanza alta.
Abbiamo quindi pensato di fare la discesa in traversata in direzione del Colle di valle Stretta, un itinerario comunque non banale e in ambiente superbo. Nella parte alta non bisogna lasciarsi attirare dallo scendere direttamente invitanti pendii che porterebbero sui salti. Si traversa la vetta verso nord e si scende per un centinaio di metri verso una spalletta da cui si individua un punto debole nella bastionata nord-ovest che permette di attraversare alcuni canali e poi per pendii via via più aperti e piacevoli scendere verso ovest con un ampio semicerchio da desta verso sinistra.
Sempre stando sulla destra orografica del vallone che scende dal colle di Valle Stretta si arriva al ponte a monte del Ponte della Fonderia e da qui per tracce e stradine ben innevate, ma frequentatissime da pedoni, ai Rifugi prima e a Pian del Colle poi.
In qualche tratto della parte mediana un pò di farinella accumulata, e, più sotto, primaverile.


Con il fido Pier e i duri di Bardo Samantha, Aurelio e Danilo che nella discesa del lungo piano sotto ai Rifugi ci ha dato un provvidenziale traino 'a corda' con la motoslitta...

Parte mediana


[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Molta gente in giro ieri in questo bel vallone di norma poco frequentato; in sei, più altri due, su questo itinerario e tre soci alla Bellagarda oltre ad un altro solitario.
I pendii alti si fanno perdonare una parte bassa ormai agli sgoccioli e la sciabilità è ancora condizionata in parte da neve dura che non rinviene, anche se nella parte bassa le cose iniziano a migliorare.
Bell'itinerario, sostenuto nella parte alta, la cui gradazione OS è corretta, diciamo un 3.3/E2 per capirsi meglio, anche se tutto salibile sci ai piedi.
Portati sci sino alle Riane poi saliti per i canalini dopo le Riane di Sopra, usati anche per scendere.
Parte alta dura ma piacevole ed estetica, parte centrale in fase di miglioramento.
Dopo il pian delle Riane si riesce a scendere con gli sci fin vicino alla Vaccheria, ma è una tarzanata... In effetti occorre già fare 5-10 minuti a piedi. Poi si rimettono e dopo la strada e i prati sin giunge in sci vicino alle Piane, a 10 minuti dall'auto.
Gitone logico continuo e raccomandabile.

E' un bene che sia stato trovato un toponimo per questa punta sinora identificata solo come 'quota 2883 dell'Unghiasse', se non altro perché è una cima ben individuate e separata e meritava un nome suo, sia pure locale.


Con il fido Pier, Valentina, Sabrina, Fabrizio e Marco e con Gianca, Francesca e Alan vicini in spirito alla Bellagarda...
Sciabilità :: **** / ***** stelle
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Bella gita che non mi capacitavo di non aver mai fatto dopo che ne avevo visto i pendii. E così...
Rispetto alle ultime settimane la neve è meno dura sia a salire che a scendere e questo rende più piacevole il tutto.
In salita ho portato gli sci sino al piano della Riane poi, invece che seguire il sentiero estivo, sono andato in fondo all'Alpe Riane di sopra e da li son salito a piedi nei canalini (ramponi) fino a intercettare le tracce che arrivavano dal sentiero estivo. Dopo, neve via via più piacevole per una successione di pendii e vallette che ho percorso tenendo come direzione il pendio della Bellagarda ben visibile.
La pala finale è molto molto estetica,un piccolo gioiello, ripida il giusto, si sale tutta sci ai piedi (rampant) ed è bella da salire così come da scendere.
Si arriva sci ai piedi sino all'ometto dell'anticima e da qui vale la pena continuare a piedi (meno di dieci minuti) sino alla vetta massima che si raggiunge senza difficoltà (mt. 2.901).
In discesa verso le 13 la neve era abbastanza piacevole, considerata la stagione, e sicuramente meno dura delle ultime settimane, segno che il sole sta iniziando a lavorare e le temperature ad aumentare. I pendii sono larghi e sono possibili differenti varianti. Giunto sopra ai salti sono sceso direttamente senza fare il traverso del sentiero estivo (bello, però consigliabile solo se si è saliti da li prendendo qualche riferimento...).
Dal Piano delle Riane si scende ancora con gli sci sul sentiero fino a 10 minuti dalla Vaccheria dove conviene fare un tratto a piedi. Poi si possono rimettere gli sci e scendere la strada e i successivi prati sin verso le Piane, a 10 minuti a piedi dall'auto.


Deposito sci all'anticima e cresta verso la vetta

Dalla vetta verso Crocetta e Levanne

La bella pala finale

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo portante
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Da Alboni si spalleggiano gli sci almeno sino alla strada, dove si incontra neve continua, ma conviene portarli sino al Piano delle Riane considerata la qualità della neve molto dura sul sentiero.
Sono poi andato sino in fondo al piano e, messi i ramponi, sono salito direttamente verso il sentiero estivo per una serie di bei canalini ben innevati che ho anche usato in discesa, pensando che fossero meglio del traverso del sentiero estivo.
La parte superiore l'ho trovata bellissima, caratterizzata da pendii ameni e gradevoli sui quali si sale con piacere. Dopo il lago Fertà, considerata la neve 'beton', ho rimesso i ramponi per salire in cresta, arrivando in vetta senza problemi lungo il bel crestone. Dalla vetta sono sceso direttamente nel canalino principale, abbordabile nonostante la neve bella dura.
Molto piacevoli i pendii dopo la Fertà e belli anche i canalini che mi hanno riportato al Pian delle Riane. Dopo, conviene scendere con gli sci lungo in sentiero sin dove si può (nel senso che senza sci non necessariamente sarebbe meglio...). Quando la discesa diventa improponibile, con 5 minuti a piedi si arriva all'alpe Vaccheria dove si possono rimettere. Percorsa la strada sino ai primi prati, di scende ancora con gli sci sin nei pressi di un alpeggio a 10 minuti dall'auto.
Gita lunga ma raccomandabile per la bellezza dell'ambiente e dei pendii che si percorrono.

Parte alta vista salendo il Gran Bernardè (verde salita - rosso discesa)

A destra pendii di salita e lago Fertà, a sinistra lago Unghiasse

Parte finale. A destra pendio di salita alla sella, sotto la vetta a sinistra canale di discesa

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Iseran (Signal de l') Anello Pont de la Neige-Col de l'Iseran-Col Pers (28/06/20)
    Chiose (Cime delle) da Pianetto a Piamprato per il Colle della Buffa (24/06/20)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (10/05/20)
    Adami (Punta) da Pian della Mussa (09/05/20)
    Vaccarezza (Monte), Cima dell'Angiolino, Uja di Corio da Piano Audi, anello di cresta e il Monte soglio (04/05/20)
    Serene (Punta delle) quota 2476 m da Balme (01/03/20)
    Bernauda (Rocca) dalla Valle Stretta per il Vallone Bernauda (09/02/20)
    Deserta (Punta) da Alboni (26/01/20)
    Bellagarda (Monte) anticima 2878 m da Alboni (25/01/20)
    Crocetta (Cima della) da Alboni per il Versante SE (18/01/20)
    Gran Bernardè (Monte) Canale Ovest o della Spalla (15/01/20)
    Rossa di Sea (Punta) Canale Sud diretto (Cumba Granda) (11/01/20)
    Marguareis (Punta) da Carnino Superiore (15/12/19)
    Gialin (Punta) Cresta ESE (22/07/19)
    Bessun (Monte) da Vonzo per il Colle della Terra d'Unghiasse (07/07/19)
    Collerin (Monte) da Pian della Mussa (16/06/19)
    Sommeiller (Punta) Canale Sud-Ovest (04/06/19)
    Francesetti (Punta) da l'Ecot per il Refuge des Evettes (01/06/19)
    Merciantaira (Punta) o Grand Glaiza da les Fonds (05/05/19)
    Lombard (Pic) da les Fonds per il Versante Nord (04/05/19)
    Ischiator (Becco alto d') da Pietraporzio (28/04/19)
    Longet (Tete de) da Saint Veran (27/04/19)
    Roisetta (Mont, Punta Sud) da Cheneil (22/04/19)
    Celse Niere (Pointe de), anticima Sud da Ailefroide per il Vallon de Clapouse (20/04/19)
    Charvie (Cime de la) cima NO da le Bourget per la Combe du Lasseron (14/04/19)
    Montbrison (Dome de) dalla Combe Brune (13/04/19)
    Gran Pinier (le) da Les Violins (30/03/19)
    Combeynot (Pic du Lac de) da le Casset per il versante SE (24/03/19)
    Grand Galibier (le) da le Pont de l'Alpe (23/03/19)
    Enchiausa, Feuillas, Boeuf (Colli) da Chialvetta, giro dell'Oronaye (17/03/19)
    Gias dei Laghi (Testa) dal Vallone di Rio Freddo (14/03/19)
    Malinvern (Monte) da Terme di Valdieri (10/03/19)
    Tablasses (Testa di) da Terme di Valdieri, per il colle di Tablasses e il colle di Prefouns (02/03/19)
    Carbonè (Monte) da Trinità (27/02/19)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (24/02/19)
    Freide (Monte) da Lausetto per la Val Fissela (17/02/19)
    Ormea (Pizzo d') da Quarzina (16/02/19)
    Pignal (Serriera di) da Strepeis, giro del Colletto dei Camosci (14/02/19)
    Binec (Punta del Vallone del) da Tetti Trocello (09/02/19)
    Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Saccona (12/01/19)
    Serene (Punta delle) da Balme, traversata Nord-Sud (05/01/19)
    Franci (Punta) o quota 2803 m da Balme (03/01/19)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (01/01/19)
    Golai (Punta) dal Vallone d'Ovarda (22/07/18)
    Agriates (Deserte des) Traversata per sentiero costiero (02/07/18)
    Arnas (Punta d') o Ouille d'Arbéron da Avèrole (23/06/18)
    Galisia (Punta) dalla Diga del Serrù, giro valli Orco, Rhemes e Isère (17/06/18)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (10/06/18)
    Ghicet di Sea da Pian della Mussa (09/06/18)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (02/06/18)
    Rosse (Rocce) 3366 m, vetta sciistica di Punta Maria da Pian della Mussa (01/06/18)
    Almiane (Punta di) dal Ponte d'Almiane (27/05/18)
    Midì (Ouille du) da Bonneval sur l'Arc (20/05/18)
    Autour (Cima) da Cornetti (18/05/18)
    Negra (Rocca) da San Bernolfo (13/05/18)
    Pian Ballaur (Cima) da Madonna d'Ardua (30/04/18)
    Maniglia (Punto nodale del) da Sant'Anna (28/04/18)
    Mongioia (Monte) o Bric de Rubren da Chianale (26/04/18)
    Faraut (Monte) e Buc Faraut da Sant'Anna, anello (22/04/18)
    Filon (Tète du) da Glacier (20/04/18)
    Sautron (Monte) da Saretto, anello per il Colle Sautron e il Monte Viraysse (02/04/18)
    Gran Bernardé (Monte) da Vonzo o Ronco Bianco (16/02/18)
    Maunero (Rocca) da Vonzo (26/11/17)
    Planaval, Crosatie, Passo Alto (Colli) da La Clusaz , giro del Monte Paramont (12/08/17)
    Giro dei Giganti Tappa 6: Valtournenche - Ollomont (05/08/17)
    Livournea (Colle di) da Oyace, giro della Becca di Luseney per i colli Terray, Chaleby, Vessonaz (15/07/17)
    Golai (Punta) da Cornetti (17/04/17)
    Ortetti (Cima) da Cornetti (16/04/17)
    Lesache (Aiguille de) o des Sasses da Saint Rhemy (09/04/17)
    Grand Creton, sella quota 2870 m E/NE da Mottes (04/04/17)
    Fourchon (Mont) da Saint Rhemy (03/04/17)
    Serena (Costa di) quota 2739 m da Mottes (01/04/17)
    Ciorneva (Monte) cima Ovest 2920 m da Mondrone per il Vallone Vallonetto o Casias (15/03/17)
    Golai (Punta) dal Vallone d'Ovarda per il Pendio Sud (11/03/17)
    Fallére (Mont) spalla 2973 m Canale NO (18/02/17)
    Corleans (Cresta di) forcella 2730 m e quota 2806 m da Mottes (29/01/17)
    Piure (Punta) Canale Nord (27/01/17)
    Serena (Costa di) quota 2785 m da Mottes (22/01/17)
    Vertosan (Mont) da Parcheggio Flassin (21/01/17)
    Champillon (Col) da Chatelair (15/01/17)
    Ipertrail della Bora (05/01/17)
    Vallette (Cima delle) da Frais (27/12/16)
    Roeses (Tète des) dalla Diga di Place Moulin (07/11/15)
    La 100 porte (15/05/15)
    Gran Guglia Canali NE e N (12/04/15)
    UTMB - Ultra Trail Mont Blanc (29/08/14)
    Turu (Il) Giro da Fiano per Passo della Croce e Ponte del Diavolo (17/08/14)
    Gay (Becca di) dalla Diga di Teleccio (26/04/14)
    Punt del diau (Gran Fondo Trail) (05/10/13)
    Bolis (Colletto) Traversata Frise – Castelmagno (25/07/13)
    Grifone (Punta di) da Sant'Antonio (15/03/13)
    Autour (Cima) da Cornetti (11/03/13)
    Panè (Truc) da Perinera (03/03/13)
    Marguareis (Punta) da Carnino Superiore (10/02/13)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (09/02/13)
    Tsa (Mont de la) da Buthier (01/01/13)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (30/12/12)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (29/12/12)
    Vallette (Cima delle) da Frais (15/12/12)
    Briccas o Trucchet da Brich (02/12/12)
    Lungin (Monte) da Pattemouche (25/11/12)
    Pelato (Monte) da Pattemouche (24/11/12)
    Casto (Monte) da Andorno Micca (28/10/12)
    Jacquette (Tète de) da Chateau Queyras, giro per Sommet Bucher, colli Prés de Fromage, Fromage, Estronques (21/10/12)
    Chentre Carlo - Bionaz Ettore (Bivacco) da La Ferrèra (07/10/12)
    Invergneux (Colle) da Cogne, giro valloni Urtier - Grauson (06/10/12)
    Tor des Geants (09/09/12)
    Obergabelhorn Arbengrat e traversata alla Rotornhutte (27/08/12)
    Herens (Dent d') Cresta Tiefenmatten (19/08/12)
    Lera (Monte) e Punta Sulè da Malciaussia, anello di cresta (15/08/12)
    Gran Trail Valdigne 20 - 50 - 100 Km (15/07/12)
    Van (Passo del) da Roaschia, traversata in Valle Gesso (08/07/12)
    Trail Oasi Zegna T.O.Z. (10/06/12)
    Rocciamelone da Malciaussia (02/06/12)
    Soglio (Monte) da Forno, Trail del Monte Soglio (16, 36, 71 km) (27/05/12)
    Le Porte di Pietra (12/05/12)
    Maratona alpina Val della Torre (22/04/12)
    Tos (Becca di) da Revers (09/04/12)
    Roccia Viva Canale Coolidge (01/04/12)
    Ondezana (Punta d') da Diga di Teleccio (31/03/12)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (28/03/12)
    Piz (Becco Alto del) da Pontebernardo (28/03/12)
    Blanchen (Petit Becca) da Chamen (25/03/12)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (19/03/12)
    Borgonio (Cima) da Pontebernardo (19/03/12)
    Borgonio (Cima) da Pontebernardo (18/03/12)
    Tenibres (Monte) da Pietraporzio (17/03/12)
    Cobre, cima Sud Canale Nord (11/03/12)
    Forciaz (Mont) da Valgrisenche (09/03/12)
    Grand Golliaz, anticima 3189 m da Mottes (04/03/12)
    Vertosan (Monte Rosso di) da Vetan, anello per Punta Leissè (29/02/12)
    Gelé (Mont) da Ruz (25/02/12)
    Grand Pays da Clemensod (05/02/12)
    Piure (Punta) Canale Nord (26/01/12)
    Pebrun (Monte) da Grange di Argentera (22/01/12)
    Noeud de la Rayette da Ruz (15/01/12)
    Chaleby (Col) quota 2695 m da Lignan (08/01/12)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (28/12/11)
    Alpavin (Crete de l') da Saint-Martin-de-Queyrières (27/12/11)
    Gioffredo (Punta) da San Bernolfo (11/12/11)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (26/11/11)
    Ramière (Punta) o Bric Froid diretta Versante Nord (25/11/11)
    Pianarella (Bric) Amicizia (31/10/11)
    Bellino (Monte) da Acceglio, giro per il Vallone Maurin (09/10/11)
    Chavannes (Col des) da Prè Saint Didier, discesa in Val Veny (01/10/11)
    Tor des Geants (11/09/11)
    Viraysse (Tete de) anello da Bersezio per i colli della Maddalena e de la Gipiere d'Oronaye (28/08/11)
    Rocca Brancia (Passo di) da Ponte Marmora, anello per i colli Preit, Margherina, Fauniera, Esischie (15/08/11)
    Soglio (Monte) da Forno, Trail del Monte Soglio (16, 36, 71 km) (29/05/11)
    Alphubel dalla Langfluehutte (08/05/11)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (07/05/11)
    Grande Rousse, punte Nord e Sud da Surrier (25/04/11)
    Ormelune Ovest (Punta) dalla Valgrisenche (24/04/11)
    Autaret (Testa dell') da Strepeis (22/04/11)
    Ubac (Testa dell') da Pontebernardo (21/04/11)
    Scaletta (Monte) Canale NE (20/04/11)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Chialvetta (19/04/11)
    Galisia (Punta) da Chiapili di Sopra, anello per i colli d'Oin e Nivolettaz (16/04/11)
    Marchisa (Rocca la), Pic de Sagneres, Monte Chersogno da Chiazale, giro per il Colle di Vens (11/04/11)
    Maniglia (Monte) da Sant'Anna (10/04/11)
    Faraut (Monte) e Buc Faraut da Sant'Anna, anello (09/04/11)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (02/04/11)
    Français Pelouxe (Monte) da Balboutet (27/03/11)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (26/03/11)
    Torretta (la) da Trovinasse (25/03/11)
    Grand Area Couloir N - Anello Buffere-Cristol (07/03/11)
    Rossa di Sea (Punta) Traversata da Balme a Pian della Mussa (26/09/10)
    Ailefroide - Tete de la Draye Pets de Rupricaprins (19/09/10)
    Velan (Mont) Via Normale da Ollomont (12/09/10)
    Chambeyron (Brec de) Via Normale da Chiappera (29/08/10)
    Ronce (Pointe de) - Pointe du Lamet traversata dal Col du Lou al Signal du Lac (22/08/10)
    Strahlhorn Via normale dalla Britanniahutte (18/07/10)
    Allalinhorn cresta E (Hohlaubgrat) (17/07/10)
    Breithorn Centrale da Cervinia (11/07/10)
    Albaron di Savoia Via Normale da Pian della Mussa (10/07/10)
    Terrarossa (Cresta di) Versante NE (05/06/10)
    Albaron di Savoia da Pian della Mussa (23/05/10)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (22/05/10)
    Sommeiller (Punta) dal Ponte d'Almiane e il vallone di Almiane (16/05/10)
    Ortetti (Cima) da Cornetti (25/04/10)
    Chalanche Ronde (Punta di) da Pra Claud (21/04/10)
    Jumelles Sud (les) da les Boussardes per il Vallon du Fontenil (17/04/10)
    Chaberton (Monte) Parete S (10/04/10)
    Maunero (Rocca) quota 2387 m N-NO da Porcili (08/04/10)
    Bégo (Monte) da les Mesches (01/04/10)
    Grand Area Couloir N - Anello Buffere-Cristol (14/03/10)
    Echaillon (Crète de l') da Nevache (13/03/10)
    Raisins (Tete des) da les Roberts (06/03/10)
    Rasciassa (Punta) da Foresto (27/02/10)
    Moussiére (Col de), la Platte da Villard (21/02/10)
    Gran Pelà da Frais (20/02/10)
    Chiavesso (Cima) da Cornetti (23/01/10)
    Combeynot (Pic Ouest du) da Col du Lautaret (15/11/09)
    Niblè (Monte) Via Normale da Grange della Valle, anello per il Rifugio Vaccarone (31/10/09)
    Udine (Punta) Cresta Est (16/08/09)
    Lyskamm Occidentale Via Normale dal Rifugio Quintino Sella (06/08/09)
    Agneaux (Montagne des) Via Normale da Pré de Madame Carle (26/07/09)
    Noire (Ouille) da Pont de l'Aiguilette/Pont de la Neige (23/06/09)
    Rocciamelone da Malciaussia (14/06/09)
    Ciamarella (Uja di) da Pian della Mussa (13/06/09)
    Perduto (Colle) da Ceresole Reale (01/06/09)
    Grande Aiguille Rousse Parete NE (31/05/09)
    Combeynot (Roc Noir du) Couloir NO, Orient Express (25/04/09)
    Combeynot (Pic Est du) versante E couloir banane (18/04/09)
    Corbassera o Combassera Canale NE (23/03/09)
    Porco (Canalone del) dal Pian della Regina (21/03/09)
    Frioland (Monte) Diretta Sud (19/03/09)
    Prete (Torretta del) Versante Sud e spallone Est (15/03/09)
    Alpet (Cugno dell') Versante SE (14/03/09)
    Verzel (Punta di) Versante sud, canale centrale (22/02/09)
    Civrari (Monte, Punta della Croce) Canale Sud (15/02/09)
    Doubia (Monte) da Chialamberto (14/02/09)
    Salancia (Monte) da Certosa di Montebenedetto (08/02/09)
    Moross (Rocca) da Monti (28/01/09)
    Gran Munt da ex impianti Palit (17/01/09)
    Roc Neir (Monte) da Ponte del Dazio (16/01/09)
    Colombano (Monte) dal Ponte del Dazio (11/01/09)
    Uja (Cima dell) o Uja di Corio da Pian Audi/Case Picat di Ritornato, (04/01/09)
    Grifone (Truc del) da Chiampetto (03/01/09)
    Sourela (Punta) da Mollar (21/12/08)
    Leretta (Punta) e quota 2051m da Pian Coumarial per il versante SO (08/12/08)
    Arpelin (Cime de l') da le Laus per il Col Perdù (27/11/08)
    Sbarua (Rocca) Sperone Rivero - Bon Ton (23/11/08)
    Uja (Costiera dell') da Chiapili di Sopra (16/11/08)
    Rognosa del Sestriere (Punta) Canale e Parete NO (15/11/08)
    Ailefroide - Tete de la Draye Face sud - Ein, Zwei, Draye (19/10/08)
    Ronce (Pointe de) - Pointe du Lamet traversata dal Col du Lou al Signal du Lac (28/09/08)
    Chaberton (Monte) da Claviere per la Batteria Alta (07/09/08)
    Monviso Cresta Est (30/08/08)
    Gran Vaudala (Punta Nord) Canale Est (22/06/08)
    Fourà (Punta) dal Lago Serrù (15/06/08)
    Ramière (Punta) o Bric Froid dalla Val Thuras (04/05/08)
    Rosse (Rocce) 3366 m, vetta sciistica di Punta Maria da Pian della Mussa (02/05/08)
    Baraccon des Chamois (Punta) dalla Piana di San Nicolao (26/04/08)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (06/04/08)
    Enchastraye (Monte) da Grange (05/04/08)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Chialvetta (30/03/08)
    Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave da Chialvetta (23/03/08)
    Auto Vallonasso da Chialvetta (22/03/08)
    Grande Rousse, punte Nord e Sud da Surrier (24/02/08)
    Buffére (Col de la) da Nevache (18/02/08)
    Gran Pelà da Frais (20/01/08)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (19/01/08)
    Sourela (Punta) da Mollar (13/01/08)
    Garitta Nuova (Testa di) da Serre (06/01/08)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (02/01/08)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (28/12/07)
    Crosa (Cima di) da Meire Bigoire (26/12/07)
    Verde (Roccia) da Bardonecchia e le Grange Chaffaux (22/12/07)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (02/12/07)
    Neire (Roc) Coulour Sole d'Autunno (01/12/07)
    Parey (Rocca) Via dei Torrioni (04/11/07)
    Senghi (Rocca) Via Ferrata (21/10/07)
    Fauset (Bec del) Anello da Balme (09/09/07)
    Pelvo d'Elva dal Colle della Bicocca, anello per il Monte Camoscere (02/09/07)
    Aouille (Becca dell') Ferrata Bethaz-Bovard (17/06/07)
    Bianca (Rocca) Via Ferrata CHIUSA (12/05/07)
    Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao (11/04/07)
    Chateau des Dames dalla Valtournenche (17/03/07)
    Rutor (Testa del) da Bonne (11/03/07)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (10/03/07)
    Loit (Cima), Punta Arbella, Uja d'Ingria da Frachiamo (04/03/07)
    Verzel (Punta) dall'Alpe Frera (11/02/07)
    Turge de la Suffie da le Laus (10/02/07)
    Viradantour (Monte) da Cervieres (03/02/07)
    Ombière (Pic) da Fontcouverte (21/01/07)
    Trois Evechés (Pic des), colletto ovest 3050 m per il Vallon de Roche Noire (20/01/07)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (14/01/07)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (14/01/07)
    Baude (Crete de) da Nevache (13/01/07)
    Uja (Costiera dell') da Chiapili di Sopra (07/01/07)
    Giassiez (Monte) o Giassez dalla Val Thuras (05/01/07)
    Lunella (Punta) da Andriera per la Cresta Nord da Cima Lusera (31/08/06)
    Gran Paradiso da Pravieux per il Rifugio Chabod (20/08/06)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (15/08/06)
    Levanna Orientale Via Normale da Forno Alpi Graie (13/08/06)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (01/05/06)
    Basei (Punta) dal Lago del Serrù (30/04/06)
    Forno (Colle del) da diga di Ceresole (17/04/06)
    Pelato (Monte) da Pattemouche (15/04/06)
    Autour (Cima) da Cornetti (02/04/06)
    Nel (Bocchetta di) quota 2980 m cresta NE della Levannetta da Chiapili di Sotto (26/03/06)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (14/03/06)
    Quinzeina o Quinseina (Punta Sud) da Chiapinetto (12/03/06)
    Angiolino (Cima dell') da Brancot (11/03/06)
    Sourela (Punta) da Mollar (04/03/06)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (26/02/06)
    Verzel (Punta di) da Cappella Visitazione (11/02/06)
    Ovarda (Truc d') da Inversigni (05/02/06)
    Maniglia (Monte) da Sant'Anna (03/07/05)