gian65


Chi sono

Parlare di se non è cosa facile, se sei una persona modesta ti sottovaluti, se sei egocentrico potresti dire che sei un Dio, parlare di se in modo obiettivo richiede equilibrio. E' per questo che mi sto allenando in falesia e sui passaggi di cresta e quando mi sentirò pronto aggiungerò qualche riga.

Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: con fuoristrada fino a teit Soufranin
Camminata esplorativa della zona saliamo dal Vallone Secco in mezzo ai boschi passando per innumerevoli borgate alpine semidiroccate su sentiero ben segnalato tacche color ciclamino fino al Monte Sapè (croce in legno) e di qui decidiamo di continuare la salita fin sulla cima della Maddalena (q. 2301) che si trova a metà della dorsale tra il Monte Sapè e la Bussaia. Dalla cima si gode di ottimo panorama. A est il Servatun poi la cima dell'Aiera e la cima della Bussaia. A ovest una bella vista sulla dorsale Bisalta, Costa rossa, cima Motta. Sentiero generalmente ben pulito solo nei tratti esposti a nord un po di nevischio.
Giornata fredda ma ben sopportabile. Con Carlo
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: buono su strada asfaltata fino a Neraissa Superiore
La strada che da Neraissa porta al colle omonimo è pulita e ben percorribile e volendo si può tagliare con qualche scorciatoia. L'esposizione e la mancanza di neve ha reso buone le condizioni della cresta in salita tra il colle Neraissa e la cima Nebius. La discesa sul versante opposto ha qualche breve tratto di neve ma facilmente evitabili. Buone le condizioni del sentiero di ritorno tra il colle Moura delle Vinche e Neraissa Sup. per il Vallone Nebius. Se perdura la mancanza di neve questa traversata è stra-consigliata per il paesaggio molto particolare e le buone condizioni del sentiero.
Della traversata integrale abbiamo tagliato le due estremità ovvero monte Autes e Savi e anche un pò di dislivello, una buona occasione per tornarci. In compagnia di Andrea, Carlo, Ezio e Mauro.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ottimo fino a San Giacomo
Sentiero con difficoltà EE ma con le condizioni invernali decisamente superiori. Non bisogna sottovalutare il traverso dopo il colletto e l'attraversamento della forre. Dopo il colletto la neve e l'infido verglas sottostante ci fanno desistere da oltrepassare il traverso. Dal colletto decidiamo di tentare una salita alternativa e fuori sentiero. Risaliamo il primo tratto di dorsale e poi pieghiamo decisamente a destra su pendii erbosi e roccette e fino ad imboccare in secco canale.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: strada asfaltata fino al parcheggio delle meschie
Un centinaio di metri dopo il parcheggio di Loc. Meschie di Pradeboni in corrispondenza di una vasca dell'acquedotto lasciamo la strada che prosegue dritta per il Gias Morteis e svoltiamo decisamente a destra per risalire il vallone Artundu fino alla sella omonima su sentiero ben segnalato con tacche bianche e rosse, un po per boschi e un po per prati. Alla sella lasciamo il sentiero che prosegue per fontana Kappa e risaliamo la dorsale nord su sentiero poco visibile nel primo tratto e su pietraia nel secondo. Risaliamo la cima nord della Bisalta riscendiamo e risaliamo sulla cima sud. Scendiamo dalla sud per un breve tratto e su sentiero ben evidente ci indirizziamo verso il Becco Rosso (o Sperone centrale) breve sosta e ripartiamo per il Bric Costa Rossa. Da Bric costa rossa intravedo un rientro alternativo che ci permette di compiere una traversata integrale. Scendiamo fuori sentiero in direzione est tenendo la dorsale di sinistra orografica dell'ampia conca e raggiungiamo il Gias Sot e da questo su sentiero a mezza costa, poco evidente e segnalato con delle anomale tacche rosse e gialle raggiungiamo il gias Pravinè di mezzo e da questo per ampia carrareccia il gias Mortei e rientriamo alle Meschie.
Ottima traversata. Molto panoramica la salita alla bisalta dalla dorsale nord e il concatenamento con Bric Costa Rossa. E' un peccato che non venga valorizzata la dorsale nord perché offre un panorama a 360° sulla pianura cuneese. Con Carlo e Luca di Dronero che abbiamo incontrato in cima alla Bisalta e che si è unito a noi nella traversata.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Dopo il passo delle traversette traccia ben segnalata con tacche gialle molto evidenti. L'ultimo tratto di cresta è aereo con passaggi non difficili ma esposti su roccia un po scivolosa. Consigliato l'uso di corda. In loco vari spit e anelli per assicurazione.
Bella giornata frescolina. Con Andrea e Mauro.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Meteo perfetto che si mantiene tale per tutta la traversata. Partiamo alle 5 dal Rif. Sella con temperature ideali, freddo ma non troppo con assenza di vento. Il buon rigelo notturno ci ha permesso di attraversare il ghiacciaio del Felik e quello del Lys su ottima neve portante. Risaliamo il pendio ovest del Naso ancora in ombra seguendo le indicazioni del gestore del Sella e le ottime tracce che sono più dirette e più a sinistra del tracciato indicato nella relazione del 11.08.2012. Arriviamo per primi in vetta al Naso e scorgiamo alcune cordate dietro di noi. Dalla vetta del Naso scendiamo sul versante opposto sulle tracce più dirette e più ripide (porre molta attenzione a tratti di ghiaccio affiorante). Ma è possibile una traccia più lunga ma meno impegnativa che conduce al pendio est soprastante la crepacciata terminale. Non banale la discesa dell'ultimo tratto di pendio sovrastante la crepacciata terminale che abbiamo sceso per buona parte con faccia a monte.
Ho condiviso con Carlo la traversata e lo spettacolare panorama a 360° che si gode dalla cima del Naso, amplificato dal bel tempo. I 4000 del comprensorio del rosa sembrano vicinissimi e tutti ad un tiro di schioppo. Un occhiata a tre 4000 che ho nel cassetto e che mi mancano ancora (Corno Nero, Ludwigsh e Parrot). Chissa... prima o poi! Un saluto agli amici di Carlo del CAI Asti che salivano il Lyskamm occidentale.

Dal Rif. Sella la prima parte della traversata

Vista verso Rif. Gniffetti, Rif. Mantova e Passo dei Salati

La cresta finale per la vetta del Naso

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Via di montagna spittata lungo ma nei punti che serve con qualche vecchio chiodo integrativo, roccia molto buona. Via carina ed indicata per chi arrampica in falesia e vuole approcciarsi alle vie di montagna con gradualità.
Mi è piaciuta, bella anche la continuazione su cresta dopo i tre tiri.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Lunga salita su terreno molto vario, fantastico l'ambiente. Il ghiacciaio del Miage dopo la confluenza con il ghiacciao del Dome è molto crepacciato e impone la salita tenendo la destra orografica. Lasciato il ghiacciaio il percorso è su sentiero asciutto e facile arrampicata con corde fisse e scalette dove servono.
Salita più lunga del previsto ma ne vale la pena. Carino e accogliente il Rifugio. Con Carlo
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Modifichiamo l'itinerario per compiere un percorso ad anello. Partenza da San Giacomo con variante di salita per il vallone della Maura, forcella Roccati, colle San Robert, discesa sul versante francese e salita alla cima Saint Robert. Ridiscesa in francia e risalita al colle della Finestra con ritorno a San Giacomo. Il canale che conduce al colle san Robert è ancora ben innevato, utili picca e ramponi.
Gita molto lunga e varia con cambi di assetto su misto, sentiero, neve e roccia. Io e Carlo

Il canale che culmina al colle San Robert visto dalla forcella roccati

I gelas visti dal colle San Robert
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: buono fino a quota 1950
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Partenza alle 7:30 da quota 1950 circa (divieto di transito un pò strano senza ordinanza - molti hanno proseguito - a saperlo). Si riesce a lasciare l'auto prima dei tornanti finali, portage fino all'attacco del canale della Ballotta ancora in ottime condizioni. Canale risalito senza ramponi perché aveva smollato il giusto e ben scalinato. Si risale il pian della Ballotta fino al colle della Vacca. Tra nebbia e schiarite vediamo l'Aguille Rousse. Troppo stanco e con meteo incerto decido di accantonare l'idea della cima e attraverso il ghiacciaio dell'Isère sotto la parete nord dell'Aguille Rousse per portarmi al colle d'oin. Mentre il resto della combriccola (tranne Carlo variante di salita dalla nord) aggirata la spalla, proseguono per la salita alla cima dalla normale, passando per la cresta per poi scendere dalla parete nord. Dal col d'oin scendo sulla dx orografica del lago Serru passando per il colle della capra. Mentre gli altri raggiunto il col d'oin opteranno per una discesa nel vallone del rio del Carro passando per i concat dei nivolat. Ambiente bellissimo, motivo in più per ritornarci.
Oggi in compagnia di Carla, Sarah, Billy, Carlo, Enzo di Barac, Gianpiero, Giovanni, Ivano, Roberto. Un saluto a Darius e Kia incontrati al colle d'oin che mi hanno indicato la discesa attraverso il colle della Capra.

quasi in cima al canale della ballotta

l'aiguille rousse e la sua parete nord

sosta alla salita

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Sapè (Monte) o Arpion da Vernante, anello dei valloni Secco e Cornale' (17/01/16)
    Autes (Monte) e Monte Nebius, Monte Savi da Neirassa, anello (27/12/15)
    Aiera (Monte) da San Giacomo (20/12/15)
    Costa Rossa (Bric) e Monte Bisalta o Besimauda da Meschie di Pradeboni, anello di cresta (25/10/15)
    Fourion (Rocce) da Pian del Re (06/09/15)
    Lyskamm (Naso del) traversata Rifugio Quintino Sella - Rifugio Gnifetti (30/08/15)
    Lausfer (Testa Auta del) anticima E/NE Le placche (16/08/15)
    Gonella Francesco (Rifugio) al Dome da La Visaille (02/08/15)
    Saint Robert (Cima) Via Normale da San Giacomo per il Colle di Finestra (19/07/15)
    Grande Aiguille Rousse da Lago Serru e la parete Nord (31/05/15)
    Ghiliè (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié (17/05/15)
    Stella (Punta) da Terme di Valdieri, canale Sud (03/05/15)
    Omo (Monte) dal Gias Cavera per il Versante Nord (01/05/15)
    Bisalta o Besimauda (Monte), q. 2276 a SSO (Bec Rosso) da San Giacomo per lo Sperone Centrale (26/04/15)
    Mondolè (Monte) da Artesina, anello per Cima Durand e Colla Rossa (29/03/15)
    Peyrefique (Pointe de) o Peirafica dalla strada Colle di Tenda per il Vallone de Caramagne (08/03/15)
    Nebin (Monte) da Morinesio (18/01/15)
    Freid (Monte), cima Sud da Chialvetta per il Versante Sud (11/01/15)
    Lievre (Bec du) da le Pontet (06/01/15)
    Ferlette (Cima) da Prato Nevoso (04/01/15)
    Lusco (Punta del) da Prato Nevoso (28/12/14)
    San Lorenzo (Cima) da Pian Marchisio (27/12/14)
    Seirasso (Cima) da Artesina, anello Colla della Balma, Colla Bauzano (21/12/14)
    Manse (Cima delle) o Tete de Villadel da le Pontet (08/12/14)
    Faraut (Buc) da Sant'Anna (23/11/14)
    Roma (Punta) Via Normale da Pian del Re (02/11/14)
    Granero (Monte) da Pian del Re per il Passo Luisas (19/10/14)
    Mongioie (Monte) da Pian Marchisio (24/08/14)
    Saline (Cime delle) da Pian Marchisio per il Canalino delle Masche (15/08/14)
    Gelas (Cima dei) da San Giacomo, giro (18/05/14)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo per il Vallone di Collalunga (11/05/14)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (04/05/14)
    Enchastraye (Monte) da Grange (13/04/14)
    Faraut (Monte) da Sant'Anna (30/03/14)
    Tibert (Monte) da Santuario di San Magno (16/03/14)
    Malta (Punta) da Castello (26/01/14)
    Orel (Rocca d') e Monte Pianard da Palanfrè (12/01/14)
    Gardiola (Cima la) da Certosa di Pesio (06/01/14)
    Gardiola (Cima la) da impianti di Lurisia per il Monte Pigna (01/01/14)
    Durand (Cima) da Rastello (29/12/13)
    Fantino (Monte, Cima Sud) dalla Val Corsaglia (22/12/13)
    Mondolè (Monte) da Artesina per la Colla Bauzano (14/12/13)
    Malanotte (Monte) da Frabosa Soprana (08/12/13)
    Selvaggio Blu integrale (27/09/13)
    Remondino Franco (Rifugio) dal Piano della Casa del Re per il Vallone di Assedras (08/09/13)
    Meyna (Sommet de la) Via Normale da Saint Ours per il Versante Sud (25/08/13)
    Gastaldi (Punta) Via Normale da Pian del Re (17/08/13)
    Asta Sottana (Cima dell') Via Normale per il Canale Est (11/08/13)
    Carmelina, Ernesta, Emma (Punte) Traversata Colle del Pas - Colle Bistè da Carnino Superiore (28/07/13)
    Argentera (Cima Nord) Via Normale dalle Terme di Valdieri per il Rifugio Morelli-Buzzi (21/07/13)
    Tacul (Mont Blanc du) Via Normale (17/07/13)
    Ghiliè (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié (30/06/13)
    Marguareis (Punta) da Carnino Superiore per la Bassa di Gaina, discesa per il Passo delle Mastrelle (23/06/13)
    Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti (16/06/13)
    Ubac (Testa dell') da Pontebernardo (02/06/13)
    Funs (Ferrata dei), Ico Quaranta (19/05/13)
    Auto Vallonasso da Chialvetta (12/05/13)
    Mondolè (Monte) da Artesina per la Colla Bauzano (01/05/13)
    Mondolè (Monte) da Artesina per la Colla Bauzano (25/04/13)
    Abisso (Rocca dell') dal Vallone di Caramagne (14/04/13)
    Piana (Colla) da Tetti Rumiano, giro per Gias Sottano Pittè e Gias Sottano del Colle (16/03/13)
    Durand (Cima) da Rastello (10/03/13)
    Serpentera (Cime di) da Ponte d'Ardua per Vallone del Salto (03/03/13)
    Boscasso (Bric) da Chialvetta (10/02/13)
    Madonna (Cima della) da Madonna d'Ardua (03/02/13)
    Gardiola (Cima la) da San Bartolomeo per la Costa Giassetto (27/01/13)
    Chiamossero (Monte del) o Ciamoussè da Limonetto (06/01/13)
    Seirasso (Cima) da Artesina anello per colla Bauzano, Colla Rossa, Monte Castello Balma (30/12/12)
    Mondolè (Monte) da Artesina per la Colla Bauzano (26/12/12)
    Ormea (Pizzo d') da Quarzina (23/12/12)
    Grum (Monte) da San Giacomo (16/12/12)
    Cavias (Testa di) quota 2500 m da Pietraporzio (09/12/12)
    Pigna (Monte) da Impianti di Lurisia (08/12/12)
    Durand (Cima) da Baracco (02/12/12)
    Bodoira (Monte) da Preit (25/11/12)
    Durand (Cima) da Artesina (01/11/12)
    Luna (Cala) da Cala Fuili (10/09/12)
    Marguareis (Punta) Canale dei Torinesi (26/08/12)
    Scoglio del Lup Luna calante (04/08/12)
    Chambeyron (Aiguille de) Via Normale degli Italiani da Fouillouse (29/07/12)